user preferences

New Events

Bolivia / Perù / Ecuador / Cile

no event posted in the last week

Dichiarazione internazionale per la liberazione dei e delle prigioniere politiche, arrestate durante la rivolta sociale del 2019 in Cile

category bolivia / perù / ecuador / cile | repressione / prigionieri | comunicato stampa author Friday December 11, 2020 02:50author by Varie organizzazioni anarchiche Report this post to the editors

"Il carcere non impedisce che si verifichino atti antisociali. Aumenta il loro numero. Non migliora coloro che entrano nelle sue mura. Anche se riformato, rimarrà sempre un luogo di contenzione, un ambiente artificiale, come un monastero, che renderà il prigioniero sempre meno adatto alla vita della comunità. Non raggiunge il suo fine. Degrada la società. Deve scomparire" (Prisons and Their Moral Influence on Prisoners, Peter Kropotkin, Kropotkin's Revolutionary Pamphlets. Roger N. Baldwin, editor. Vanguard Press, Inc. 1927)

"I nostri compagni non si sentiranno soli. Le persone con cui hanno condiviso gioie e dolori, fallimenti e vittorie, rimangono con loro più che mai, resistendo con una forte passione. Sentendo ogni giorno più amore e odio. L'amore e l'odio attraverso i quali, insieme, cambieremo il mondo dalle sue radici". (Juan C. Mechoso, Acción Directa Anarquista: Una Historia de FAU, 2002)
italian.jpg

1. È passato più di un anno da quando le proteste sono esplose nelle strade di numerose città del territorio dominato dallo Stato del Cile. Dall'ottobre dell'anno scorso, la gente ha combattuto senza sosta. Nonostante la repressione dello Stato, la pandemia COVID-19 e la fame, la volontà del popolo cileno di organizzarsi e di combattere è continuamente fiorita. Siamo ora in tempi di lotta e di resistenza in diversi territori del mondo, dall'Ecuador che testimonia la lotta e la resistenza degli indigeni, alla Francia, osservando quella dei proletari indigeni. La gente si è rivolta contro il sistema globale di dominazione.
Ecco perché l'internazionalismo, quella vecchia pratica tradizionale delle classi oppresse, diventa imperativo. La parola solidarietà e la sua prassi di vita reale è sempre stata un principio costitutivo di queste lotte. E questo ci porta a proiettarla nell'orizzonte dell'emancipazione.

2. Nonostante le difficoltà intrinseche della vita, le comunità in lotta, usando barricate, sbattendo pentole e padelle, e ricorrendo all'autodifesa, hanno resistito nel territorio dominato dallo Stato del Cile. Esso, in cambio, ha risposto con una repressione sanguinosa, con migliaia di feriti, centinaia di mutilati, decine di morti e diversi imprigionati. Repressione condotta dai suoi scagnozzi per difendere i loro interessi di classe, attaccando le nostre già precarie vite, i nostri corpi e i nostri territori.
I proiettili e i gas lacrimogeni non sono stati l'unica arma usata contro la nostra classe, ma anche severe leggi repressive. Con il sostegno della socialdemocrazia, queste leggi sono state approvate, e sono incarnate nella "Legge Anti-Barricate", nella "modernizzazione" di apparati statali repressivi come l'Agenzia Nazionale per l'Intelligence (ANI), e nel dare alle Forze Speciali nuove infrastrutture per migliorare il loro terrorismo di Stato.
Come è noto, la repressione dello Stato cileno si esercita esclusivamente sulla nostra classe, perché quando si scopre che le armi da guerra e gli equipaggiamenti da combattimento dello Stato sono utilizzati da gruppi armati della classe dirigente, sono considerati solo equipaggiamenti. Tuttavia, rompere la vetrina di una banca è considerato terrorismo per lo Stato e potrebbe tenervi prigionieri per anni per tale azione. Oggi, per la nostra classe, camminare per le strade con un cucchiaio e una padella, o con un cartello di cartone mentre si grida per i diritti sociali è estremamente rischioso. Potremmo finire in prigione solo per questo. In definitiva, la prigione è un problema di classe.

3. Attualmente, ci sono quasi 2.500 compagni sottoposti a brutali processi giudiziari che si sono trascinati per più di un anno, tenendone migliaia dietro le sbarre. Senza condannare i nostri compagni, ma usando la "detenzione preventiva", lo Stato ridicolizza coloro che hanno combattuto a fianco della loro classe in questo anno di epidemia sociale, anche se sono minorenni. D'altra parte, i pochi condannati devono affrontare ingiuste pene detentive, alcune tra gli 11 e i 20 anni, a causa delle speculazioni dell'accusa. La condanna vendicativa dell'accusa ha punito coloro che hanno sfidato il sistema del dominio, e coloro che hanno osato mettere in discussione la crescente mercificazione e precarietà della nostra vita.
Come se non bastasse, i prigionieri politici della rivolta sociale dell'anno scorso sono stati tenuti in isolamento, sono stati torturati ogni giorno e non hanno potuto ricevere visite o qualsiasi altro beneficio carcerario.

4. Facciamo un appello alla solidarietà attiva, un appello a mettere le nostre menti e i nostri corpi nella lotta per il rilascio di tutti i prigionieri politici e a coordinare le manifestazioni in tutti i territori del cosiddetto Stato cileno chiedendo un'amnistia generale e non condizionata. Chi dimentica i prigionieri dimentica la lotta. Pertanto, il raggiungimento della loro libertà è un imperativo per le comunità in lotta. Facciamo un appello a rafforzare le organizzazioni popolari, a sostenere la lotta per la libertà dei nostri compagni, e a partecipare pienamente alle varie attività e ai raduni che vengono convocati.

5. Infine, chiariamo che la realtà dei prigionieri politici non è nata il 18 ottobre 2019, ma è un problema che esiste da decenni. Storicamente, lo Stato ha cercato di punire coloro che hanno lottato per il crollo della società di classe. Così, solidarizziamo con i prigionieri politici Mapuche e con i rivoluzionari, che resistono ogni giorno nelle carceri-impresa dello Stato del Cile.

LIBERTÀ AI E ALLE PRIGIONIERE POLITICHE DELLA RIVOLTA SOCIALE DEL 2019!
NIENTE PIÙ CARCERE PER CHI LOTTA!
AMNISTIA GENERALE INCONDIZIONATA!
FINE DELLA LEGGE ANTITERRORISMO!
ABROGAZIONE DI TUTTE LE LEGGI REPRESSIVE!


☆ Coordenação Anarquista Brasileira – CAB
☆ Federación Anarquista Uruguaya – FAU
☆ Federación Anarquista de Rosario – FAR (Argentina)
☆ Organización Anarquista de Córdoba – OAC (Argentina)
☆ Federación Anarquista Santiago – FAS (Cile)
☆ Grupo Libertario Vía Libre (Colombia)
☆ Union Communiste Libertaire (Francia)
☆ Embat - Organització Libertària de Catalunya
☆ Alternativa Libertaria – AL/fdca (Italia)
☆ Die Plattform - Anarchakommunistische Organisation (Germania)
☆ Devrimci Anarşist Faaliyet – DAF (Turchia)
☆ Organisation Socialiste Libertaire – OSL (Svizzera)
☆ Libertaere Aktion (Svizzera)
☆ Melbourne Anarchist Communist Group - MACG (Australia)
☆ Aotearoa Workers Solidarity Movement - AWSM (Aotearoa / Nuova Zelanda)
☆ Zabalaza Anarchist Communist Front - ZACF (Sudafrica)
☆ Federation of Anarchism Era (Afghanistan and Iran)
☆ Workers Solidarity Movement - WSM (Irlanda)
☆ Anarchist Communist Group - ACG (Gran Bretagna)
☆ Αναρχική Ομοσπονδία - Anarchist Federation (Grecia)
☆ Tekoşina Anarşist - TA, (Rojava - north east Syria)
☆ Organizacion Anarquista de Tucuman (Argentina)

This page has not been translated into Română yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
100 Years Since the Kronstadt Uprising: To Remember Means to Fight!
© 2005-2021 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]