user preferences

New Events

Mashrek / Arabia / Irak

no event posted in the last week

Palestina Israele, la lotta unitaria compie 11 anni e non si ferma

category mashrek / arabia / irak | lotte sul territorio | cronaca author Thursday October 16, 2014 18:28author by Ilan S. - Anarchists Against the Wall; A-Infos; Ahdutauthor email ilan.shalif at gmail dot comauthor address Tel Aviv Report this post to the editors

Report del 13.10.14

Gli scontri tra le forze armate israeliane (insieme ai coloni) ed una folla unita composta da attivisti ebrei israeliani e palestinesi all'interno dei territori occupati nel 1967 è una cosa talmente frequente che la gente non riesce a coglierne l'unicità. Il disastro mediatico del progetto sionista di sgomberi ha costretto Israele a dover escludere che si potessero usare munizioni vere per uccidere manifestanti palestinesi disarmati soprattutto in caso di presenza di cittadini israeliani. [English]


La lotta unitaria compie 11 anni e non si ferma


Araqeeb, Dahamsh (confini del 1948), Bil'in, Ma'sara, Nabi Saleh, Ni'lin, Qaddum, Sheikh Jarrah (Gerusalemme Est)

Gli scontri tra le forze armate israeliane (insieme ai coloni) ed una folla unita composta da attivisti ebrei israeliani e palestinesi all'interno dei territori occupati nel 1967 è una cosa talmente frequente che la gente non riesce a coglierne l'unicità. Il disastro mediatico del progetto sionista di sgomberi ha costretto Israele a dover escludere che si potessero usare munizioni vere per uccidere manifestanti palestinesi disarmati soprattutto in caso di presenza di cittadini israeliani. Oltre alle consuete località di lotta unitaria, si apprende dai media che nuove località palestinesi hanno dato inizio alle proteste. I media israeliani, a cui non sono stati rivelati i dettagli dell'accordo con Hamas sulla fine del lancio di razzi, presentano senza sosta fatti ed opinioni generiche che possono essere spiegate solo come una razionalizzazione dei cambiamenti subiti nell'accordo con Hamas.

Bil'in

Venerdì 3.10.14 Bil'in era alla vigilia dell'inizio della raccolta delle olive. Oltre a sette israeliani ed una dozzina di internazionali c'erano solo una dozzina e mezza di palestinesi in manifestazione. A causa della stagione della raccolta delle olive mancavano gli attivisti più assidui ed i giovani lanciatori di pietre. Per ragioni note soltanto a loro, le forze armate israeliane hanno compiuto un'insolita manovra. Si sono disposte in una fila composta da soldati e guardie di confine in una piazza appena al di là del percorso del vecchio (e smantellato) muro della separazione, impedendoci di muovere verso la riserva di Abu Lemun ed il nuovo muro della separazione.

Dopo una lunga fase fatta di scontri solo verbali, alcuni dei nostri si sono avviati lungo la vecchia strada della recinzione ormai smantellata. Per tutta risposta, le forze armate hanno chiamato come rinforzo una jeep armata che ha cercato invano di localizzarci sulle strade bianche che attraversano la zona liberata pur sparando a casaccio sporadiche raffiche di gas lacrimogeni. Quando la mancanza di scontri ha iniziato ad annoiarci, i manifestanti sono ritornati al villaggio.

Venerdì 10 ottobre 2014 è successa una cosa rara. Per la prima volta in tantissimi mesi non ho sentito né l'odore né una goccia di gas lacrimogeni.

https://www.facebook.com/natali.babku/posts/10202878847...93267

Venerdì, 10.10.14

Prima della manifestazione, i soldati sono entrati nell'area tra il vecchio ed il nuovo muro per dare fuoco ad un piccolo edificio. Poi si sono messi ad attendere i manifestanti dalla parte del villaggio che dà sul nuovo muro e, mentre gli attivisti si stavano radunando nella riserva di Abu Lamun, i soldati procedevano all'arresto di un manifestante palestinese mentre allontanavano gli altri a colpi di gas. I manifestanti si sono radunati di nuovo sulla strada del vecchio muro. I soldati sono giunti anche lì ed hanno iniziato a tenere lontani i manifestanti a colpi di gas, avanzando fino alla periferia del villaggio. Nonostante la ridotta presenza dei giovani, i soldati non solo hanno sparato gas, ma anche proiettili veri per spaventare i manifestanti non violenti. Hanno anche messo una bomba assordante sotto l'auto di una persona disabile, rendendo l'auto inutilizzabile a causa dell'esplosione. Il manifestante arrestato all'inizio del corteo è stato poi rilasciato, dopo essere stato picchiato a sangue sul viso.

Bil'in, 10.10.14 - Attacco delle forze armate israeliane alla manifestazione del venerdì come non si vedeva da diversi anni. Dieci israeliani e circa 2 dozzine di internazionali si sono uniti agli attivisti del villaggio nel querceto di Abu Lemun vicino al muro della separazione. Prima che il corteo si muovesse, i soldati che stazionavano nei pressi del querceto hanno arrestato Mohammed Khatib, esponente del Comitato Popolare e lo hanno picchiato a sangue. Hanno inondato di gas gli altri manifestanti. Hanno anche fatto esplodere una granata assordante sotto l'auto di Rani Burnat, prima che egli potesse tirar fuori la sua carrozzella. L'auto in panne è stata poi rimorchiata nel villaggio. Gradualmente, ci hanno spinto verso il villaggio usando jeep armate. Siamo ancora riusciti a ricomporre il corteo, ma ci hanno fatto arretrare fino al villaggio. Un attacco così non si vedeva da più di 2 anni. Dopo un'ora e mezza di pressioni, le forze armate hanno rilasciato Mohammed e se ne sono andati dalla terre del villaggio non senza prima sparare altre munizioni vere ed arrestando un ragazzo che collezionava candelotti di alluminio usati.

https://www.facebook.com/mohamed.b.yaseen/posts/6544494...21060

Nabi Saleh

03.10.14 - Nel villaggio di Nabi Saleh la manifestazione settimanale si è scontrata con le forze di occupazione all'ingresso del villaggio che hanno usato proiettili di gomma e lacrimogeni.

Bilal Tamimi https://www.youtube.com/watch?v=iTeoIkcC448

10.10.14 - Il piccolo Karim al-Tamimi, il fotogiornalista Bilal Tamimi, un internazionale e molti altri hanno sofferto di sintomi da soffocamento durante la dura repressione delle violente forze di occupazione ai danni del corteo settimanale di Nabi Saleh. Il corteo era in solidarietà con al-Aqsa e Gerusalemme, che sono state sotto attacco sionista nelle ultime settimane. L'ufficio stampa della resistenza popolare di Nabi Saleh ha fatto sapere che il bambino è stato colpito alla testa con conseguente emorragia. E' stato ricoverato nel centro medico palestinese a Ramallah.

https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/94164224...98203
https://www.facebook.com/Tamimipresspage/posts/82574292...70189
Bilal Tamimi: https://www.youtube.com/watch?v=fzBz-BwPfSw

Nabi Saleh, 10.10.14

yisraelpnm: https://www.youtube.com/watch?v=jd4cHEyJV7U
David Reeb: http://youtu.be/KpZYTiaagVg

Al-Ma'sara

Venerdì, 10.10.14 - le forze di occupazione reprimono la manifestazione settimanale di Al-Ma'sara

Le forze di occupazione hanno represso la manifestazione settimanale indetta per condannare l'espansione coloniale finalizzata a confiscare le terre per toglierle ai palestinesi. La manifestazione è partita dal centro del villaggio con la partecipazione di dozzine di residenti, di attivisti internazionali e di attivisti della Resistenza Popolare giunti da varie località per prendere parte alla manifestazione. Sono state dispiegate le bandiere palestinesi e si sono sentiti canti si solidarietà e slogan popolari. I soldati israeliani hanno attaccato il corteo impedendogli di procedere. Gli attivisti hanno chiuso la strada per impedire agli occupanti di potersi muovere liberamente. Il Comitato Popolare contro il Muro ha confermato che la resistenza popolare nel villaggio continuerà fino alla fine dell'occupazione. Hanno anche denunciato il processo di espansione coloniale nella città di Betlemme con la presenza dei residenti di Betlemme sud, degli attivisti della resistenza popolare, dei dirigenti del movimenti politici, dei rappresentanti dei sindacati, della società civile, del movimento giovanile e della solidarietà internazionale.

https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/94162254...33507

Siete tutti invitati a partecipare alla manifestazione ad al-Ma'sara per l'8° anniversario della resistenza popolare nel villaggio, venerdì 17.10.14 alle 12.00 presso il Centro Culturale Alshmoh.

Qaddum

03.10.14 - Kufr Qaddum nella Palestina occupata - Un giovane ferito da un cecchino durante il corteo a Kufr Qaddum.

Un giovane è stato ferito da un cecchino a Kufr Qaddum durante gli scontri scoppiati dopo la preghiera del venerdì, ci sono anche 4 civili feriti da proiettili di gomma e dozzine di casi di soffocamento per inalazione di gas lacrimogeni. Il corteo è partito dalla moschea di Omar Iben al-Khattab in direzione della strada chiusa. I manifestanti scandivano con ampia partecipazione popolare slogan di condanna per gli insediamenti coloniali. Il coordinatore del corteo ha affermato che si andrà avanti fino all'ottenimento dei diritti. Ha aggiunto che l'occupazione israeliana ha deliberatamente inondato le case e gli alberi con acqua putrida come punizione collettiva per il popolo della città.

https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/93631328...97766
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.8126041854283...14816

Dopo quasi 4 anni di manifestazioni della resistenza popolare, il villaggio di Kufr Qaddum riesce ad aprire la strada principale che porta alla città di Nablus . Questa strada passa vicino all'insediamento illegale di Kadumim ed era stata chiusa ai palestinesi mentre era rimasta aperta agli illegali coloni israeliani per 13 anni!!

Congratulazioni ... LUNGA VITA ALLA RESISTENZA

Kufr Qaddum ha anche perso 400 ettari di terra a vantaggio dei 5 insediamenti illegali israeliani che circondano il villaggio. I contadini che cercano di raggiungere le loro terre devono affrontare minacce, aggressioni ed arresti. Alcune delle terre agricole di proprietà palestinese sono state dichiarate "zone militari chiuse" ed i coloni israeliani vi appiccano il fuoco regolarmente.

10.10.14, Kufr Qaddum

Kufr Qaddum: Irruzione in una casa e decine di casi di soffocamento negli scontri a Kufr Qaddum.

Decine di casi di soffocamento dovuti agli attacchi dell'esercito alla manifestazione settimanale contro gli insediamenti a Kufr Qaddum. I soldati israeliani hanno attaccato il corteo con gas provocando casi di soffocamento tra i manifestanti, tutti poi soccorsi sul campo. I soldati hanno fatto irruzione nella casa di Abu Ihab e da lì hanno sparato proiettili veri e di gomma contro i giovani ma senza feriti. Hanno anche lanciato getti di acqua putrida sulle case, sugli alberi e sui manifestanti per farli desistere. Il corteo era partito dalla moschea di Omar ibn al-Khattab con la partecipazione di decine di residenti in direzione della strada chiusa, scandendo slogan per la fine degli insediamenti e per l'apertura della strada. Il coordinatore ha sottolineato che, nonostante la stagione delle olive, la manifestazione è stata lanciata con forza per dare un segnale di unità; nessuna opzione e nessuna soluzione senza l'apertura della strada chiusa e senza la fine delle attività dei coloni sulle terre palestinesi.

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.8167252716828...14816
https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/94162000...67094

"Non dite che non lo sapevamo", n°423

L'esercito israeliano ha demolito più volte il villaggio palestinese di Tall al Hashaba (Tawa'il), a nord est di Akraba (nella regione di Nablus). Guardate il n°410. Lunedì 29 settembre 2014, l'esercito ha distrutto quasi 70 pali elettrici sulla strada per il villaggio e dentro il villaggio. Anche in precedenza, il 20 agosto 2014, era stata demolita la casa di due famiglie ed un ovile. 17 persone sono rimaste senza un tetto.

Colline a sud di Hebron

Un altro attacco brutale agli attivisti di Ta'ayush da parte di coloni di Mitspe Yaia
Sabato, 11.10.14, colline sud di Hebron, mentre attivisti di Ta'ayush accompagnavano le famiglie Awad e Jabareen sulle loro terre vicino l'avamposto di Mitspe Yair.

https://www.youtube.com/watch?v=EH2-Sm3RpNc
 

Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Blog di Ahdut (Unità - organizzazione comunista anarchica israeliana): http://unityispa.wordpress.com/
Documento politico di Ahdut sulla lotta palestinese: http://www.anarkismo.net/article/27038

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:

Related Link: http://www.fdca.it/wall
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

South Africa: Historic rupture or warring brothers again?

Declaración Anarquista Internacional: A 85 Años De La Revolución Española. Sus Enseñanzas Y Su Legado.

Death or Renewal: Is the Climate Crisis the Final Crisis?

Gleichheit und Freiheit stehen nicht zur Debatte!

Contre la guerre au Kurdistan irakien, contre la traîtrise du PDK

Meurtre de Clément Méric : l’enjeu politique du procès en appel

Comunicado sobre el Paro Nacional y las Jornadas de Protesta en Colombia

The Broken Promises of Vietnam

Premier Mai : Un coup porté contre l’un·e d’entre nous est un coup porté contre nous tou·tes

Federasyon’a Çağırıyoruz!

Piştgirîye Daxuyanîya Çapemenî ji bo Êrîşek Hatîye li ser Xanîyê Mezopotamya

Les attaques fascistes ne nous arrêteront pas !

Les victoires de l'avenir naîtront des luttes du passé. Vive la Commune de Paris !

Contra la opresión patriarcal y la explotación capitalista: ¡Ninguna está sola!

100 Years Since the Kronstadt Uprising: To Remember Means to Fight!

El Rei està nu. La deriva autoritària de l’estat espanyol

Agroecology and Organized Anarchism: An Interview With the Anarchist Federation of Rio de Janeiro (FARJ)

Es Ley por la Lucha de Las de Abajo

Covid19 Değil Akp19 Yasakları: 14 Maddede Akp19 Krizi

Declaración conjunta internacionalista por la libertad de las y los presos politicos de la revuelta social de la región chilena

[Perú] Crónica de una vacancia anunciada o disputa interburguesa en Perú

Nigeria and the Hope of the #EndSARS Protests

How Do We Stop a Coup?

Aλληλεγγύη στους 51 αντιφασίστες της Θεσσαλονίκης

© 2005-2021 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]