user preferences

Upcoming Events

Iberia | Economia

No upcoming events.

Spagna: fabbriche recuperate ed autogestite

category iberia | economia | opinione / analisi author Wednesday January 09, 2013 00:56author by José Luis Carretero Report this post to the editors

Con il panorama della crisi finanziaria ed economica, lo Stato spagnolo comincia a fare tagli sempre più sottili e mirati. Quindi, le chiusure di imprese e i licenziamenti sono all'ordine del giorno, lasciando una scia di disoccupati. Nel calore delle proteste e della resistenza, il cambiamento sociale (con l'autogestione come elemento centrale) si fa sempre più vivo sull'orizzonte della Spagna. [Castellano] [Français]

instalacionesgramagraf_crs2.jpg

Solo cinque o sei anni fa, parlare di società recuperate o cooperative in Spagna era un argomento non solo marginale, ma profondamente estraneo agli interessi e alle esperienze della grande maggioranza della popolazione. Come parte della società della bolla, del consumo sfrenato e della "festa "giovanile, nessuno ha sollevato -o lo hanno fatto dei gruppi molto piccoli o molto localizzati geograficamente- la necessità di lavorare per una stessa prospettiva orizzontale al di fuori del comando capitalistico.

Marinaleda o Mondragon erano esperienze autogestite di dimensione globale, ma la verità è che la popolazione ispanica è rimasta profondamente estranea ai valori che li hanno sostenuti.

Tuttavia, non è sempre stato così. Senza dover viaggiare fino alla collettivizzazione derivanti dalla guerra civile del 1936-39 (che coprì gran parte dei servizi, delle industrie e dell'agricoltura nella zona repubblicana), nello scenario della cosiddetta Transizione spagnola dal franchismo alla democrazia, negli anni '70, l'esperienza del recupero delle imprese da parte dei lavoratori, ebbe un ruolo importante.

Erano tempi di crisi, fratture e movimenti di grandi dimensioni. Fu il calore delle stesse iniziative, forgiate come la Numax, una fabbrica di elettrodomestici autogestita da parte dei lavoratori in risposta al suo tentativo di chiusura irregolare, la cui esistenza si era riflessa in due documentari di Joaquim Jorda: "Numax presenta" e "20 años no es nada".

Alcune delle esperienze di quegli anni è sopravvissuto, nonostante tutto, fino ad oggi, come la Mol Matric a Barcellona, ​​ora responsabile per la realizzazione del telaio di una linea della metropolitana di Barcellona, ​​del treno e centinaia di macchine industriali per le aziende come la General Motors; o l'impresa Gramagraf, occupata da 25 anni, e attualmente fa parte del gruppo editoriale cooperativo Cultura 03.

Ma la transizione era finita. E lo ha fatto come un grande fiasco. Le linee essenziali del regime di Franco vennero mantenute attraverso una semplice riforma politica che introduceva il paese nel campo della Unione Europea e della NATO, e concedeva alcune libertà civili, senza toccare i meccanismi essenziali di distribuzione del potere economico e sociale. I movimenti di grandi dimensioni si erano sgonfiati, e al sperimentale ed autogestione si sostituirono il "disincanto" e il cinismo. Le proposte di autogestione non sono mai scomparse, ma sono state relegate in uno spazio puramente marginale.

E questo è durato fino a quando la società della bolla e del consumo eccessivo e irresponsabile è rimasto in pieno vigore. Come? Fondamentalmente basato sul credito e sullo sfruttamento del lavoro migrante e della gioventù, precarizzando le condizioni di lavoro e creando una legge sull'immigrazione che incoraggiava l'attività sommersa e senza diritti.

Dopo aver raggiunto l'attuale crisi economica e finanziaria, le strutture sono cambiate e tutto si muove: l'escalation inarrestabile del tasso di disoccupazione, cosa mai vista in precedenza nella società spagnola, e il degrado accelerato della produzione e delle imprese - soprattutto con l'implosione della bolla immobiliare-, ha generato una situazione radicalmente nuova che coinvolge l'apertura di un maggior rilievo economico e culturale.

La disoccupazione e la povertà ha spinto ampie fasce della popolazione ad affidarsi all'economia sommersa e a sopravvivere con i magri sussidi di uno stato sociale che non si è mai sviluppato in Spagna come nei paesi centrali dell'Europa.

Le estremità (in senso stretto, estremista) rettificate ed apportate dal governo prima dello scoppio della crisi del debito generato dalla socializzazione del debito privato delle istituzioni finanziarie ha causato l'effetto atteso: lo Stato spagnolo è diventato un deserto economico gigantesco, in cui sono avvenute numerose chiusure e ampi settori della popolazione, sono stati esclusi dalle attività produttive.

In questo contesto, gli eventi scoppiati il 15 Maggio 2011, e che sono stati chiamati "Movimento degli indignati", ha visto espresso la prima resistenza massiccia al processo di decomposizione sociale imposto dalle dinamiche neoliberiste dell'UE e dai governi spagnoli.

Da allora, l'architettura politica della società torna ad essere un elemento di dibattito pubblico e discusso. La politica ha riguadagnato una certa centralità nelle conversazioni di tutti i giorni e nelle menti della popolazione generale. Parlando ora di proteste, resistenza o del cambiamento sociale (con l'autogestione come tema centrale) diventa possibile.

Ma negli ultimi mesi, il calore della crisi si fa sempre più vivo, e vengono sempre più diffusi questi germi e semi di autogestione. E l'attività di recupero delle risorse da parte dei lavoratori stessi, diventano di nuovo possibile.

In questo senso, e nei primi anni della crisi, circa 40 aziende sono state rilevate dai lavoratori e posti in funzione in modo cooperativo, come sostenuto dalla Confederación de Cooperativas de Trabajo Asociado (COCETA). Tra questi si contano le iniziative dell'impresa Zero-Pro di Porrino (Pontevedra), o dell'impresa dei mobili da cucina della Cuin Factory in Vilanova (Barcellona), in cui l'ex capo è stato attivamente coinvolto nella cooperative e dove a tutti recuperatori è stato imposto una retribuzione pari a 900 euro. Anche con il sostegno da parte del proprietario, è avvenuta l'autogestione del Talleres Socar, impresa metallurgica in Sabadell, convertita in cooperativa Mec 2010.

Ma forse l'iniziativa più eclatante e ben nota, è il lancio degli ex dipendenti di un quotidiano nazionale, Publico, chiuso il 23 Febbraio 2012, lasciando il 90% dei propri lavoratori disoccupati. Sono stati i lavoratori stessi che hanno costituito la cooperativa Màs Publico, che cerca un sostegno sociale e finanziario per continuare a pubblicare il giornale in formato mensile.

Tuttavia, nonostante queste esperienze, non si può dire che la strada per le società di recupero sia diventato un luogo comune o esteso: i lavoratori che hanno una situazione simile, preferiscono ottenere ancora i benefici che comporta uno stato sociale e viene troncato il discorso. Le difficoltà del concetto giuridico della cooperativa nel diritto spagnolo, e la quasi totale assenza di disposizioni relative a questa Ley Concursal, unita ad una certa passività alimentata e conforme da decenni dall'universo delle bolle immobiliari, hanno limitato questa strategia.

Ciò che sembra sempre più comune è l'uso crescente, da parte dei disoccupati, del cooperativismo, a causa della situazione di anomia produttiva e bassi livelli di reinserimento lavorativo, oltre l'uso possibile per la capitalizzazione di queste imprese mediante i sussidi di disoccupazione. Ci sono innumerevoli esempi (come la cooperativa di energia elettrica rinnovabile Som Energia, creata nel dicembre 2010) e, in alcuni casi, mostrano chiari legami con i movimenti sociali (come ad esempio quelle relative alla creazione di esperienze a immagine e somiglianza della Cooperativa Integrale Catalana, o al campo di applicazione libertaria, come lo studio grafico Tinta Negra). In effetti, da gennaio a marzo 2012, ci fu la creazione di circa 223 nuove cooperative nello Stato spagnolo.

Non c'è dubbio: nuove strade vengono percorse dalla società spagnola, nel bene e nel male. E tra loro, il percorso di autogestione sta diventando sempre più comune.

Jose Luis Carretero Miramar

Tradotto da NexusCo

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

The Fall of Aleppo

Italia - Ricostruire opposizione sociale organizzata dal basso. Costruire un progetto collettivo per l’alternativa libertaria.

Recordando a César Roa, luchador de la caña

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]