preferenze utente

cerca nell'archivio del sito Cerca cerca nell'archivio del sito


Search comments

ricerca avanzata

Nuovi eventi

Francia / Belgio / Lussemburgo

nessun evento segnalato nell'ultima settimana

Prossimi eventi

Francia / Belgio / Lussemburgo | Vari

nessun evento corrispondente!

Gli attentati a Parigi: Contro le loro guerre, la nostra solidarietà

category francia / belgio / lussemburgo | vari | comunicato stampa author martedì novembre 17, 2015 16:57author by Alternative Libertaire - AL Segnalare questo messaggio alla redazione

Un'ondata di attacchi mortali è svolta ieri sera a Parigi e Saint-Denis. Il governo francese sta conducendo da anni guerre in diversi paesi (Libia, Mali, Siria ...). Queste guerre hanno oggi un impatto sul territorio francese. [Français]
arton659617ea7.jpg


Contro le loro guerre, la nostra solidarietà


Un'ondata di attacchi mortali è svolta ieri sera a Parigi e Saint-Denis.

Il governo francese sta conducendo da anni guerre in diversi paesi (Libia, Mali, Siria ...). Queste guerre hanno oggi un impatto sul territorio francese.

Siamo di fronte ad attacchi volti a diffondere terrore e di fomentare divisioni all'interno della popolazione. Alternative Libertaire condanna questi attacchi: uccidere persone a caso per strada e colpire alla cieca con il solo scopo di spaventare è abietto.

Questi attacchi sono opera di un movimento politico - il jihadismo salafita - le cui prime vittime sono le popolazioni civili del Medio Oriente e che , nei giorni scorsi, ha già colpito Beirut. Questo stesso movimento politico che continua a muovere guerra contro curdi forze progressiste in Siria.

Dopo questi attacchi, assisteremo a una deriva securitaria trainata da forze politiche che giocano con le nostre paure per metterci gli uni contro gli altri.

E gli immigrati e la minoranza musulmana di questo paese stanno già cominciando a essere colpiti da dichiarazioni politiche e oggetto di rappresaglie indiscriminate.

Non sarà un rafforzamento di dispositivi liberticide che impedirà nuovi attacchi. Lo stato di emergenza è la sospensione di molti diritti democratici, la legalizzazione delle misure repressive su larga scala per quanto riguarda vari strati della popolazione che non ha nulla a che fare con gli attacchi.

Rifiutiamo che il governo approfitti della situazione per vietare le future mobilitazioni sindacali ed ecologiste.

Lo stato di emergenza, le misure repressive,questo porterà a dividere e rafforzare le paure e l'odio reciproco. Tutto questo può solo portare ad una escalation tra attacchi terroristici sempre più sanguinosi e le risposte di sicurezza sempre più repressive. La risposta non è né il ritiro in sè stessi né la militarizzazione della società.

La soluzione non verrà da coloro che hanno contribuito a questa situazione e dalle loro politiche militariste, imperialiste, discriminatorie, odiose. Loro useranno queste occasioni per imporre una società sempre più militarizzata e proporre una unità nazionale tra sfruttatori e sfruttat*, che rifiutiamo e denunciamo.

La soluzione passa per il rafforzamento della solidarietà, nei quartieri e nei nostri luoghi di lavoro, per il raggruppamento di tutte coloro e tutti coloro che rifiutano tutti i regimi del terrore. Non rimanamo da soli, riuniamoci insieme per discutere le nostre responsabilità di fronte alla situazione, in particolare nei termini di azioni unitarie di tutte le forze di trasformazione sociale.

Alternative Libertaire

14 novembre 2015

Traduzione a cura di Alternativa Libertaria / FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali

Link esterno: http://www.alternativelibertaire.org/
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
© 2001-2020 Anarkismo.net. Salvo indicazioni diversi da parte dell'autore di un articolo, tutto il contenuto del sito può essere liberamente utilizzato per fini non commerciali sulla rete ed altrove. Le opinioni espresse negli articoli sono quelle dei contributori degli articoli e non sono necessariamente condivise da Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]