user preferences

New Events

Mashriq / Arabia / Iraq

no event posted in the last week
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Thursday July 25, 2013 18:20 por Ilan S.
I frenetici sforzi delle autorità israeliane per accelerare il trasferimento dei Palestinesi dai confini sia del 1948 che del 1967 si intrecciano con il loro rendersi conto del fatto che la marea sta cambiando. La retorica delle destre e le loro dure azioni somigliano sempre più ad un rituale religioso per esorcizzare una realtà che contraddice. La lotta unitaria prosegue sia con i contadini del sud della Cisgiordania per resistere alle provocazioni dei coloni, sia con i comitati popolari che contestano il recinto della separazione e l'occupazione. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / movimento anarchico / intervista Thursday July 25, 2013 17:46 por Joshua Stephens
In Palestina, spesso ci sono stati storicamente elementi di auto-organizzazione nella lotta popolare. Anche se non esplicitamente ascrivibili all'anarchismo in quanto tale. "Le persone già organizzano le loro vite su basi orizzontali o non gerarchiche", dice Beesan Ramadan, anarchica del posto, la quale definisce l'anarchismo come una "tattica" dubitando della necessità di darsi delle etichette. read full story / add a comment
mashriq / arabia / iraq / community struggles / news report Tuesday July 23, 2013 23:18 por Ilan S.
The frantic efforts of the Israeli authorities to advance the transfer of Palestinians both within the 1948 borders and the 1967 ones is interwoven withe realization that the tide is changing. The rhetorics of the rightists and their harsh activities seems to be a kind of religious ritual intending to counter the contradicting reality. The joint struggle continue both with farmers of the south of the west bank to resist the settler colonialists harassments and the popular comities contesting the separation fence and occupation. Bedouins in Israel south, farmers in the west bank, Bil'in, Nabi Saleh, Ni'ilin, Qaddum, Sheikh Jarah. Another activist with the anarchists against the wall had a metal bullet coated with rubber extracted from her foot after shot from illegally short range while video documenting. The social struggle within Israel continued in a decrease intensity. [Italiano] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Wednesday July 17, 2013 20:15 por Ilan S.
Sebbene nel corso degli anni molti compagni abbiano perso entusiasmo, sebbene alcuni siano esausti ed altri siano emigrati, la lotta prosegue - sia sul versante della lotta per la giustizia sociale che sul versante della lotta unitaria contro l'occupazione nonché contro le pressioni all'interno di Israele per sgomberare i Palestinesi. Monta la pressione internazionale suffragata dalle lotte locali e sembra crescere di qualità di pari passo con i timori del governo israeliano. Infatti sul quotidiano israeliano Haaretz si può leggere uno degli editoriali più interessanti della fine-settimana: "...Contrariamente alle affermazioni di Bennett, fonti a Gerusalemme sostengono che la minaccia di un boicottaggio europeo verso Israele sia reale". [English] read full story / add a comment
mashriq / arabia / iraq / community struggles / news report Tuesday July 16, 2013 23:07 por Ilan S.
Though many comrades have lost their enthusiasm along the years and some dropped out entirely or emigrated, the struggle continues - both in the struggle for social justice and the joint struggle against the occupation and the transfer pressures within Israel. The mounting world pressure, energized by the local struggles, seems to be increasing qualitatively as are the fear of them by the Israeli elite. The most interesting news in this weekend's articles and editorial of the daily newspaper Haaretz: "...Contrary to Bennett's statements, sources in Jerusalem say the threat of European boycotts on Israel is real". Excerpt: "... a large number of those investment committees [of the banking system] considered recommending to the banks to prohibit loans or aid of any kind to Israeli companies that operate in the West Bank − manufacturing there, selling their products, building homes and so forth − and also to Israeli banks that grant mortgages to home builders or buyers across the Green Line. " [Italiano] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Friday July 12, 2013 17:11 por Ilan S.
Nell'area C, mentre la lotta popolare non-armata dei Palestinesi nella Cisgiordania occupata viene ripetutamente provocata, le azioni del PSCC sono ancora sporadiche. Le lotte unitarie persistenti sono ancora limitate a Bil'in, Ma'sara, Nabi Saleh, Ni'lin, Qaddum e Sheikh Jarrah, ma di tanto in tanto gli Anarchici Contro il Muro vengono invitati sia nelle vecchie che nelle nuove località di lotta unitaria. La repressione statale è inconsistente, segnata da da una imprevedibile relativa passività intervallata con durissime reazioni. Nel frattempo in Israele, la lotta sociale sta prendendo piede con al centro aspre discussioni sulla pressione internazionale da un lato e sul pericolo della soluzione un-solo-Stato dall'altro. [English] read full story / add a comment
mashriq / arabia / iraq / community struggles / news report Tuesday July 09, 2013 23:20 por Ilan S.
While the popular non-armed struggle of the Palestinians of the occupied West Bank is provoked again and again in the C areas, the PSCC are still sporadic. The persistent joint struggles are still restricted to Bil'in, Ma'sara, Nabi Saleh, Ni'lin, Qaddum, and Sheikh Jarrah, but from time to time the Israeli Anarchists Against the Wall activists are invited to old locations of joint struggles and to new ones. The state repression is inconsistent, with often unpredicted relative passivity of state forces interwoven with harsh eruptions. Meanwhile in Israel the social struggle is starting to collect momentum with hotter discussions about the international pressure on one side and the one-state solution/danger on the other. [Italiano] read full story / add a comment
Manifestazione a Nabi Saleh. Foto: Haim Schwarczenberg
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Thursday July 04, 2013 21:21 por Ilan S.   image 1 image
Le radici dell'azione unitaria a cui partecipano gli Anarchici Contro il Muro stanno nello stesso processo che ebbe inizio con la prima insorgenza post-marxista, anti-neoliberista ed anti-globalizzazione che ebbe luogo nel Chiapas l'01.01.94. Azione Globale dei Popoli e gli scontri con il WTO prima ed il G8 poi ebbero inizio nel 1997 con il Secondo Incontro pro-Zapatista in Spagna. Nell'incontro europeo di Azione Globale dei Popoli 2002 a Leida ci fu un workshop sulla lotta in Palestina (con una significativa presenza israeliana) da cui nacque l'idea di un camping unitario (che si materializzò nel campeggio di Mas'ha nel 2003) che diede inizio alla lotta unitaria contro il muro della separazione di cui gli Anarchici Contro i Muro fanno parte. [English] read full story / add a comment
Demonstration at Nabi Saleh. Photo: Haim Schwarczenberg
mashriq / arabia / iraq / community struggles / news report Wednesday July 03, 2013 00:52 por Ilan S.   image 1 image
The roots of the joint action that the Israeli Anarchists Against the Wall are involved in is in the same process that started in the first post-Marxist anti-neoliberalist globalization uprising in Chiapas 01-01-94. The Peoples' Global Action and the confrontations with the WTO and later also with the G8 originated in the 1997 Second pro-Zapatist Encounter in Spain (a workshop I participated in). In the European Peoples' Global Action 2002 at Leiden we had a workshop on the struggle in Palestine (with a significant Israeli presence) which raised the idea of a joint camp (materialized in the Mas'ha camp in 2003) which initiated the joint struggle against the separation fence and the Anarchists Against the Wall part of it. We do not know for sure which confrontational struggle contributes to any other struggle, and to the world struggle, but we are all connected, inspiring and inspired by each other. read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Monday July 01, 2013 17:32 por Ilan S.
Nonostante la diffusione a livello mondiale della pressione politica ed economica (B.D.S), lo Stato israeliano sta aumentando i suoi sforzi per trasferire i Palestinesi - sia quelli dentro i confini del 1948 che quelli dentro i confini del 1967. Gli sforzi di trasferire i Palestinesi dall'area C della Cisgiordania vengono profusi con l'aiuto del terrorismo dei coloni, sebbene gli attivisti israeliani si uniscano ai Palestinesi per resistere o anche sabotare. I media israeliani scrivono e scrivono sulla terza Intifada che si sta gradualmente rafforzando e sull'avvertimento da parte dei generali che l'attuale rifiuto dello Stato a cedere è pericoloso. [English] read full story / add a comment
mashriq / arabia / iraq / community struggles / news report Tuesday June 25, 2013 23:24 por Ilan S.
In spite of increasing worldwide political and economic (B.D.S) pressure, the Israeli State is increasing its efforts to transfer Palestinians - both within the 1948 borders and the 1967 ones. The efforts to transfer Palestinians from area C of the West Bank is being done with the help of the colonialist settler terror and to the State's efforts, though Israeli activists join the Palestinians to resist or even sabotage. The Israeli media are reporting again and again on the third Intifada that is gradually intensifying, and on the warning by generals that the present refusal of the State to yield is dangerous. The social ferment and buds of struggle are not ceding to the drums of war. In the popular weekend struggles in Bil'in, Ni'lin, Nabi Saleh, and Qaddum, the State forces' repression is not consistent. Sometimes the repression is milder and sometimes it is harsher but we still cannot decipher the pattern. [Italiano] read full story / add a comment
mashriq / arabia / iraq / community struggles / news report Tuesday June 18, 2013 19:58 por Ilan S.
On February 1968 The antiauthoritarian anticapitalist Matzpen initiated in Jerusalem the first (18 strong) vigil again 1967 occupation. Two years later, the Israeli Black Panthers activist who were in intimate contact with Matzpen members (mostly in Jerusalem) initiated the first social struggle of immigrants from eastern countries. Many of the present social struggle activists regards themselves as successors of the Panthers - many others were in association with or participated in the joint struggle of the anarchists against the wall. The 2013 wave is still much smaller than the 2011 wave of struggle but is more radical and confrontational. The joint popular struggle in the occupied Palestinian west bank is still fluctuating - mainly because the holding back of the Palestinian authority. [Italiano] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Friday June 14, 2013 15:24 por Ilan S.
Le persone che vedono le turbolenze nella regione stanno perdendo la pazienza ma siamo ancora ben lontani da una sollevazione generale sia nelle lotte sociali all'interno di Israele sia nella Cisgiordania occupata. Lo Stato israeliano inasprisce le sue minacce contro gli attivisti israeliani e palestinesi e dichiara in pubblico di voler incrementare qualitativamente la sua politica di fuoco. Nel frattempo, vengono perseguitati i bambini al punto di arrestare quelli di 7/8 anni d'età. [English] read full story / add a comment
mashriq / arabia / iraq / community struggles / news report Wednesday June 12, 2013 19:25 por Ilan S.
The people who see the turmoil in the region are losing their patience but we are still far from a general uprising both in the Israeli social struggle and in the occupied West Bank. The Israeli State increases its threats against activists on both sides and is contemplating in public to enhance its shooting policy qualitatively. Meanwhile, targeting the young kids they have started to arrest 7/8-year-olds too. The third intifada is gradually escalating from non-violent struggle to still unarmed but a stone-throwing one. The kids are throwing back tear gas canisters and the state forces often get to taste their own medicine. In Israel, the activists in the social struggle are not yet many, but the marching is not just a parade any more and the homes of the relevant ministers get frequent visits. It is still not sure if the masses will participate again as they did two years ago, but it may come sooner than later as the austerity measures are already being felt. [Italiano] read full story / add a comment
Foto: Hassan Daboos Photography 2013
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Tuesday June 11, 2013 05:36 por Ilan S.   image 1 image
Già da più di 2 anni è in fermento la ribellione contro l'aspro intensificarsi del neoliberismo globale. La lotta contro i processi a livello locale sta sopravanzando gli sforzi dell'elite locale che cerca di intensificare lo scontro con i Palestinesi al fine di "ammorbidirne la resistenza". Passata l'ondata più drammatica di due anni fa, rimane a livello locale un fermento in posizione di attesa di un fattore scatenante a livello locale o internazionale. Sono ben pochi coloro che sono rimasti all'interno degli Anarchici Contro il Muro dopo 10 anni di lotta, ma i nuovi attivisti stanno prendendo il posto di coloro che hanno perso le energie e proseguiranno con la stesso livello di attività - oppure hanno già lasciato il paese. [English] read full story / add a comment
Photo: Hassan Daboos Photography 2013
mashriq / arabia / iraq / community struggles / news report Tuesday June 04, 2013 15:50 por Ilan S.   image 1 image
For already more than two years the rebellion against the sharp intensification of global neo-liberalism is fermenting. The struggle against the local processes is overcoming efforts by the local elite to use intensifying conflicts with the Palestinians to "soften the resistance". The more dramatic wave of two years ago has passed but not without permanent ferment that is just waiting for a local or international trigger. There are very few who have persisted in the Israeli Anarchists Against the Wall initiative throughout the 10 years of struggle, but new activists are taking the place of those who lost the energy and will to continue at the same level of activity - or have just left the country. The weekly persistent demos in Bil'in, Ma'sara, Ni'lin, Nabi Saleh, Qaddum, and Sheikh Jarrah hold the flag high. This week the uprising in Turkey is only the the freshest one of the new mode. [Italiano] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Friday May 31, 2013 17:37 por Ilan S.
La lotta unitaria era iniziata contro il muro della separazione ed il suo percorso che doveva impadronirsi delle terre dei villaggi e sgomberare i palestinesi. Le lotte hanno ottenuto alcune vittorie parziali ed hanno promosso la lotta unitaria degli attivisti israeliani, dei comitati di base palestinesi e degli internazionali. La consapevolezza a livello locale ed internazionale della lotta contro l'occupazione e contro i persistenti sforzi di sgomberi da parte di Israele, è riuscita a rallentare gli sgomberi ma non a mettervi fine... e nemmeno all'occupazione. [English] read full story / add a comment
mashriq / arabia / iraq / community struggles / news report Tuesday May 28, 2013 17:10 por Ilan S.
The joint struggle started against the separation fence and its specific route which used to robe lands of villages and even to transfer them. The struggles brought some partial victories and promoted the joint struggle of Israeli activists, Palestinian grass root committees and internationals. The local, and more so the international awareness to the struggle against the occupation and the persistent efforts of transfer by Israel succeeded to slow the transfer but had not put end to it... nor to the occupation. The present focus of the joint struggle now is on the efforts to curb the gradual transfer efforts within Israel, area C in the occupied west bank, and the East of Jerusalem, and the international B.D.S. - Boycott, Divestment, and Sanctions. [Italiano] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Friday May 24, 2013 19:08 por Ilan S.
Sono passati già 65 anni dalla Nakba ed io ancora ricordo Deir Yassin ed altri pezzi di memorie di nove anni prima. Mi ci sono voluti troppi anni per rimettere insieme questi pezzi e liberarmi del lavaggio di cervello sionista di stampo nazionalsocialista (marxista). Negli ultimi 47 anni ho imparato la libertà dal libro di Erich Fromm, "Fuga dalla Libertà" ed ho cercato di tenere aperto questo sentiero anche per altri. La partecipazione alla lotta unitaria insieme ai comitati popolari è il percorso migliore che gli israeliani possano fare verso la libertà. Grazie agli attivisti palestinesi di Bil'in, Ni'lin, Ma'sara, Beit Ummar, Nabi Saleh, Qaddum e di altri villaggi che partecipano alle lotte di tanto in tanto, un ringraziamento speciale ai luoghi di Mas'ha dove si tenne il campeggio unitario che diede inizio alla lotta popolare unitaria non armata. [English] read full story / add a comment
iraq_palestine_solidarity_ramallah.jpeg
mashriq / arabia / iraq / imperialism / war / press release Tuesday May 21, 2013 19:12 por سەكۆی ئەناركیستانی كوردستان   image 1 image

نعم للنضال الجماهیري ... نعم للاعتراضات الجماهیریة
لا للحرب المیلیشیاییة والعشائریة ... لا للتصعيد العسكري الدولة و القوی العظمی

read full story / add a comment

This page has not been translated into Català yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
E

Mashriq / Arabia / Iraq

Wed 23 Jul, 11:57

browse text browse image

gaza.jpg imagePalestina, l'ostaggio perenne 00:06 Wed 23 Jul by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Continua la guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas, anche se in tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Dalla scomparsa dei tre coloni da Gush Etzion, (colonia per soli ebrei sotto il controllo totale dello stato di Israele in Cisgiordania), Israele ha posto sotto assedio quattro milioni di palestinesi, bombardando ospedali, scuole, ogni sorta di obiettivi civili, distruggendo e saccheggiando case, rubando, effettuando sequestri, ferendo e uccidendo sia in modo mirato che indiscriminato al di fuori di ogni legislazione internazionale.

textPalestina-Israele - conflitto senza fine tra il colonialismo sionista ed i palestinesi 17:56 Tue 22 Jul by Ilan S. 0 comments

Siamo al 13° giorno di guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas. In tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Tutto quello che Israele vuole da questa guerra è rompere l'unità di governo palestinese ed evitare l'accelerazione degli accordi di pace. Il problema causato dalla resa di Hamas, messa in ginocchio dalla crisi economica, alla Autorità Palestinese, deriva dalle scelte del governo egiziano, il quale minaccia molto seriamente quel progetto di divisione permanente dei Palestinesi a cui Israele ha dedicato tanti sforzi. Il solo totale collasso del governo di Hamas nella Striscia di Gaza spaventa Israele più di ogni altra cosa. [English]

textPalestine-Israel - a struggle that never ends between Zionist settler colonialism and the indigenous... 15:25 Sun 20 Jul by Ilan S. 0 comments

The war on the Hamas-ruled Gaza Strip continues for the 13th day. Demonstrations against Israeli warmongering continue both in Israel and throughout the world. All that Israel wants in this war that it has initiated is to thwart a Palestinian unity government and curb the peace agreements it might speed up. The danger of Hamas' surrender to the Palestinian Authority in the heels of its economic crisis has resulted from the actions of the new Egyptian government, which seriously threatens the project of splitting the Palestinians, something that Israel has invested extraordinary efforts in. Only the total collapse of Hamas rule in Gaza scares Israel more than that. However, due to internal problems among the Israel political elite and public opinion, the government refrained from revealing the true nature of the war, which is to stabilize independent Hamas rule in Gaza and prevent the need for Hamas to surrender to the Palestinian Authority of the West Bank. So, instead the Israeli government has exaggerated the reports about attacks against Hamas and is hiding the real agenda - the obstruction of Palestinian unity. [Italiano]

pal.jpg imagePalestina: nessuna giustizia, nessuna pace! 14:47 Thu 17 Jul by Alternative Libertaire 0 comments

Da molti giorni l'esercito israeliano bombarda la striscia di Gaza, in seguito al lancio di razzi sul territorio israeliano. Col pretesto di prendersela con i "terroristi", o con "quelli che rifiutano la pace", i bombardamenti colpiscono in realtà la popolazione civile, bambini compresi, e servono a scoraggiare con il terrore ogni volontà di resistenza. [Français]

pal.jpg imagePalestine : pas de justice, pas de paix ! 21:27 Tue 15 Jul by Alternative Libertaire 0 comments

Depuis plusieurs jours, l’armée israélienne bombarde la bande de Gaza, suite à l’envoi d’une roquette sur le territoire israélien. Sous prétexte de s’en prendre à des « terroristes », ou à « ceux qui refusent la paix  », les bombardements touchent en réalité surtout la population civile, y compris des enfants, et visent à décourager, par la terreur, toute volonté de résistance. [Italiano]

textPalestina-Israele, settimane tumultuose inibiscono gli sforzi di Israele per scatenare una terza int... 14:34 Sun 13 Jul by Ilan S. 0 comments

Proprio quando la pressione dell'Europa su Israele per un compromesso con il governo palestinese stava cogliendo il momento giusto favorito dal calo in atto delle esportazioni israeliane, Israele ha cercato di trarre vantaggio dal rapimento dei tre giovani coloni applicando i "piani nel cassetto" nel tentativo di incendiare una intifada armata. Quasi tre settimane di propaganda basata su menzogne (come se sapessero già della morte dei tre giovani) hanno inondato i media. Quando alla fine i corpi sono stati "trovati", le bugie sono risultate per quello che erano e le intimidazioni per far accendere l'intifada hanno fallito l'obiettivo. I crescenti crimini di odio dell'estrema destra israeliana e l'uccisione di un giovane palestinese a Gerusalemme Est occupata hanno scatenato una dura reazione nella città e nelle zone palestinesi all'interno dei confini del 1948. [English]

textPalestine-Israel, Turmoiled weeks that backfired Israeli efforts to ignite a third armed Intifada in... 01:59 Mon 07 Jul by Ilan S. 0 comments

When the European pressure on Israel to compromise with the Palestinian elite collected momentum - already diminishing exports, Israel tried to take advanced of the kidnapped three settlers youth applying "plans from the drawer" trying to ignite armed Intifada. Nearly three weeks of propaganda based on lies (as if they are searching for the already known to them to be dead three youth) was all over the media. When lastly the bodies were "found", lies were exposed, and the harassments failed to ignite Intifada. The mounted hate crimes of the Israeli extreme right and murder of a Palestinian youth of the annexed East Jerusalem ignited an extreme response there and within the Palestinian regions within the 1948 borders. Vicious harassment of US-Palestinian youth - cousin of the murdered youth which was video typed became together with the video of the kidnapped cousin became viral all over the world and ignited solidarity demos all over the world. [Italiano]

460_0___30_0_0_0_0_0_oabubakralbaghdadi570.jpg imageΤι πιστεύουμε για τ&... 21:01 Tue 01 Jul by Φόρουμ Αναρχικών του Κουρδιστάν 0 comments

Η κρίση στο Ιράκ συνεχίζεται για δεκαετίες, ενώ ήταν υπό την εξουσία του Σαντάμ Χουσεΐν ή κάτω από το «σημερινό δημοκρατικό καθεστώς» μετά την εισβολή του 2003. Δεν υπήρχε ελευθερία ούτε κοινωνική δικαιοσύνη ούτε ισότητα ούτε και μια μικρή, έστω, ευκαιρία για εκείνους που ήταν ανεξάρτητοι από τα πολιτικά κόμματα που βρίσκονταν στην εξουσία. Εκτός από την υφιστάμενη βαρβαρότητα και τις διακρίσεις κατά των γυναικών και των απλών ανθρώπων δημιουργήθηκε ένα πολύ μεγάλο χάσμα μεταξύ πλουσίων και φτωχών, καθιστώντας τους φτωχούς ακόμα φτωχότερους και τους πλούσιους πλουσιότερους.

oabubakralbaghdadi570.jpg imageSulla crisi in Iraq 16:22 Sun 29 Jun by Kurdish Anarchists Forum 0 comments

La crisi in Iraq risale al regime di Saddam Hussein ed è proseguita con "l'attuale regime democratico" dopo l'invasione del 2003. Non c'era libertà, né giustizia sociale; nessuna uguaglianza e pochissime opportunità per coloro che erano indipendenti dai partiti al potere. Oltre alle violenze ed alle discriminazioni contro le donne e la gente comune si è creata una forbice enorme tra i ricchi ed i poveri, con i ricchi sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri. [English]

textPalestina-Israele: Lotta senza fine per bloccare l'avanzata del progetto coloniale sionista 15:51 Sun 29 Jun by Ilan S. 0 comments

Negli ultimi 12 giorni la macchina propagandistica israeliana ha pompato alla grande sul caso del sequestro dei 3 giovani coloni al fine di giustificare ulteriori sforzi per spingere i palestinesi ad un trasferimento "volontario". Hanno finto di usare il sequestro per spezzare Hamas. In realtà hanno usato entrambi nel tentativo disperato di provocare una terza Intifada. Far confluire 700 soldati nel villaggio di Na'ama (vicino Bil'in) che conta 2000 abitanti per arrestare due attivisti di Hamas è una cosa davvero ridicola a cui è difficile dare credito. Falliti i tentativi di far scoppiare una terza Intifada e di bloccare il compromesso tra Hamas e Fatah (uno dei più importanti pilastri della politica israeliana del divide et impera), si fa sempre più invasiva la pressione delle potenze imperialiste mondiali su Israele per mettere fine all'occupazione del 1967. [English]

more >>

imageSul conflitto in corso tra il progetto coloniale sionista ed i lavoratori indigeni della Palestina Jul 22 by Ilan Shalif 0 comments

Il grave conflitto tra l'elite capitalista israeliana al potere ed i lavoratori indigeni della Palestina a cui stiamo assistendo nelle ultime settimane fa parte degli incessanti sforzi israeliani di evacuare i Palestinesi dalla loro terra oppure di esercitare una tale pressione da indurli a farlo volontariamente. [English]

imageISIL, wahabismo e petrodollari: la peggiore delle alleanze Jul 10 by BrunoL 0 comments

Questo articolo è stato scritto nella prima quindicina di giugno, quando ancora ISIL non aveva stato procamato il califfato. Vi si analizza la assurda alleanza, tollerata da Dipartimento di Stato e dal Pentagono, in cui il flusso di risorse alimentato dalla monarchia saudita, giova ai fondi di mantenimento di una frazione ancora più conservatrice e medioevale di Al-Qaeda. Nel Mondo Arabo continua l'inferno in nome della geopolitica. [Português]

imageISIL, Wahabbismo e petrodólares: a pior das alianças – jornalismo B, 2ª quinzena de junho 2014 Jul 03 by BrunoL 0 comments

Este artigo foi escrito ainda na primeira quinzena de junho, quando o Estado Islâmico ainda não havia proclamado seu califado. Vale analisar a absurda aliança, tolerada pelo Departamento de Estado e o Pentágono, onde o fluxo de recursos advindos da monarquia saudita, jorravam nos fundos de manutenção do racha ainda mais conservador e medieval da Al-Qaeda. O inferno continua no Mundo Árabe sob a lógica da geopolítica. [Italiano]

textSiria: la lotta continua - "Giornata dell'ira contro Al-Qaeda & Assad" Jan 26 by Třídní Válka 0 comments

Da quando tre anni fa ci fu il sollevamento in Siria (quale locale materializzazione delle insurrezioni che hanno scosso intere regioni del Maghreb e del Mashrek) la maggior parte delle reazioni, dei commenti e delle critiche da parte di strutture militanti che si dichiarano rivoluzionarie, internazionaliste, comuniste, anarchiche... non hanno fatto che andare nella stessa direzione: esprimere dubbi su cosa sta accadendo, dubbi sulle determinazioni materiali di fondo che hanno dato inizio ai movimenti che sono sotto i nostri occhi, dubbi sulla natura di classe di tali eventi, dubbi sul potenziale sovversivo delle lotte della nostra classe quando non avvengono sotto le "giuste" bandiere, e così dicendo. [English]

textSíria: a luta contínua – “Jornada de Cólera contra a Al-Qaeda e Assad” Jan 26 by Třídní Válka 0 comments

Hoje em dia, depois de passados longos três anos que o levante se incíou na Síria (desde as manifestões locais que arrasaram as regiões do Maghreb e do Machrek), a maior parte das reações, comentários e críticas provém de organizações militantes que se intitulam revolucionárias ,internacionalistas, comunistas e anarquistas... Assim nós vem o sentimento da dúvida em relação ao que se passa, da dúvida por relação as determinações materiais essenciais que dão vida aos movimentos que se desenvolvem diante de nossos olhos, da dúvida por relação a natureza de classe desses eventos, da dúvida em relação ao conteúdo potencialmente subversivo das lutas de nossa classe enquanto ela não possuir “boas” bandeiras, etc. [English]

more >>

imagePalestina, l'ostaggio perenne Jul 23 FdCA 0 comments

Continua la guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas, anche se in tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Dalla scomparsa dei tre coloni da Gush Etzion, (colonia per soli ebrei sotto il controllo totale dello stato di Israele in Cisgiordania), Israele ha posto sotto assedio quattro milioni di palestinesi, bombardando ospedali, scuole, ogni sorta di obiettivi civili, distruggendo e saccheggiando case, rubando, effettuando sequestri, ferendo e uccidendo sia in modo mirato che indiscriminato al di fuori di ogni legislazione internazionale.

imagePalestina: nessuna giustizia, nessuna pace! Jul 17 AL 0 comments

Da molti giorni l'esercito israeliano bombarda la striscia di Gaza, in seguito al lancio di razzi sul territorio israeliano. Col pretesto di prendersela con i "terroristi", o con "quelli che rifiutano la pace", i bombardamenti colpiscono in realtà la popolazione civile, bambini compresi, e servono a scoraggiare con il terrore ogni volontà di resistenza. [Français]

imagePalestine : pas de justice, pas de paix ! Jul 15 AL 0 comments

Depuis plusieurs jours, l’armée israélienne bombarde la bande de Gaza, suite à l’envoi d’une roquette sur le territoire israélien. Sous prétexte de s’en prendre à des « terroristes », ou à « ceux qui refusent la paix  », les bombardements touchent en réalité surtout la population civile, y compris des enfants, et visent à décourager, par la terreur, toute volonté de résistance. [Italiano]

imageΤι πιστεύουμε για τ&... Jul 01 0 comments

Η κρίση στο Ιράκ συνεχίζεται για δεκαετίες, ενώ ήταν υπό την εξουσία του Σαντάμ Χουσεΐν ή κάτω από το «σημερινό δημοκρατικό καθεστώς» μετά την εισβολή του 2003. Δεν υπήρχε ελευθερία ούτε κοινωνική δικαιοσύνη ούτε ισότητα ούτε και μια μικρή, έστω, ευκαιρία για εκείνους που ήταν ανεξάρτητοι από τα πολιτικά κόμματα που βρίσκονταν στην εξουσία. Εκτός από την υφιστάμενη βαρβαρότητα και τις διακρίσεις κατά των γυναικών και των απλών ανθρώπων δημιουργήθηκε ένα πολύ μεγάλο χάσμα μεταξύ πλουσίων και φτωχών, καθιστώντας τους φτωχούς ακόμα φτωχότερους και τους πλούσιους πλουσιότερους.

imageSulla crisi in Iraq Jun 29 KAF 0 comments

La crisi in Iraq risale al regime di Saddam Hussein ed è proseguita con "l'attuale regime democratico" dopo l'invasione del 2003. Non c'era libertà, né giustizia sociale; nessuna uguaglianza e pochissime opportunità per coloro che erano indipendenti dai partiti al potere. Oltre alle violenze ed alle discriminazioni contro le donne e la gente comune si è creata una forbice enorme tra i ricchi ed i poveri, con i ricchi sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri. [English]

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]