user preferences

Ciao Silvia

category italia / svizzera | vari | comunicato stampa author Saturday April 13, 2013 23:46author by FdCA - FdCAauthor email fdca at fdca dot it Report this post to the editors

Il 10 aprile 2013 a Losanna, ci ha lasciati Silvia Francolini, compagna della Federazione dei Comunisti Anarchici,

Lunedì 15 aprile daremo l'ultimo saluto alla nostra compagna e amica al cimitero urbano di Fano alle 16.00. [English]

ancona.jpg


Il 10 aprile 2013 a Losanna, ci ha lasciati Silvia Francolini, compagna della Federazione dei Comunisti Anarchici, a soli 35 anni anni, dopo 2 anni di lotta contro una malattia implacabile.

Lunedì 15 aprile daremo l'ultimo saluto alla nostra compagna e amica al cimitero urbano di Fano alle 16.00 per accoglierla nella sua terra e cantare per l'ultima volta con lei Bella Ciao e Figli dell'Officina. Ci incontreremo poi al centro di Documentazione Franco Salomone per ricordarla, anche se non la dimenticheremo mai, per bere insieme un bicchiere di vino rosso alla sua forza e al suo coraggio, e come voleva lei alla libertà e alla rivoluzione.

Militante sin da giovanissima, rigorosa quanto non dogmatica, nel 1995, Silvia fonda la sezione FdCA di Fano, dove ha dato un grande contributo alla diffusione delle idee comuniste anarchiche ed alla costruzione di organismi di lotta e di resistenza a prassi libertaria, nelle lotte studentesche, nelle lotte femministe, in quelle dei precari, antifasciste e antirazziste. Trasferitasi da Fano a Losanna con il suo compagno Ismael, era diventata collaboratrice del Centre Internationale de Recherches sur l'Anarchisme e della Organisation Socialiste Libertaire, dove aveva partecipato alle mobilitazioni no-global locali ed internazionali come quella di Evian (2003) e di Davos (2003); aveva partecipato come delegata della FdCA al primo meeting di Euroanarkismo a Parigi (2010) ed all'incontro internazionale anarchico di St.Imier (agosto 2012).

Related Link: http://www.fdca.it
author by donato romito - FdCApublication date Sun Apr 14, 2013 06:30Report this post to the editors

Ci mancherai Silvia.....
ci mancherà la tua profonda innata umanità, il tuo essere sempre generosa compagna di lotta e di agire libertario, tu femminista rigorosa ma con ironia e disincanto, tu anarchica tenace con l'organizzazione nel sangue, ed il tuo spronarci a non abbassare la guardia di fronte al rinascente fascismo locale, di fronte al razzismo, il tuo avvertirci di parlare al cuore della gente, quel tuo andare verso il popolo che ti veniva facile per natura e formazione...;
mi mancherà quel tuo cipiglio quando nella primavera del 1995 ti portasti dietro Daniela, Lia, Pozzo e Sgherri e mi dicesti:-Noi vogliamo entrare in FdCA, allora come si fa?;
mi mancherà quella tua fiducia nelle capacità organizzative delle compagne e dei compagni, tanto da scovare quella sede che ora è l'infoshop e che tu hai tanto vissuto; mi mancherà la nostra comune passione per i pinkfloyd di cui sapevi tutte le parole a memoria....
mi mancherà la tua capacità di resistenza, di non piegarsi, di sfidare anche le forze più sovrastanti, così come l'ho vista nei tuoi occhi a St.Imier lo scorso agosto, ancora tra di noi, tra i comunisti anarchici di tutto il mondo, a cantare Figli dell'officina, Bella ciao, a bere e a dar da bere, perchè nessuno resti col bicchiere vuoto!!
Nemmeno in questo momento in cui te ne vai, vinta nel fisico, ma non nel ricordo e nell'insegnamento che ci lasci...
Buon viaggio cara compagna
staremo vicini al tuo caro Ismael ed al tuo caro piccolo Emilio
donato

author by Francesca Palazzi Arduini - femminismi.it/un osservatorio sulla libertà femminilepublication date Mon Apr 15, 2013 03:18Report this post to the editors

Lungo i ponti di Silvia…
Se n’è andata mercoledì 10 aprile, dopo una lunga lotta contro la malattia, Silvia Francolini. Accade a Losanna, città in cui aveva scelto di vivere con il suo compagno Ismael Zosso, ed Emilio, il loro figlio di appena due anni.
Nata a Fano nel 1977, Silvia si era laureata in Lingue e letterature straniere moderne, contemporaneamente lavorando ed impegnandosi nei collettivi libertari fanesi, primo fra tutti quello che negli anni ’90 mise sotto l’attenzione cittadina il grave problema dell’assenza di spazi autogestibili dai giovani nella città addomesticata dai partiti e dalla convivialità commerciale (epiche alcune occupazioni di stabili sfitti sotto la giunta Carnaroli-PD).
Silvia, proveniente da una famiglia di solida cultura operaia, è culturalmente molto preparata sulla storia dei movimenti antirazziali e del movimento Black panters, ed ha portato a Fano in quegli anni interessanti iniziative, tra le quali quelle di sensibilizzazione contro la pena di morte negli USA (ricordiamo la campagna per la vita di Mumia Abu Jamal, o quella per il nativo americano Leonard Peltier). Nel frattempo si è occupata dell’attività della sezione fanese della Federazione dei comunisti anarchici, attiva nel movimento politico provinciale per le lotte sindacali, i diritti civili, l’antirazzismo, nella piccola sede di via G. da Serravalle 16, ora Infoshop, ed ha anche di recente contribuito alla costruzione del Centro studi Franco Salomone, con sala riunioni e biblioteca, a Fano2.
Da alcuni anni viveva in Svizzera, lavorava come insegnante, era attiva presso il Centro internazionale di ricerche sull’anarchismo, Cira, di Lausanne, luogo internazionalmente noto presso il quale si era formata come archivista, dando manforte al lavoro di archiviazione di documenti in lingua italiana e supportando molte attività multilingue. E’ stata presente ad iniziative “ponte” tra lingue e culture nell’ambito dell’anarchismo, in ultimo al raduno internazionale di Saint Imier.
Il suo amore per la sua città d’origine, Fano, l’ha vista tentare diverse volte un ritorno, nonostante la congiuntura economica sfavorevole; Silvia, amava il sole e il mare, il dialetto e la cucina fanese, proprio a lei e al suo compagno si deve il varo di un’impresa di pedagogia tutta mirata al Porto di Fano e al mare, “Passaporto”, integrata ed originale.
Nonostante i tanti interessi che la legavano al territorio (ricordiamo anche la sua partecipazione a seminari e spettacoli del centro danza Hangart di Pesaro), come succede per tante giovani persone italiane, il lavoro l’ha tenuta a lungo altrove. Certo è riduttivo parlare di “fuga dei cervelli” per persone che come lei hanno dato tanto in calore umano, passione politica e affetto, alla sua città. Silvia è riuscita, anche in questi ultimi anni, a costruire ponti tra due realtà apparentemente lontane, come le sue due città, Lausanne e Fano, e da questo pensava di trarne un pamphlet ironico che raccontasse la Svizzera vista da una italiana, anzi da una marchigiana. Quante risate alla descrizione del vago odore di benzina che si sollevava dal lago di Losanna al primo raggio di sole primaverile, quando le famiglie svizzere fanno capolino per una grigliata, ed i capifamiglia armeggiano al barbecue in pantaloncini rigorosamente color kaki!
In questo momento in cui sembra sempre che, dopo tanti passi in avanti su quei ponti, la sua scomparsa ci faccia improvvisamente tornare indietro, siamo vicine al suo compagno, Ismael Zosso, ed al piccolo Emilio, perché quei ponti, fatti di umanità, di presenze tangibili e corporee, di sapori e parole, restino percorribili in entrambi i sensi, ed il senso della passione umana e politica di Silvia, siamo sicure, ci sosterrà sempre nei tragitti. Animiamo questo momento di sconforto e gelo con gli ideali e il vino rosso che condividiamo con Silvia

author by FdCA - Fano/Pesaropublication date Tue Apr 16, 2013 07:28Report this post to the editors

Un centinaio di persone, tra parenti, compagn*, amici di famiglia, ha preso parte il 15 aprile pomeriggio, alla cerimonia funebre presso il cimitero di Fano; molto toccante il momento in cui, accompagnando le ceneri di Silvia alla tomba, è stata intonata in coro da tutti i presenti Bella Ciao mentre sventolava la bandiera della FdCA.
E' seguita presso il Centro Salomone una cerimonia, in cui la compagna Andreani per la FdCA ha ricordato Silvia ed il suo contributo alla vita della Federazione ed alle lotte tanto a Fano quanto a Losanna. Una cinquantina di compagne e compagni presenti hanno abbracciato commossi il suo compagno Ismael al canto di Figli dell'Officina, mescendo vino rosso e brindando alla libertà ed alla rivoluzione, come Silvia avrebbe voluto.
rip

 
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

ANARCHISM, ETHICS AND JUSTICE: THE MICHAEL SCHMIDT CASE

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]