user preferences

mashrek / arabia / irak / imperialismo / guerra / documento politico Friday August 08, 2014 12:27 byRelations internationales CGA
Dobbiamo fermare questa violenza coloniale, il più presto possibile, le umiliazioni quotidiane, gli espropri, la strategia di isolamento del popolo palestinese e il suo confinamento in una enorme prigione a cielo aperto. Dobbiamo fermare lo strangolamento quotidiano di una popolazione intera punita collettivamente in nome di una presunta "lotta contro il terrorismo". Noi sosteniamo la lotta palestinese ad alta voce per la loro dignità di esseri umani, la libertà di movimento e di insediamento, contro i posti di blocco e contro una politica di espropriazione e di blocco economico che mira a mettere in ginocchio tutta la popolazione. [Français] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Wednesday August 06, 2014 16:07 byIlan S.
Le lotte unitarie nelle solite località di Bil'in, Ni'lin, Ma'sara, Sheikh Jarrah, Nabi Saleh, Qaddum, le colline a ovest di Hebron, svoltesi nel weekend ed in settimana, si sono focalizzate sulla guerra a Gaza e sugli aspetti più evidenti dell'occupazione. Ad oggi, sembra che Israele abbia fallito l'obiettivo di insediare a Gaza un governo di Hamas indipendente ma indebolito, dato che le atrocità commesse su Gaza non sono riuscite a suscitare una pressione internazionale sufficiente a spingere l'Egitto ad allentare l'assedio su Gaza. Pare che tra Hamas e l'Autorità Palestinese in Cisgiordania verrà rinnovato quel patto che Israele ha così strenuamente cercato di sabotare. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / imperialismo / guerra / opinione / analisi Saturday August 02, 2014 13:14 byIlan S.
Gia prima dell'attuale attacco, la guerra era stata iniziata dal blocco egiziano sulla Striscia di Gaza, con l'intento di far cadere il governo di Hamas in quanto organizzazione facente parte del movimento dei Fratelli Musulmani. [English] [Türkçe] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Tuesday July 22, 2014 16:56 byIlan S.
Siamo al 13° giorno di guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas. In tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Tutto quello che Israele vuole da questa guerra è rompere l'unità di governo palestinese ed evitare l'accelerazione degli accordi di pace. Il problema causato dalla resa di Hamas, messa in ginocchio dalla crisi economica, alla Autorità Palestinese, deriva dalle scelte del governo egiziano, il quale minaccia molto seriamente quel progetto di divisione permanente dei Palestinesi a cui Israele ha dedicato tanti sforzi. Il solo totale collasso del governo di Hamas nella Striscia di Gaza spaventa Israele più di ogni altra cosa. [English] read full story / add a comment
internazionale / economia / comunicato stampa Sunday July 13, 2014 14:28 bySegreteri Nazionale FdCA
I diversi fattori che al momento sembrano scollegati tra loro delineano il punto di caduta o, almeno, il tentativo del capitale di trovare un nuovo equilibrio internazionale per assicurare una nuova fase di accumulazione capitalistica, in area occidentale (USA-EU). Ciò che viene comunemente definita crisi e che dal 2008 affligge interi popoli sembra non poter uscire dalla propria dimensione monetaria. Una politica monetaria - che vede le banche commerciali protagoniste nella creazione di danaro attraverso il prestito reso possibile dall'aumento del debito - ha una funzione temporale necessaria a proteggere la capitalizzazione del sistema finanziario, ma ha il pregio di mostrare a tutti quali sono le dinamiche del potere finanziario. read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Sunday July 13, 2014 13:34 byIlan S.
Proprio quando la pressione dell'Europa su Israele per un compromesso con il governo palestinese stava cogliendo il momento giusto favorito dal calo in atto delle esportazioni israeliane, Israele ha cercato di trarre vantaggio dal rapimento dei tre giovani coloni applicando i "piani nel cassetto" nel tentativo di incendiare una intifada armata. Quasi tre settimane di propaganda basata su menzogne (come se sapessero già della morte dei tre giovani) hanno inondato i media. Quando alla fine i corpi sono stati "trovati", le bugie sono risultate per quello che erano e le intimidazioni per far accendere l'intifada hanno fallito l'obiettivo. I crescenti crimini di odio dell'estrema destra israeliana e l'uccisione di un giovane palestinese a Gerusalemme Est occupata hanno scatenato una dura reazione nella città e nelle zone palestinesi all'interno dei confini del 1948. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Sunday June 29, 2014 14:51 byIlan S.
Negli ultimi 12 giorni la macchina propagandistica israeliana ha pompato alla grande sul caso del sequestro dei 3 giovani coloni al fine di giustificare ulteriori sforzi per spingere i palestinesi ad un trasferimento "volontario". Hanno finto di usare il sequestro per spezzare Hamas. In realtà hanno usato entrambi nel tentativo disperato di provocare una terza Intifada. Far confluire 700 soldati nel villaggio di Na'ama (vicino Bil'in) che conta 2000 abitanti per arrestare due attivisti di Hamas è una cosa davvero ridicola a cui è difficile dare credito. Falliti i tentativi di far scoppiare una terza Intifada e di bloccare il compromesso tra Hamas e Fatah (uno dei più importanti pilastri della politica israeliana del divide et impera), si fa sempre più invasiva la pressione delle potenze imperialiste mondiali su Israele per mettere fine all'occupazione del 1967. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Thursday June 26, 2014 13:32 byIlan S.
La lotta palestinese non-armata si interfaccia con i cambiamenti nella regione e nelle dinamiche di potere mondiale a cui ha contribuito anche l'opinione pubblica nei paesi occidentali. I primi significativi successi della campagna B.D.S. (a cui partecipa la lotta unitaria) e il timore di parti dell'elite capitalista israeliana di perdere terreno a breve termine stanno minacciando lo status quo. Nonostante continuino gli sforzi di trasferire i palestinesi che vivono dentro Israele e nei territori occupati nel 1967, le conseguenze della crescente pressione internazionale sta portando a rotture all'interno dell'elite capitalistica israeliana al potere. La pressione per il compromesso dei 2-stati è stata espressa nell'appello di quasi metà della coalizione parlamentare al governo per predisporre la mappa del compromesso dei 2 stati. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Wednesday May 21, 2014 13:12 byIlan S.
Settimana dopo settimana, nei weekend ed in mezzo alla settimana, gli anarchici ed altri attivisti continuano a spingere a spalle per quello che possono le ruote della storia che girano troppo lentamente. Non c'è molta energia nelle masse e sono molti gli attivisti che non avvertono più l'urgenza di partecipare, eppure ci sono ancora molti di noi che persistono e si uniscono ai residui sforzi dei palestinesi che resistono all'avanzata degli sgomberi portata avanti dai coloni sionisti e dalle forze di stato. Gli attivisti internazionali che si uniscono a noi ci portano l'eco di una solidarietà internazionale che cresce sempre di più grazie anche al contributo della nostra lotta. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Saturday May 10, 2014 00:18 byIlan S.
La crescente pressione delle potenze imperialiste mondiali sembra portare una fazione del capitalismo israeliano ad accettare il compromesso offerto dall'elite palestinese. Un'altra fazione vuole ancora ritardare l'accordo per avvantaggiarsi sul breve termine o per strappare un accordo più favorevole. Credono di poter ritardare senza correre rischi l'accordo fino alle elezioni di novembre negli USA. Nel frattempo proseguono nel silenzio gli sforzi per sgomberare soprattutto l'area C della Cisgiordania occupata e per reprimere la ribellione popolare palestinese. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Friday April 25, 2014 14:57 byIlan S.
Il prolungarsi dello status quo tra il governo israeliano ed i dirigenti palestinesi ha raggiunto un punto critico. I cambiamenti in corso negli equilibri interni al capitalismo israeliano sono ancora lenti, ma avvertibili. Non si espande la lotta unitaria degli attivisti palestinesi di base e dei radicali israeliani ma sembra ben promettere la nuova ondata di obiettori al servizio militare che ha superato il numero di cento giovani israeliani. Nonostante la dura repressione, resta di tanto in tanto accesa la fiaccola della lotta unitaria a Bil'in, Ni'lin, Nabi Saleh, Qaddum, Sheikh Jarrah, le colline a sud di Hebron, Araqeeb (in territorio israeliano) e di altri posti. [English] read full story / add a comment
italia / svizzera / antifascismo / evento comunista anarchico Friday April 25, 2014 13:16 byUSI
Iniziativa pubblica al Quarticciolo organizzata dal Laboratorio sociale, dall'Usi e da altre associazioni ... read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Tuesday April 22, 2014 14:10 byIlan S.
Sarà perché la Primavera Araba ed i movimenti nei paesi sviluppati avevano sollevato fin troppe speranze di cambiamento seguite poi dalla disillusione. Sarà perché (come il grande movimento che in in Israele aveva mobilitato circa il 10% della popolazione) si trattava di una sorta di valvola a pressione tenuta aperta... La lotta continua, ma il numero dei partecipanti diminuisce ed il morale di coloro che tengono duro non è per niente alto. La flebile fiamma di speranza per un cambiamento radicale nel nostro torturato paese viene alimentata dai cambiamenti all'interno degli equilibri imperialisti, col graduale disimpegno degli USA dalla regione e la crescente pressione per dei cambiamenti che proviene dall'Europa con la campagna B.D.S. innanzitutto. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Monday April 07, 2014 02:44 byIlan S.
La lotta unitaria continua; anche se molti anarchici sono "scoppiati" nell'attesa di vittorie e di conquiste a breve-termine. I progressi a livello internazionale stanno paradossalmente riducendo la militanza della maggior parte degli attivisti nonostante l'aumento della repressione da parte delle autorità israeliane e dei coloni in preda all'ansia. Il nocciolo duro degli attivisti prosegue la lotta a dispetto della repressione, incoraggiati da ogni piccolo successo, da ogni candelotto lacrimogeno restituito ai soldati, da ogni manifestazione che non riescono ad impedire. [English] read full story / add a comment
italia / svizzera / lotte sindacali / documento politico Monday March 24, 2014 04:11 byConsiglio dei Delegati FdCA
Sulle macerie della scuola pubblica provocate nel recente passato dai tagli di €8,5 miliardi e di 150.000 posti voluti dal governo Berlusconi/Gelmini, si aggirano nuovi ministri e improbabili sottosegretari a promettere nuove risorse per un progetto culturale e formativo, le cui concrete politiche scolastiche appaiono chiaramente finalizzate alla accelerazione del processo di riconversione della scuola in una fucina di manodopera addestrata a rispondere ai bisogni di un mercato volatile che impone - grazie alla crisi - più aggressive pretese in quanto a "selezione", meritocrazia e finanziamenti a questa finalizzati. read full story / add a comment
russia / ucraina / bielorussia / economia / opinione / analisi Monday March 24, 2014 03:52 byUfficio Studi FdCA
Quell'indipendenza proclamata dall'Ucraina nel 1991, all'indomani della disintegrazione dell'URSS, valeva ben poco. Non lo sapevano forse i nazionalisti ucraini, ma era ben chiaro alle "nuove" elite dominanti a Mosca. Bisogna aspettare il 1994 perché la Russia si impegni a garantire l'integrità territoriale ucraina, prendendosi però in carico il suo arsenale atomico. read full story / add a comment
italia / svizzera / religione / comunicato stampa Sunday March 23, 2014 14:27 byGli Anarchici del nord-est
La vicenda in cronaca locale intorno alla diatriba fra Alpini e clero locale sulla libertà dei primi di portare il cappello nelle funzioni religiose e declamare la "preghiera dell'alpino" ci fa sorridere, in quanto si omette da un lato lo stridere di un testo religioso che affonda la genesi nell'Italia iper-nazionalista e fascista (e di un clero colluso) e dall'altra parte un ipocrisia dei preti nel rivendicare una cristianità pacifica e pacifista che cozza con la sua struttura che arriva fin li nel organizzarsi all'interno delle forze armate ma entriamo nel dettaglio:
read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Saturday March 22, 2014 03:15 byIlan S.
I negoziati politici, finalizzati ad impedire il coinvolgimento dei forum internazionali da parte dell'elite palestinese al potere, non fermano la lotta unitaria del movimento popolare che dà forza alla campagna Boycott, Disinvest, Sanctions ed alla lotta non-armata sul territorio. La cresciuta repressione sulle comunità in lotta e le deportazioni in una località a scelta non riescono a spegnere la fiamma della lotta e della persistenza del "tsumud". Incursioni notturne in aumento a Ni'lin, Bil'in, Nabi Saleh e Qaddum come pure gli arresti. Le minacce di disperdere le manifestazioni del venerdì con l'uso di proiettili veri verso i giovani lanciatori di pietre vengono messe in atto di tanto in tanto con spari diretti alle gambe dei giovani. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Thursday March 13, 2014 17:30 byIlan S.
La campagna BDS (Boycott, Disinvest, Sanctions, ndt) è ormai un'emergenza sui media israeliani, come per l'elite al governo e per le medie imprese capitalistiche. I maltrattamenti riservati ai villaggi di Ni'lin, Nabi Saleh e Qaddum vengono risparmiati a Bil'in che si trova al centro dell'attenzione internazionale. Pare che le forze di stato abbiano avuto ordini precisi ad essere più "indulgenti", anche in caso di sassaiola da parte dei giovani. Molti degli attivisti israeliani hanno diradato la loro presenza dato che non vedono sviluppi concreti e che sentono la campagna BDS come una cosa astratta. [English] read full story / add a comment
mashrek / arabia / irak / lotte sul territorio / cronaca Thursday March 06, 2014 14:52 byIlan S.
L'accelerazione della campagna B.D.S. (Boycott, Disinvest, Sanctions, ndt) e la pressione internazionale stanno causando un certo panico all'interno dell'elite più ideologicamente sionista. La loro reazione è un'accelerazione della repressione verso i Palestinesi e degli sforzi per trasferirli da quelle aree chiave da sogno duro a morire per tenerle per sempre. Le forze di stato israeliane sostengono i coloni irregolari e danno inizio a molte azioni in proprio. Sono più feroci che mai i maltrattamenti verso le popolazioni dei villaggi di Ni'lin, Nabi Saleh e Qaddum che non sono sotto l'attenzione dei media internazionali. Bil'in, che si era guadagnata fama internazionale ed attenzione dei media, gode di una parziale immunità. [English] read full story / add a comment

This page has not been translated into Türkçe yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

it

Mon 05 Dec, 15:31

browse text browse image

460_0___30_0_0_0_0_0_15111087_1786563878290518_1121866889955481545_o_2.jpg imageLo Stato E' Stupro 21:52 Mon 28 Nov by Organizzazione delle Donne Anarchiche 0 comments

Anche se la legge sugli "abusi sessuali" presentata il 17 novembre da 6 deputati dell'AKP è stata ritirata, è importante capire cosa significhi per noi donne questa proposta che è stata contestata dalle nostre proteste fin dagli inizi. La bozza di legge abbassava l'età minima per il consenso sessuale da 15 a 12 anni a puntava a disporre una situazione di impunità per i colpevoli di molestie e di stupri attualmente sotto processo nonchè per quelli futuri: una depenalizzazione dei crimini sessuali. Assoluzione per i colpevoli di violenze e di stupri nel caso sposino le bambine di cui hanno abusato; esposizione delle ragazze al rischio di violenze e stupro all'età di 12 anni e la previsione di bambine spose. Il ritiro della legge da un lato è diventato uno degli esempi più consistenti di come noi donne diventiamo libere se resistiamo e dall'altro ha mostrato la politica di stallo dello Stato.
[English] [Türkçe] [Ελληνικά] [Castellano]

cga_2.jpg imageAttacco fascista in Croix Rousse (Lione) ed alla libreria anarchica la Plume Noire 18:19 Thu 24 Nov by Coordination des Groupes Anarchistes - Lyon 0 comments

La resistenza dei nostri compagni ha impedito che i fascisti entrassero, ma non ha impedito che ci fossero danni materiali: la distruzione di tutti i vetri delle finestre e parte delle persiane di metallo. Diverse persone sono rimaste leggermente ferite in questo attacco che è durato lunghi minuti, soprattutto a causa dei proiettili (pietre, oggetti metallici, bottiglie) scagliati dai fascisti. Quando sono arrivati e quando se ne sono andati, i fascisti hanno cantato "on est chez nous", "la France aux Français" (slogan xenofobi) e "morte agli ebrei", come segnali di adunata e di dispersione.
Questo attacco efferato non è un caso isolato. E' successo quasi 20 anni dopo che gli attivisti di estrema destra hanno dato fuoco ai precedenti locali della "Plume Noire" nel 1997, e trova la sua origine nell'attuale aumento dell'estrema destra e del fascismo, che si traduce in una moltiplicazione di attacchi contro le minoranze, contro i sindacalisti, contro le femministe, gli antirazzisti, il movimento LGBT e contro gli attivisti progressisti. [Français] [English] [Castellano] [Ελληνικά] [Nederlands]

logobien.jpg image60° anniversario della FAU 23:26 Sun 30 Oct by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

dall'Italia Alternativa Libertaria/fdca saluta l'anniversario della Federaciòn Anarquista Uruguaya

textItalia, Piacenza: omicidio di un operaio della logistica 22:22 Fri 16 Sep by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

La morte di Abdesselem El Danaf lavoratore della logistica travolto da un tir che ha forzato il presidio, a Montale (PC), davanti ad un magazzino della ditta GLS è una tragedia umana ed un fatto inaudito dal punto di vista sindacale.
Siamo in presenza dell'omicidio di un lavoratore che lottava e esercitava il diritto di sciopero.

textItalia, Genova Multedo: Simbiosi - difendi il territorio 04:00 Tue 30 Aug by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Due giornate di festa sulla difesa del territorio da quelle opere dell'uomo che incidono negativamente su tutto ciò che ci circonda! Quando parliamo di territorio noi ci vorremmo collegare alla salute degli abitanti e non a opere inutili, costose e inquinanti! Pensiamo al Terzo Valico, alla Gronda a Genova, al TAV in Val Susa, alle Navi a Venezia, piuttosto che al MUOS in Sicilia e queste sono solo alcuni dei disastri sul territorio italiano.
Le due giornate vogliono essere un modo per confrontarsi con lotte già esistenti.

textItalia, Vittorio Veneto: L'antifascismo oggi 03:55 Tue 30 Aug by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Vittorio Veneto (TV) 2 settembre alle ore 20:30 presso la Biblioteca comunale, “L'Antifascismo oggi”, con l'intervento del giornalista milanese del Manifesto Saverio Ferrari dell'Osservatorio Democratico Sulle Nuove Destre.»

textPalestina-Israele, un "allentamento" di Israele ha portato ad una calo di intensità negli scontri se... 07:59 Mon 22 Aug by Ilan S. 0 comments

Dopo tanti anni è dura abituarsi alla sostituzione dei lacrimogeni e dei proiettili con la minaccia di essere arrestati se uno supera una certa linea immaginaria. Per molti anni ci siamo preoccupati di quando sarebbe arrivato il giorno in cui chi prende le decisioni nello Stato di Israele avrebbe ridotto al minimo e persino interrotto la dura repressione delle manifestazioni unitarie settimanali contro l'occupazione, contro i coloni e contro il muro della separazione. Il 27-5-16 a Bil'in fu la prima volta in cui le forze di stato non spararono su una manifestazione. Ce ne vollero altre dodici così perchè capissimo che eravamo davanti ad un vero cambiamento di strategia. Lo scorso venerdì loro ci hanno persino "invitato" a tornare a manifestare nell'area del nuovo muro della separazione - proibita a tutti noi da almeno un anno. Pare che i tanti milioni investiti nella lotta per contrastare la campagna B.D.S. (boicottaggio, disinvestimento, sanzioni contro le merci israeliana, ndr) siano serviti ad assumere dei managers più intelligenti in grado di costringere l'esercito a ingoiare il proprio orgoglio ed a smettere di maltrattare le manifestazioni del venerdì e gli attivisti internazionali che
vi prendono parte.

300_0___20_0_0_0_0_0_thumb.jpg imageSull’accordo bilaterale e definitivo di cessate-il-fuoco tra il governo colombiano e le FARC-EP 05:53 Fri 05 Aug by Grupo Libertario Vía Libre 0 comments

Giovedi scorso, 23 giugno 2016, senza dubbio è stata una data storica in Colombia. In questo giorno si è concordato, nel solco dei dialoghi di pace e del tavolo di negoziazioni di Havana, il cessate-il-fuoco bilaterale e definitivo tra il governo nazionale di Juan Manuel Santos e la insorgenza delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia – Esercito del Popolo (FARC-EP). Per molt* colombiane e colombiani, si tratta di un desiderio che si avvera. Pur condividendo l’entusiasmo popolare, segnaliamo che questa ancora non è la fine della guerra e che resta un lungo cammino da percorrere verso l'ottenimento di cambiamenti sociali reali a beneficio dei lavoratori e delle lavoratrici,de i settori sociali e dei popoli.

textRete Spartaco per Emergency 00:15 Thu 14 Jul by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

23 luglio Casa Popolare Spartaco

textLes Enragés nella Rivoluzione Francese 00:00 Thu 14 Jul by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Chi erano questi Enragés, chi faceva parte del movimento e quali obiettivi si proponevano di realizzare
Genova, Biblioteca Francisco Ferrer, Piazza Embriaci 5/13
venerdì 15 luglio ore 17.30

more >>

imageFidel Castro (1926-2016) Dec 02 by Samuel Farber 0 comments

Dopo una lunga malattia che lo ha costretto a ritirarsi dalla carica nel luglio 2006, Fidel Castro è morto lo scorso 25 novembre. Nel corso della sua vita Castro era sopravvissuto a molti sforzi degli Stati Uniti per rovesciare il suo governo ed anche eliminarlo fisicamente, vedi la sponsorizzazione di invasioni, numerosi tentativi di assassinio e attacchi terroristici. Castro ha tenuto il potere politico supremo a Cuba per più di 47 anni, e anche dopo aver lasciato il suo alto ufficio ha continuato ad essere politicamente impegnato per diversi anni incontrando numerose personalità straniere e scrivendo le sue Reflexiones sulla stampa del Partito Comunista Cubano. [English] [Castellano]

textSturmTrump ringrazia Obama Nov 16 by Lucio Garofalo 0 comments

Provo a mettere un po' d'ordine tra le varie interpretazioni e le valutazioni più disparate che ho letto in questi giorni sulla vittoria di Trump (imprevista solo per i media "mainstream") alle elezioni presidenziali USA...

imageGli artigli del califfo: Erdoğan e i Curdi Nov 10 by José Antonio Gutiérrez D. 0 comments

La natura dittatoriale del regime Erdoğan è stata messa a nudo, insieme alla complicità delle potenze che hanno bisogno dei Curdi nella lotta contro lo Stato islamico, ma che chiudono un occhio davanti alle brutali zampate del califfo di Ankara.

imageIl femminismo è una questione di vita o di morte Nov 02 by Melissa Sepúlveda 0 comments

In queste ultime settimane, le reti sociali si sono riempite di rabbia e di frustrazione davanti all'evidenza, ancora una volta, di ciò che accade da moltissimo tempo: tortura, stupri e omicidi di donne, per il solo fatto di essere donne.

image1956-2016: 60 anni fa la Rivoluzione Ungherese Oct 27 by Alternativa Libertaria/FdCA 0 comments

Il modo migliore per onorare la Rivoluzione Ungherese è continuare a lottare per l'emancipazione umana e per l'avvento di una nuova società fondata sull'uguaglianza e sulla giustizia sociale.

more >>

imageLo Stato E' Stupro Nov 28 0 comments

Anche se la legge sugli "abusi sessuali" presentata il 17 novembre da 6 deputati dell'AKP è stata ritirata, è importante capire cosa significhi per noi donne questa proposta che è stata contestata dalle nostre proteste fin dagli inizi. La bozza di legge abbassava l'età minima per il consenso sessuale da 15 a 12 anni a puntava a disporre una situazione di impunità per i colpevoli di molestie e di stupri attualmente sotto processo nonchè per quelli futuri: una depenalizzazione dei crimini sessuali. Assoluzione per i colpevoli di violenze e di stupri nel caso sposino le bambine di cui hanno abusato; esposizione delle ragazze al rischio di violenze e stupro all'età di 12 anni e la previsione di bambine spose. Il ritiro della legge da un lato è diventato uno degli esempi più consistenti di come noi donne diventiamo libere se resistiamo e dall'altro ha mostrato la politica di stallo dello Stato.
[English] [Türkçe] [Ελληνικά] [Castellano]

imageAttacco fascista in Croix Rousse (Lione) ed alla libreria anarchica la Plume Noire Nov 24 CGA - Lyon 0 comments

La resistenza dei nostri compagni ha impedito che i fascisti entrassero, ma non ha impedito che ci fossero danni materiali: la distruzione di tutti i vetri delle finestre e parte delle persiane di metallo. Diverse persone sono rimaste leggermente ferite in questo attacco che è durato lunghi minuti, soprattutto a causa dei proiettili (pietre, oggetti metallici, bottiglie) scagliati dai fascisti. Quando sono arrivati e quando se ne sono andati, i fascisti hanno cantato "on est chez nous", "la France aux Français" (slogan xenofobi) e "morte agli ebrei", come segnali di adunata e di dispersione.
Questo attacco efferato non è un caso isolato. E' successo quasi 20 anni dopo che gli attivisti di estrema destra hanno dato fuoco ai precedenti locali della "Plume Noire" nel 1997, e trova la sua origine nell'attuale aumento dell'estrema destra e del fascismo, che si traduce in una moltiplicazione di attacchi contro le minoranze, contro i sindacalisti, contro le femministe, gli antirazzisti, il movimento LGBT e contro gli attivisti progressisti. [Français] [English] [Castellano] [Ελληνικά] [Nederlands]

image60° anniversario della FAU Oct 30 0 comments

dall'Italia Alternativa Libertaria/fdca saluta l'anniversario della Federaciòn Anarquista Uruguaya

textItalia, Piacenza: omicidio di un operaio della logistica Sep 16 0 comments

La morte di Abdesselem El Danaf lavoratore della logistica travolto da un tir che ha forzato il presidio, a Montale (PC), davanti ad un magazzino della ditta GLS è una tragedia umana ed un fatto inaudito dal punto di vista sindacale.
Siamo in presenza dell'omicidio di un lavoratore che lottava e esercitava il diritto di sciopero.

textItalia, Genova Multedo: Simbiosi - difendi il territorio Aug 30 sezione "Nino Malara" Genova 0 comments

Due giornate di festa sulla difesa del territorio da quelle opere dell'uomo che incidono negativamente su tutto ciò che ci circonda! Quando parliamo di territorio noi ci vorremmo collegare alla salute degli abitanti e non a opere inutili, costose e inquinanti! Pensiamo al Terzo Valico, alla Gronda a Genova, al TAV in Val Susa, alle Navi a Venezia, piuttosto che al MUOS in Sicilia e queste sono solo alcuni dei disastri sul territorio italiano.
Le due giornate vogliono essere un modo per confrontarsi con lotte già esistenti.

more >>
© 2005-2016 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]