user preferences

Lager di Stato: Serraino-Vulpitta, 11 anni dopo

category italia / svizzera | migrazione / razzismo | comunicato stampa author Wednesday December 22, 2010 16:54author by Federazione dei Comunisti Anarchici - FdCAauthor email fdca at fdca dot it Report this post to the editors

Saremo in piazza il 28 dicembre a Trapani, davanti a quel lager di morte che loro chiamano CIE, aderendo alle iniziative del Coordinamento della Pace di Trapani, accanto a chi, dentro o fuori che sia, combatte in prima persona da sempre contro il razzismo. [English]


Lager di Stato
Serraino-Vulpitta, 11 anni dopo


Sono passati undici anni da quel giorno in cui durante una rivolta alcuni migrati, reclusi nel centro di identificazione ed espulsione "Serraino-Vulpitta", per protesta appiccarono il fuoco ai materassi, i carcerieri non curanti del pericolo non aprirono le gabbie e si scatenò un incendio che portò alla morte di 6 persone.

Oggi la situazione non è cambiata per niente; cambiano i governi ma le politiche razziste continuano e si inaspriscono sempre di più, alimentando quella guerra fra poveri che tanto fa comodo a padroni e governanti. Cosi ecco che in contrada Milo, nella estrema periferia della città di Trapani, nasce una nuova struttura ancora più grande e più isolata, un nuovo CIE.

Continuano a morire e a essere recluse persone per la semplice colpa di essere "clandestini", un reato introdotto da leggi razziste come la Turco-Napolitano e la Bossi-Fini, che istituisce i CPT e ora i CIE, che altro non sono che moderni lager di Stato in cui rinchiudere tutti coloro che hanno la colpa di rincorrere la speranza di una vita migliore in un'altro paese, scappando da guerre e persecuzioni, da dittature religiose e politiche.

Lo Stato garantisce gli interessi della classe che ha sempre tutelato "i padroni", che precarizzano la vita e attaccano i diritti dei lavoratori, che continuano con ingordigia a ricavare profitto sulle spalle degli sfruttati, favorendo la schiavitù dei lavoratori migranti e vanificando le conquiste fatte dalla classe operaia.

Tutto questo lo abbiamo già visto in passato. La storia si ripete e niente cambia finché continuerà a esserci una società basata sulla divisione di classe tra sfruttati e sfruttatori, fra chi ha tutto e chi non ha niente. Così la guerra tra i poveri, dove la precarizzazione della vita mette i lavoratori gli uni contro gli altri, migranti contro migranti, tutti contro tutti. Questo non fa altro che favorire sempre e solo gli interessi dei padroni, così come le politiche sempre più autoritarie e fascistizzanti dello Stato, con leggi quali il "pacchetto sicurezza".

Per questo dobbiamo costruire controinformazione, dobbiamo lottare per la resistenza contro lo Stato e il capitale, contro la chiesa e il fascismo.

Dobbiamo cancellare le idee di nazione e patria perché non esistano più barriere che separano il mondo e lo dividono, barriere virtuali imposte da chi ha l'interesse che i popoli siano divisi per trarne profitto, con le guerre e la depauperazione del territorio e delle risorse.

Dobbiamo lottare contro tutte le differenze, religiose, etniche o sociali. Dobbiamo creare percorsi unitari di lotta contro tutti quelli che si oppongono alla costruzione di una società di uomini e donne libere e uguali, dobbiamo costruire una società in cui non esistono sfruttati e sfruttatori.

Anche per questo, come da anni, saremo in piazza il 28 dicembre a Trapani, davanti a quel lager di morte che loro chiamano CIE, aderendo alle iniziative del Coordinamento della Pace di Trapani, accanto a chi, dentro o fuori che sia, combatte in prima persona da sempre contro il razzismo.

Federazione dei Comunisti Anarchici

22 dicembre 2010

Related Link: http://www.fdca.it
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

Reflexiones sobre la situación de Afganistán

Αυτοοργάνωση ή Χάος

South Africa: Historic rupture or warring brothers again?

Declaración Anarquista Internacional: A 85 Años De La Revolución Española. Sus Enseñanzas Y Su Legado.

Death or Renewal: Is the Climate Crisis the Final Crisis?

Gleichheit und Freiheit stehen nicht zur Debatte!

Contre la guerre au Kurdistan irakien, contre la traîtrise du PDK

Meurtre de Clément Méric : l’enjeu politique du procès en appel

Comunicado sobre el Paro Nacional y las Jornadas de Protesta en Colombia

The Broken Promises of Vietnam

Premier Mai : Un coup porté contre l’un·e d’entre nous est un coup porté contre nous tou·tes

Federasyon’a Çağırıyoruz!

Piştgirîye Daxuyanîya Çapemenî ji bo Êrîşek Hatîye li ser Xanîyê Mezopotamya

Les attaques fascistes ne nous arrêteront pas !

Les victoires de l'avenir naîtront des luttes du passé. Vive la Commune de Paris !

Contra la opresión patriarcal y la explotación capitalista: ¡Ninguna está sola!

100 Years Since the Kronstadt Uprising: To Remember Means to Fight!

El Rei està nu. La deriva autoritària de l’estat espanyol

Agroecology and Organized Anarchism: An Interview With the Anarchist Federation of Rio de Janeiro (FARJ)

Es Ley por la Lucha de Las de Abajo

Covid19 Değil Akp19 Yasakları: 14 Maddede Akp19 Krizi

Declaración conjunta internacionalista por la libertad de las y los presos politicos de la revuelta social de la región chilena

[Perú] Crónica de una vacancia anunciada o disputa interburguesa en Perú

Nigeria and the Hope of the #EndSARS Protests

© 2005-2021 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]