user preferences

New Events

Argentina / Uruguay / Paraguay

no event posted in the last week

Sul conflitto nelle campagne in Argentina

category argentina / uruguay / paraguay | economia | comunicato stampa author Friday April 11, 2008 17:08author by Red Libertaria de Buenos Aires Report this post to the editors

Red Libertaria ritiene che questo conflitto non sia altro che uno scontro interno alla borghesia nella cornice del modello inaugurato da Duhalde e continuato da Nestor e Cristina Kirchner e che i lavoratori ne subiranno le conseguenze chiunque vinca finché non ci organizziamo per imporci e lottare per le nostre rivendicazioni e le nostre conquiste. [ Castellano ] [ English ]


Sul conflitto nelle campagne in Argentina

 

Red Libertaria ritiene che questo conflitto non sia altro che uno scontro interno alla borghesia nella cornice del modello inaugurato da Duhalde e continuato da Nestor e Cristina Kirchner e che i lavoratori ne subiranno le conseguenze chiunque vinca finché non ci organizziamo per imporci e lottare per le nostre rivendicazioni e le nostre conquiste.

Il boom nelle campagne e nelle tariffe dell'export

Con i prezzi internazionali costantemente alti, nelle campagne argentine si continuano a battere records su records nei raccolti e nei guadagni. Ecco perché gli agricoltori si sono opposti alle tariffe per l'export, ma senza lagnarsene fin dal 2002. Sapevano che in questo modo si stava pagando il costo dell'appoggio e del rafforzamento del governo, per cui nessuno osava far saltare il tavolo per poter tranquillamente continuare a fare affari [i]. Ciò che gli ha contratto la vescica sono stati i limiti sul volume dell'export, il dare garanzie che il cibo non sarebbe mancato sui banchi dei supermercati e che non avrebbero osato praticare in patria i prezzi indicati invece per Europa, Stati Uniti o Cina. La loro risposta è stata una richiesta di compensazioni sotto forma di sussidi (i quali finiscono soprattutto nelle casse delle imprese più grosse del settore come la Sancor e la Serenisima, Molino Cañuelas, Molinos Río de la Plata, Aceitera General Deheza, fra le altre) ed una crescita dei prezzi che sarebbe stata gradualmente imposta negli anni recenti (al punto che alcuni prodotti sono più costosi in dollari oggi di quanto lo fossero nel 2001). In questo modo, "riempire la sporta" diventa sempre più complicato e carne, latte e verdure diventano lussi inaccessibili per i lavoratori. A questo problema del modello della nuova convertibilità (uno fra i tanti) il governo deve rispondere perché non far nulla ha un costo politico e fare qualcosa necessita di risorse finanziarie, che in parte ci si aspetta di reperire con l'aumento delle tariffe per l'export.

Chi sopporta questo modello? Chi ne subisce i problemi e le dispute?

Siamo noi, noi lavoratori, con i nostri salari di fame pagati per giornate di lavoro che vanno oltre l'orario (non solo per i lavoratori dei campi ma per tutti i lavoratori). Questa è la chiave della loro competitività tanto celebrata. Che ricade su di noi con le tasse sui taglierini, sul riso, sulla polenta, sullo zucchero, sull'olio, con le tasse sull'IVA[ii], da cui proviene più di un terzo del PIL (e che ritorna agli affaristi sotto forma di migliaia di milioni di pesos in sussidi, fra cui il sussidio per il gasolio [iii], e sotto forma di totale orientamento della spesa pubblica in loro favore). E ancor di più, la mancanza di cibo colpisce per primi e più duramente i poveri, poiché non ci sono soldi per pagare l'aumento dei prezzi imposto dagli speculatori, da chi accumula derrate e da tutti gli opportunisti, e perché molti non possono comprare beni in quantità tale da farsi delle riserve dal momento che hanno da vivere appena per un giorno.[iv].

Chi sta nei picchetti e chi al tavolo delle trattative?

E' chiaro che i picchetti sono fatti dai proprietari e dai latifondisti ma anche dai lavoratori e dagli abitanti dei paesi di campagna impauriti dalla perdita del lavoro e del denaro a causa delle misure prese dal governo. Ma al tavolo delle trattative non ci sono né i lavoratori dei campi né chi abita nei paesini, anzi essi vengono usati da chi ha le carte vincenti. Sono i pezzi grossi che si siedono al tavolo e negoziano avendo cura soprattutto per i loro interessi anche quando sono i meno danneggiati (se non persino beneficiati dato che i piccoli proprietari venderanno o affitteranno a loro la terra che possiedono)[v].

La destra si insinua dell'ombra

La destra sta usando le richieste che vengono dalle campagne per colpire il governo e per riunificarsi non solo in quanto opposizione ma come alternativa che raccoglie quelle richieste e le fa proprie. Si tratta di settori che provengono dal radicalismo[vi], dei campioni di sempre della corruzione dell'autoritarismo (Carrio, Lopez Murphy), i neoliberisti (Macri, Fundacion Libertad), dei gruppi legati alla dittatura del marzo 1976 e degli ultimi ammutinati nell'esercito (Cecilia Pando, Breide Obeid), dei marginali gruppetti di Nazisti, di uomini d'affari insoddisfatti, etc.

Cristina Kirchner cerca di polarizzare, divide le campagne e colpisce usando l'apparato

Il governo raccoglie la sfida e attacca parlando di picchetti del '44 e di golpisti cacerolazos[vii] e dice che l'aumento delle tariffe dell'export va a favore dei lavoratori (per cui il cibo non dovrebbe mancare né aumentare di prezzo) , protegge l'ambiente (riducendo la distruzione dei monti e delle comunità indigene contadine, fermando l'avanzata della monocoltura della soia) ed altre bugie che suonano bene. Il miglior argomento per screditare le promesse del governo è il quinquennio in cui hanno governato il paese, cosa che non lascia dubbi sulle loro politiche. Cercano di convincerci che contro questo movimento noi dovremmo serrare i ranghi dietro il governo, dimenticando le politiche sui salari così bassi che hanno dovuto fare un maquillage alle statistiche ufficiali per nascondere i dati veri.[viii]. Il governo cerca di sciogliere i picchetti con promesse vaghe ed indefinite che hanno lo scopo di differenziare (e quindi dividere) i grossi dai piccoli come se si trattasse dei buoni e dei cattivi in un film. Mandano sulle strade le truppe leali, i loro apparati, per mobilitare e confrontarsi. E così vediamo un Moyano[ix] con la sua gang di autotrasportatori che minaccia di mettere sotto chiunque gli si pari davanti e D'Elía[x] che ripulisce Plaza de Mayo dai manifestanti contro il governo. Sono gli stessi personaggi che attaccarono gli studenti dell' EMBA a Quilmes o dell'UBA nella Facoltà di Medicina [xi], alla metropolitana [xii], alla Dana[xiii] e contro i lavoratori dell'autobus linea 60 [xiv], ed i gruppi per i diritti umani che chiedevano libertà per i prigionieri politici a Rosario nel 2005[xv].

Gli anarchici devono prendere posizione su queste questioni urgenti ed attuali, sollevando un dibattito contro il governo, gli uomini d'affari ed i media, parlando ai giovani ed ai lavoratori che si stanno politicizzando n questo processo, cercando di impedire che scelgano una delle due frazioni della borghesia in competizione ed invece assumano una prospettiva di classe con indipendenza politica nella lotta per le loro rivendicazioni. Per questo noi di Red Libertaria diciamo:

CONTRO I PICCHETTI DEI PADRONI E DELLE GANG

PER UNA PROSPETTIVA DI CLASSE CON INDIPENDENZA POLITICA

NO ALLA FAME PER IL POPOLO!

ORGANIZZAZIONE E LOTTA!

Red Libertaria de Buenos Aires

www.inventati.org/rlba

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali.

 

Note:

[i] Il riferimento è al dicembre 2001 quando centinaia di migliaia di Argentini scesero nelle strade per protestare contro la politica economica e le misure repressive nei confronti dei disoccupati in quanto uno dei settori più forti e contro il proliferare di assemblee popolari in molti quartieri. Questa lotta popolare ebbe termine con la morte di decine di manifestanti e con la caduta del presidente De La Rua e molti governi ad interim fino a che Duhalde, da lungo tempo uomo forte del peronista Partido Justicialista in uno dei distretti popolari più poveri, prese il potere.

[ii] Imposta sul Valore Aggiunto, pari al 21%

[iii] Il combustibile più usato nei lavori di campagna.

[iv] Per esempio, se 1 kilogrammo di carne va sui 20 pesos, circa l'80% dei lavoratori percepiscono salari inferiori a 1500 pesos al mese.

[v] Vedi il caso sia del grano che del latte per i quali sono previsti sussidi dopo le proteste, ma la maggior parte di questi sussidi finisce nelle mani delle industrie agro-alimentari ad alta concentrazione invece che nelle mani dei piccoli produttori di latte e di grano.

[vi] L'Unione Civica Radicale è un partito politico che propugna una apertura politica per la integrazione tra gli strati più bassi delle classi agiate e le classi medie (piccola borghesia sia agraria che industriale, colletti bianchi e certuni settori operai dell'industria). La maggior parte della sua base si è spostata verso il peronismo e tutto ciò che gli rimane è una sorta di critica ipocrita alla corruzione ed all'autoritarismo nel governo.

[vii] Ilare il suo paragonarsi a Salvador Allende ed alle mobilitazioni delle classi alte e medie che aprirono la strada al colpo di stato militare di Pinochet in Cile.

[viii] La cosa è stata ampiamente denunciata ed il governo ha risposto cambiando il sistema di calcolo delle statistiche ma senza sottoporlo pubblicamente al vaglio della comunità scientifica e per di più licenziando i tecnici dell'istituto di statistica.

[ix] Leader della CGT, la principale centrale sindacale, legato alle gang paramilitari negli anni precedenti alla dittatura del 1976-1983.

[x] leader dei disoccupati che fin dall'inizio appoggiò Duhalde in cambio di incarichi politici e di fondi.

[xi] Studenti che chiedevano una democratizzazione nell'autogoverno dell'Università per consentire loro un peso maggiore nelle decisioni sul bilancio per docenti e studenti.

[xii] Gang che hanno violentemente interrotto una conferenza stampa di delegati di base ed attaccato attivisti nella metropolitana.

[xiii] Un picchetto di lavoratori di una delle piantagioni della multinazionale Dana che chiedeva il reintegro di attivisti licenziati viene attaccato da 60 uomini su richiesta della dirigenza sindacale.

[xiv] I lavoratori di questa linea di autobus sono stati attaccati da una gang del sindacato perché chiedevano libere elezioni dei delegati sindacali. I lavoratori si erano organizzati per resistere all'attacco e sono scesi in sciopero per fare pressione sull'azienda.

[xv] Sono stati attaccati più o meno dalla stessa gente che ha sostenuto il governo nell'ultima azione in Plaza de Mayo, per lo più si tratta di militanti della sinistra peronista e della Destra.

Related Link: http://www.inventati.org/rlba
author by Javier - Red Libertariapublication date Mon Jun 16, 2008 04:03author address author phone Report this post to the editors

Grazie per la traduzione, compagni, la vedo adesso per la prima volta.

Avrete probabilmente sentito ormai che il conflitto continua ancora: il governo rifiuta di dibattere il più contestato delle proposte - l'aumento delle tariffe per l'export. Le quattro organizzazioni dei proprietari agricoli si stanno coordinando in un comitato e sono emersi numerosi gruppi autoconvocati di piccoli agricoltori e camionisti che non hanno potuto lavorare in questi ultimi due mesi a causa dello sciopero agrario; questi formano un fronte unitario con le organizzazioni agricole. Questa settimana, per la prima volta, il governo ha represso con la gendarmeria il primo picchetto (oltre 300 persone da tutto il paese) e ha preso 18 prigionieri. Tuttavia, la risposta forte e estesa a questa mossa ha costretto il governo a rilasciarli e a ritirare le truppe.

 
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Neste 8 de Março, levantamos mais uma vez a nossa voz e os nossos punhos pela vida das mulheres!
© 2005-2019 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]