user preferences

mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Tuesday November 05, 2013 02:56 byIlan S.
Da un lato abbiamo la montante pressione internazionale su Israele. Dall'altro abbiamo la crescente paura dell'elite israeliana verso queste pressioni e verso la minaccia che possano aumentare in futuro. Nonostante ciò, come risposta disperata, sono immensamente cresciuti gli sforzi da parte dell'esercito israeliano e dei coloni irregolari nel procedere agli sgomberi striscianti dei palestinesi. I Beduini israeliani devono fare i conti con il piano Farwer che prevede il trasferimento di metà dei loro villaggi in città di concentrazionarie. I Palestinesi della Valle del Giordano e dell'area a sud di Hebron sono oggetto di maltrattamenti e lentamente vengono spinti ad andarsene. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Thursday October 24, 2013 17:32 byIlan S.
L'alta marea della lotta sociale a livello mondiale e nella nostra regione di solo 2 anni fa si è ritirata nella disillusione. Le azioni dirette unitarie a Bil'in, Ni'lin, Nabi Saleh, Qaddum, Ma'sara, Beit Ummar, Sheikh Jarrah hanno perso in quantità. Uno delle cause sta nella politica del bastone e della carota messa in atto nel sistema di occupazione israeliana. Come ad esempio il significativo aumento dei permessi di lavoro dati ai Palestinesi all'interno di Israele ed una politica più lasca verso i "palestinesi illegali" che lavorano in Israele. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Friday October 18, 2013 16:42 byIlan S.
La tensione nell'aria è alta - in attesa di vedere se la cresciuta pressione internazionale su Israele porterà a qualche risultato. Il contributo di Israele alle potenze imperialiste è strettamente legato ai compromessi in Siria ed in Iran ed alla diminuita dipendenza USA dal petrolio del Mediterraneo. L'atteso ritiro di Israele almeno da alcune aree della Cisgiordania fa aumentare gli sforzi dei coloni e delle forze di stato nell'accelerare gli sgomberi striscianti dei contadini e dei pastori palestinesi dalla Valle del Giordano e dalle colline di Hebron. Gli attivisti israeliani si sono uniti (soprattutto nel weekend) ai contadini palestinesi nel fare da deterrente ai maltrattamenti dei coloni supportati dalle forze di stato. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Monday October 07, 2013 17:16 byIlan S.
Il detto cinese "che tu possa vivere in tempi interessanti" si è recentemente materializzato nella nostra regione. Il sorprendente disinnesco della questione delle armi chimiche siriane e del programma nucleare iraniano ha esposto Israele a maggiori pressioni da parte dell'Europa. Nonostante il relativo boom economico, la popolazione israeliana ed ancor più quel vessato "ceto medio", vittima dell'applicazione delle misure neoliberiste, stanno iniziando ad esprimere il loro risentimento. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Friday September 27, 2013 17:26 byIlan S.
Lo sgombero dei Palestinesi dal confini del 1948 non è mai stato completato. Però tuttora continua con modalità più soft e più striscianti. Con la conseguenza di un generalizzato stato di oppressione e di maltrattamenti che ha portato all'emigrazione di molti palestinesi cristiani dal nord del paese. Un'altra conseguenza è il graduale sgombero dei Beduini del sud impegnati nella lotta unitaria nel villaggio di Araqeeb e contro il decreto Farber. All'interno dei confini del 1967 gli sforzi per gli sgomberi si concentrano nella Valle del Giordano a danno delle comunità di pastori del sud, in particolare a Susya. [English] read full story / add a comment
italia / svizzera / lotte sindacali / opinione / analisi Sunday September 22, 2013 13:11 byCommissione Sindacale FdCA
Di fronte all'evolversi della tragedia ILVA, da più parti si invoca la nazionalizzazione come risposta alla strafottenza e all'arroganza della famiglia Riva, una risposta radicale e di classe che tramite esproprio salverebbe capre e cavoli, letteralmente produzione e ambiente. Come quando a suo tempo si parlava di nazionalizzazione delle banche. Peccato che non sia così. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Thursday September 19, 2013 17:08 byIlan S.
Le forze di stato israeliane non si limitano nella loro violenza alla repressione delle azioni dirette e nemmeno ai villaggi dove avvengono le azioni dirette. Cercano anche di coinvolgere il sistema giudiziario militare e civile, puntando ad ulteriori danni, pagamento di cauzioni, ordinanze di restrizione a lungo e breve termine, condanne a brevi periodi di carcere e persino fino a 18 mesi per gli attivisti palestinesi. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Wednesday September 04, 2013 20:44 byIlan S.
Nella Valle del Giordano continuano gli sforzi per sgomberarne gli abitanti, così come nella "Firing Zone 918", in località che non fanno notizia e nella regione dei Beduini all'interno dei confini del 1948. Quando il rullio dei tamburi di guerra è più intenso, il crescente livello di oppressione nei confini del 1967 sembra più pesante. Sempre meno persone si interessano o ripongono fiducia nei "colloqui di pace" a cui i padroni imperialisti costringono Israele ed i Palestinesi. La lotta unitaria prosegue nonostante la calura ed il crescente terrorismo israeliano. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Tuesday August 27, 2013 20:48 byIlan S.
Le turbolenze nella nostra regione esprimono bene il crogiuolo della storia del mondo come lo abbiamo conosciuto. Le cose accelerano in vista della fine mentre gli assi del vecchio ordine non tengono più. Il colonialismo sionista, testa di ponte dei paesi imperialisti nella culla della cultura umana a est del Mar Mediterraneo, viene eroso dalla resistenza degli abitanti indigeni che stanno ricevendo sostegno da tutto il mondo. Le crepe nel capitalismo globale e neoliberista, che fino a pochi anni fa sembrava aver raggiunto la sua vittoria finale, quando era stata dichiarata la fine della storia, stanno invece lì ad indicare proprio la fine della storia della società di classe egoistica e alienata. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Wednesday August 21, 2013 18:31 byIlan S.
L'inizio dei "colloqui" ed il rilascio di prigionieri di lunga detenzione sono stati imposti ad Israele nel momento in cui l'Europa ha iniziato la sua pressione su Israele in seguito al montare dell'opinione pubblica ed al fallimento statunitense nel proteggere il suo "venerabile" cliente. La campagna Boycott Disinvest Sanctions ed il coinvolgimento dell'ebraismo israeliano ed internazionale hanno neutralizzato il tentativo di Israele di farsi vittima di un presunto antisemitismo. E' diventata di clamore pubblico la spaccatura all'interno dell'elite israeliana quando la tecnologia scientifica ed avanzata ha lanciato l'allarme di un imminente punizione. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Tuesday August 13, 2013 17:46 byIlan S.
Fino ad ora, persino i più realisti della sinistra sionista che sono per il ritiro (con qualche modifica) sui confini del 1967 hanno insistito che un eventuale ritiro previsto all'interno di un definitivo accordo di pace sarà condizionato dalla rinuncia dei Palestinesi al ritorno dei profughi. Oggi, l'ex-comandante in capo dell'esercito nonché ex-leader di un grosso partito in parlamento ha fatto sapere di essere a favore di una pace temporanea restituendo il 60% dei territori occupati nel 1967, impegnandosi a restituire il rimanente 40% nei 4 anni successivi con un accordo di pace definitivo. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Thursday August 08, 2013 16:57 byIlan S.
Ecco la pura essenza della razionalità colonialista di Israele: lo Stato così risponde a due petizioni rivolte all'Alta Corte affinché venga fermato il piano di evacuazione di 8 villaggi sulle Colline a sud di Hebron (nella Cisgiordania occupata). "Israele: lo sgombero di 1.300 palestinesi è necessario al risparmio delle spese militari". La lotta dei Beduini confuta la pretesa che all'interno dei confini del 1948 Israele sia uno stato normale. La lotta unitaria degli Anarchici Contro il Muro insieme ai comitati popolari di base palestinesi contro il muro della separazione e contro i coloni che si prendono le terre palestinesi è un appello costante all'azione solidale internazionale - non per "la liberazione nazionale e per l'autodeterminazione dello Stato" dell'elite palestinese, ma per la fine dell'occupazione e delle deportazioni del popolo palestinese. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Friday August 02, 2013 00:28 byIlan S.
All'interno di Israele, la lotta dei Beduini contro le deportazioni di massa, iniziate già all'indomani della guerra del 1948, si sta allargando a tutto il paese e persino nella aree conquistate nel 1967. La lotta dei Beduini ha mobilitato sempre di più gli Anarchici Contro il Muro, oltre alle consuete località di lotta unitaria nelle aree del 1967 e cioè: Bil'in, Ni'lin, Ma'sara, Nabi Saleh, Qaddum, Sheikh Jarrah, e le colline a sud di Hebron. La lotta del villaggio di Al-Araqeeb si sta ampliando immensamente contro il Piano Praver. Fervono i preparativi per le azioni a partire da agosto. Sabato 28 luglio, grossa manifestazione a Rahat - la maggiore città dei Beduini dove sono già decine di migliaia i deportati. [English] read full story / add a comment
italia / svizzera / movimento anarchico / intervista Thursday August 01, 2013 23:54 byCollettivo redazionale di Roma
L'idea di realizzare questa intervista ci era venuta già nella seconda metà di giugno, quando avevamo letto il comunicato di indizione della festa di Alternativa Libertaria. L'elemento stimolante dell'iniziativa stava, a nostro avviso, nell'intento di rilanciare con forza, nel contesto attuale, l'ipotesi autogestionaria. Certo, molti rimarranno perplessi di fronte a un simile proposito, perché negli ultimi anni il termine autogestione ha spesso indicato la prassi di liberare spazi, finendo per disinteressarsi del contesto circostante. Ma l'impostazione della Federazione dei Comunisti Anarchici è ben altra, come emerge da questa conversazione. read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Thursday July 25, 2013 18:20 byIlan S.
I frenetici sforzi delle autorità israeliane per accelerare il trasferimento dei Palestinesi dai confini sia del 1948 che del 1967 si intrecciano con il loro rendersi conto del fatto che la marea sta cambiando. La retorica delle destre e le loro dure azioni somigliano sempre più ad un rituale religioso per esorcizzare una realtà che contraddice. La lotta unitaria prosegue sia con i contadini del sud della Cisgiordania per resistere alle provocazioni dei coloni, sia con i comitati popolari che contestano il recinto della separazione e l'occupazione. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / movimento anarchico / intervista Thursday July 25, 2013 17:46 byJoshua Stephens
In Palestina, spesso ci sono stati storicamente elementi di auto-organizzazione nella lotta popolare. Anche se non esplicitamente ascrivibili all'anarchismo in quanto tale. "Le persone già organizzano le loro vite su basi orizzontali o non gerarchiche", dice Beesan Ramadan, anarchica del posto, la quale definisce l'anarchismo come una "tattica" dubitando della necessità di darsi delle etichette. read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Wednesday July 17, 2013 20:15 byIlan S.
Sebbene nel corso degli anni molti compagni abbiano perso entusiasmo, sebbene alcuni siano esausti ed altri siano emigrati, la lotta prosegue - sia sul versante della lotta per la giustizia sociale che sul versante della lotta unitaria contro l'occupazione nonché contro le pressioni all'interno di Israele per sgomberare i Palestinesi. Monta la pressione internazionale suffragata dalle lotte locali e sembra crescere di qualità di pari passo con i timori del governo israeliano. Infatti sul quotidiano israeliano Haaretz si può leggere uno degli editoriali più interessanti della fine-settimana: "...Contrariamente alle affermazioni di Bennett, fonti a Gerusalemme sostengono che la minaccia di un boicottaggio europeo verso Israele sia reale". [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Friday July 12, 2013 17:11 byIlan S.
Nell'area C, mentre la lotta popolare non-armata dei Palestinesi nella Cisgiordania occupata viene ripetutamente provocata, le azioni del PSCC sono ancora sporadiche. Le lotte unitarie persistenti sono ancora limitate a Bil'in, Ma'sara, Nabi Saleh, Ni'lin, Qaddum e Sheikh Jarrah, ma di tanto in tanto gli Anarchici Contro il Muro vengono invitati sia nelle vecchie che nelle nuove località di lotta unitaria. La repressione statale è inconsistente, segnata da da una imprevedibile relativa passività intervallata con durissime reazioni. Nel frattempo in Israele, la lotta sociale sta prendendo piede con al centro aspre discussioni sulla pressione internazionale da un lato e sul pericolo della soluzione un-solo-Stato dall'altro. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Monday July 01, 2013 17:32 byIlan S.
Nonostante la diffusione a livello mondiale della pressione politica ed economica (B.D.S), lo Stato israeliano sta aumentando i suoi sforzi per trasferire i Palestinesi - sia quelli dentro i confini del 1948 che quelli dentro i confini del 1967. Gli sforzi di trasferire i Palestinesi dall'area C della Cisgiordania vengono profusi con l'aiuto del terrorismo dei coloni, sebbene gli attivisti israeliani si uniscano ai Palestinesi per resistere o anche sabotare. I media israeliani scrivono e scrivono sulla terza Intifada che si sta gradualmente rafforzando e sull'avvertimento da parte dei generali che l'attuale rifiuto dello Stato a cedere è pericoloso. [English] read full story / add a comment
italia / svizzera / lotte sindacali / documento politico Wednesday June 19, 2013 22:39 byCommissione Sindacale FdCA
Siamo completamente immersi in una dimensione politica ormai affermata che sancisce i limiti della democrazia e che mette l'accumulazione al posto di comando in una cornice di potere politico fortemente gerarchizzato ed autoritario. Quanto vi è stato nel passato - il compromesso sociale sgretolatosi negli ultimi vent'anni - non è più ricomponibile e praticabile, vista la mutata condizione della classe e la sua scomposizione sotto gli attacchi della borghesia. read full story / add a comment

This page has not been translated into Nederlands yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
E

it

Wed 30 Jul, 21:11

browse text browse image

gaza.jpg imagePalestina, l'ostaggio perenne 00:06 Wed 23 Jul by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Continua la guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas, anche se in tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Dalla scomparsa dei tre coloni da Gush Etzion, (colonia per soli ebrei sotto il controllo totale dello stato di Israele in Cisgiordania), Israele ha posto sotto assedio quattro milioni di palestinesi, bombardando ospedali, scuole, ogni sorta di obiettivi civili, distruggendo e saccheggiando case, rubando, effettuando sequestri, ferendo e uccidendo sia in modo mirato che indiscriminato al di fuori di ogni legislazione internazionale.

textPalestina-Israele - conflitto senza fine tra il colonialismo sionista ed i palestinesi 17:56 Tue 22 Jul by Ilan S. 0 comments

Siamo al 13° giorno di guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas. In tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Tutto quello che Israele vuole da questa guerra è rompere l'unità di governo palestinese ed evitare l'accelerazione degli accordi di pace. Il problema causato dalla resa di Hamas, messa in ginocchio dalla crisi economica, alla Autorità Palestinese, deriva dalle scelte del governo egiziano, il quale minaccia molto seriamente quel progetto di divisione permanente dei Palestinesi a cui Israele ha dedicato tanti sforzi. Il solo totale collasso del governo di Hamas nella Striscia di Gaza spaventa Israele più di ogni altra cosa. [English]

pal.jpg imagePalestina: nessuna giustizia, nessuna pace! 14:47 Thu 17 Jul by Alternative Libertaire 0 comments

Da molti giorni l'esercito israeliano bombarda la striscia di Gaza, in seguito al lancio di razzi sul territorio israeliano. Col pretesto di prendersela con i "terroristi", o con "quelli che rifiutano la pace", i bombardamenti colpiscono in realtà la popolazione civile, bambini compresi, e servono a scoraggiare con il terrore ogni volontà di resistenza. [Français]

textChi dice che il futuro è finito? 15:28 Sun 13 Jul by Segreteri Nazionale FdCA 0 comments

I diversi fattori che al momento sembrano scollegati tra loro delineano il punto di caduta o, almeno, il tentativo del capitale di trovare un nuovo equilibrio internazionale per assicurare una nuova fase di accumulazione capitalistica, in area occidentale (USA-EU). Ciò che viene comunemente definita crisi e che dal 2008 affligge interi popoli sembra non poter uscire dalla propria dimensione monetaria. Una politica monetaria - che vede le banche commerciali protagoniste nella creazione di danaro attraverso il prestito reso possibile dall'aumento del debito - ha una funzione temporale necessaria a proteggere la capitalizzazione del sistema finanziario, ma ha il pregio di mostrare a tutti quali sono le dinamiche del potere finanziario.

textPalestina-Israele, settimane tumultuose inibiscono gli sforzi di Israele per scatenare una terza int... 14:34 Sun 13 Jul by Ilan S. 0 comments

Proprio quando la pressione dell'Europa su Israele per un compromesso con il governo palestinese stava cogliendo il momento giusto favorito dal calo in atto delle esportazioni israeliane, Israele ha cercato di trarre vantaggio dal rapimento dei tre giovani coloni applicando i "piani nel cassetto" nel tentativo di incendiare una intifada armata. Quasi tre settimane di propaganda basata su menzogne (come se sapessero già della morte dei tre giovani) hanno inondato i media. Quando alla fine i corpi sono stati "trovati", le bugie sono risultate per quello che erano e le intimidazioni per far accendere l'intifada hanno fallito l'obiettivo. I crescenti crimini di odio dell'estrema destra israeliana e l'uccisione di un giovane palestinese a Gerusalemme Est occupata hanno scatenato una dura reazione nella città e nelle zone palestinesi all'interno dei confini del 1948. [English]

oabubakralbaghdadi570.jpg imageSulla crisi in Iraq 16:22 Sun 29 Jun by Kurdish Anarchists Forum 0 comments

La crisi in Iraq risale al regime di Saddam Hussein ed è proseguita con "l'attuale regime democratico" dopo l'invasione del 2003. Non c'era libertà, né giustizia sociale; nessuna uguaglianza e pochissime opportunità per coloro che erano indipendenti dai partiti al potere. Oltre alle violenze ed alle discriminazioni contro le donne e la gente comune si è creata una forbice enorme tra i ricchi ed i poveri, con i ricchi sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri. [English]

textPalestina-Israele: Lotta senza fine per bloccare l'avanzata del progetto coloniale sionista 15:51 Sun 29 Jun by Ilan S. 0 comments

Negli ultimi 12 giorni la macchina propagandistica israeliana ha pompato alla grande sul caso del sequestro dei 3 giovani coloni al fine di giustificare ulteriori sforzi per spingere i palestinesi ad un trasferimento "volontario". Hanno finto di usare il sequestro per spezzare Hamas. In realtà hanno usato entrambi nel tentativo disperato di provocare una terza Intifada. Far confluire 700 soldati nel villaggio di Na'ama (vicino Bil'in) che conta 2000 abitanti per arrestare due attivisti di Hamas è una cosa davvero ridicola a cui è difficile dare credito. Falliti i tentativi di far scoppiare una terza Intifada e di bloccare il compromesso tra Hamas e Fatah (uno dei più importanti pilastri della politica israeliana del divide et impera), si fa sempre più invasiva la pressione delle potenze imperialiste mondiali su Israele per mettere fine all'occupazione del 1967. [English]

tropa_de_choque_em_sc3a3o_paulo_1.jpg imageContro i Mondiali e contro la repressione: seminare lotta e organizzazione! 14:50 Thu 26 Jun by Coordenação Anarquista Brasileira 0 comments

L'insieme di lotte e conflitti sindacali e sociali in corso nel paese prima e durante i Mondiali di Calcio tiene sotto pressione il governo federale, alcuni governi statali, municipi e padroni, generando una guerra dei nervi nei principali centri urbani del paese. [Português

textPalestina-Israele, la lotta ed i cambiamenti sullo scenario internazionale innescano una nuova lotta... 14:32 Thu 26 Jun by Ilan S. 0 comments

La lotta palestinese non-armata si interfaccia con i cambiamenti nella regione e nelle dinamiche di potere mondiale a cui ha contribuito anche l'opinione pubblica nei paesi occidentali. I primi significativi successi della campagna B.D.S. (a cui partecipa la lotta unitaria) e il timore di parti dell'elite capitalista israeliana di perdere terreno a breve termine stanno minacciando lo status quo. Nonostante continuino gli sforzi di trasferire i palestinesi che vivono dentro Israele e nei territori occupati nel 1967, le conseguenze della crescente pressione internazionale sta portando a rotture all'interno dell'elite capitalistica israeliana al potere. La pressione per il compromesso dei 2-stati è stata espressa nell'appello di quasi metà della coalizione parlamentare al governo per predisporre la mappa del compromesso dei 2 stati. [English]

cab.jpg imageCampagna "La protesta non è un crimine!" 05:18 Mon 23 Jun by Coletivo Anarquista Bandeira Negra 0 comments

L'anno scorso, le strade delle città del Brasile vennero attraversate da diverse manifestazioni. Rivendicazioni per il trasporto pubblico a tariffa zero, scioperi di diverse categorie che ruppero con le dirigenze sindacali burocratizzate e mobilitazioni contro i danni provocati dalla Copa do Mundo crearono uno scenario di delegittimazione e di rottura degli oppressi verso lo Stato ed il Capitale.

more >>

imageIsraele/Palestine: dietro l'attuale conflitto Jul 28 by Ilan S. 0 comments

L'Egitto insiste nel voler annientare il governo di Hamas, propaggine dei Fratelli Musulmani, sulla Striscia di Gaza. Israele vuole "solo" sabotare il cedimento/compromesso di Hamas verso l'Autorità Palestinese sulla Cisgiordania. Per capire l'importanza del contesto politico degli eventi in corso bisogna rifarsi al novembre 2012, con l'accordo tra Israele ed Hamas sponsorizzato dall'Egitto. [English]

imageI Curdi, tra accerchiamento islamista e progressi politici Jul 26 by Elisenda Panadés 0 comments

Il Kurdistan della Siria, solo di fronte agli attacchi jihaidisti, lancia un appello alla solidarietà internazionale. [Castellano]

imageI Brics e il nuovo asse di espansione capitalista Jul 26 by BrunoL 0 comments

Dalla 6ª Riunione del Vertice dei leader del blocco di paesi composto da Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa (Brics) sono uscite indicazioni per un obiettivo e per due certezze. Il fatto concreto è dare ordine alla redistribuzione geografica del capitalismo mondiale. Fondare i pilastri di una Nuova Banca per lo Sviluppo ed un Fondo di Contingenza sono passi importante per sovrapporsi al moribondo ordine scaturito da Bretton Woods. [Português]

textIl sindacalismo rivendicativo: dalla Spagna al Sud Africa al mondo del lavoro globale oggi Jul 25 by Lucien van der Walt 0 comments

Perché è importante sviluppare una nuova visione del ruolo trasformatore dei sindacati in un mondo di crisi e di disuguaglianze; i limiti del sindacalismo concertativo, degli approcci nazionalisti, di quelli marxisti-leninisti e social-democratici; e come l'anarcosindacalismo ed il sindacalismo rivoluzionario - in quanto importante tradizione storica, bagaglio di idee ed esperienza rivoluzionaria, soprattutto in Spagna nel 1936-1939 - possono contribuire al dibattito. [English]

imageSul conflitto in corso tra il progetto coloniale sionista ed i lavoratori indigeni della Palestina Jul 22 by Ilan Shalif 0 comments

Il grave conflitto tra l'elite capitalista israeliana al potere ed i lavoratori indigeni della Palestina a cui stiamo assistendo nelle ultime settimane fa parte degli incessanti sforzi israeliani di evacuare i Palestinesi dalla loro terra oppure di esercitare una tale pressione da indurli a farlo volontariamente. [English]

more >>

imagePalestina, l'ostaggio perenne Jul 23 FdCA 0 comments

Continua la guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas, anche se in tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Dalla scomparsa dei tre coloni da Gush Etzion, (colonia per soli ebrei sotto il controllo totale dello stato di Israele in Cisgiordania), Israele ha posto sotto assedio quattro milioni di palestinesi, bombardando ospedali, scuole, ogni sorta di obiettivi civili, distruggendo e saccheggiando case, rubando, effettuando sequestri, ferendo e uccidendo sia in modo mirato che indiscriminato al di fuori di ogni legislazione internazionale.

imagePalestina: nessuna giustizia, nessuna pace! Jul 17 AL 0 comments

Da molti giorni l'esercito israeliano bombarda la striscia di Gaza, in seguito al lancio di razzi sul territorio israeliano. Col pretesto di prendersela con i "terroristi", o con "quelli che rifiutano la pace", i bombardamenti colpiscono in realtà la popolazione civile, bambini compresi, e servono a scoraggiare con il terrore ogni volontà di resistenza. [Français]

textChi dice che il futuro è finito? Jul 13 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

I diversi fattori che al momento sembrano scollegati tra loro delineano il punto di caduta o, almeno, il tentativo del capitale di trovare un nuovo equilibrio internazionale per assicurare una nuova fase di accumulazione capitalistica, in area occidentale (USA-EU). Ciò che viene comunemente definita crisi e che dal 2008 affligge interi popoli sembra non poter uscire dalla propria dimensione monetaria. Una politica monetaria - che vede le banche commerciali protagoniste nella creazione di danaro attraverso il prestito reso possibile dall'aumento del debito - ha una funzione temporale necessaria a proteggere la capitalizzazione del sistema finanziario, ma ha il pregio di mostrare a tutti quali sono le dinamiche del potere finanziario.

imageSulla crisi in Iraq Jun 29 KAF 0 comments

La crisi in Iraq risale al regime di Saddam Hussein ed è proseguita con "l'attuale regime democratico" dopo l'invasione del 2003. Non c'era libertà, né giustizia sociale; nessuna uguaglianza e pochissime opportunità per coloro che erano indipendenti dai partiti al potere. Oltre alle violenze ed alle discriminazioni contro le donne e la gente comune si è creata una forbice enorme tra i ricchi ed i poveri, con i ricchi sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri. [English]

imageContro i Mondiali e contro la repressione: seminare lotta e organizzazione! Jun 26 CAB 0 comments

L'insieme di lotte e conflitti sindacali e sociali in corso nel paese prima e durante i Mondiali di Calcio tiene sotto pressione il governo federale, alcuni governi statali, municipi e padroni, generando una guerra dei nervi nei principali centri urbani del paese. [Português

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]