user preferences

Recent articles by Andrea Spotti
This author has not submitted any other articles.
Recent Articles about Nord America / Messico La Sinistra

Trump o el final del neoliberalismo progresista Jan 23 17 by Nancy Fraser

The End of Progressive Neoliberalism Jan 23 17 by Nancy Fraser

Not My President! Dec 17 16 by Wayne Price

Plaza Tahrir, México

category nord america / messico | la sinistra | cronaca author Tuesday December 04, 2012 03:21author by Andrea Spotti - Inviato della Fornace in Messico Report this post to the editors

L’esordio di Peña Nieto alla presidenza non promette niente di buono per la democrazia e i movimenti messicani. La gestione repressiva della piazza in risposta alle manifestazioni di protesta contro il suo insediamento a Città del Messico parrebbe confermare i peggiori timori suscitati dal ritorno al potere del Pri. Il bilancio della giornata parla al momento di 105 feriti, di cui 29 in ospedale e uno in coma farmacologico, piú di cento fermi e un numero imprecisato di desaparecidos.

Dopo le contestatissime elezioni del luglio scorso, il movimento contro l’imposizione del candidato priista aveva deciso di impedire la cerimonia di investitura circondando il parlamento con una catena umana. Come promesso, a partire dalle prime ore della giornata di sabato gli studenti di #YoSoy132 e le organizzazioni aderenti alla Convención Nacional, hanno iniziato ad organizzare l’assedio a San Lazaro, la blindatissima sede del parlamento messicano, protetta da migliaia di elementi delle forze dell’ordine e da tiratori scelti.

mexi080qtal1b8rfnjwpym0oax_hrulukl8mktdtsgxmsxuruxgrfqyf7yrphg2efphdbkq.jpg

Gli scontri iniziano prestissimo. Un gruppo di studenti, provenienti dall’Acampada Revolución (una delle tante realtá nate dalla mobilitazione contro l’Imposizione che accampa in Plaza Revolución da ormai cinque mesi ), riesce a buttare giú una delle barriere metalliche. La polizia risponde lanciando lacrimogeni e alle 7 di mattina l’aria é giá intrisa del loro caratteristico aroma. Da questo momento in poi, inizia la guerriglia urbana che cointinuerá fino alle 11. Una battaglia campale: giovani manifestanti che con pietre, petardi e molotov cercano di forzare la tenuta delle barriere metalliche e violare cosí la zona rossa costruita tutt’intorno al Congreso de la Unión per difendere un presidene considerato illegittimo, da un lato; e, dall’altro, la polizia che risponde usando i getti d’acqua e un potentissimo gas al peperoncino (che provocherá svariate intossicazioni), ma soprattutto intensificando il lancio di lacrimogeni e di proiettili di gomma ad altezza uomo.

I continui spari prodotti dai poliziotti che si trovavano dietro la zona rossa feriscono almeno tre persone: due studenti, feriti alla gamba e al petto, e un attivista dell’Otra Campaña, il sessantasettenne Juan Francisco Kuy Kendall, il quale, colpito alla testa, subisce una grave lesione con esposizione della massa cerebrale e si trova adesso in coma farmacologico e in prognosi riservata. Dopo l’arrivo di tre ambulanze inizianoa circolare voci che danno per morto il militante.

La notizia, in seguito smentita, fa crescere la tensione e gli scontri aumentano di intensitá. Un gruppo di studenti si impossessa di un camion e lo scaglia contro le barriere metalliche per cercare di aprire un varco. L’operazione non riesce, ma da adesso in poi, aumenta il numero di coloro che partecipano agli scontri. Studenti e studentesse (da sottolineare la consistente partecipazione femminile nelle prime linee) che fronteggiano la polizia non sono piú solo i militanti dei gruppi organizzati, ma semplici studenti universitari frustrati da mesi di lotte pacifiche che non hanno portato i risultati sperati e arrabbiati per la recente approvazione della riforma del mercato del lavoro che promette un futuro di precarietá, nonostante il titolo di studio.

lle 11, la manifestazione decide di rimettersi in cammino per raggiungere la piazza centrale della cittá, dove il neopresidente Peña Nieto pronuncierá il suo primo discorso alla nazione. Al corteo, oltre alle svariate realtá studentesche delle principali universitá pubbliche di Cittá del Messico e non solo, partecipano anche il FPDT di Atenco (Frente de Pueblos en Defiensa de la Tierra), lo SME (Sindicato Mexicano de Electricistas), e la CNTE (Coordinadora Nacional de Trabajadores de la Educación), nonché collettivi anarchici e territoriali, cittadini e singolaritá varie. Insomma, la composizione della manifestazione, fatta salva la prevalenza giovanile, é assolutamente eterogenea.

L’arrivo a Palacio Nacional, tuttavia, viene impedito dalle forze dell’ordine che chiudono l’accesso allo Zocalo alla maggioranza dei manifestanti. Subito dopo, il corteo viene spinto lungo la lussuosa Avenida Reforma. Quí iniziano dei durissimi scontri che continueranno per oltre un’ora, durante i quali la polizia é piú volte costretta a retrocedere di fronte al fitto lancio di oggetti, bottiglie molotov e quant’altro. In questa fase vengono colpite le vetrine delle pricipali banche che operano in Messico (Santader, Banamex, Banorte), nonché importante catene come Starbucks e Sanborns.

A questo punto la polizia riprende l’offensiva e, chiudendo diverse vie i fuga ai dimostranti, riesce a dividere il corteo in diversi spezzoni, costringendolo a ripiegare definitivamente verso Plaza Revolución, verso le 16:30. Inizia la caccia al manifestante per le vie del centro cittadino. Entrando nei locali nei quali molti figgitivi trovano rifugio momentaneo, la polizia cerca di moltiplicare il numero dei fermi, malmenando e prendendosela con chiunque abbia un’aspetto vagamente protestatario (una felpa nera con cappuccio é sufficiente per attirare i loro sospetti).

Dopo mesi di manifestazioni pacifiche e spesso inascoltate, esplode anche in Messico la rabbia giovanile e studentesca. Il ritorno in piazza del movimento contro l’imposizione, che ha portato avanti iniziative nelle piú importanti cittá del paese, al di lá degli sterili dibattiti su violenza e non violenza, é senz’altro un segnale di vitalitá dei movimenti e rappresenta l’irruzione sulla scena politica di una nuova generazione.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

SAFTU: The tragedy and (hopefully not) the farce

Anarchism, Ethics and Justice: The Michael Schmidt Case

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]