user preferences

Palestina, la lotta unitaria continua, nonostante tentativi di deportare i contadini dall'Area C

category mashrek / arabia / irak | lotte sul territorio | cronaca author Friday October 05, 2012 16:38author by Ilan S. - Anarchists Against the Wall; Matzpen; A-Infosauthor address Tel Aviv Report this post to the editors

Report del 25.09.12

Quando i media mondiali si concentrano sulle minacce di guerra israeliane contro l'Iran, i coloni naZionisti aumentano i loro sforzi contro i contadini palestinesi nell'Area C. Ulteriori sforzi repressivi vengono diretti contro i villaggi di Nabi Saleh e Qaddum che sono in prima linea nella resistenza. Altra abbondanza di scontri la riscontriamo sulle Colline sud di Hebron dove i coloni sono i principali aggressori mentre le forze di stato si limitano "solo" ad aiutarli. [English]


La lotta unitaria continua, affrontando i rinnovati tentativi di deportare i contadini dall'Area C


Quando i media mondiali si concentrano sulle minacce di guerra israeliane contro l'Iran, i coloni naZionisti aumentano i loro sforzi contro i contadini palestinesi nell'Area C. Ulteriori sforzi repressivi vengono diretti contro i villaggi di Nabi Saleh e Qaddum che sono in prima linea nella resistenza. Altra abbondanza di scontri la riscontriamo sulle Colline sud di Hebron dove i coloni sono i principali aggressori mentre le forze di stato si limitano "solo" ad aiutarli. Le numerose demolizioni di case sono un fenomeno ormai quotidiano. I villaggi di Bil'in, Ni'lin e Ma'sara che diedero inizio alla lotta popolare persistente non armata contro il muro della separazione e contro l'occupazione fluttuano sul margine tra repressione e copertura mediatica. I sporadici presidi all'interno di Israele, soprattutto a Tel Aviv, sembrano essere ai margini dell'attenzione mediatica.

Bil'in

Sebbene non vi siano più drammatici scontri ed il muro non sia più visibile dal villaggio, la lotta unitaria prosegue. Questo venerdì 21 settembre c'è stata la consueta manifestazione al parco di Abu Lamun nei pressi del muro della separazione. C'erano circa 2 dozzine di israeliani di Anarchici Contro il Muro, quasi 2 dozzine di internazionali ed altrettanti abitanti del villaggio. Dopo scontri solo verbali, si è passati al lancio di lacrimogeni, di getti di acqua-puzzola e ad una limitata invasione delle forze di stato uscite dal cancello più lontano. Nonostante l'intenzione delle forze di stato di disperderci rapidamente, il forte vento da nord ha portato i via i fumi dei lacrimogeni neutralizzando il tentativo dei militari fino alla fine della manifestazione.

Nabi Saleh

"Circa 100 manifestanti contro l'occupazione della fonte del villaggio e delle sue terre agricole messa in atto dall'esercito israeliano e dai coloni dell'insediamento di Halamish. 4 arrestati mente manifestavano sulle terre rubate".

"Soldati israeliani hanno arrestato 4 manifestanti a Nabi Saleh. L'operatore video locale Bilal Tamimi, un attivista israeliano e 2 internazionali".

Tal King: https://www.facebook.com/media/set/?set=a.1144356953747...08906
yisraelpnm: http://youtu.be/ajnZsCLB60c

Kafr Qaddum

I militari israeliani tentano di disperdere la manifestazione settimanale a Kafr Qaddum, 6 arrestati.

4 attivisti per i diritti umani (3 cittadini britannici ed un americano), insieme a 2 palestinesi, sono stati arrestati nel corso della manifestazione settimanale a Kafr Qaddum. Si trovano attualmente in stato di detenzione nella stazione di polizia dell'insediamento illegale di Kedumim per essere interrogati. I 2 palestinesi, Majed Faruq, 20 anni, e Abd al-Latif Faruq, 24 anni, sono stati presi dentro le loro case durante un'incursione militare nel villaggio.

Soldati inseguono un gruppo di attivisti internazionali per i diritti umani poco prima di arrestarne 4, che sono ancora detenuti (foto per cortesia della Kafr Qaddum demonstration):
http://palsolidarity.org/wp-content/uploads/2012/09/267...0.jpg

Gli abitanti di Kafr Qaddum manifestano ogni settimana contro la chiusura dal 2002 della strada che dal loro villaggio conduce a Nablus. Ai palestinesi non è permesso spostarsi lungo la via di comunicazione più rapida per Nablus, 13 km distante, a causa della posizione in cui si trova il vicino insediamento illegale di Kedumim. Il pendolarismo a Nablus da Kafr Qaddum è raddoppiato.

Sebbene le manifestazioni settimanali a Kafr Qaddum si tengano da oltre un anno, i militari israeliani hanno solo recentemente intensificato gli sforzi per impedirne lo svolgimento. Nelle ultime 2 settimane, i soldati sono entrati ne villaggio prima della preghiera di mezzogiorno e prima dell'inizio della manifestazione verso la strada chiusa, circondando la moschea e sparando gas lacrimogeni sulla folla. Tre persone, tra cui un giornalista attivista israeliano [con gli Anarchici Contro il Muro], sono stati feriti alle braccia da candelotti lacrimogeni sparatigli direttamente addosso. Oltre ai lacrimogeni ed alle bombe assordanti, e dopo gli arresti, i soldati israeliani sono entrati nel villaggio con un cannone di acqua-puzzola. I checkpoints intorno al villaggio sono rimasti chiusi fino alle 17.00.

Un abitante del villaggio palestinese che tira scarpe addosso ai soldati dopo che sono entrati nel villaggio ed hanno iniziato a sparare lacrimogeni vicino alla moschea durante le preghiere del venerdì (Foto cortesia de The Kufr Qaddum Demonstration):

http://www.facebook.com/photo.php?fbid=467266353295423&...eater

I militari israeliani continuano ad arrestare abitanti del villaggio: i soldati sono arrivati giovedì 20 settembre alle 2.30 del mattino per arrestare 4 giovani palestinesi: Taka Mohammad, 17 anni, Mohammad Amir, 16 anni, Yosouf Shtaiwi, 20 anni, e Nadir Amer, 23 anni. Anas Waleed Barham, 22 anni, era stato arrestato il giorno prima ad un checkpoint. Un altro abitante di Kufr Qaddum, Ahmad Shtaiwi, 22 anni, è ancora in prigione dal giorno del suo arresto, il 16 marzo scorso.

Gli attivisti non violenti per i diritti umani sono stati accusati di lancio di pietre e rinchiusi in una zona militare chiusa. Ci sono resoconti che parlano di percosse inflitte agli arrestati durante il fermo, sebbene non ci siano conferme.

I 4 attivisti internazionali sono stati condannati a 7 giorni di arresti domiciliari a Tel Aviv e sono assistiti da attivisti di Anarchici Contro il Muro.

Dima Dany Zarkh: https://www.facebook.com/media/set/?set=a.1015118465365...49616
Loli Su: http://www.youtube.com/watch?v=goi5BFhBu80

Colline a sud di Hebron

Manifestazione il 21.09.12

Guy Butavia: https://www.facebook.com/media/set/?set=a.1015116855480...92137

Tel Aviv

Presidio davanti alla residenza del Ministro della guerra, contro l'espulsione dei profughi, 22.09.12.

Israel Puterman: http://www.youtube.com/watch?v=1qbcOeN-RL0
 

Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:

Related Link: http://www.fdca.it/wall
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

The Fall of Aleppo

Italia - Ricostruire opposizione sociale organizzata dal basso. Costruire un progetto collettivo per l’alternativa libertaria.

Recordando a César Roa, luchador de la caña

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]