user preferences

Education

textLa Buona Scuola 01:50 Oct 05 0 comments

textLa Buona Scuola 15:04 Sep 09 0 comments

textEducar para la bobada 06:32 Jan 08 0 comments

textAteismo diventa materia scolastica in Irlanda 16:59 Sep 27 0 comments

imageCornelius Castoriadis – on the content of socialism (part 2) 14:24 Mar 24 0 comments

more >>

Cile: 4 Agosto, un'altra giornata di protesta nazionale contro il mercato della formazione

category bolivia / peru / ecuador / chile | education | news report author Tuesday August 09, 2011 02:17author by Espartaco Gatti - Periódico Solidaridauthor email publicacion.solidaridad at gmail dot com Report this post to the editors

Cortei, scontri di piazza, barricate, occupazioni e fracasso di padelle in tutto il paese

Report dal giornale anarchico cileno "Solidaridad" su un'altra giornata di protesta nazionale contro il mercato della formazione in Cile, con cortei, scontri di piazza, barricate, occupazioni e fracasso di padelle in tutto il paese. [Castellano] [English]

Repressione contro gli studenti delle scuole superiori
Repressione contro gli studenti delle scuole superiori


Un'altra giornata di protesta nazionale contro il mercato della formazione


La capitale si è svegliata che già molte delle sue arterie principali erano attraversate da picchetti di studenti, abitanti e lavoratori che mettevano su barricata, distribuivano opuscoli, facevano scritte sui muri ed accendevano falò. Fin dal primo mattino il traffico era bloccato nelle varie vie principali: La Alameda, Vicuña Mackenna, Santa Rosa, Providencia, Recoleta, San Pablo ed in molte altre strade sia alla periferia che al centro di Santiago. L'agitazione sociale si sentiva nell'aria, specialmente dopo che il governo aveva dichiarato che sarebbe intervenuto una volta per tutte a sedare gli scioperi e le occupazioni che si erano già succeduti nei mesi precedenti. Nessuna manifestazione aveva ottenuto il permesso da parte della Municipalità di Santiago, eppure la gente non aveva nessuna paura e veniva in massa per le strade.

Il corteo organizzato da ACES (Assemblea di Coordinamento degli Studenti delle Scuole Superiori), indetto per le 10,30 in Plaza Italia, era stato vietato, mentre vari nuclei di manifestanti venivano violentemente dispersi dalle forze speciali di polizia, che virtualmente tenevano sotto assedio il centro della città (con almeno 1.000 uomini in via La Alameda). Di conseguenza il centro della capitale è diventato un campo di battaglia. Ad ogni angolo si radunavano gruppi di manifestanti che bloccavano il traffico e scandivano slogan, prima di subire impunemente lacrimogeni e percosse. Ma ogni volta, i figli e le figlie del popolo tornavano a radunarsi ed a scontrarsi con la repressione. E questo per tutta la mattinata e gran parte del pomeriggio.

Il corteo indetto dalla CONFECH (Confederación de Estudiantes de Chile) e dal sindacato-scuola Colegio de Profesores de Chile per le 18,30 alla fine non si è visto. Una gigantesca massa di persone che inziava a concentrarsi in Plaza Italia ha dovuto subire una dura repressione. Ma la gente ha resistito e si è spostata a La Alameda. A migliaia hanno occupato le strade, marciando da Plaza Italia verso il palazzo presidenziale, mentre nelle strade intorno erano in corso delle schermaglie.

Alle 20,30 la gente ha iniziato a fare il cacerolazos, a fare fracasso con le padelle. Nel centro e nei quartieri poveri della periferia di Santiago, molte persone sono uscite di casa con le padelle per manifestare il loro malcontento verso le politiche del governo e verso un sistema che non gli concede nulla. In serata ci sono stati scontri tra i giovani delle periferie e le forze della repressione che iniziavano a prendere il controllo dei quartieri.

Ci sono state grandi manifestazioni in 12 città​​, ed in tutte - grazie alle provocazioni ed all'arroganza della polizia - ci sono stati grossi scontri (specialmente a Concepción, Valparaíso e Santiago). Alla fine, col giungere della notte, le proteste sono terminate con 874 persone arrestate in tutto il Cile.

Gli studenti ed il movimento sociale in generale hanno categoricamente detto NO ai 21 articoli proposti dal governo l'1 agosto scorso e continueranno i loro sforzi auto-organizzati per far avanzare la lotta. Il documento diramato dall'ufficio del Presidente intitolato "Politiche e proposte di azione per lo sviluppo della formazione in Cile" non raccoglie nessuna delle principali richieste degli studenti: mettere fine ai profitti, ri-nazionalizzazione dell'industria del rame per finanziare la formazione, scuola gratuita a tutti i livelli.


Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali.

"Solidaridad" è l'organo della Federación Comunista Libertaria

Related Link: http://periodico-solidaridad.blogspot.com/

Volantino della Federación Comunista Libertaria
Volantino della Federación Comunista Libertaria

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Anarchism, Ethics and Justice: The Michael Schmidt Case

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]