user preferences

La maledizione di luglio

category italia / svizzera | economia | opinione / analisi author Monday July 16, 2007 22:32author by Donato Romito - (FdCA - capacità personale) Report this post to the editors

Sui cambiamenti in Italia

In pochi giorni abbiamo assistito alla fine di fatto del lungo ciclo segnato dagli accordi del luglio 1993. I contratti nazionali del Pubblico Impiego (seguito dalla prima applicazione per i ministeriali), dei chimici, delle Poste e le ombre che da questi rinnovi si prioiettano su quello dei metalmeccanici ed altre categorie, segnano un superamento - in peggio - dei già pessimi e famigerati accordi di 14 anni fa, senza attendere quel de profundis ufficiale che da tempo Confindustria chiedeva.


La maledizione di luglio


In pochi giorni abbiamo assistito alla fine di fatto del lungo ciclo segnato dagli accordi del luglio 1993. I contratti nazionali del Pubblico Impiego (seguito dalla prima applicazione per i ministeriali), dei chimici, delle Poste e le ombre che da questi rinnovi si prioiettano su quello dei metalmeccanici ed altre categorie, segnano un superamento - in peggio - dei già pessimi e famigerati accordi di 14 anni fa, senza attendere quel de profundis ufficiale che da tempo Confindustria chiedeva.

Triennalizzazione dei contratti, scomparsa degli arretrati nel computo degli aumenti, crescente e scambievole flessibilità salariale ed oraria, meritocrazia salariale individuale e di azienda, naturalizzazione della Legge 30, deroghe ai CCNL, decisionismo degli apparati dei sindacati di categeoria al di fuori ed in mancanza di una strategia contrattuale intercategoriale, hanno portato in poco tempo all'abbandono di quel sistema di riferimento che ormai funziona solo come modalità di calcolo al ribasso degli aumenti contrattuali per il dannato meccanismo dei tetti di inflazione programmata.

Poco male, dato che da tempo certa sinistra sindacale chiedeva il superamento della cosiddetta concertazione, per restituire autonomia alla vera contrattazione. In realtà, se la concertazione era già finita durante il governo di centro-destra, appare del tutto inutile oggi, dal momento che l'obiettivo degli apparati delle organizzazioni sindacali di vertice era ed è quello di svolgere un ruolo di vero e proprio partneriato con la classe politica di centro-sinistra e quella padronale, come in un grande consiglio di amministrazione d'azienda.

Se l'accelerazione di questi ultimi tempi era già annunciata dalla normalizzazione in casa CGIL (ai danni della FIOM e di delegati troppo ligi al ruolo di rappresentanti reali dei lavoratori e delle loro decisioni assembleari), il suo sfociare in accordi così condivisi da sorrisi e comune soddisfazione delle parti, è stato possibile grazie al diffondersi di un progetto e di un processo di aggregazione interclassista che sta attraversando le organizzazioni sindacali di vertice, i partiti del centro-sinistra, e che si candida a nuovo blocco di potere nel paese.

Non ha ancora un simbolo, né sedi e bandiere, non ha ancora un leader né organismi dirigenti, eppure ha già un nome che influenza, indirizza molti aspetti della vita economica e sociale, scompagina gli schieramenti e le alleanze di potere incrostatesi nel corso del decennio passato.

Senza risparmiare gli apparati sindacali, CGIL in primis.

Eccolo il Partito Democratico, il quale nonostante lo scetticismo analitico della sinistra rivoluzionaria oppure le accuse di tramare nell'ombra che salgono dalla sinistra radicale, aveva già scritto i contenuti di quei rinnovi contrattuali, se solo si vogliano leggere i memorandum, le pre-intese, il dpef, il manifesto dei sindacalisti, che da mesi parlano chiaro.

La stessa psico-trattativa sulle pensioni si sta avviando alla sua conclusione tra tenersi l'antidemocrratico scalone di Maroni o salire il democratico combinato di scalini e pianerottoli degli esponenti PDisti alla trattativa con claque in platea.

Messe le mani esplicitamente anche sull'ennesimo referendum elettorale, il PD punta al futuro, che il governo Prodi duri 3 o 5 anni.

Sta cambiando la scena, ma anche le quinte e - perché no - anche i camerini. Nuovi attori quali la Sinistra Democratica di Mussi, il Partito Comunista dei Lavoratori di Ferrando, il Partito dell'Alternativa Comunista, le ali sinistre del PRC quali Sinistra Critica e l'Ernesto, sembrano senza copione, e così pure grandissima parte del sindacalismo di base che guarda e si alimenta a queste aree.

E' una situazione che potrebbe avere il suo culmine con l'accordo sulle pensioni e con i rinnovi contrattuali in corso, ma in piena estate, proprio come quel luglio del '93.

Un grande peso grava ora sulla FIOM, rimasta praticamente sola su 2 fronti: le pensioni ed il contratto; ma un peso non meno grande grava sui sindacati di base che si accontentano di tante particine.

Eppure una conflittualità diffusa, una vertenzialità sempre avvertibile, un contenzioso sempre aperto sono riscontrabili nelle aziende.

Non mancano attivisti sindacali e militanti disorientati da un possibile esito catastrofico della trattativa sulle pensioni.

Occorre mettere a nudo il nuovo blocco di potere del PD e costruire le basi per le lotte di una nuova opposizione sociale, sindacale e culturale, senza opportunismi e verticismi, su basi libertarie e di classe.


Donato Romito

Bari, 16 luglio 2007

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

The Fall of Aleppo

Italia - Ricostruire opposizione sociale organizzata dal basso. Costruire un progetto collettivo per l’alternativa libertaria.

Recordando a César Roa, luchador de la caña

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]