Benutzereinstellungen

Neue Veranstaltungshinweise

Argentina / Uruguay / Paraguay

Es wurden keine neuen Veranstaltungshinweise in der letzten Woche veröffentlicht

Kommende Veranstaltungen

Argentina / Uruguay / Paraguay | Lotte sindacali

Keine kommenden Veranstaltungen veröffentlicht

Le onde e il vento... e la ristrutturazione

category argentina / uruguay / paraguay | lotte sindacali | altra stampa libertaria author Sunday February 23, 2014 15:53author by La Bordo - Bloque Sindical de Base Report this post to the editors

Durante il mese di gennaio, il governo nazionale ha deciso di far sprofondare la svalutazione che era già aumentata nel corso del 2013. Sul fuoco di un aumento generalizzato dei prezzi registrato nell'ultimo trimestre, il governo ha gettato ulteriore benzina con una brusca svalutazione del 20%. L'obiettivo di qualsiasi svalutazione è quello di abbassare i costi domestici in pesos (tra cui quello della manodopera) ed equilibrare i conti pubblici abbassando la spesa pubblica, cosa che in buon criollo si chiama in un solo modo RISTRUTTURAZIONE. [Castellano]
nueva_imagen_de_mapa_de_bits.png

Chi trae benefici da questa politica?

Queste decisioni governative vanno a vantaggio degli imprenditori in generale e dei settori esportatori in particolare, quelli che già producono con costi in pesos ed esportano in cambio di dollari.

Chi viene dannegiato da questa politica?

Ogni svalutazione colpisce l'insieme dei lavoratori e lavoratrici, degli occupat* e disoccupat*, dei lavoratori attivi e dei pensionati

Qual è la situazione degli insegnanti?

Tenendo conto degli stipendi dei docenti nelle 24 province, il settore docente di Buenos Aires è passato dai primi posti agli ultimi, al di sotto della media nazionale dell'indice di povertà. Negli ultimi anni le risorse contrattate come recupero salariale sono state al di sotto del tasso di inflazione. Il nostro datore di lavoro, l'amministrazione provinciale, è intervenuta con accordi in tre direzioni, con risorse specifiche senza incrementi ed in alcuni casi non compensative, portando lo stipendio-base molto al di sotto del salario minimo vitale. A questo si è sommata la precarietà lavorativa tramite contratti a termine come quelli previsti dal piano FINES (Finalización de Estudios Primarios y Secundarios, ndt) e la precarizzazione delle condizioni di vita di migliaia di docenti a tempo determinato a partire dalla ritardata o mancata corresponsione dei salari. Nel corso degli ultimi due anni decine di migliaia di docenti si sono ritrovati ogni fine mese con l'amara notizia che la provincia non aveva erogato lo stipendio previsto per quel mese ed in molti casi per i mesi a seguire.

Che si può fare affinché la ristrutturazione la paghi chi sta in alto?

Noi siamo iscritti al SUTEBA (Sindicato Unificado de Trabajadores de la Educación de Buenos Aires, ndt), con cui promoviamo l'organizzazione sindacale di tutti i docenti, ma è doveroso far notare che all'interno del sindacato proprio la Lista Celeste, guidata da Roberto Badarel (segretario generale del SUTEBA, ndt), ha permesso che si creasse la situazione fin qui descritta. Il suo identificarsi con il partito al governo l'ha portata a dare priorità agli interessi del governo a discapito dei bisogni dei lavoratori, i quali nella situazione attuale si mostrano scettici e timorosi quando è invece l'ora di dimostrare maggiore fermezza. Per questo è necessario organizzarsi scuola per scuola per esigere assemblee che elaborino una piattaforma ed un forte programma di lotte. Per far pagare la ristrutturazione a chi sta in alto.

Esigiamo:

  • Il pagamento degli stipendi arretrati a migliaia di docenti
  • Aumenti stipendiali in base ai carichi familiari, indicizzati ed in grado di recuperare la perdita di potere d'acquisto dovuta all'inflazione.
  • Clausola di indicizzazione automatica in base ai livelli di inflazione
  • Soluzione dei problemi infrastrutturali
  • Funzionamento dello IOMA (Instituto Obra Médico Asistencial, ndt)che garantisce la salute dei docenti e delle loro famiglie
  • Assoluzione degli operai delle raffinerie di petrolio di Las Heras (nella provincia di Mendoza a nord-ovest, ndt) condannati per aver reclamato la fine delle imposte sul reddito dei lavoratori.

Bloque Sindical de Base

Lista Bordó en SUTEBA General Sarmiento (1)

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali


Nota: (1): Lista Bordò, lista di opposizione di base all'interno del SUTEBA

Verwandter Link: http://bloquesindicaldebase.blogspot.com.ar/
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Argentina / Uruguay / Paraguay | Lotte sindacali | it

Fri 07 Oct, 21:25

browse text browse image

Sorry, no stories matched your search, maybe try again with different settings.

imageArgentina: Dove va la CGT (II) Sep 04 by CEL 0 comments

Una delle novità di questa congiuntura è che per la prima volta nel ciclo di dominazione kirchnerista una frazione dei settori più strategici del proletariato organizzato sindacalmente si colloca fortemente alla opposizione reclamando il miglioramento della situazione economica e la difesa del sindacato e dei suoi metodi come strumenti di lotta. Anche se questo è stato fatto da esponenti del sindacalismo di base e classista, ciò non toglie che si tratti di espressioni isolate relative a particolari categorie. [Castellano]

imageSenza padroni: il movimento delle fabbriche recuperate dai lavoratori in Argentina dal 2001 al 2009 May 16 by Red Libertaria de Buenos Aires 0 comments

Dalla fine del 2001 agli inizi del 2002, alcuni settori della classe lavoratrice argentina si sono resi protagonisti di una straordinaria esperienza di lotta: l'occupazione delle fabbriche e la prosecuzione della produzione senza padroni. In un contesto di crisi economica, di alti livelli di disoccupazione, di fallimenti delle aziende con licenziamenti di massa, migliaia di lavoratori si auto-organizzarono per mantenere il loro posto di lavoro. [Castellano]

textRadunare il classismo dal basso Oct 07 by ORGANIZACION SOCIALISTA LIBERTARIA 0 comments

Il mese di luglio ha rappresentato un record storico per la quantità di misure di forza di cui è stata protagonista il settore occupato della classe lavoratrice. Solo il settore docente ha organizzato nel 2005, 173 manifestazioni.

textRisorge la lotta di classe per mano dei delegati e delle delegate di base Jul 05 by OSL-Argentina 1 comments

Articolo dalla rivista anarchica "En la Calle" dell'Organizzazione Socialista Libertaria argentina.

imageLavoratori senza padroni - Autogestione dei lavoratori in Argentina Jun 07 by José Antonio Gutiérrez D. 1 comments

L'Argentina ha sorpreso il mondo il 20 dicembre del 2001, quando una rivolta popolare spontanea obbligò l'allora presidente Fernando De La Rua a dare le dimissioni. Sembrava di essere di fronte al tracollo della più prosperosa economia dell'America Latina, ma in realtà i sintomi della crisi argentina si potevano avvertire da tempo, e quello che stava accadendo quel giorno non era altro che la vulcanica esplosione di rabbia accumulata dalla gente. [Čeština] [English]

more >>
Sorry, no press releases matched your search, maybe try again with different settings.
© 2005-2022 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]