Benutzereinstellungen

Neue Veranstaltungshinweise

Italia / Svizzera

Es wurden keine neuen Veranstaltungshinweise in der letzten Woche veröffentlicht

Kommende Veranstaltungen

Italia / Svizzera | Religione

Keine kommenden Veranstaltungen veröffentlicht
Italia / Svizzera - Evento comunista anarchico
Friday August 29 2014
07:00 PM

1984-2014: 30 anni fa a Fano il primo meeting anticlericale

category italia / svizzera | religione | evento comunista anarchico author Wednesday August 27, 2014 16:12author by Alternativa Libertaria-FdCA - Federazione dei Comunisti Anarchiciauthor email fdca at fdca dot it Report this post to the editors

Una mostra multimediale ne presenta le edizioni, i materiali, gli ospiti, le pubblicazioni.
A Fano, presso l'Infoshop di via G. da Serravalle 16, dal 29 al 31 agosto con orario 18-21.
La mostra è a cura di Alternativa Libertaria-FdCA e dell'Archivio-Biblioteca E. Travaglini.
fano290814.jpg


1984-2014: 30 anni fa a Fano il primo meeting anticlericale

Una mostra multimediale ne presenta le edizioni, i materiali, gli ospiti, le pubblicazioni.
A Fano, presso l'Infoshop di via G. da Serravalle 16, dal 29 al 31 agosto con orario 18-21.

La mostra è a cura di Alternativa Libertaria-FdCA e dell'Archivio-Biblioteca E. Travaglini.



Il meeting anticlericale si è svolto a Fano per 15 anni, diventando un punto di riferimento nella battaglia italiana per il rispetto della diversità culturale e della libertà di pensiero, in un Paese tuttora per molti aspetti fortemente arretrato rispetto al riconoscimento di libertà individuali e di diritti civili invece ritenuti scontati in altri paesi d'Europa: dal testamento biologico alla fecondazione eterologa, ai diritti civili delle coppie di fatto.

Storia di autogestione e di sfide, di repressione (dai tentativi di vietare l'esposizione della scritta "meeting anticlericale" al divieto di usare spazi pubblici nel 1990), e di caos creativo, punto d'incontro dal quale nel 1986 nacque anche la prima versione organizzata della protesta civile contro la scorretta "conta dei fedeli" cattolici in Italia: l'Associazione per lo Sbattezzo.

Piccola Woodstock italiana, il meeting ha avuto tanti ospiti illustri e grandi performances, è stato fanese sino al 1998 diventando poi itinerante con tappe in diverse città italiane. Completamente autogestito, ha usato spazi pubblici allora semi abbandonati: la Rocca Malatestiana, il Bastione Sangallo, il Chiostro san Michele.

Sono gli anni dell'avvio del papato di Wojtyla, eletto nel 1978, e delle manovre finanziarie e politiche che sfociano nello scandalo dello IOR, nel 1982 con l'incriminazione del cardinale Paul Marcinkus e l'assassinio di Roberto Calvi. Sono anche gli anni della riforma dell'insegnamento della religione nelle scuole pubbliche, con la legge Falcucci del 1985, e la protesta di chi si ritrova, non volendo frequentare l'ora di religione cattolica, messo ai margini dell'orario scolastico. Sono gli anni in cui Craxi col 'nuovo Concordato' vara l'otto per mille, allora riservato alla sola confessione cattolica. C'è tanto da discutere, e i libertari e anarchici fanesi dell'attivissimo Circolo Papini si vedono catapultati nel grande successo dell'iniziativa, che giunge, edizione dopo edizione, a servire il "Menù eretico" alla mensa autogestita con oltre 500 pasti al giorno. Decine di gruppi musicali e di artisti decidono di contribuire con spettacoli gratuiti, ogni edizione riempie i campeggi, pensioni e alberghi fanesi.

Negli anni seguenti i principali mass media nazionali mandano inviati, e quelli internazionali (tra cui il "Times") si interessano al meeting. Da quel 3/5 agosto del 1984, il meeting è rimasto testimone di libertà e di anticonformismo ed anche, forse, un esempio di come oggi sia invece difficile intersecare contestazione, spontaneità e creatività per socialità che deve sottostare alla commercializzazione, a maggiore burocrazia e alle solite pressioni del potere politico.

Certo, i benpensanti fanesi che fecero guerra ai meeting, con il passare degli anni hanno avuto ben altro di cui "scandalizzarsi": le rivelazioni shock sulla pedofilia nel clero, gli omicidi e gli scandali dei Corvi in Vaticano, le inchieste sullo IOR hanno riconfermato da sé la grande corruzione insita nei tradizionali modelli del potere temporale della Chiesa cattolica; la realtà ormai fa sembrare ingenua la stessa satira anticlericale. Ma se ancora adesso alcuni benpensanti hanno reazioni scomposte di fronte alla parola "anticlericale" (lo abbiamo visto lo scorso anno con la "censura" alla presentazione alla Rocca Malatestiana di un libro su Joyce Lussu ed i meeting) è perché forse questa è la chiave di lettura politica più efficace di tanto malaffare italiano e l'esorcismo di tanta retorica che cela dietro alla religiosità quegli schemi tipici di lobby e clientelismo dei quali il nostro Paese purtroppo non vuole ancora fare a meno.

Evento FB:
https://www.facebook.com/#!/events/574438046000514/

Per altre informazioni:
http://www.arivista.org/?nr=356&pag=dossier_anticlericale
http://www.bibliotecaliberopensiero.it/
http://it.wikipedia.org/wiki/Associazione_per_lo_Sbattezzo

Verwandter Link: http://www.fdca.it
author by Alternativa Libertaria/FdCApublication date Sun Sep 07, 2014 17:26author address author phone Report this post to the editors

Una novantina di persone hanno visitato dal 29 al 31 agosto la mostra di manifesti, fotografie, materiale video ed articoli di stampa dell'epoca allestita nell'Infoshop di Via Serravalle a Fano per il trentesimo anniversario del Meeting Anticlericale, la cui prima edizione si tenne appunto nel 1984 ed a cui ne seguirono altre 14 nella sola città di Fano, prima di spostarsi in altre città (Bologna, Piombino, Modena, Roma...).

Organizzata da Alternativa Libertaria/FdCA e dalla Biblioteca Travaglini, che ha messo a disposizione il materiale d'archivio, la tre giorni della memoria anticlericale- allietata da una sangria di ispirazione anarcoispanica- ha richiamato visitatori incanutiti che hanno vissuto in prima persona quella indimenticabile stagione di libertà di pensiero che accendeva in Fano passioni e scomuniche, denunce e processi, messe riparatorie e repliche dei miracoli più riusciti, rivendicazioni di laicità e aspirazioni di sbattezzo; ma anche giovani attratti dalla documentazione definitiva di un evento di cui in Fano ancora si parla come di uno spazio di autonomia di critica politica e di partecipazione popolare rinnovatosi per 15 anni e mai più riapertosi in quelle dimensioni di massa e con quell'impatto sui media locali, nazionali ed internazionali.

La documentazione fotografica e video esposta ha restituito in pieno la febbrile attività intorno al Meeting, nella sua fase di allestimento e nella sua realizzazione, recuperando foto dell'epoca e materiali visivi tratti dal TG3 delle Marche, da una trasmissione di Ugo Gregoretti per RAI3, da riprese private finora inedite.

La documentazione cartacea, dai coloratissimi ed irriverenti manifesti ad affissione pubblica di indizione e convocazione a raduno degli anticlericali, laici, atei, agnostici, miscredenti e liberi pensatori di tutta Italia, agli opuscoli e giornali diffusi durante le edizioni del Meeting, ha restituito la grande verve satirica dei creativi del gruppo organizzatore ma anche la capacità di critica e di denuncia delle ingerenze clericali e della legislazione connivente sulle vite dei comuni mortali.

La giornata inaugurale del 29 agosto ha ospitato la lettura a viva voce in strada di "preghiere" anticlericali, applaudite con ardore e devozione.

Tra i visitatori ispirati da insopprimibile amarcord e quelli richiamati dalla curiosità storica, ricordiamo gli/le esponenti delle associazioni che animano l'Infoshop, i/le giovani del centro sociale Grizzly di Fano, esponenti del Gruppo Anarchico Kronstadt di Ancona e della FAI di Jesi, ex-consiglieri comunali dell'epoca difensori della insopprimibile libertà di Meeting e consiglieri comunali di oggi della neo-giunta di centrosinistra, alla ricerca magari di ispirazione per restituire a Fano quegli spazi di libertà, ancora fino allo scorso anno negati quando venne impedito l'uso della Rocca Malatestiana (luogo simbolo e porta-del-tempo dei meeting anticlericali) per lo svolgimento del Fuorisalone Libertario.

Alternativa Libertaria/FdCA e Biblioteca Travaglini ringraziano tutt* coloro che hanno reso possibile questa iniziativa e tutt* coloro che hanno voluto con la loro visita dimostrarne la significatività politica e culturale attraverso gli anni.

 
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Italia / Svizzera | Religione | it

Mon 03 Oct, 14:36

browse text browse image

textAlpini alla guerra per Dio! 15:27 Sun 23 Mar by Gli Anarchici del nord-est 0 comments

La vicenda in cronaca locale intorno alla diatriba fra Alpini e clero locale sulla libertà dei primi di portare il cappello nelle funzioni religiose e declamare la "preghiera dell'alpino" ci fa sorridere, in quanto si omette da un lato lo stridere di un testo religioso che affonda la genesi nell'Italia iper-nazionalista e fascista (e di un clero colluso) e dall'altra parte un ipocrisia dei preti nel rivendicare una cristianità pacifica e pacifista che cozza con la sua struttura che arriva fin li nel organizzarsi all'interno delle forze armate ma entriamo nel dettaglio:

textUn Crocifisso da 5.000 euro 19:01 Mon 09 Nov by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

La Corte Europea ha esposto una sentenza in base ad una Carta dei Diritti Umani dove sono espressi i veri fondamenti giuridici e politici in termini di cittadinanza politica liberale e democratica dell'Europa. Gli articoli esaminati sono semplicemente il portato di un comune cemento giuridico-politico giusnaturalista e liberale che sancisce il pluralismo in seno alla democrazia liberale.

textLaicità strumento di educazione alla convivenza 21:14 Wed 30 Jan by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Nella concezione del comunismo anarchico, la società che esso vuole costruire è un soggetto dinamico, in continua evoluzione e cambiamento, che ammette la diversità come valore, che - a differenza di quella marxista - non ha verità da imporre, nemmeno l'ateismo, che mira alla piena realizzazione della felicità sulla terra, attraverso l'uguaglianza, anche di genere, e la fine dello sfruttamento dell'uomo sull'uomo e la liberazione dal lavoro salariato. [ English ]

textBenedetto rifiuto 17:41 Wed 16 Jan by Segreteria nazionale FdCA 0 comments

Vista la mala parata, "per non eccitare gli animi", Ratzinger declina l'invito. I laici alla Paolo Mieli e il parroco Romano Prodi si stracciano le vesti, lamentando la violazione della libertà di pensiero, dimenticando che l'art. 7 della Costituzione, voluto dai cattolici, afferma che la Repubblica italiana e la Chiesa cattolica sono indipendenti e sovrani nel proprio ordine.

textLa manifestazione del 12 maggio - family day 18:08 Tue 22 May by Consiglio dei Delegati FdCA 0 comments

Iconografia mediatica a parte, con la manifestazione organizzata in prima persona dalle strutture ecclesiali la chiesa cattolica italiana si è fortemente secolarizzata, è scesa in campo, si è fatta partito...
Come comunisti anarchici dobbiamo perciò intensificare la nostra lotta contro tutte le confessioni religiose sostenendo la libertà di pensiero e di coscienza, che si traduce nella libertà individuale di credere e di non credere come un diritto della persona.

textNo Vat! Il Papa ti irrita? Irrita il Papa! 17:55 Fri 09 Feb by Federazione dei Comunisti Anarchici 2 comments

Quando il clero pretende di voler tornare a decidere sulla politica di un paese e del suo popolo, allora l'anticlericalismo torna a riproporsi come strumento del libero pensiero; quando l'identità religiosa combacia con quella della destra estrema, allora l'antifascismo torna ad essere pratica di vita e di lotta per la libertà e l'autogestione.

textIl Vaticano e la sindrome del balcone di casa 18:30 Tue 17 Jan by Consiglio dei Delegati - FdCA 1 comments

Effettivamente l’imperversare di papi, vescovi, cardinali e catto-ministri vari sta raggiungendo in Italia livelli imbarazzanti. Se solo qualche semestre fa lo scontro di civiltà veniva paventato proprio in funzione della superiorità culturale occidentale, in grado di distinguere, contrariamente ai paesi islamici, l’ambito civile da quello religioso, ora non passa giorno in cui non si sia costretti ad assistere alle puntuali esternazioni d’oltretevere sulle questioni più disparate.

textItalia: Confessione e Prestazione 21:10 Thu 12 Jan by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Abbiamo assistito in questi anni, mediante l'introduzione del "principio di sussidiarietà" nella legislazione nazionale (leggi Bassanini) e in tutti gli Statuti regionali italiani, all'approfondirsi del problema dell'ingerenza confessionale nell'erogazione di servizi alla persona, finanziati pubblicamente: dalla sanità alla scuola, dall'assistenza sociale ai servizi pubblici cittadini.

textSussidiarietà e dottrina sociale della Chiesa 19:44 Thu 01 Sep by FdCA 1 comments

Da tempo la FdCA segue e denuncia l'introduzione del principio di sussidiarietà nel tessuto sociale italiano; non ci stupisce la presentazione di un documento bipartisan, di parlamentari di Forza Italia e Margherita, sulla "sussidiarietà per cambiare il Paese" proprio al meeting ciellino di Rimini.

textSan Cirietta Aug 17 by Lucio Garofalo 0 comments

Com'è noto, il calendario cristiano rievoca oggi la festività di san Rocco, patrono di Lioni, il mio borgo natio. Ma, a quanto pare, san Rocco è un santo venerato ed onorato in numerosi luoghi d'Italia e all'estero...

textCittà del Vaticano: quanto vale la giustizia vaticana...? sul processo a Fittipaldi e Nuzzi Dec 07 by Francesca Palazzi Arduini 0 comments

Per i privilegiati tutto si chiude, anche con il papato di Bergoglio, con la contrizione e la punizione comminata in segreto, e forse scontata con obbedienza, in ossequio al “sigillum confessionis”.

imageEsercizi di revisionismo Sep 20 by Coordinamento Facciamo Breccia 0 comments

20 settembre 2010: Centoquaranta anni dalla breccia di porta pia, dalla caduta del regno pontificio, dalla fine dei papa re. Si avvicinano le commemorazioni nell’ambito del “grande evento” dell’unità d’Italia tra retorica del tricolore, rispolvero di fasci littori, insabbiamento da camice verdi. Le celebrazioni dell’anniversario della breccia le gestisce Alemanno, il sindaco con la celtica, il quale, con serena pace di ogni parte politica (cioè due parti: il blocco di potere che governa e quello che lo lascia governare), si è prefisso l’obiettivo di arrivare a una commemorazione “condivisa” con la Santa Sede. E non solo alla commemorazione condivisa, ma a “Roma Capitale” condivisa. Con buona pace della “breccia di porta pia”, la cui direzione è mutata: dal Vaticano stanno ora entrando in Italia i “bersaglieri” con le tonache.

textVignette scomode: il caso italiano Feb 27 by Francesca Palazzi Arduini 0 comments

Chi in Italia si accalora contro i musulmani sbaglia, così come chi scusa i fanatici affermando che quelle vignette "li provocano". Basta fare una rapida ricerca in internet sulle vignette per capirlo: non ne troverete quasi traccia, vedrete invece immagini di roghi, di bandiere danesi calpestate, di folle inferocite. Dove sono le vignette così tanto provocanti?

imageVon Ratzinger il Sincero Jan 18 by Pier Francesco Zarcone 0 comments

Purtroppo non può dirsi che con l'allocuzione papale all'Angelus del 4 dicembre 2005 non si sia toccato il fondo: l'abisso dell'abiezione cattolica è sicuramente ancora più profondo. Comunque una volta qualitativa rispetto al più recente passato post-conciliare, c'è stata.

more >>

textAlpini alla guerra per Dio! Mar 23 0 comments

La vicenda in cronaca locale intorno alla diatriba fra Alpini e clero locale sulla libertà dei primi di portare il cappello nelle funzioni religiose e declamare la "preghiera dell'alpino" ci fa sorridere, in quanto si omette da un lato lo stridere di un testo religioso che affonda la genesi nell'Italia iper-nazionalista e fascista (e di un clero colluso) e dall'altra parte un ipocrisia dei preti nel rivendicare una cristianità pacifica e pacifista che cozza con la sua struttura che arriva fin li nel organizzarsi all'interno delle forze armate ma entriamo nel dettaglio:

textUn Crocifisso da 5.000 euro Nov 09 FdCA 0 comments

La Corte Europea ha esposto una sentenza in base ad una Carta dei Diritti Umani dove sono espressi i veri fondamenti giuridici e politici in termini di cittadinanza politica liberale e democratica dell'Europa. Gli articoli esaminati sono semplicemente il portato di un comune cemento giuridico-politico giusnaturalista e liberale che sancisce il pluralismo in seno alla democrazia liberale.

textLaicità strumento di educazione alla convivenza Jan 30 FdCA 0 comments

Nella concezione del comunismo anarchico, la società che esso vuole costruire è un soggetto dinamico, in continua evoluzione e cambiamento, che ammette la diversità come valore, che - a differenza di quella marxista - non ha verità da imporre, nemmeno l'ateismo, che mira alla piena realizzazione della felicità sulla terra, attraverso l'uguaglianza, anche di genere, e la fine dello sfruttamento dell'uomo sull'uomo e la liberazione dal lavoro salariato. [ English ]

textBenedetto rifiuto Jan 16 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Vista la mala parata, "per non eccitare gli animi", Ratzinger declina l'invito. I laici alla Paolo Mieli e il parroco Romano Prodi si stracciano le vesti, lamentando la violazione della libertà di pensiero, dimenticando che l'art. 7 della Costituzione, voluto dai cattolici, afferma che la Repubblica italiana e la Chiesa cattolica sono indipendenti e sovrani nel proprio ordine.

textLa manifestazione del 12 maggio - family day May 22 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Iconografia mediatica a parte, con la manifestazione organizzata in prima persona dalle strutture ecclesiali la chiesa cattolica italiana si è fortemente secolarizzata, è scesa in campo, si è fatta partito...
Come comunisti anarchici dobbiamo perciò intensificare la nostra lotta contro tutte le confessioni religiose sostenendo la libertà di pensiero e di coscienza, che si traduce nella libertà individuale di credere e di non credere come un diritto della persona.

more >>
© 2005-2022 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]