user preferences

Bolivia: è morta Domitila Chungara

category bolivia / perù / ecuador / cile | genero | stampa non anarchica author Monday March 19, 2012 17:04author by Pablo Stefanoni Report this post to the editors

Morta la marxista, la rivoluzionaria, la combattente, la femminista... non si contano gli aggettivi per definire questa personalità di spicco delle casalinghe delle miniere. [Castellano]

domitila.jpg


E' morta Domitila Chungara


Dopo una lunga lotta contro un cancro ai polmoni, Domitila Barrios de Chungara è morta mercoledì 14 marzo a 75 anni nella sua umile casa a Cochabamba ed il governo di Evo Morales l'ha insignita post-mortem del Cóndor de los Andes.

La Chungara ha lasciato la sua testimonianza di genere: nel 1976 la pedagogista brasiliana Moema Viezzer raccolse le sue memorie e le pubblico nel libro "Si me permiten hablar...", che portò questa donna ad essere invitata come unica rappresentante delle lavoratrici alla Tribuna dell'Anno Internazionale delle Donne tenutasi in Messico nel 1975. In quegli anni la Chungara aveva vissuto e resistito al massacro cosiddetto di San Juan del 1967, perpetrato dal dittatore René Barrientos, il generale che aveva ordinato la morte di Ernesto Che Guevara. E poco dopo -nel 1977- fu sul quotidiano Presencia l'icona dello sciopero realizzato insieme ad altre donne nell'arcidiocesi di La Paz per chiedere le elezioni e l'amnistia, con una moltiplicazione di adesioni tale da obbligare Banzer (dittatore dal 1971 al 1978, ndt) a lasciare il potere. La Chungara venne imprigionata, esiliata e bandita, l'ultima volta sotto la narcodittatura di Luis García Meza negli anni '80, il militare di cui è uscita un anno fa l'autobiografia “Yo dictador”.

La vita di Domitila Chungara è stata segnata dalle miniere: era nata e cresciuta a Pulacayo, località famosa per la diffusione delle tesi trotskiste che negli anni '40 portarono all'insediamento di un governo operaio e contadino. La Chungara si è formata nelle lotte contro gli aumenti dello zucchero e del riso e per la messa a disposizione di spacci alimentari per le miniere. Giunse a litigare con le femministe "ricche" del nord sulla tribuna delle Nazioni Unite quando difese l'ordine del giorno dell'ONU a favore delle operaie del sud. Oppure a sfidare colonnelli e generali dai microfoni della potente rete radiofonica delle miniere che poi l'esercito smantellò.

Ancora nel 2005 la ex-leader delle casalinghe delle miniere denunciava come “la borghesia è sempre stata brutale, bugiarda e ladrona" e aggiungeva che “è ancora possibile fare la rivoluzione” perchè “le ingiustizie non dureranno per sempre”. Sempre nel 2005 ha potuto festeggiare la vittoria di Evo Morales e del MAS (Movimento Al Socialismo, partito del presidente Morales al potere, ndt), sebbene ne abbia messo in dubbio il carattere “rivoluzionario” e rilevata la mancanza di formazione dei suoi militanti. Per questa ragione aveva dato vita alla Scuola Mobile di Formazione Sindacale ed aveva organizzato un movimento guevarista.

Ma i tempi intanto erano cambiati. Erano finiti gli anni in cui minatori eroici discutevano giù in miniera delle tesi di Trotsky e dei loro dubbi, e lei faceva offerte alla divinità andina “Tío”, affinchè proteggesse i minatori dagli incidenti. Nel 2007, con altre 4 donne delle miniere, è stata insignita da Evo Morales con una onoreficenza per aver acceso la scintilla che avrebbe poi messo fine alla dittatura. Ed ora la sua figura, che non faceva parte del pantheon della rivoluzione e della conquista delle libertà democratiche, è stata finalmente oggetto di rivalutazione da parte della sinistra a partire dalla fine degli anni '70.

Pablo Stefanoni

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

The Fall of Aleppo

Italia - Ricostruire opposizione sociale organizzata dal basso. Costruire un progetto collettivo per l’alternativa libertaria.

Recordando a César Roa, luchador de la caña

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]