user preferences

Madrid: Conferenze sulla rivoluzione libertaria

category iberia | storia dell'anarchismo | cronaca author Thursday July 27, 2006 21:05author by Manuel Baptista - AC-Interpro Report this post to the editors

70° anniversario del 19 luglio 1936

All'Ateneo di Madrid, alle 19 del 19 luglio si è svolta una manifestazione densamente simbolica e di grande significato politico, con l'inaugurazione di un'esposizione allestita dalla CGT di Madrid-Castilla-La Mancha con la collaborazione dell'Ateneu Libertário La Idea e della Fundación Salvador Seguí.


70º ANNIVERSARIO DEL 19 LUGLIO 1936

All'Ateneo di Madrid, alle 19 del 19 luglio si è svolta una manifestazione densamente simbolica e di grande significato politico, con l'inaugurazione di un'esposizione allestita dalla CGT di Madrid-Castilla-La Mancha con la collaborazione dell'Ateneu Libertário La Idea e della Fundación Salvador Seguí.

La segretaria della CGT di Madrid-Castilla-La Mancha, Cristina Escrivá, ha pronunciato un breve discorso di saluto e di presentazione del programma della sessione. Rafael Mestre, della Fundación Salvador Segui, ha spiegato che la preoccupazione principale sottostante all'esposizione consisteva nel mostrare l'opera della Rivoluzione Spagnola, le realizzazioni nei vari ambiti della vita, dall'economia e dalle collettivizzazioni fino alle ricche e diversificate forme di promozione di un'arte, di una cultura e di valori libertari e alternativi, che si espandevano nell'ambito del proletariato agricolo e industriale molto prima del 19 luglio del 1936, e che spiegano l'atteggiamento dei protagonisti nelle giornate di luglio e nei tre anni di tenace lotta contro il fascismo e contro quanti, dalla parte del governo - col pretesto di introdurre disciplina - vollero soffocare la rivoluzione libertaria.

Franck Mintz, della CNT-F, nel suo intervento ha sottolineato l'importanza dell'esperienza dell'autogestione nelle collettività dell'Aragona e del Levante, delle soluzioni adottate nei diversi settori dell'economia e della società, città comprese, della loro attualità come oggetto di studio, non per motivi nostalgici, ma perché costituirono un ricchissimo laboratorio di esperienza libertaria, che andò tanto lontano nell'applicazione dei principi a una società intera, finora mai superato.

La guerra civile svoltasi in simultanea influenzò l'impeto rivoluzionario posto in essere dalla base della CNT e di altre realtà (incluse la UGT e il PCE) ma non lo annullò. Per la base cenetista la guerra contro il fascismo non era vista come un ragione per rinunciare alla rivoluzione, bensì al contrario per edificare con energia ancora maggiore un nuovo modo di produrre e di relazionamento reciproco tra le persone. La commemorazione dei 70 anni dalla Rivoluzione è stata fatta propria con prevedibile serietà dai diversi rami dell'anarcosindacalismo e dell'anarchismo spagnoli e mondiali, ma con esclusione di altre correnti, dimostrando che alla fine c'è stata un'importante deriva del campo socialista autoritario, poiché anche qui si sarebbe potuto ricordare con orgoglio i compagni di UGT, PSOE, PCE e POUM, che avevavno operato dalla parte della rivoluzione e fin dalla prima ora con i militanti della FAI e della CNT nelle citate collettivizzazioni. Inoltre, i riformisti contemporanei fanno cadere il silenzio sui primi tentativi di inziativa soprattutto di elementi rivoluzionari della UGT con la partecipazione minoritaria della CNT, seguiti dalla repressione armata dele forze repressive della Repubblica borghese.

Prima del 19 luglio vi furono molteplici insurrezioni e scioperi armati proletari, dei minatori delle Asturie, dei proletari agricoli in Andalusìa e in altre località, insurrezioni comuniste libertariein cui il popolo di un centro abitato se ne impadroniva dando luogo alla collettivizzazione delle terre, con un'autogestione di ispirazione libertaria. Sia che fossero stati membri della CNT, della UGT o di altre organizzazioni, o semplicemente rivoluzionari colti - per quanto molti di essi fossero analfabeti - avevano ascoltato e dibattuto a lungo le idee e le soluzioni pratiche propugnate dagli scritti di Kropotkin, Isaac Puente e tanti altri autori.

L'intervento del professore universitario e militante della CGT Félix Garcia Moriyón ha richiamato l'attenzione sulla legge della "memoria storica" che in questo periodo è in discussione al paralamento per iniziativa del PSOE, la quale alla fine dei conti va in senso contrario a quelle che sono le nostre rivendicazioni fondamentali: in particolare, la revisione delle sentenze comminate alle vittime della "giustizia" franchista, come il caso di Granado e Delgado, di Puig Antich e di tanti altri condannati a morte come vittime e come resistenti, insieme a varie migliaia di sopravvissuti alle carceri franchiste a cui non è stata fatta alcuna riparazione, come il gesto simbolico di una "pulizia" del registro criminale; gesto che il potere ipocrita risultante dal Patto della Moncloa non ha la grandezza e l'onesta di compiere, temendo di essere sgradito a una nomenclatura franchista ben installata nel potere (basta pensare alle forze armate, ai tribunali e ad esponenti di partito come Fraga, che presiede il governo autonomo della Galizia, e che fu ministro degli interni di Franco e responsabile della morte di resistenti). Questa legge è vista come una specie di punto finale da parte delle forze dell'arco parlamentare, per seppellire una seconda volta in un mare di oblio i milioni di vittime del francismo. Si tratta dei degni eredi politici di questo regime cominciato com l'oblio della c.d. transizione, che non puo mai essere una forma soddisfacente per risolvere i drammi del passato. Rendere omaggio senza fare giustizia, ecco il trucco del potere.

Da essi non ci si poteva aspettare altro. Ma nell'ambito libertario ci si deve aspettare, al contrario, un'approfondita analisi delle questioni postesi all'epoca della rivoluzione, e che asllora divisero le opinioni, con divergenze profonde, che fanno sì che oggi esistano accesui dibattiti nelle fila libertarie su questioni così delicate come la partecipazione anarchica al governo, la rinuncia della maggior parte dei dirigenti della CNT e della FAI al programma rivoluzionario per "salvare la repubblica", per "combattere il fascismo prima di tutto il resto".

Oggigiorno queste divergenze sono causa di profondo dibattito, perché vanno al cuore di quello che si considera costituire l'etica dell'azione libertaria. Nell'animato dibattito seguito alle esposizioni ha partecipato anche un membro della CNT di Madrid, e tutti hanno manifestato una forte volontà di unità nella diversità, una forma naturale e tollerante di relazionamento tra compagni di uno stesso ideale, per quanto ancora divisi da scuole diverse di pensiero tattico e strategico.


Manuel Baptista


Traduzione a cura di FdCA-Ufficio relazioni internazionali


* I giorni 15, 19, 21, 22 e 23 di settembre il ciclo di conferenze/dibattito continuerà all'Ateneo di Madrid.

Per ulteriori informazioni:
www.memorialibertaria.org

This page has not been translated into Türkçe yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Iberia | Storia dell'anarchismo | Cronaca | it

Mon 22 Dec, 20:33

browse text browse image

Una delle tessere CNT rubate imageMateriale della Rivoluzione Spagnola trafugato dall'Archivio di Barcellona 16:44 Fri 17 Feb by Ateneu Enciclopèdic Popular de Barcelona 0 comments

L'1 febbraio, parecchi documenti importanti sono stati trafugati dalla Biblioteca de l'Ateneu Enciclopèdic Popular di Barcellona. Sono stati presi manifesti origjnali del periodo della Guerra Civile insieme a vari altri oggetti sempre del periodo della Rivoluzione Spagnola. [English]

textE' morto l'ultimo superstite de Los Amigos de Durruti, Joaquín Pérez Navarro 14:25 Fri 22 Sep by Nick Heath 1 comments

Joaquín Pérez Navarro è morto all'età di 99 anni. Era l'ultimo superstite de Los Amigos de Durruti, un raggruppamento di anarchici nati per contrastare la militarizzazione ed i tradimenti del Partito comunista in Spagna durante la rivoluzione.

imagePrincipi ed insegnamenti della Rivoluzione Spagnola May 13 by Gaston Leval 0 comments

Estratto dal libro Né Franco Né Stalin (le colletività anarchiche spagnole nella lotta contro Franco e la reazione staliniana, Milano, Istituto Editoriale Italiano, 1952, pp. 313-320. Questa conclusione del libro non è mai stato presa in francese o in castigliano da parte dell'autore Gaston Leval, nonostante il suo grande interesse e la sua visione per nulla trionfante. [Castellano]

imageSpagna '36: Le milizie rivoluzionarie Aug 08 by "Front Libertaire" 0 comments

Il testo che segue è un avvicinamento ad una alternativa all'esercito. I comunisti libertari si sono sempre battuti contro ogni esercito, che si chiami popolare o rosso; anche sapendo benissimo che la rivoluzione non si farà a mani nude o con le braccia incrociate. Parlare delle milizie spagnole significa dimostrare che esiste una alternativa anticapitalistica e antigerarchica all'esercito. In questo, l'esperienza spagnola ci è utile, ma bisogna vedere bene anche il lato oscuro, negativo, di ciò che è successo (senza parlare dell'accettazione della militarizzazione della CNT trattata nel testo).

imageLa nascita di un sogno anarchico Jan 14 by Fulvio Caporale 0 comments

Si tratta di un libro sulla formazione dei sindacati anarchici a Barcellona. Il libro si è sviluppato partendo dalla nascita della prima federazione sindacale dove la forza anarchica era notevole fino alla fondazione e all'iniziale sviluppo della CNT in cui gli anarcosindacalisti dettavano l'indirizzo politico e l'azione sindacale. Il libro si concentra sui primi anni in cui l'opposizione fra socialisti, anarchici, sindacalisti rivoluzionari ha costituito il vulnus attraverso cui si è approdati nel 1910 alla fondazione della ben più nota CNT.

textGuerra o rivoluzione? Lettera aperta a Federica Montseny Jul 19 by Camillo Berneri 0 comments

E' l'ora di rendersi conto se gli anarchici stanno al governo per fare da vestali ad un fuoco che sta per spegnersi o vi stanno ormai soltanto per far da berretto frigio a politicanti trescanti con il nemico o con le forze della restaurazione della "repubblica di tutte le classi"? Il problema è posto dall'evidenza di una crisi che va oltre gli uomini che ne sono i personaggi rappresentativi...

imageMujeres Libres: Comunismo Anarchico al femminile nella Spagna rivoluzionaria Jan 04 FdCA 0 comments

Ricorrendo settanta anni dalla fondazione di questo gruppo di donne anarchiche, il presente lavoro - inspirato anche dal dibattito e dall’atmosfera di quel congresso – nel suo piccolo vuole essere un contributo dall’Italia al ricordo dell’azione, delle battaglie e degli ideali di quelle compagne che, in terra di Spagna, con i contenuto della loro elaborazione hanno sopravanzato in modo rilevante la realtà dei loro tempi ed hanno arricchito la gamma di valori simboleggiati dalla bandiera rossa e nera del comunismo anarchico.

imageNovità editoriale: Verso una nuova rivoluzione Mar 09 FdCA 0 comments

La Federazione dei Comunisti Anarchici annuncia la pubblicazione di un nuovo opuscolo nella serie "Quaderni di Alternativa Libertaria".

imageComunisti Anarchici e Amigos de Durruti nella rivoluzione spagnola Sep 21 Sezione di Roma 0 comments

Annunciando la pubblicazione del nuovo libro di Pier Francesco Zarcone: "Comunisti Anarchici e Amigos de Durruti nella rivoluzione spagnola".

© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]