user preferences

New Events

Brasile/Guyana/Suriname/Guiana francese

no event posted in the last week
Recent articles by Un membro della sezione di New York di Black Rose Anarchist Federation
This author has not submitted any other articles.
Recent Articles about Brasile/Guyana/Suriname/Guiana francese Ambiente

Agroecologia e Anarquismo Organizado Feb 04 21 by Militante de BRRN

Agroecología y anarquismo organizado Feb 04 21 by A member of BRRN's NYC local

Agroecology and Organized Anarchism: An Interview With the Anarchist F... Feb 04 21 by A member of Black Rose Anarchist Federation’s New York City Local

Agroecologia e anarchismo organizzato: Un'intervista con la Federazione Anarchica di Rio de Janeiro (FARJ)

category brasile/guyana/suriname/guiana francese | ambiente | intervista author Sunday February 07, 2021 03:14author by Un membro della sezione di New York di Black Rose Anarchist Federation - Black Rose Anarchist Federationauthor email liadidero at gmail dot com Report this post to the editors

Repost di Black Rose Anarchist Federation

In risposta al modello industriale e capitalista di produzione alimentare che ha decimato i modi di vita rurali e la nostra madre terra, i movimenti sociali di tutto il mondo hanno identificato l'agroecologia come la loro proposta alternativa per lo sviluppo rurale. Fondata sulle conoscenze contadine e indigene, sulle lotte per la sovranità alimentare e sulla riforma agraria, l'agroecologia è intesa dai movimenti sociali come "uno strumento per la trasformazione sociale, economica, culturale, politica ed ecologica delle comunità e dei territori". Questa intervista che Black Rose ha condotto nell'estate del 2020 con un militante del Fronte di Lotta Contadina della Federazione Anarchica di Rio de Janeiro (FARJ), esamina il loro lavoro con alcuni dei movimenti sociali del Brasile che lottano per l'agroecologia e la sovranità alimentare. Provenendo da un contesto con movimenti sociali contadini molto sviluppati, FARJ condivide importanti intuizioni da cui i militanti anarchici possono imparare.

BRRN: Puoi innanzitutto dare una panoramica del tipo di lavoro sociale in cui sono coinvolti i militanti del Fronte di Lotta Contadina delle FARJ? Quali sono i movimenti e le organizzazioni a cui partecipano/collaborano i militanti delle FARJ? Chi sono i protagonisti di questi movimenti e organizzazioni?

FARJ: Inizialmente il Fronte si chiamava "Anarchismo e Natura". Alcuni dei membri erano studenti dell'Università Federale Rurale di Rio de Janeiro. Partendo da un gruppo universitario di agroecologia, il GAE (Gruppo di Agricoltura Ecologica), hanno cercato di fare lavoro sociale negli insediamenti della Riforma Agraria nello stato di Rio de Janeiro e con famiglie di piccoli agricoltori. E lo spazio che articolava queste attività era l'Articolazione di Agroecologia di Rio de Janeiro.

A partire da questo processo e dai frequenti contatti negli insediamenti, il MST (Movimento dei Lavoratori Rurali Senza Terra) ha conosciuto lo stile di lavoro dei nostri militanti, finché uno di loro è stato invitato ad unirsi al movimento, contribuendo principalmente ai processi di organizzazione del lavoro cooperativo nella regione della Baixada Fluminense. Uno dei risultati di questo lavoro è stato il contributo all'organizzazione di una cooperativa di vendita e distribuzione per un insediamento del MST nella regione metropolitana dello stato di Rio, intorno al 2008. Con il passare del tempo, altri militanti si sono uniti al Fronte; alcuni provenienti dalle zone rurali, dal MST, o studenti nel campo dell'agronomia.

Verso il 2012 è arrivato il MPA (Movimento dei Piccoli Agricoltori) a Rio, e abbiamo militanti del nostro fronte che contribuiscono anche al movimento e al suo sviluppo nello stato. Abbiamo anche un compagno che lavora nella Commissione pastorale per la terra (CPT).

Il nostro lavoro nei movimenti e negli spazi rurali è legato a temi come l'educazione rurale, la formazione politica [ndt: vedi nota 1], la comunicazione, la produzione, la vendita e la distribuzione, i diritti umani. Cerchiamo sempre di mantenere un legame con le basi dei movimenti, anche con i militanti che vivono nella capitale dello stato o in città. Cerchiamo di contribuire alla conoscenza accumulata dalla FARJ e alle esperienze storiche dell'anarchismo organizzato nelle lotte contadine, con il nostro concetto di lavoro sociale e stile militante, perseguendo lo sviluppo del potere popolare. Stimoliamo la partecipazione politica e il protagonismo della base nei processi di lotta quotidiana dei movimenti. Cerchiamo anche di incoraggiare alleanze e azioni congiunte tra i movimenti rurali e urbani in cui operiamo o che appoggiamo, come azioni di solidarietà, azioni di scambio di esperienze tra le basi dei movimenti, visite e campagne, tra le altre che permettono contatti tra le basi.

Oggi abbiamo militanti nel MST, MPA e CPT. I protagonisti sono lavoratori senza terra, piccoli agricoltori e comunità quilombola. Molti negli insediamenti, per esempio, provengono dall'industria della canna da zucchero, da lavori analoghi alla schiavitù, da baraccopoli o erano lavoratori precari. Buona parte delle basi dei movimenti sono neri, giovani e donne.

BRRN: Puoi parlare di come sei stato coinvolto personalmente nei movimenti contadini e nei movimenti per la sovranità alimentare e l'agroecologia? Perché pensi che sia importante per gli anarchici essere impegnati in queste lotte? Qual è l'importanza di queste lotte in questo momento della pandemia globale Covid-19 in particolare?

FARJ: Ho militato nel Fronte Comunitario, nel Movimento di Organizzazione di Base (MOB), che attualmente lavora nel Centro di Cultura Sociale e nella comunità di Morro dos Macacos. Dal 2013 ho appoggiato il MST con il disegno grafico per la Fiera di Stato della Riforma Agraria di Cícero Guedes, una fiera annuale di 3 giorni nel centro della città di Rio de Janeiro con i prodotti provenienti dallo Stato, dalla regione sudorientale e dai partner della città e di altri movimenti. Intorno al 2014, MPA e MST hanno dato vita a un mercato bisettimanale di contadini nel campus di Praia Vermelha dell'Università Federale di Rio de Janeiro, che sostengo anche con la comunicazione e altre attività. Così da queste relazioni e contatti si sono presentate le possibilità di contribuire dalla capitale, sia con compiti di comunicazione e propaganda, sia contribuendo all'organizzazione di spazi per la vendita e la distribuzione dei prodotti dei movimenti in città e cercando sempre di mantenere la connessione con le loro basi.

Storicamente, l'anarchismo è stato ed è presente nelle lotte contadine: Cina, Ucraina, Spagna, Perù e altri esempi. L'anarchismo deve far parte delle lotte dal basso, e ovunque abbiamo spazio per contribuire con le nostre proposte e costruire il potere popolare. La questione agraria, fondiaria (accesso alla terra e concentrazione fondiaria), contadina, indigena, nera e quilombola è centrale in America Latina, nonostante la concentrazione demografica nelle grandi città. In gran parte siamo paesi di esportazione agricola, dove le risorse naturali sono enormemente sfruttate dal capitale, che hanno una base molto forte di persone di origine indigena, nera e contadina, con un'estrema concentrazione di terre nelle mani di capitalisti, latifondisti e stranieri. Ci sono molti conflitti nelle zone rurali, con assassinii di leader comunitari e militanti, accaparramenti di terre e sfratti. Per non parlare della questione della sovranità alimentare, della produzione di cibo per il popolo in opposizione al modello di agribusiness che produce materie prime per l'esportazione. Quindi la questione della terra è molto importante in Brasile e in tutto il continente, e da lì vediamo l'importanza di essere inseriti anche noi in quelle lotte. Capire che, pur avendo i nostri obiettivi, le lotte rurali e urbane devono essere collegate.

Impariamo anche molto in questi movimenti di massa, contribuendo alla nostra formazione politica come militanti, in particolare nel lavoro di costruzione di base. Sia esso nei corsi, nei materiali e negli spazi per la formazione politica nei movimenti, o nel lavoro quotidiano di base.

Attualmente, nel contesto del COVID-19, i movimenti rurali hanno una grande importanza per la produzione di alimenti sani per la popolazione, e per la leadership sulle questioni di ambiente, energia e sovranità alimentare. Ci sono analisi che segnalano una "pandemia" di mancanza di cibo per la popolazione. In molte favelas ci sono già persone che soffrono la fame. In risposta, ci sono molte campagne di solidarietà e di distribuzione di scatole di cibo ai residenti delle favelas e di pranzi al sacco per le persone che vivono in strada. I sindacati e le persone stanno facendo donazioni per l'acquisto di questi alimenti dai movimenti rurali e di agricoltura urbana della città di Rio. In pratica gli atti di solidarietà si sono moltiplicati e sono organizzati dalla popolazione e dai movimenti sociali.

BRRN: Qual è stata la tua esperienza di anarchico che partecipa/collabora con questi movimenti? Come spingete all'interno di questi movimenti per pratiche più anti-autoritarie/anarchiche?

FARJ: Crediamo che l'esperienza, qui a Rio de Janeiro, ci dia l'opportunità di avere un'influenza. Un aspetto della formazione politica pratica, anche attraverso la partecipazione a movimenti di massa come questi, è contribuire all'organizzazione di processi collettivi. C'è il contatto con la gente, con realtà e problemi concreti, e la necessità di pensare a modi per risolvere i problemi attraverso l'organizzazione e la costruzione di base. Ci sono anche processi formali di formazione politica, come corsi nazionali e locali, visite ad esperienze in altri stati e incontri statali e nazionali. Formazioni politiche specifiche su determinati temi o semplicemente nella vita quotidiana, a contatto con altri militanti e compagni.

Per esempio, grazie ai compiti e alle formazioni dei movimenti sociali, ho potuto imparare la comunicazione, la gestione agroecologica e le cooperative, oltre ai dibattiti sulle questioni agrarie e alimentari. Queste competenze e conoscenze accumulate le portiamo anche nell'organizzazione politica, nel senso che caratterizzano e contribuiscono all'accumulo di formazione politica che abbiamo per tutta la nostra militanza. In altre parole, è una strada a doppio senso, un processo dialettico, che si adatta alla formazione e all'interesse della nostra organizzazione. Quindi è importante che non sia solo un'accumulazione individuale, ma che aiuti in qualche modo la formazione di tutta la militanza della specifica organizzazione [anarchica].

Qui nello stato di Rio, credo che la maggior parte delle sfide comuni ai movimenti sociali, sia nelle zone rurali che in città, siano dovute alla difficoltà di costruzione di base, spesso la necessità di più militanti, la difficoltà di ottenere risorse e difficoltà strutturali-organizzative. Ci sono anche difficoltà nel raggiungere un'articolazione più consolidata tra i vari movimenti sociali, che finiscono per essere più sporadici o parte di campagne. Di fronte a una realtà di ultraliberalismo che avanza e all'estinzione sistematica dei diritti e delle politiche sociali, è una sfida permanente costruire processi capaci di autogestire e mobilitare la gente nelle comunità e nei luoghi di base. Ma in generale, cerchiamo di aiutare a organizzare ciò che è disorganizzato, agendo come lievito nelle lotte di massa.

BRRN: Nell'intervista che FARJ ha fatto a Zabalaza, è stata menzionata l'Associazione dei produttori autonomi della campagna e della città (APAC). Sono molto curioso di sapere di più su questa organizzazione, cosa fanno, e come questa associazione costruisce la solidarietà urbana e rurale intorno alle questioni della sovranità alimentare e della terra?

FARJ: APAC ha avuto un ruolo importante nella produzione di attrezzi agricoli per i piccoli produttori. La sua origine viene dal CADTS, il Centro per l'Apprendimento e lo Sviluppo Tecnico e Sociale, un gruppo legato ai Pastorali Sociali che lavorava nell'educazione dei lavoratori urbani, formando politicamente elettricisti, sarte, macchinisti, stampatori e altre professioni. Questo lavoro ha rafforzato le loro prestazioni in campo sindacale e comunitario. Per rafforzare la solidarietà tra lavoratori rurali e urbani, la CADTS iniziò un progetto per sviluppare attrezzi agricoli con tecnologia costruita insieme ai "coltivatori della terra", un'espressione usata all'epoca. Nelle loro visite ai lavoratori rurali per raccogliere informazioni e progettare gli attrezzi, gli studenti del CADTS decisero di strutturare questo lavoro per soddisfare questa richiesta che avevano già soddisfatto per diversi gruppi di agricoltori in tutto il Brasile. Così, il 1° maggio è nata l'APAC, che riunisce non solo "metallurgici", ma anche contadini, casalinghe, disoccupati, educatori popolari, ecc. con l'organicità, ispirata all'autogestione, di un'associazione composta da diversi gruppi di lavoro autonomi che si articolano collettivamente in un'assemblea generale. In più di 30 anni dalla sua fondazione, l'APAC ha accolto molti gruppi di lavoratori. Ne citiamo solo alcuni per illustrare la sua diversità:

Multimetal: La fabbricazione di parti e attrezzature metalliche, da cui si ricavavano vari strumenti per il campo. Dopo alcuni anni fu sostituita da OPMAC, che si riferisce alla parola "campo", questi servizi di progettazione di attrezzature metalliche continuarono e con il tempo iniziarono a sviluppare progetti per i lavoratori urbani come carri adattati per i raccoglitori di rifiuti per il riciclaggio, la fabbricazione di scope riciclate, ecc. Arte Fuxico: Raccolta di artigiani che riutilizzavano i tessuti di scarto dell'industria dell'abbigliamento e realizzavano pezzi personalizzati come borse, tappeti e utensili in generale.
Corsi di preparazione di Community Pré-Vestibular: Iniziativa di educazione popolare che ha cercato spazio presso l'APAC per assemblare un corso preparatorio per l'ammissione alle università. Il nucleo del corso APAC è durato qualche anno e faceva parte di una rete di corsi comunitari di diverse regioni.
Autofficina: Negozio di riparazioni auto che riuniva un meccanico esperto e i suoi assistenti. Il gruppo forniva servizi interni ed esterni all'APAC e aveva un ruolo molto importante nell'insegnamento del mestiere di meccanico e nella partecipazione alle assemblee dell'associazione. Stampatore: Una tipografia che riuniva lavoratori per lo più provenienti da ambienti del CADTS che sviluppavano progetti grafici e edizioni di numerose pubblicazioni per i movimenti sociali e vari servizi esterni.

Il nostro arrivo all'APAC è stato parallelo alla fondazione della FARJ, e abbiamo alcuni militanti che hanno avuto e hanno rapporti più stretti con loro, sia collaborando a progetti, sia facendo parte della direzione dell'APAC. Siamo giunti a fare lì un laboratorio di serigrafia, incontri politici, gruppi di lavoro comunitari, lezioni di formazione politica e corsi di lingua popolare. Segnaliamo una delle iniziative più strutturate della nostra militanza, che è stata quella di organizzare la Cooperativa Floreale di Lavoratori in Agroecologia, dove abbiamo avuto una grande interazione con i gruppi interni dell'APAC, portando ordini del giorno discussi con il nostro lavoro con il Forum del Cooperativismo Popolare, l'Articolazione di Agroecologia di Rio de Janeiro e i settori di Assistenza Tecnica ed Estensione. È stato un periodo che ha incoraggiato l'APAC a contribuire a questioni di congiuntura agraria, agroecologia, agricoltura urbana, orti scolastici, gruppi di erboristeria popolare, ecologia sociale, solidarietà rurale/urbana e sovranità alimentare e riforma agraria. Questo fattore ha rafforzato la relazione dei nostri militanti con i movimenti sociali delle campagne, come il MST, il CPT e l'MPA, così come per l'utilizzo dello spazio come magazzino o per la fabbricazione di attrezzi agricoli. Ma la nostra esperienza con le cooperative popolari ci ha aperto le porte per contribuire alla costruzione di cooperative e associazioni nei movimenti.

BRRN: Sei coinvolto nei Comitati Territoriali di Solidarietà, organizzati dall'MPA come risposta all'attuale crisi sociale? Puoi condividere qualcosa su questo progetto?

FARJ: In questo contesto di COVID-19, i movimenti rurali, come l'MPA e l'MST, il CPT e i gruppi di agricoltura urbana come la Rete Carioca di Agricoltura Urbana e l'Articolazione Agroecologica, hanno sviluppato azioni di solidarietà in campagna e in città.

L'MPA è con i Comitati Territoriali di Solidarietà. Con la distribuzione di alimenti agroecologici, creando spazi di dialogo e dibattiti politici, rafforzando i processi organizzativi tra i movimenti sociali e territoriali della campagna e della città. Le azioni possono avvenire in modi diversi a seconda della realtà e delle richieste locali. Il movimento ha continuato a fornire supporto materiale in città con consegne settimanali di scatole di cibo contadino, e la donazione di pasti per i senzatetto.

Il MST ha Marmita Solidária, che riceve donazioni da sindacati e sostenitori per comprare cibo per preparare pasti per i senzatetto. E la Campagna Nós por Nós ("Noi per noi"), che fa parte della Campagna Periferia Viva, a cui partecipano anche l'MPA e altri movimenti. La campagna raccoglie fondi per comprare prodotti agroecologici da insediamenti e piccoli agricoltori da donare alle favelas, e insieme fanno lavori di sostegno, come l'aiuto legale per chi non ha documenti di identità, o altre azioni oltre alla semplice donazione di cibo.

Per il CAB (Coordinamento Anarchico Brasiliano) stiamo organizzando la campagna nazionale Vida Digna ("Vita Dignitosa"), contro l'aumento del costo della vita. Ci sono comitati statali e locali, e siamo riusciti a organizzare una donazione di cibo dal MST per due occupazioni del Fronte Internazionalista dei Senza Dimora. La CPT ha anche articolato una possibilità di sostenere gli insediamenti senza terra e le comunità quilombola, tra gli altri, nella regione settentrionale dello stato di Rio, insieme al MPA.

Ma in tutto il paese, diverse azioni simili si stanno svolgendo con i nostri militanti del CAB coinvolti, cercando di articolare azioni di solidarietà tra la campagna e la città, tra i piccoli contadini e le comunità indigene. Azioni che portano sostenitori della città che vogliono aiutare. Speriamo che tutto questo aiuti ad avvicinare i movimenti della campagna e della città, in modo più organico, anche tra le basi di questi movimenti. Azioni che portano i movimenti a pensare collettivamente a forme di solidarietà quotidiana, senza bisogno di progetti, politici o politiche pubbliche.

Questa pandemia ha significato per i movimenti e i collettivi il dover creare altre forme di distribuzione, altre forme di logistica per continuare con la produzione e la distribuzione dei loro prodotti. E tutto questo potrà essere importante in futuro, se i movimenti riusciranno a definire le giuste politiche strategiche, perché avremo sempre meno politiche pubbliche per le campagne da parte dello Stato. Al contrario, gli attacchi agli indigeni, ai contadini e l'accaparramento delle terre non fanno che aumentare.

BRRN: Il MST è probabilmente il più noto dei movimenti sociali brasiliani a livello globale; l'organizzazione e i suoi impressionanti risultati in termini di espropriazione e ridistribuzione della terra a migliaia di famiglie, la promozione dell'agroecologia e della sovranità alimentare, e il suo contributo ai movimenti contadini globali, è stata una fonte di ispirazione per i rivoluzionari di tutto il mondo, compresi molti anarchici. Da lontano, sembra che ci siano molti aspetti delle pratiche e delle tattiche dell'organizzazione che si allineano con i principi anarchici. Allo stesso tempo, ci sono caratteristiche del MST, come il loro marxismo-leninismo, e la relazione con il PT, che potrebbero presentare sfide per gli anarchici che desiderano sostenere/partecipare/collaborare con il MST. Mi piacerebbe sapere qual è la valutazione di FARJ del MST, gli aspetti positivi del movimento, le critiche che avete, e come vi muovete per lavorare con il MST.

FARJ: In Brasile, la questione della terra, la concentrazione della terra, è centrale. Oggi, siamo un paese che è ancora un esportatore periferico di materie prime alimentari, nonostante sia visto dalle altre potenze mondiali come un concorrente, un attore mondiale, a causa delle dimensioni e dei beni naturali che ha, come l'acqua, il petrolio, le risorse minerali, ecc. Per questo abbiamo attacchi e colpi di stato, che sono presenti in tutta la storia dei paesi latinoamericani. Così il Brasile ha sempre avuto forti conflitti agrari e fondiari, diverse rivolte storiche, per non parlare dei quilombos, i lavoratori rurali, gli indigeni.

Il MST, come altri movimenti nelle campagne, viene da questo accumulo di lotte, conflitti e rivolte. Prima, uno dei principali movimenti era quello delle Leghe Contadine (1954-1964). Con il tempo sono apparsi anche sindacati nelle campagne che lavoravano su questi temi del lavoro e per i lavoratori salariati, impiegati nelle fattorie, ecc. Con il golpe e la dittatura affaristico-militare (1964) anche i militanti delle campagne subirono molta repressione, con più di mille morti e scomparsi, e la persecuzione e repressione delle Leghe Contadine.

Poi c'è stato il passaggio aperto e conciliante dalla dittatura alla democrazia. A differenza di paesi come l'Argentina, i militari in Brasile non furono puniti per i crimini della dittatura. In quel periodo, diversi gruppi armati di resistenza di sinistra cercarono di resistere alla dittatura. Così il processo che seguì, negli anni 70-80, registra anche lo sviluppo e il coinvolgimento delle organizzazioni sindacali, culminato nella CUT (Centrale Unificata dei Lavoratori) (1983), dei settori progressisti della chiesa (CEBs - Comunità Eclesiastiche di Base), Commissione Pastorale della Terra e Teologia della Liberazione, dei movimenti rurali e del PT (Partito dei Lavoratori).

Nella CUT c'era il Dipartimento Rurale, che riuniva i lavoratori rurali, con un'agenda più legata ai diritti del lavoro. E anche il MST (e più tardi il MPA) sembrava occuparsi di agende di rivendicazioni rurali provenienti dalle campagne che non riguardavano solo le condizioni di lavoro, ma l'accesso alla terra, al credito e alle politiche pubbliche per produrre e continuare a riprodurre i loro mezzi di sussistenza rurali. In altre parole, la CUT e i sindacati nelle campagne non coprivano tutte le agende contadine.

Il clero e la Teologia della Liberazione hanno avuto un ruolo importante insieme ai movimenti delle campagne, facendo un lavoro di base nelle comunità, mobilitando la gente e contribuendo ai movimenti sociali che venivano ad occupare la terra.

Questo era il grande "brodo" politico a base sociale, che qui affrontiamo in modo molto generale. E tutto questo brodo e queste lotte si accumulavano nel cosiddetto Progetto Democratico Popolare, con il PT come espressione del suo partito politico. In altre parole, alcuni di questi grandi movimenti di massa in Brasile hanno una relazione storica molto forte con il PT. Con l'arrivo del PT al governo, i movimenti stavano anche incorporando una cultura politica di essere parte dello stato, di burocratizzarsi anche loro. Questo ha avuto come conseguenza un grande indebolimento dei movimenti, soprattutto oggi, con difficoltà a mobilitare le masse e ad affrontare gli attacchi del governo Bolsonaro di orientamento fascista.

Inoltre, il principale riferimento organizzativo di questi movimenti è il marxismo-leninismo e il centralismo democratico, anche se a volte i movimenti stessi riconoscono la necessità di cercare altri elementi che meglio affrontino la realtà dei contadini e dei soggetti delle campagne. Così, se si lavora sui meccanismi di partecipazione politica, si rischia di cadere in relazioni distanti tra le basi e la direzione di questi movimenti. Cioè, la necessità di spazi che permettano una partecipazione politica qualitativa dalla base, riflettendo sul lavoro in cui sono inseriti, formandosi, guidando i processi e contribuendo, dalla loro realtà, con la direzione del movimento. Evita anche i rischi di cadere nel pragmatismo, o nel cosiddetto "spegnere i fuochi" quotidiano, che accumula poco politicamente e socialmente, anche se si sta facendo molto.

Nella nostra concezione anarchica, crediamo che il soggetto della trasformazione sociale non è dato, ma si forma nel lavoro e nella lotta quotidiana, e il potere popolare si costruisce con la partecipazione politica dei soggetti, assumendo responsabilità e protagonismo nelle lotte. Pertanto, la forma organizzativa deve essere allineata con una concezione ideologica trasformatrice, in modo che permetta l'avanzamento di forme organizzative non alienanti.

Perciò, cerchiamo anche di portare e proiettare altre esperienze storiche di lotta e organizzazione della classe operaia, dei contadini, delle comunità di origine. Abbiamo esempi come la Rivoluzione Messicana (1910), e il successivo movimento zapatista in Messico. La lotta dell'esercito makhnovista in Ucraina, nel processo della Rivoluzione Russa, processi con protagonismo indigeno e contadino nell'espropriazione delle terre e nell'organizzazione sociale. La collettivizzazione e l'organizzazione dei processi produttivi e sociali nella guerra civile spagnola, nelle campagne e nelle città, con l'esempio della CNT. Come il confederalismo democratico in Kurdistan, con l'organizzazione, l'autodifesa, la gestione territoriale e del lavoro e della produzione in modo collettivo e diretto. Esperienze comunitarie attuali in Colombia con il concetto di terra come bene comune, e chiedendo la permanenza e la riproduzione di forme di vita comunitaria nei territori. Insomma, ci sono varie esperienze, alcune conosciute dai movimenti, oltre ad altri riferimenti che anche loro cercano, e che noi esaminiamo per studiare e individuare elementi che possano contribuire ai nostri processi qui.

Quindi, l'anarchismo ha anche bisogno di sviluppare strumenti concreti per intervenire nella realtà, per mobilitare e gestire la vita nei suoi diversi aspetti, sociale, culturale, produttivo, economico. In altre parole, abbiamo anche bisogno di sviluppare proposte per organizzare la campagna e per affrontare questi temi.

BRRN: Le lotte per la sovranità alimentare, l'agroecologia e la riforma agraria sollevano alcune questioni davvero critiche per gli anarchici, in particolare perché molti dei movimenti e degli accademici che dominano il discorso non condividono le nostre critiche allo stato, all'elettoralismo, ecc. e spesso vedono lo stato nazionale come il veicolo per raggiungere la sovranità alimentare, la riforma agraria, ecc. Non ho incontrato molte prospettive anarchiche contemporanee sulla sovranità alimentare, l'agroecologia e la riforma agraria, e sono molto curioso di conoscere le tue riflessioni come anarchico che partecipa a questi movimenti in Brasile, e come tu e altri militanti delle FARJ nel Frente de Luta Camponesa pensate alla sovranità alimentare e alla riforma agraria da una prospettiva anarchica - possiamo articolare una particolare prospettiva anarchica su come raggiungere e sostenere la sovranità alimentare e la riforma agraria che sia distinta dalle prospettive delle correnti marxiste-leniniste, socialdemocratiche e liberali all'interno dei movimenti sociali?

FARJ: Attualmente stiamo iniziando ad avere questo dibattito nella CAB, nel Gruppo di Lavoro Agrario, tra i militanti che lavorano con i movimenti rurali, con le comunità indigene, non urbane. Con altri movimenti come il MAM (Movimento per la Sovranità Popolare nelle Miniere) e ha un po' a che fare con la domanda precedente. In altre parole, quali sono le proposte concrete dell'anarchismo per la realtà? Qual è il nostro programma anarchico di lotta?

Così cominciamo a discutere quali concetti sono importanti e centrali per noi. Come la sovranità alimentare, la riforma o rivoluzione agraria, le risorse naturali ed energetiche. Bem viver ("vivere bene"), in opposizione alla logica dello sviluppo, tra gli altri.

Per noi, questi temi devono essere legati alle richieste popolari, alla realtà popolare. Per noi, l'agroecologia deve essere uno strumento e un principio per rafforzare la lotta e l'organizzazione dei popoli e delle comunità rurali. In altre parole, cercheremo anche di applicare questi concetti e questioni come riferimenti, all'interno della nostra concezione anarchica, basata sulla realtà popolare, per rafforzare il nostro lavoro di costruzione della base e di costruzione del potere popolare.

Alcuni di questi concetti sono elaborati anche dai movimenti sociali rurali come la sovranità alimentare, l'agroecologia, il femminismo. Ma è chiaro che dobbiamo sviluppare anche le nostre concezioni su di essi. Ma possiamo dire, in generale, che la sinistra ha spesso una lettura della realtà che è molto urbana, valorizzando maggiormente le questioni intorno ai sindacati e alle questioni urbane, riproducendo questa centralità nell'urbano. E anche l'anarchismo non è esente dal riprodurre parte di questo.

BRRN: Inutile dire che i processi storici del colonialismo e dello sviluppo capitalista in tutto il mondo hanno lasciato un mucchio di contraddizioni per le diverse classi e comunità oppresse da superare quando si tratta di questioni della terra. Qui negli Stati Uniti, poiché i movimenti sociali sono così deboli, il discorso e le lotte intorno alla terra e alla riforma agraria non sembrano essere così avanzati rispetto al contesto brasiliano. Una questione critica qui negli Stati Uniti e in Canada - due progetti coloniali europei situati su territori indigeni rubati - è come le diverse popolazioni oppresse in lotta intorno alle questioni della terra - popoli indigeni, persone di origine africana, piccoli agricoltori, lavoratori agricoli migranti, ecc. possono essere solidali tra loro invece di essere messe l'una contro l'altra dalle contraddizioni create dai sistemi del colonialismo e del capitalismo. Sono molto curioso di sapere dove sono i discorsi intorno a queste complicate questioni tra i movimenti sociali con cui lavorate, e quali sono le vostre prospettive su di essi, come anarchici? A Rio de Janeiro, ci sono segni promettenti di solidarietà tra indigeni, comunità quilombola, contadini e lavoratori agricoli? Puoi consigliare alcune buone fonti per le persone che vorrebbero saperne di più su queste questioni e lotte?

FARJ: Questioni territoriali simili si verificano anche qui, credo che siano anche le conseguenze dei processi storici del colonialismo, della schiavitù strutturale e del patriarcato e delle altre oppressioni rafforzate dal capitalismo.

Il Brasile, essendo un paese di dimensioni continentali, pone diverse sfide. Per esempio, c'è una realtà, un rapporto con la terra e la cultura dei coloni nel sud del paese, e ce n'è un altro delle comunità indigene e di altri soggetti nel nord del paese. Questo pone già diverse questioni per la lotta e anche per i movimenti. Per esempio, la questione di lavorare con l'idea del soggetto contadino, di fronte a queste diversità. Si tratta anche di conoscere e saper comprendere altre forme organizzative, che possono essere diverse da quelle che la sinistra tradizionale riproduce.

D'altra parte, il Brasile ha questo grande potenziale di lotta e di persone e soggetti nelle campagne. Quasi il 40% delle terre del paese sono insediamenti della riforma agraria, terre indigene (riconosciute o meno), quilombos, comunità contadine. I potenti sanno di questo potenziale e hanno paura. Per questo investono nella repressione e nello smantellamento dei diritti sociali, nel land grabbing, nella violenza paramilitare, ecc.

È una diversità sociale che è una realtà in America Latina. La forza degli indigeni in Perù, Ecuador, Bolivia. I Mapuche in Argentina e Cile. Anche la Colombia è un paese molto ricco e interessante, con comunità afro-colombiane, varie etnie indigene, contadini. C'è il CNA (Coordinatore Nazionale Agrario), un importante movimento contadino nel paese, c'è un dibattito molto interessante sul "territorio agroalimentare", per esempio.

A Rio l'MPA ha preso contatti e lavorato con alcune comunità quilombola, e ora con le comunità indigene. Nella capitale c'è la lotta di Aldeia Maracanã, che ha mobilitato abbastanza sostenitori contro la speculazione e la gentrificazione che il mega-evento delle Olimpiadi ha apertamente rivelato. Ci sono molte possibilità di dialogo tra quilombos, villaggi indigeni, favelas, movimenti rurali e cittadini e possiamo andare oltre. Azioni come gli orti comunitari, l'agricoltura urbana, sono anche interessanti possibilità per la sovranità alimentare degli abitanti delle favelas, e possibilità di dialogo con i movimenti rurali. L'organizzazione di collettivi di consumatori nelle città, organizzandosi per l'accesso e la distribuzione di cibo sano nelle campagne. Gruppi di investimento collettivo di sostenitori, che permettono la produzione rurale. Relazioni di sostegno tra i diversi settori della classe operaia, consegnatari, lavoratori dell'educazione, studenti. Le possibilità di organizzazione dal basso sono molte.

Alcuni siti web di riferimento e per maggiori informazioni:

Libreria virtuale del MST – www.reformaagrariaemdados.org.br/biblioteca
Movemento dei Piccoli Agricoltori (MPA) – www.mpabrasil.org.br
Movimento per la Sovranità Popolare nel settore minerario (MAM) – http://mamnacional.org.br/
Coordinatore Nazionale Agrario (Colombia) – www.cna-colombia.org
Commissione Pastorale per la Terra (CPT) – cptnacional.org.br
Fronte Quilombola del Rio Grande do Sul – www.facebook.com/FrenteQuilombolaRs
Coordinamento delle Organizzazioni Indigene dell’Amazzonia Brasiliana – www.facebook.com/coiabamazoniaoficial
Articolazione dei Popoli Indigeni del Brasile (APIB) – www.facebook.com/apiboficial
Articolazione dei Popoli Indigeni della Regione del Sud – www.facebook.com/ARPINSULBRASIL
Mídia India – www.facebook.com/VozDosPovos
Consiglio Indigeno di Roraima (CIR) – www.facebook.com/conselhoindigena.cir
Articolazione dei Popoli Indigeni e delle Organizzazioni del Nordest, Minas Gerais e Espirito Santo (APOINME) – www.facebook.com/apoinme.brasil
Rete dei Popoli (Teia dos Povos) – www.facebook.com/TeiadosPovosoficial


BRRN: C'è qualcos'altro che vorreste condividere?

FARJ: Vorremmo ringraziare lo spazio e l'opportunità di condividere le esperienze e il lavoro qui. Ci sono altri compagni organizzati nel CAB che possono anche contribuire con le loro esperienze dai loro stati e il nostro lavoro ha anche contributi da loro. Speriamo di aver portato il nostro contributo a Black Rose, e di aiutare più persone a conoscere un po' di più le lotte in Brasile e nel nostro continente. Speriamo anche di avere più occasioni di scambio come questa con i nostri compagni di BR, che a loro volta ci ispirano. Spazi come questo sono essenziali. Arriba lxs que luchan!!!

1. Con "formazione politica" è stato tradotto il termine "formação", che in realtà può essere più accuratamente inteso come i processi collettivi all'interno dei movimenti sociali che includono "lavoro di presa di coscienza, educazione politica e sviluppo della leadership". Per una maggiore discussione del concetto e della pratica della formação, vedi "Leadership development and Formação in Brazil's Landless Workers Movement (MST)" di Dawn Plummer

Related Link: https://blackrosefed.org/agroecology-organized-anarchism/

This page has not been translated into Čeština yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
George Floyd: one death too many in the “land of the free”
© 2005-2021 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]