user preferences

italia / svizzera / antifascismo / comunicato stampa Friday December 13, 2013 20:03 bySegreteria Nazionale FdCA
Occorre rendersi conto che le scorciatoie ed i miti del blocco totale del paese, del barricadismo fine a se stesso, senza costruire coscienza solidale ed ugualitaria in organismi autonomi e libertari, potranno far esplodere tutta la loro carica ribelle, ma solo il tempo deciderà se avranno contribuito alla rivoluzione o a consolidare il potere dello Stato e della reazione.
read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Monday December 09, 2013 14:23 byIlan S.
Quanto più gli sforzi di pulizia etnica messi in atto dai coloni naZionisti israeliani vengono frustrati dalle potenze imperialiste mondiali, tanto più essi si fanno crudeli. Il cedimento di fronte alla richiesta europea di sottoscrivere il bando parziale sugli investimenti nelle regioni occupate nel 1967 viene "compensato" dagli sforzi di sgomberi all'interno dei confini del 1948. Il più imponente di questi sforzi è quello di sgomberare in un colpo solo decine di migliaia di Beduini del sud... e la crescente ribellione che sta mobilitando gli attivisti dentro Israele. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Thursday November 28, 2013 14:12 byIlan S.
Mentre cala il peso di Israele nella considerazione delle potenze imperialiste occidentali, aumentano le ordinanze di restrizione. Sebbene Israele sia in stallo in una situazione di scontro che si trascina da tempo, la verità più amara inizia a produrre esclamazioni disperate ed attività scellerate di accelerazione degli sgomberi - sia nella Cisgiordania occupata che all'interno di Israele (soprattutto verso i Beduini). In questi giorni, il fallimento israeliano nello scatenare la guerra in Siria ed in Iran insieme alle sanzioni della UE contro il progetto coloniale nella Cisgiordania occupata, sembrano porsi come un punto di svolta. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Thursday November 21, 2013 19:30 byIlan S.
Aumentano gli sforzi di stato per estinguere la lotta delle comunità di base ricorrendo come di recente al terrore contro le popolazioni dei villaggi nella speranza che la pressione esercitata sugli attivisti li costringa a rinunciare al confronto con le forze israeliane di occupazione. Dopo esser riusciti a mettere fine alle manifestazioni settimanali di Beit Ummar, ora nutrono maggiori speranze. Tuttavia, l'incremento degli sforzi negli sgomberi in poche aree rurali sembrano sviluppare un effetto opposto. La frustrazione dello stato israeliano si esprime negli sgomberi di massa di decine di migliaia di Beduini all'interno di Israele. Gli eroici villaggi di Bil'in, Ni'lin, Nabi Saleh, Qaddum, Sheikh Jarrah, le colline a sud di Hebron ed il comitato di coordinamento della lotta popolare continuano ad aderire alla lotta unitaria insieme agli israeliani di Anarchici Contro il Muro e ad altri attivisti israeliani. [English] read full story / add a comment
italia / svizzera / antifascismo / opinione / analisi Sunday November 17, 2013 23:04 byGino
Ha fatto un certo clamore, soprattutto in Emilia, la proclamazione da parte della chiesa cattolica della beatificazione di Rolando Rivi, quattordicenne seminarista di Castellarano (RE) fucilato dai partigiani del Battaglione “Frittelli” della Brigata Garibaldi Modena Montagna comandata da Mario Ricci (Armando) il 10 aprile del 1945 in un bosco nelle vicinanze di Palagano sulle colline Modenesi. read full story / add a comment
italia / svizzera / lotte sindacali / comunicato stampa Sunday November 17, 2013 15:53 byCommissione Sindacale FdCA
Blocco dei licenziamenti, il finanziamento degli ammortizzatori sociali, la battaglia contro la precarietà, la riduzione del prelievo fiscale a carico dei lavoratori, i diritti fondamentali (casa, salute, trasporti), i punti essenziali per impostare immediatamente una battaglia condivisa e credibile. read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Monday November 11, 2013 00:15 byIlan S.
Sembrava che la primavera araba dovesse imprimere grande velocità alle ruote della storia... ma il momento è passato e così come allora erano tante le speranze altrettanto ora si può dire per la passività che è seguita all'entusiasmo che si è spento. Nella lotta unitaria degli Anarchici Contro il Muro e dei comitati popolari abbiamo trovato la nostra fonte di energia quando la lotta unitaria suscitava entusiasmo e portava alcune vittorie, ma ha poi perso la spinta quando nacque l'alto comitato dei comitati popolari per allargare la lotta popolare. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Tuesday November 05, 2013 02:56 byIlan S.
Da un lato abbiamo la montante pressione internazionale su Israele. Dall'altro abbiamo la crescente paura dell'elite israeliana verso queste pressioni e verso la minaccia che possano aumentare in futuro. Nonostante ciò, come risposta disperata, sono immensamente cresciuti gli sforzi da parte dell'esercito israeliano e dei coloni irregolari nel procedere agli sgomberi striscianti dei palestinesi. I Beduini israeliani devono fare i conti con il piano Farwer che prevede il trasferimento di metà dei loro villaggi in città di concentrazionarie. I Palestinesi della Valle del Giordano e dell'area a sud di Hebron sono oggetto di maltrattamenti e lentamente vengono spinti ad andarsene. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Thursday October 24, 2013 17:32 byIlan S.
L'alta marea della lotta sociale a livello mondiale e nella nostra regione di solo 2 anni fa si è ritirata nella disillusione. Le azioni dirette unitarie a Bil'in, Ni'lin, Nabi Saleh, Qaddum, Ma'sara, Beit Ummar, Sheikh Jarrah hanno perso in quantità. Uno delle cause sta nella politica del bastone e della carota messa in atto nel sistema di occupazione israeliana. Come ad esempio il significativo aumento dei permessi di lavoro dati ai Palestinesi all'interno di Israele ed una politica più lasca verso i "palestinesi illegali" che lavorano in Israele. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Friday October 18, 2013 16:42 byIlan S.
La tensione nell'aria è alta - in attesa di vedere se la cresciuta pressione internazionale su Israele porterà a qualche risultato. Il contributo di Israele alle potenze imperialiste è strettamente legato ai compromessi in Siria ed in Iran ed alla diminuita dipendenza USA dal petrolio del Mediterraneo. L'atteso ritiro di Israele almeno da alcune aree della Cisgiordania fa aumentare gli sforzi dei coloni e delle forze di stato nell'accelerare gli sgomberi striscianti dei contadini e dei pastori palestinesi dalla Valle del Giordano e dalle colline di Hebron. Gli attivisti israeliani si sono uniti (soprattutto nel weekend) ai contadini palestinesi nel fare da deterrente ai maltrattamenti dei coloni supportati dalle forze di stato. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Monday October 07, 2013 17:16 byIlan S.
Il detto cinese "che tu possa vivere in tempi interessanti" si è recentemente materializzato nella nostra regione. Il sorprendente disinnesco della questione delle armi chimiche siriane e del programma nucleare iraniano ha esposto Israele a maggiori pressioni da parte dell'Europa. Nonostante il relativo boom economico, la popolazione israeliana ed ancor più quel vessato "ceto medio", vittima dell'applicazione delle misure neoliberiste, stanno iniziando ad esprimere il loro risentimento. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Friday September 27, 2013 17:26 byIlan S.
Lo sgombero dei Palestinesi dal confini del 1948 non è mai stato completato. Però tuttora continua con modalità più soft e più striscianti. Con la conseguenza di un generalizzato stato di oppressione e di maltrattamenti che ha portato all'emigrazione di molti palestinesi cristiani dal nord del paese. Un'altra conseguenza è il graduale sgombero dei Beduini del sud impegnati nella lotta unitaria nel villaggio di Araqeeb e contro il decreto Farber. All'interno dei confini del 1967 gli sforzi per gli sgomberi si concentrano nella Valle del Giordano a danno delle comunità di pastori del sud, in particolare a Susya. [English] read full story / add a comment
italia / svizzera / lotte sindacali / opinione / analisi Sunday September 22, 2013 13:11 byCommissione Sindacale FdCA
Di fronte all'evolversi della tragedia ILVA, da più parti si invoca la nazionalizzazione come risposta alla strafottenza e all'arroganza della famiglia Riva, una risposta radicale e di classe che tramite esproprio salverebbe capre e cavoli, letteralmente produzione e ambiente. Come quando a suo tempo si parlava di nazionalizzazione delle banche. Peccato che non sia così. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Thursday September 19, 2013 17:08 byIlan S.
Le forze di stato israeliane non si limitano nella loro violenza alla repressione delle azioni dirette e nemmeno ai villaggi dove avvengono le azioni dirette. Cercano anche di coinvolgere il sistema giudiziario militare e civile, puntando ad ulteriori danni, pagamento di cauzioni, ordinanze di restrizione a lungo e breve termine, condanne a brevi periodi di carcere e persino fino a 18 mesi per gli attivisti palestinesi. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Wednesday September 04, 2013 20:44 byIlan S.
Nella Valle del Giordano continuano gli sforzi per sgomberarne gli abitanti, così come nella "Firing Zone 918", in località che non fanno notizia e nella regione dei Beduini all'interno dei confini del 1948. Quando il rullio dei tamburi di guerra è più intenso, il crescente livello di oppressione nei confini del 1967 sembra più pesante. Sempre meno persone si interessano o ripongono fiducia nei "colloqui di pace" a cui i padroni imperialisti costringono Israele ed i Palestinesi. La lotta unitaria prosegue nonostante la calura ed il crescente terrorismo israeliano. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Tuesday August 27, 2013 20:48 byIlan S.
Le turbolenze nella nostra regione esprimono bene il crogiuolo della storia del mondo come lo abbiamo conosciuto. Le cose accelerano in vista della fine mentre gli assi del vecchio ordine non tengono più. Il colonialismo sionista, testa di ponte dei paesi imperialisti nella culla della cultura umana a est del Mar Mediterraneo, viene eroso dalla resistenza degli abitanti indigeni che stanno ricevendo sostegno da tutto il mondo. Le crepe nel capitalismo globale e neoliberista, che fino a pochi anni fa sembrava aver raggiunto la sua vittoria finale, quando era stata dichiarata la fine della storia, stanno invece lì ad indicare proprio la fine della storia della società di classe egoistica e alienata. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Wednesday August 21, 2013 18:31 byIlan S.
L'inizio dei "colloqui" ed il rilascio di prigionieri di lunga detenzione sono stati imposti ad Israele nel momento in cui l'Europa ha iniziato la sua pressione su Israele in seguito al montare dell'opinione pubblica ed al fallimento statunitense nel proteggere il suo "venerabile" cliente. La campagna Boycott Disinvest Sanctions ed il coinvolgimento dell'ebraismo israeliano ed internazionale hanno neutralizzato il tentativo di Israele di farsi vittima di un presunto antisemitismo. E' diventata di clamore pubblico la spaccatura all'interno dell'elite israeliana quando la tecnologia scientifica ed avanzata ha lanciato l'allarme di un imminente punizione. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Tuesday August 13, 2013 17:46 byIlan S.
Fino ad ora, persino i più realisti della sinistra sionista che sono per il ritiro (con qualche modifica) sui confini del 1967 hanno insistito che un eventuale ritiro previsto all'interno di un definitivo accordo di pace sarà condizionato dalla rinuncia dei Palestinesi al ritorno dei profughi. Oggi, l'ex-comandante in capo dell'esercito nonché ex-leader di un grosso partito in parlamento ha fatto sapere di essere a favore di una pace temporanea restituendo il 60% dei territori occupati nel 1967, impegnandosi a restituire il rimanente 40% nei 4 anni successivi con un accordo di pace definitivo. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Thursday August 08, 2013 16:57 byIlan S.
Ecco la pura essenza della razionalità colonialista di Israele: lo Stato così risponde a due petizioni rivolte all'Alta Corte affinché venga fermato il piano di evacuazione di 8 villaggi sulle Colline a sud di Hebron (nella Cisgiordania occupata). "Israele: lo sgombero di 1.300 palestinesi è necessario al risparmio delle spese militari". La lotta dei Beduini confuta la pretesa che all'interno dei confini del 1948 Israele sia uno stato normale. La lotta unitaria degli Anarchici Contro il Muro insieme ai comitati popolari di base palestinesi contro il muro della separazione e contro i coloni che si prendono le terre palestinesi è un appello costante all'azione solidale internazionale - non per "la liberazione nazionale e per l'autodeterminazione dello Stato" dell'elite palestinese, ma per la fine dell'occupazione e delle deportazioni del popolo palestinese. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Friday August 02, 2013 00:28 byIlan S.
All'interno di Israele, la lotta dei Beduini contro le deportazioni di massa, iniziate già all'indomani della guerra del 1948, si sta allargando a tutto il paese e persino nella aree conquistate nel 1967. La lotta dei Beduini ha mobilitato sempre di più gli Anarchici Contro il Muro, oltre alle consuete località di lotta unitaria nelle aree del 1967 e cioè: Bil'in, Ni'lin, Ma'sara, Nabi Saleh, Qaddum, Sheikh Jarrah, e le colline a sud di Hebron. La lotta del villaggio di Al-Araqeeb si sta ampliando immensamente contro il Piano Praver. Fervono i preparativi per le azioni a partire da agosto. Sabato 28 luglio, grossa manifestazione a Rahat - la maggiore città dei Beduini dove sono già decine di migliaia i deportati. [English] read full story / add a comment

This page has not been translated into Nederlands yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Issue #3 of the Newsletter of the Tokologo African Anarchist Collective

it

Thu 02 Oct, 14:26

browse text browse image

textPalestina-Israele, la lotta unitaria prosegue ma a bassa intensità: lo scorso venerdì solo 3 israeli... 16:43 Sun 14 Sep by Ilan S. 0 comments

I 50 giorni di guerra su Gaza sono finiti dopo che Israele ha implorato un cessate-il-fuoco ed aperto ad ulteriori richieste da parte di Hamas (di cui alcune tenute segrete persino agli stessi ministri israeliani). Una maggioranza di israeliani è disposta ad ammettere che Israele non ha vinto la guerra ma riconoscono con difficoltà che Hamas ha avuto la mano migliore. I ministri hanno approvato due settimane fa un documento del governo contenente una proposta di dispiegamento di una forza internazionale a Gaza, che può significare la fine dell'occupazione israeliana della Striscia di Gaza e l'apertura del ghetto... e può essere un precedente che potrebbe essere la fine dell'occupazione della Cisgiordania. [English]

pegasus_large_t_1301_106228890_0_3.jpg imageAppoggio alle 595 operaie delle pulizie 17:30 Sat 06 Sep by Dmitri (republishing) 0 comments

La Rete europea del Sindacalismo alternativo e di Base manifesta il suo appoggio alle 595 operaie delle pulizie del Ministero delle Finanze greco di Atene che furono licenziate il 17 settembre del 2013 per mettere il servizio di pulizia nelle mani delle aziende esterne private.

arton59514e0ec_1.jpg imageSolidarietà internazionale a* Zapatist@s di fronte alla controrivoluzione in Chiapas 15:18 Sun 31 Aug by commission international 0 comments

Alla società civile nazionale ed internazionale,
Alla Sesta nazionale ed internazionale,
Ai media liberi, autonomi ed indipendenti,
Alle amministrazioni del buon governo,
All' EZLN,
Alle basi di appoggio dell'EZLN
[Castellano]

textPalestina-Israele, l'attacco militare a Gaza è stato un fallimento rispetto alle aspettative ma anch... 18:11 Mon 25 Aug by Ilan S. 0 comments

La guerra di Israele su Gaza intendeva indebolire Hamas ma renderlo indipendente dall'Autorità in Cisgiordania. Un mese e mezzo è passato ed Israele non riesce a fermare il lancio di razzi di Hamas su Israele. Hamas ha chiesto ad alta voce la rimozione dell'assedio ed il primo ministro israeliano non ha avuto l'appoggio necessario dalla sua coalizione per il necessario compromesso. Per diminuire le perdite e per salvare la faccia Israele con il sostegno degli USA stanno ora delegando la questione a quel Consiglio di Sicurezza dell'ONU di cui Israele non si è curato per molti anni. [English]

textPalestina-Israele, l'attacco israeliano a Gaza finisce con la sconfitta della sua arrogante dimostra... 17:03 Fri 15 Aug by Ilan S. 0 comments

Israele aveva iniziato il suo attacco a Gaza per sabotare il compromesso tra Hamas e l'Autorità Palestinese e per restaurare un governo indipendente di un indebolito Hamas sulla Striscia di Gaza. Il compromesso di Hamas doveva essere una risposta al blocco egiziano finalizzato a smantellare Hamas stesso. Il fallito attacco israeliano porterà ad una significativa apertura del confine tra Israele e la Striscia di Gaza laddove prima dell'attacco passa lo stretto necessario in una situazione sull'orlo di una catastrofe umanitaria. [English]

textPalestina-Israele, la lotta unitaria in tempi di guerra 17:07 Wed 06 Aug by Ilan S. 0 comments

Le lotte unitarie nelle solite località di Bil'in, Ni'lin, Ma'sara, Sheikh Jarrah, Nabi Saleh, Qaddum, le colline a ovest di Hebron, svoltesi nel weekend ed in settimana, si sono focalizzate sulla guerra a Gaza e sugli aspetti più evidenti dell'occupazione. Ad oggi, sembra che Israele abbia fallito l'obiettivo di insediare a Gaza un governo di Hamas indipendente ma indebolito, dato che le atrocità commesse su Gaza non sono riuscite a suscitare una pressione internazionale sufficiente a spingere l'Egitto ad allentare l'assedio su Gaza. Pare che tra Hamas e l'Autorità Palestinese in Cisgiordania verrà rinnovato quel patto che Israele ha così strenuamente cercato di sabotare. [English]

gaza.jpg imagePalestina, l'ostaggio perenne 00:06 Wed 23 Jul by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Continua la guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas, anche se in tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Dalla scomparsa dei tre coloni da Gush Etzion, (colonia per soli ebrei sotto il controllo totale dello stato di Israele in Cisgiordania), Israele ha posto sotto assedio quattro milioni di palestinesi, bombardando ospedali, scuole, ogni sorta di obiettivi civili, distruggendo e saccheggiando case, rubando, effettuando sequestri, ferendo e uccidendo sia in modo mirato che indiscriminato al di fuori di ogni legislazione internazionale.

textPalestina-Israele - conflitto senza fine tra il colonialismo sionista ed i palestinesi 17:56 Tue 22 Jul by Ilan S. 0 comments

Siamo al 13° giorno di guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas. In tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Tutto quello che Israele vuole da questa guerra è rompere l'unità di governo palestinese ed evitare l'accelerazione degli accordi di pace. Il problema causato dalla resa di Hamas, messa in ginocchio dalla crisi economica, alla Autorità Palestinese, deriva dalle scelte del governo egiziano, il quale minaccia molto seriamente quel progetto di divisione permanente dei Palestinesi a cui Israele ha dedicato tanti sforzi. Il solo totale collasso del governo di Hamas nella Striscia di Gaza spaventa Israele più di ogni altra cosa. [English]

pal.jpg imagePalestina: nessuna giustizia, nessuna pace! 14:47 Thu 17 Jul by Alternative Libertaire 0 comments

Da molti giorni l'esercito israeliano bombarda la striscia di Gaza, in seguito al lancio di razzi sul territorio israeliano. Col pretesto di prendersela con i "terroristi", o con "quelli che rifiutano la pace", i bombardamenti colpiscono in realtà la popolazione civile, bambini compresi, e servono a scoraggiare con il terrore ogni volontà di resistenza. [Français]

textChi dice che il futuro è finito? 15:28 Sun 13 Jul by Segreteri Nazionale FdCA 0 comments

I diversi fattori che al momento sembrano scollegati tra loro delineano il punto di caduta o, almeno, il tentativo del capitale di trovare un nuovo equilibrio internazionale per assicurare una nuova fase di accumulazione capitalistica, in area occidentale (USA-EU). Ciò che viene comunemente definita crisi e che dal 2008 affligge interi popoli sembra non poter uscire dalla propria dimensione monetaria. Una politica monetaria - che vede le banche commerciali protagoniste nella creazione di danaro attraverso il prestito reso possibile dall'aumento del debito - ha una funzione temporale necessaria a proteggere la capitalizzazione del sistema finanziario, ma ha il pregio di mostrare a tutti quali sono le dinamiche del potere finanziario.

more >>

imageTra le macerie dell'imperialismo USA Sep 27 by Shawn Hattingh 0 comments

Le notizie che vanno per la maggiore raccontano le storie degli orrori commessi dallo Stato Islamico (IS) in Siria ed in Iraq ma anche di come gli Stati Uniti vogliano apparentemente mettere fine a questi orrori per ragioni umanitarie. Quello che non viene mai detto dai media privati e di Stato è da dove viene l'IS, quali sono le vere ragioni di questo nuovo intervento degli USA in Medio Oriente, della volontà degli USA di isolare e distruggere le uniche due forze che stanno realmente combattendo contro l'IS: il PKK e le YPG. [English]

imageGli Enragés nella Rivoluzione francese Sep 20 by Marco Casalino 0 comments

Chi erano gli Enragés, chi faceva parte del movimento e quali obiettivi si proponevano di realizzare? Mio obiettivo è di fare una breve descrizione del loro pensiero politico lasciando volutamente senza risposta la domanda che da decenni gli storici si pongono: il movimento degli Enragés può essere considerato un predecessore della corrente anarchica?

imageLa sperimentazione del Kurdistan Occidentale (Kurdistan siriano) ha dimostrato che il popolo può cam... Sep 03 by Zaher Baher 0 comments

Ciò che leggerete di seguito è l'esperienza della mia visita di un paio di settimane nel maggio di quest'anno, 2014, nel Nord Est della Siria o Kurdistan siriano (Ovest del Kurdistan) con un mio caro amico. Durante la visita abbiamo avuto piena libertà e l'opportunità di vedere e di parlare con chiunque. Incluse donne, uomini, giovani e partiti politici. Ci sono più di 20 partiti dai curdi ai cristiani, alcuni sono nell'Auto Amministrazione Democratica (DSA) o Autogestione Democratica (DSM) della regione di Al-Jazera. Al-Jazera è una delle tre regioni (cantoni) del Kurdistan dell'Ovest. Abbiamo incontrato anche i partiti politici curdi e cristiani che non fanno parte della DSA o della DSM. Inoltre abbiamo incontrato i vertici della DSM, membri di diversi comitati, gruppi locali e comuni così come uomini d'affari, negozianti, lavoratori, persone al mercato e gente che semplicemente camminava per strada. [English]

imageNé ucraini né russi! Aug 31 by Třídní válka 0 comments

Quando alcuni mesi fa scrivemmo "Preparativi di guerra in Ucraina e Russia: realtà o show?" intendendo dire che stavano maturando le condizioni per un nuova guerra, molti compagni espressero dubbi o anche disaccordo verso un comunicato così categorico. Ora possiamo dire che il conflitto in Ucraina è chiaramente passato dalla fase "fredda" a quella "calda" e che ciò di cui siamo testimoni nell'est del paese è proprio guerra in tutti i sensi. [Čeština]

imageIl vigile del fuoco Aug 30 by Toni Iero 0 comments

Il peggio è ormai passato. È una frase che sento ripetere dall’autunno del 2007, qualche mese dopo l’estate in cui la caduta delle quotazioni azionarie di Wall Street segnava la fine della bolla immobiliare americana e l’inizio della peggiore crisi economica dopo quella degli anni ’30 del secolo scorso.
Davvero c’è una luce in fondo al tunnel?
Per formarsi un’opinione motivata, è opportuno comprendere le diverse dinamiche che caratterizzano i mercati finanziari e il sistema produttivo.

more >>

imageSolidarietà internazionale a* Zapatist@s di fronte alla controrivoluzione in Chiapas Aug 31 Alternative Libertaire 0 comments

Alla società civile nazionale ed internazionale,
Alla Sesta nazionale ed internazionale,
Ai media liberi, autonomi ed indipendenti,
Alle amministrazioni del buon governo,
All' EZLN,
Alle basi di appoggio dell'EZLN
[Castellano]

imagePalestina, l'ostaggio perenne Jul 23 FdCA 0 comments

Continua la guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas, anche se in tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Dalla scomparsa dei tre coloni da Gush Etzion, (colonia per soli ebrei sotto il controllo totale dello stato di Israele in Cisgiordania), Israele ha posto sotto assedio quattro milioni di palestinesi, bombardando ospedali, scuole, ogni sorta di obiettivi civili, distruggendo e saccheggiando case, rubando, effettuando sequestri, ferendo e uccidendo sia in modo mirato che indiscriminato al di fuori di ogni legislazione internazionale.

imagePalestina: nessuna giustizia, nessuna pace! Jul 17 AL 0 comments

Da molti giorni l'esercito israeliano bombarda la striscia di Gaza, in seguito al lancio di razzi sul territorio israeliano. Col pretesto di prendersela con i "terroristi", o con "quelli che rifiutano la pace", i bombardamenti colpiscono in realtà la popolazione civile, bambini compresi, e servono a scoraggiare con il terrore ogni volontà di resistenza. [Français]

textChi dice che il futuro è finito? Jul 13 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

I diversi fattori che al momento sembrano scollegati tra loro delineano il punto di caduta o, almeno, il tentativo del capitale di trovare un nuovo equilibrio internazionale per assicurare una nuova fase di accumulazione capitalistica, in area occidentale (USA-EU). Ciò che viene comunemente definita crisi e che dal 2008 affligge interi popoli sembra non poter uscire dalla propria dimensione monetaria. Una politica monetaria - che vede le banche commerciali protagoniste nella creazione di danaro attraverso il prestito reso possibile dall'aumento del debito - ha una funzione temporale necessaria a proteggere la capitalizzazione del sistema finanziario, ma ha il pregio di mostrare a tutti quali sono le dinamiche del potere finanziario.

imageSulla crisi in Iraq Jun 29 KAF 0 comments

La crisi in Iraq risale al regime di Saddam Hussein ed è proseguita con "l'attuale regime democratico" dopo l'invasione del 2003. Non c'era libertà, né giustizia sociale; nessuna uguaglianza e pochissime opportunità per coloro che erano indipendenti dai partiti al potere. Oltre alle violenze ed alle discriminazioni contro le donne e la gente comune si è creata una forbice enorme tra i ricchi ed i poveri, con i ricchi sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri. [English]

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]