user preferences

Dell'individualismo avanguardista e nichilista

category italia / svizzera | movimento anarchico | comunicato stampa author Friday May 25, 2012 17:05author by Federazione dei Comunisti Anarchici - FdCAauthor email fdca at fdca dot it Report this post to the editors

La gambizzazione del dirigente dell'Ansaldo di Genova ed il conseguente comunicato di rivendicazione ci lasciano interdetti sia per la vacuità e la nullità delle parole usate che per il gesto, in se stesso controrivoluzionario. Con l'occasione il potere, con l'aiuto dei media di regime, cerca, come da un vecchio e solito copione, anche questa volta, di rinchiudere l'anarchismo nello stereotipo borghese caro a tutte le polizie del mondo, per giustificare la repressione prossima e ventura di ogni sviluppo della conflittualità sociale e aumentare le risorse dedicate alle strutture repressive statali.


Dell'individualismo avanguardista e nichilista


La gambizzazione del dirigente dell'Ansaldo di Genova ed il conseguente comunicato di rivendicazione ci lasciano interdetti sia per la vacuità e la nullità delle parole usate che per il gesto, in se stesso controrivoluzionario.

Con l'occasione il potere, con l'aiuto dei media di regime, cerca, come da un vecchio e solito copione, anche questa volta, di rinchiudere l'anarchismo nello stereotipo borghese caro a tutte le polizie del mondo, per giustificare la repressione prossima e ventura di ogni sviluppo della conflittualità sociale e aumentare le risorse dedicate alle strutture repressive statali.

Il comunicato di rivendicazione chiarisce bene che l'atto rivendicato non è a favore del popolo, oppure del proletariato, ma che è stato compiuto in nome di nessuno, nello stile più alienato dell'insurrezionalismo, per il quale non esiste una società divisa in classi, dove l'imperialismo può al più essere una questione geopolitica e il capitalismo viene derubricato ad un incidente di percorso, il tutto per sfuggire all'alienazione individuale senza troppi interrogativi che potrebbero nel tempo incrinare le solide certezze della fine dell'anarchismo postmoderno.

Noi abbiamo sempre rivendicato il nostro ruolo di rivoluzionari dentro il movimento di classe, ne siamo parte, nella nostra prassi non vi è posto per individui spavaldi imbevuti di individualismo borghese.

Non ci appartiene questo tipo di anarchismo nichilista, tutto avvolto su di un mega io spropositato, e ancora oggi, nonostante i colpi inferti dallo Stato e dal capitale ai lavoratori ed ai ceti subalterni, non ci siamo arresi e non ci arrenderemo, continuando la nostra lotta e la nostra battaglia per il comunismo anarchico, nell'impegno sindacale e nelle lotte territoriali che portiamo avanti, alla luce del sole e a viso aperto, da decenni, sempre dalla parte degli sfruttati.

Usare, inoltre, l'acronimo di una organizzazione anarchica, la FAI, con il palese desiderio di arrecarle danno, mostra chiaramente quanto la scelta (consapevole o non consapevole; questo non ci è possibile stabilirlo, anche se pare una non coincidenza l'insorgere di determinati episodi quando il conflitto ha potenzialmente la possibilità di aumentare di tono) sia utile al potere.

Tuttavia, consapevoli o non consapevoli, queste azioni negano l'essenza stessa dell'anarchismo, che non nasce da qualche cervellotico filosofo, trovando sbocco in inutili azioni isolate fisicamente e politicamente dalle aspirazioni proletarie. L'anarchismo nasce nella lotta di classe, nello scontro tra capitale e lavoro, nella lotta collettiva contro l'autoritarismo dello Stato e l'arroganza dei padroni, in un ipotesi rivoluzionaria di costruzione di una nuova società, comunista ed anarchica.

I compagni e le compagne della FdCA per questo ribadiscono il loro ruolo tra le fila del proletariato, fuori da un anarchismo individualistico che non solo non ci ha mai interessato, ma che riteniamo profondamente inutile.

Ed è per questo che rilanciamo l'azione diretta e la crescita della coscienza di classe, convinti che nessuna avanguardia possa sostituirsi all'azione collettiva della classe lavoratrice e degli esclusi dal tessuto sociale produttivo. Un'azione diretta collettiva, dispiegata pubblicamente nei conflitti reali, per una concreta e quotidiana sovversione dell'esistente.

Federazione dei Comunisti Anarchici

24 maggio 2012

Related Link: http://www.fdca.it

This page has not been translated into Other yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

The Fall of Aleppo

Italia - Ricostruire opposizione sociale organizzata dal basso. Costruire un progetto collettivo per l’alternativa libertaria.

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]