user preferences

Recent articles by Ε.Σ.Ε. Αθήνας

imageΓια τη γενική &... 0 comments

imageΣυγκέντρωση ... 0 comments

imageΟΛΟΙ στην παν&#... 0 comments

Recent Articles about Grecia / Turchia / Cipro Lotte sul territorio

Η (έμμεση) ιδιω... May 24 17 by αναρχική ομάδα cumulonimbus

Οι κινητοποι ... May 20 17 by Αναρχική Ομοσπονδία

Κινητοποιήσ^... May 20 17 by αναρχική ομάδα “δυσήνιος ίππος”

Sciopero generale in Grecia il 26 settembre

category grecia / turchia / cipro | lotte sul territorio | comunicato stampa author Wednesday September 26, 2012 20:19author by Ε.Σ.Ε. Αθήνας - ESE Internationalauthor email info at ese-gr dot org Report this post to the editors

Il nostro mondo è in conflitto con chi beneficia del nostro lavoro e con coloro che vogliono decidere come dobbiamo vivere. [Castellano]

customlogo_1.jpg


TUTTI ALLO SCIOPERO GENERALE DI MERCOLEDI' 26 SETTEMBRE


Troika e padroni
uniti in un pugno


Non c'è bisogno di tante parole per descrivere la situazione in cui viviamo giorno per giorno, sia per coloro che ancora hanno un lavoro, sia per quelli che ne stanno cercando uno. Tutti sappiamo molto bene quanto sia aumentato lo sfruttamento e quanto siano diminuiti i nostri redditi.

Ma l'avidità non ha limiti. Ora si parla di zone economiche franche. Vogliono trasformare la Grecia in una zona economica franca, in cui non si terrà conto dei diritti del lavoratori. Si para di aumento dell'età pensionabile, dell'aumento delle ore giornaliere di lavoro e di nuovi licenziamenti. Parlano anche di liberalizzazione totale degli orari di apertura dei negozi e delle banche. Tutto questo, e molto altro, viene presentato come un "sacrificio necessario" che dobbiamo realizzare (ci viene detto) per lo sviluppo. Ma non sono altro che regali ai padroni.

Il problema non è solo la troika, il governo, ecc. Ma sono soprattutto, coloro che si sono approfittati della crisi, coloro che hanno chiuso le loro imprese ed hanno tentato di creare condizioni di sfruttamento a loro più vantaggiose, per arricchirsi ancora di più. Cose che si realizzano molto facilmente se non organizziamo noi stessi la resistenza. Se non mettiamo in discussione la loro forza presunta, se non crediamo in noi stessi. Se non fissiamo una linea di difesa che abbia come obiettivo non solo quello di mettere fine a questa situazione, ma anche quello di creare nuove realtà, con la autorganizzazione della società come base e con i nostri valori-guida di solidarietà, dignità ed uguaglianza.

Nelle lotte in cui ci prodighiamo giorno per giorno, e che pur dobbiamo fare, non possiamo aspettarci nulla dai pezzi grossi sindacali del GSEE [Confederazione generale dei lavoratori greci - ndt.] e dell'ADEDY [Congfederazione dei sindacati dei funzionari pubblici - ndt.] né dalla cighia di trasmissione di partito del PAME [Fronte militante di tutti i lavoratori - ndt.], né da nessuno altro che pretenda di manipolare il movimento operaio, qualunque sia la sua veste.

Siamo stanchi di sentire discorsi e siamo stanchi di vivere in miseria. Non è il momento della pazienza (come ci viene continuamente richiesto).

Per quanto riguarda le nuove misure, sappiamo perfettamente che non saranno le ultime, se non un altro mattone del muro che si sta costruendo davanti a noi per impedirci l'accesso ai frutti del nostro lavoro.

Il nostro mondo è in conflitto con coloro che beneficiano del nostro lavoro, con coloro che intendono decidere come dobbiamo vivere.

Di fronte alle nuove misure...
un sindacalismo conflittuale ed autorganizzato.

TUTTI alla sciopero generale di mercoledì 26 settembre!


ESE (Unione Sindacale Libertaria) Atene
ΕΛΕΥΘΕΡΙΑΚΗ ΣΥΝΔΙΚΑΛΙΣΤΙΚΗ ΕΝΩΣΗ

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali.

Related Link: http://athens.ese-gr.org
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

The Fall of Aleppo

Italia - Ricostruire opposizione sociale organizzata dal basso. Costruire un progetto collettivo per l’alternativa libertaria.

Recordando a César Roa, luchador de la caña

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]