user preferences

La maledizione di luglio

category italia / svizzera | economia | opinione / analisi author Monday July 16, 2007 22:32author by Donato Romito - (FdCA - capacità personale) Report this post to the editors

Sui cambiamenti in Italia

In pochi giorni abbiamo assistito alla fine di fatto del lungo ciclo segnato dagli accordi del luglio 1993. I contratti nazionali del Pubblico Impiego (seguito dalla prima applicazione per i ministeriali), dei chimici, delle Poste e le ombre che da questi rinnovi si prioiettano su quello dei metalmeccanici ed altre categorie, segnano un superamento - in peggio - dei già pessimi e famigerati accordi di 14 anni fa, senza attendere quel de profundis ufficiale che da tempo Confindustria chiedeva.


La maledizione di luglio


In pochi giorni abbiamo assistito alla fine di fatto del lungo ciclo segnato dagli accordi del luglio 1993. I contratti nazionali del Pubblico Impiego (seguito dalla prima applicazione per i ministeriali), dei chimici, delle Poste e le ombre che da questi rinnovi si prioiettano su quello dei metalmeccanici ed altre categorie, segnano un superamento - in peggio - dei già pessimi e famigerati accordi di 14 anni fa, senza attendere quel de profundis ufficiale che da tempo Confindustria chiedeva.

Triennalizzazione dei contratti, scomparsa degli arretrati nel computo degli aumenti, crescente e scambievole flessibilità salariale ed oraria, meritocrazia salariale individuale e di azienda, naturalizzazione della Legge 30, deroghe ai CCNL, decisionismo degli apparati dei sindacati di categeoria al di fuori ed in mancanza di una strategia contrattuale intercategoriale, hanno portato in poco tempo all'abbandono di quel sistema di riferimento che ormai funziona solo come modalità di calcolo al ribasso degli aumenti contrattuali per il dannato meccanismo dei tetti di inflazione programmata.

Poco male, dato che da tempo certa sinistra sindacale chiedeva il superamento della cosiddetta concertazione, per restituire autonomia alla vera contrattazione. In realtà, se la concertazione era già finita durante il governo di centro-destra, appare del tutto inutile oggi, dal momento che l'obiettivo degli apparati delle organizzazioni sindacali di vertice era ed è quello di svolgere un ruolo di vero e proprio partneriato con la classe politica di centro-sinistra e quella padronale, come in un grande consiglio di amministrazione d'azienda.

Se l'accelerazione di questi ultimi tempi era già annunciata dalla normalizzazione in casa CGIL (ai danni della FIOM e di delegati troppo ligi al ruolo di rappresentanti reali dei lavoratori e delle loro decisioni assembleari), il suo sfociare in accordi così condivisi da sorrisi e comune soddisfazione delle parti, è stato possibile grazie al diffondersi di un progetto e di un processo di aggregazione interclassista che sta attraversando le organizzazioni sindacali di vertice, i partiti del centro-sinistra, e che si candida a nuovo blocco di potere nel paese.

Non ha ancora un simbolo, né sedi e bandiere, non ha ancora un leader né organismi dirigenti, eppure ha già un nome che influenza, indirizza molti aspetti della vita economica e sociale, scompagina gli schieramenti e le alleanze di potere incrostatesi nel corso del decennio passato.

Senza risparmiare gli apparati sindacali, CGIL in primis.

Eccolo il Partito Democratico, il quale nonostante lo scetticismo analitico della sinistra rivoluzionaria oppure le accuse di tramare nell'ombra che salgono dalla sinistra radicale, aveva già scritto i contenuti di quei rinnovi contrattuali, se solo si vogliano leggere i memorandum, le pre-intese, il dpef, il manifesto dei sindacalisti, che da mesi parlano chiaro.

La stessa psico-trattativa sulle pensioni si sta avviando alla sua conclusione tra tenersi l'antidemocrratico scalone di Maroni o salire il democratico combinato di scalini e pianerottoli degli esponenti PDisti alla trattativa con claque in platea.

Messe le mani esplicitamente anche sull'ennesimo referendum elettorale, il PD punta al futuro, che il governo Prodi duri 3 o 5 anni.

Sta cambiando la scena, ma anche le quinte e - perché no - anche i camerini. Nuovi attori quali la Sinistra Democratica di Mussi, il Partito Comunista dei Lavoratori di Ferrando, il Partito dell'Alternativa Comunista, le ali sinistre del PRC quali Sinistra Critica e l'Ernesto, sembrano senza copione, e così pure grandissima parte del sindacalismo di base che guarda e si alimenta a queste aree.

E' una situazione che potrebbe avere il suo culmine con l'accordo sulle pensioni e con i rinnovi contrattuali in corso, ma in piena estate, proprio come quel luglio del '93.

Un grande peso grava ora sulla FIOM, rimasta praticamente sola su 2 fronti: le pensioni ed il contratto; ma un peso non meno grande grava sui sindacati di base che si accontentano di tante particine.

Eppure una conflittualità diffusa, una vertenzialità sempre avvertibile, un contenzioso sempre aperto sono riscontrabili nelle aziende.

Non mancano attivisti sindacali e militanti disorientati da un possibile esito catastrofico della trattativa sulle pensioni.

Occorre mettere a nudo il nuovo blocco di potere del PD e costruire le basi per le lotte di una nuova opposizione sociale, sindacale e culturale, senza opportunismi e verticismi, su basi libertarie e di classe.


Donato Romito

Bari, 16 luglio 2007

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Issue #3 of the Newsletter of the Tokologo African Anarchist Collective

Front page

Elementos da Conjuntura Eleitoral 2014

The experiment of West Kurdistan (Syrian Kurdistan) has proved that people can make changes

[Chile] EL FTEM promueve una serie de “jornadas de debate sindical”

Ukraine: Interview with a Donetsk anarchist

The present confrontation between the Zionist settler colonialist project in Palestine and the indigenous working people

Prisões e mais criminalização marcam o final da Copa do Mundo no Brasil

An Anarchist Response to a Trotskyist Attack: Review of “An Introduction to Marxism and Anarchism” by Alan Woods (2011)

هەڵوێستی سەربەخۆی جەماوەر لە نێوان داعش و &

Contra a Copa e a Repressão: Somente a Luta e Organização!

Nota Pública de soldariedade e denúncia

Üzüntümüz Öfkemizin Tohumudur

Uruguay, ante la represión y el abuso policial

To vote or not to vote: Should it be a question?

Mayday: Building A New Workers Movement

Anarchist and international solidarity against Russian State repression

Argentina: Atentado y Amenazas contra militantes sociales de la FOB en Rosario, Santa Fe

Réponses anarchistes à la crise écologique

50 оттенков коричневого

A verdadeira face da violência!

The Battle for Burgos

Face à l’antisémitisme, pour l’autodéfense

Reflexiones en torno a los libertarios en Chile y la participación electoral

Mandela, the ANC and the 1994 Breakthrough: Anarchist / syndicalist reflections

Melissa Sepúlveda "Uno de los desafíos más importantes es mostrarnos como una alternativa real"

Italia / Svizzera | Economia | it

Sat 20 Sep, 18:02

browse text browse image

ttip.jpg imageNO al TTIP 15:58 Sat 08 Feb by FdCA - Fano/Pesaro 0 comments

Il Transatlantic Trade and Investment Partnership (Ttip), il trattato in corso di ratifica che vorrebbe creare tra Usa e Ue la più consistente area di libero scambio mai tentata nel pianeta (coprirebbe circa il 60% delle economie mondiali) sta per essere ratificato in questi giorni e deciderà delle nostre vite se non nasce una mobilitazione dal basso per contrastarlo.

text27 ottobre: No Monti Day a Fano 19:55 Mon 29 Oct by donato romito 0 comments

Sostegno alle spese legali per i processi in corso contro studenti e studentesse dell'Assemblea Permanente di Urbino, colpiti/e dalla repressione.

textAttraversando le contraddizioni del presente 00:18 Tue 16 Oct by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

Nel processo di ristrutturazione europeo, il centro del comando capitalistico sta determinando le politiche economiche - e quindi sociali - per il rientro del debito pubblico di tutti i paesi della zona Euro ed in particolare delle zone periferiche sconvolte dalle politiche di austerità imposta dal fiscal compact. Quelle stesse politiche, anticipate in maniera trasparente dalla lettera di BCE della scorsa estate, stanno determinando nel nostro paese fenomeni politici chiaramente riconducibili alla direzione di comando dell'oligarchia finanziaria europea stessa.

textMonti: Go Home! 17:41 Mon 09 Jan by FdCA di Reggio Emilia 1 comments

I lavoratori reggiani spolpati dalle vostre manovre economiche, i giovani senza lavoro, le centinaia di pensionati ormai costretti ad accedere alla carità per avere una minestra calda, e che scientificamente sono sacrificati sull'altare del profitto non saranno in piazza con voi per un inutile rituale.

monti.jpg imageManovra Monti: il rigore dell'impoverimento e dell'ingiustizia 23:22 Wed 07 Dec by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

La dimensione europea della crisi ci chiama ad un impegno più ampio, ad una grande vertenza internazionale per diritti e tutele, salariali e giuridiche che attraversino l'intera Europa, che impediscano lo scaricare della crisi sulle classi lavoratrici dei singoli paesi.

monty.jpg imageMario Monty (Python) e il senso della vita 15:58 Thu 24 Nov by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

Il nuovo governo Monti, quello che troppi si ostinano a vedere come post- Berlusconiano attribuendogli una capacità salvifica morale, politica ed economica, non è altro che la risposta dei poteri forti dell'area euro atlantica alla crisi finanziaria, poteri che, dopo aver scaricato sulle casse statali la salvezza dall'indebitamento delle banche, ora non fanno altro che presentare il conto, scaricando sulle spalle dei lavoratori, dei pensionati, dei disoccupati e dei precari la garanzia dell'accumulazione del potere economico Europeo.

bermont.jpg imageÈ finito il neoliberismo? Tutti a casa? 18:44 Mon 14 Nov by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

In questi decenni l'accumulazione capitalistica è stata sempre più rapida e vorace, ha rosicchiato profitti ovunque, ha minato tutele, ha messo le mani sui beni comuni, la ricchezza si è sempre più concentrata, la forbice si è allargata, sempre meno persone hanno sempre di più, sempre più persone hanno sempre di meno. Meno reddito, meno diritti, meno lavoro. [Castellano] [English]

sg.jpg imageSciopero Generale - 2 Dicembre 2011 13:33 Sun 30 Oct by USB, SLAI COBAS, CIB-UNICOBAS, SNATER 1 comments

USB, SLAI COBAS, CIB-UNICOBAS e SNATER hanno indetto lo Sciopero generale di tutte le categorie pubbliche e private per intera giornata del 2 dicembre 2011.

15o.jpg imageRapina a mano armata 22:59 Tue 27 Sep by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

La FdCA sostiene gli appuntamenti che preludono alla giornata di protesta del 15 ottobre, ed oltre, il loro percorso preparatorio nei vari territori e la loro auspicabile futura radicalizzazione anche grazie al contributo dei militanti anarchici, libertari e di classe.

text12 Settembre, manifestiamo contro la manovra 18:33 Mon 12 Sep by Unione Sindacale Italiana 0 comments

Il 12 settembre, manifestiamo contro la manovra. Ore 15 a Piazza Montecitorio (Roma) e alle prefetture nelle altre città.

more >>

imageIl vigile del fuoco Aug 30 by Toni Iero 0 comments

Il peggio è ormai passato. È una frase che sento ripetere dall’autunno del 2007, qualche mese dopo l’estate in cui la caduta delle quotazioni azionarie di Wall Street segnava la fine della bolla immobiliare americana e l’inizio della peggiore crisi economica dopo quella degli anni ’30 del secolo scorso.
Davvero c’è una luce in fondo al tunnel?
Per formarsi un’opinione motivata, è opportuno comprendere le diverse dinamiche che caratterizzano i mercati finanziari e il sistema produttivo.

textFuoco di sbarramento Feb 16 by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

Di nuovo (ma abbiamo mai smesso di esserlo?) sotto il fuoco di sbarramento dell'oligarchia economica. E le forti richieste che arrivano dai banchieri e governi hanno nuovi vassalli da impiegare nella guerra di classe dei ricchi contro i lavoratori ed i ceti meno abbienti, anche in Italia. Come leggere, senza perdere di vista l'affermazione autoritaria delle scelte del novello Renzi, l'evoluzione politico in atto?

imageDel capitalismo Italo May 20 by Alternativa Libertaria/FdCA sez. Reggio Emilia 0 comments

La stazione di cui parliamo, la “Mediopadana” è ubicata nella zona nord di Reggio Emilia; una stazione che costa alla collettività circa 80 milioni di euro

imageIl bluff di Draghi Jul 28 by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Se i soldi non fossero i nostri..., sì insomma se i soldi non fossero proprio le migliaia di miliardi di euro che in questi ultimi 5 anni gli Stati della UE ci hanno risucchiato attraverso il fisco, oppure rapinato attraverso i tagli su stipendi e pensioni, servizi pubblici e posti di lavoro, oppure ancora scaricando i costi del debito pubblico su disoccupazione e precarizzazione in una crisi al buio, allora potremmo anche pensare che il "buon" governatore della Banca Centrale Europea si stia giocando una partita a poker contro quella cricca di misteriosi speculatori e contro i sempre serviti giocatori della Buba, che barano a spese delle nostre vite e sul nostro futuro. E' veramente lui che ha la mano buona, "enough" (sufficiente) per far calare lo spread e ridare fiato alle Borse, che basta dirlo ed accade per magia?

textLiberalizzazione Apr 05 by viap 0 comments

"La riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita" - così recita il titolo - risulta divisa in 3 parti: tipologie contrattuali (precarietà), ammortizzatori sociali, disciplina sulla flessibilità in uscita art.18. L'unicità del provvedimento raggiunge come risultato la liberalizzazione del mercato del lavoro attraverso un doppio passaggio di intervento, diretto, con soppressione e modifiche a leggi esistenti sommato alla soppressione e modifiche di diritti e tutele inerenti al diritto del lavoro e di derivazione contrattuale.

more >>

imageNO al TTIP Feb 08 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Il Transatlantic Trade and Investment Partnership (Ttip), il trattato in corso di ratifica che vorrebbe creare tra Usa e Ue la più consistente area di libero scambio mai tentata nel pianeta (coprirebbe circa il 60% delle economie mondiali) sta per essere ratificato in questi giorni e deciderà delle nostre vite se non nasce una mobilitazione dal basso per contrastarlo.

text27 ottobre: No Monti Day a Fano Oct 29 FdCA-Fano/Pesaro 0 comments

Sostegno alle spese legali per i processi in corso contro studenti e studentesse dell'Assemblea Permanente di Urbino, colpiti/e dalla repressione.

textAttraversando le contraddizioni del presente Oct 16 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Nel processo di ristrutturazione europeo, il centro del comando capitalistico sta determinando le politiche economiche - e quindi sociali - per il rientro del debito pubblico di tutti i paesi della zona Euro ed in particolare delle zone periferiche sconvolte dalle politiche di austerità imposta dal fiscal compact. Quelle stesse politiche, anticipate in maniera trasparente dalla lettera di BCE della scorsa estate, stanno determinando nel nostro paese fenomeni politici chiaramente riconducibili alla direzione di comando dell'oligarchia finanziaria europea stessa.

textMonti: Go Home! Jan 09 Federazione dei Comunisti Anarchici 1 comments

I lavoratori reggiani spolpati dalle vostre manovre economiche, i giovani senza lavoro, le centinaia di pensionati ormai costretti ad accedere alla carità per avere una minestra calda, e che scientificamente sono sacrificati sull'altare del profitto non saranno in piazza con voi per un inutile rituale.

imageManovra Monti: il rigore dell'impoverimento e dell'ingiustizia Dec 07 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

La dimensione europea della crisi ci chiama ad un impegno più ampio, ad una grande vertenza internazionale per diritti e tutele, salariali e giuridiche che attraversino l'intera Europa, che impediscano lo scaricare della crisi sulle classi lavoratrici dei singoli paesi.

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]