user preferences

New Events

Nordafrica

no event posted in the last week

Dimostrazioni in vari paesi, in segno di solidarietà con il popolo tunisino

category nordafrica | repressione / prigionieri | cronaca author Monday January 10, 2011 00:26author by Moutamid - Confederación General del Trabajo Report this post to the editors

Il 90% degli avvocati tunisini è in sciopero di solidarietà con la popolazione di Sidi Bouzid e le sue rivendicazioni

Il 6 gennaio si è svolta la giornata di solidarietà internazionale con il popolo tunisino, con dimostrazioni e manifestazioni in diversi paesi. [Castellano]
Le mobilitazioni si estendono per tutta Tunisia
Le mobilitazioni si estendono per tutta Tunisia


Dimostrazioni in vari paesi, in segno di solidarietà con il popolo tunisino


Le manifestazioni si sono diffuse in tutta la Tunisia

Il 6 gennaio si è svolta la giornata di solidarietà internazionale con il popolo tunisino, con dimostrazioni e manifestazioni in diversi paesi.



In Marocco, come in Algeria e Mauritania sono state rilasciate molte dichiarazioni di solidarietà. Ad Algeri, il sindacato SNAPAP ha tenuto un incontro di solidarietà e una delegazione ha consegnato una lettera di protesta all'ambasciata tunisina in Algeri. A Bruxelles (Belgio), Ginevra (Svizzera), Montreal e in Quebec (Canada), Berlino (Germania), Londra (Gran Bretagna), Beirut (Libano) e Napoli (Italia) si sono tenuti comizi, di solito davanti ai consolati tunisini. 

In Francia, dove si concentra la maggior parte della emigrazione tunisina in Europa, le manifestazioni si sono svolte in molte città (Lille, Lione, Marsiglia, Nantes, Parigi, Montpellier, Strasburgo, Tolosa ...). 



Secondo i dati del Collegio degli avvocati di Tunisia, il 90% della categoria ha sostenuto lo sciopero indetto per protestare contro la repressione della polizia disertando i tribunali il 31 dicembre, giorno in cui gli avvocati hanno deciso di indossare un bracciale rosso in segno di solidarietà con la popolazione di Sidi Bouzid. 



Questo 6 gennaio, a sostegno della richiesta di sciopero, gli avvocati indossavano fasce nere al braccio per denunciare la violazione delle libertà fondamentali subite in Tunisia. 

In una dichiarazione pubblica rilasciata a Copenaghen il 3 gennaio, la Rete Euro-Mediterranea per i Diritti Umani (REMDH) ha denunciato la complicità dell'Unione Europea con la dittatura tunisina e ha chiesto che l'Unione Europea assuma posizione in merito alle gravi violazioni dei diritti umani in Tunisia dopo la repressione delle manifestazioni in sostegno del popolo di Sidi Bouzid, invii una commissione per incontrare il Collegio degli avvocati di Tunisi e visiti la regione di Sidi Bouzid per conoscere i fatti accaduti.



Ricordiamo che l'UE sta attualmente negoziando uno "statuto avanzato" con la Tunisia, come ha già fatto col Marocco, per rafforzare le relazioni economiche e l'influenza della UE in Tunisia.



Il 5 gennaio il giovane Mohamed Bouazizi è morto nell’ospedale per gravi ustionati di Ben Arous, nei pressi di Tunisi. 

Il giovane disoccupato Mohamed Bouazizi, di 28 anni, si è dato fuoco il 17 dicembre davanti alla delegazione del governo di Sidi Bouzid in segno di protesta per la sua condizione sociale e per la confisca dei suoi beni da parte degli agenti municipali. 

Questo incidente ha scatenato un'ondata di protesta sociale che si è estesa a tutto il territorio tunisino.


Traduzione a cura di Roberto Meneghini per FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

Reflexiones sobre la situación de Afganistán

Αυτοοργάνωση ή Χάος

South Africa: Historic rupture or warring brothers again?

Declaración Anarquista Internacional: A 85 Años De La Revolución Española. Sus Enseñanzas Y Su Legado.

Death or Renewal: Is the Climate Crisis the Final Crisis?

Gleichheit und Freiheit stehen nicht zur Debatte!

Contre la guerre au Kurdistan irakien, contre la traîtrise du PDK

Meurtre de Clément Méric : l’enjeu politique du procès en appel

Comunicado sobre el Paro Nacional y las Jornadas de Protesta en Colombia

The Broken Promises of Vietnam

Premier Mai : Un coup porté contre l’un·e d’entre nous est un coup porté contre nous tou·tes

Federasyon’a Çağırıyoruz!

Piştgirîye Daxuyanîya Çapemenî ji bo Êrîşek Hatîye li ser Xanîyê Mezopotamya

Les attaques fascistes ne nous arrêteront pas !

Les victoires de l'avenir naîtront des luttes du passé. Vive la Commune de Paris !

Contra la opresión patriarcal y la explotación capitalista: ¡Ninguna está sola!

100 Years Since the Kronstadt Uprising: To Remember Means to Fight!

El Rei està nu. La deriva autoritària de l’estat espanyol

Agroecology and Organized Anarchism: An Interview With the Anarchist Federation of Rio de Janeiro (FARJ)

Es Ley por la Lucha de Las de Abajo

Covid19 Değil Akp19 Yasakları: 14 Maddede Akp19 Krizi

Declaración conjunta internacionalista por la libertad de las y los presos politicos de la revuelta social de la región chilena

[Perú] Crónica de una vacancia anunciada o disputa interburguesa en Perú

Nigeria and the Hope of the #EndSARS Protests

© 2005-2021 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]