user preferences

Comunismo anarchico e comunismo libertario

category italia / svizzera | storia dell'anarchismo | opinione / analisi author Monday July 10, 2006 19:59author by Gruppo Comunista Anarchico di Firenze Report this post to the editors

Abbiamo visto come la tendenza comunista anarchica derivi direttamente dal pensiero bakuninista, organizzatore e comunista, e vada contrapponendosi costantemente alle teorie antiorganizzatrici che, a periodi, percorrono tutta la storia dell'anarchismo, come, del resto, della socialdemocrazia. Nella tendenza "organizzatrice" un'altra tendenza convive con quella comunista anarchica, la tendenza comunista libertaria.


Comunismo anarchico e comunismo libertario

Gruppo Comunista Anarchico di Firenze

(...) Abbiamo visto come la tendenza comunista anarchica derivi direttamente dal pensiero bakuninista, organizzatore e comunista, e vada contrapponendosi costantemente alle teorie antiorganizzatrici che, a periodi, percorrono tutta la storia dell'anarchismo, come, del resto, della socialdemocrazia.

Nella tendenza "organizzatrice" -diamo questa definizione, per semplificare, a quella tendenza che si contrappone all'altro filone storico del movimenti anarchico, quello "anti-organizzatore" (anarco-comunisti, nichilisti, individualisti stirneriani, ecc.)- un'altra tendenza convive con quella comunista anarchica, la tendenza comunista libertaria.

Tale termine è talvolta un sinonimo di comunismo anarchico, in quanto si scosta di poco dalle sue definizioni storiche e strategiche; in altri casi viene usato per definire una sintesi fra marxismo ed anarchismo.

Tralasciando la più vecchia definizione di comunismo libertario usata da Sébastian Faure negli anni 1880-80, analizziamo l'uso dei due termini a partire dalle definizioni che ne vengono date nella Spagna del '900.

Dalla fondazione nel 1909 della Confederación Nacional de Trabajo, l'organizzazione nella quale gli anarchici ebbero un ruolo fondamentale, il termine comunismo libertario è usato per definire il programma a medio termine dei comunisti anarchici, che, in un'organizzazione di massa, debbono mediare la loro strategia rivoluzionaria con la lotta quotidiana ed il gradualismo tipico dell'organizzazione di massa, puntando ad un programma ed ad un metodo di lotta più libertario ed autogestionarie possibile.

A partire dal 1927 la CNT è affiancata dalla Federación Anarquista Iberica, organizzazione comunista anarchica, che raccoglie i militanti della lotta di classe omogenei su di una strategia rivoluzionaria. I rapporti tra CNT e FAI sono caratterizzati infatti dalla presenza dei più noti ed attivi militanti della FAI nella CNT, che proprio in ragione di questa loro posizione hanno un peso notevole nell'indirizzo dell'organizzazione e portano le masse della Spagna rivoluzionaria nel periodo 1936-39 verso obiettivi e realizzazioni autogestionarie e comuniste anarchiche.

"In questo modo -e fu probabilmente l'unica volta in tutta la storia dell'anarchismo (1)- fu tradotta in realtà l'idea bakuninista di una élite segreta (2) di fervidi militanti al controllo di una pubblica organizzazione di massa." (3)

Fu così che alla vigilia della rivoluzione spagnola, nel 1936, la CNT al Congresso di Saragozza poté definire una strategia rivoluzionaria per l'instaurazione del "comunismo libertario" che in realtà è appunto un programma a medio termine del comunismo anarchico, e costruire le linee di una strategia rivoluzionaria comunista anarchica che in parte andò attuando nel periodo rivoluzionario nelle collettivizzazioni, come nella gestione delle città dove gli anarchici ebbero un peso notevole.

I termini comunismo libertario/comunismo anarchico si fusero così nella maggioranza del movimento anarchico internazionale per l'uso similare (con prevalenza dell'uso comunista libertario a significare comunista anarchico) che ne venne fatto in Spagna.

Anche nell'Italia del dopoguerra la componente maggioritaria del movimento anarchico italiano, quella organizzatrice, avrà al suo interno un numero elevatissimo di militanti che si riconosceranno nel comunismo anarchico. (4)

E' il caso della Federazione Comunista Libertaria dell'Alta Italia (5), che usa il termine comunista libertaria come sinonimo di comunista anarchica, pur restando all'interno della Federazione Anarchica Italiana (6), che in realtà era un'organizzazione di sintesi, che raggruppava cioè tutte le tendenze dell'anarchismo, dall'individualismo al comunismo anarchico.

L'altra faccia del termine libertario (usato non a caso senza unirlo al termine comunismo) la troviamo nell'esperienza della Federazione Libertaria Italiana, nata dalla confluenza fra l'Unione Spartaco, marxista luxemburghiana, ed una scissione verificatasi all'interno della FAI nel 1946. Tale organizzazione rappresentò un tentativo si sintesi tra marxismo ed anarchismo, poi scivolato nella socialdemocrazia, al quale non furono estranei elementi di provocazione.

Questa scissione della FAI non fu l'unica; altre defezioni e scissioni furono originate dalla insufficienza o dall'incapacità politica di questa organizzazione di esprimere una linea di classe, perché dominata dalla presenza di una corrente antiorganizzatrice, del resto molto organizzata (!), all'interno della FAI. Portatrice di una tendenza che si definisce "libertaria", questa corrente è in realtà un misto di liberalismo ed anarchismo, che conduce al più bieco interclassismo. (7)

Il movimento anarchico italiano, appena rinato con un numero di simpatizzanti notevole, scivolerà negli anni intorno al '50 sempre più nelle mani di questa corrente che imporrà una svolta ideologica interclassista, accaparrandosi riviste, gestione dei fondi, Consiglio Nazionale della FAI. (8)

A questa situazione di incapacità politica cercherà di rispondere una corrente del movimento anarchico che si organizzerà per "un movimento orientato e federato" nel 1949, e che, espulsa dalla FAI nel '50, darà vita ai Gruppi Anarchici di Azione Proletaria (G.A.A.P.). L'azione che questi gruppi svolgeranno negli anni seguenti nelle lotte operaie, nel tentativo di aggiornamento della strategia comunista anarchica, sarà notevole, ma minata dalla presenza di un'errata concezione del rapporto avanguardia-massa (9) e da elementi di leninismo che porteranno questi gruppi a esperienze marxiste entro pochi anni. (10)

Il crollo delle speranze del ritorno dell'anarchismo italiano su posizioni comuniste e quindi di classe getterà il movimento stesso in un periodo di crisi profonda, che lo ridurrà a movimento di opinione.

La ripresa delle lotte in Italia negli anni '60 porterà, soprattutto grazie a singoli militanti che sono rimasti nelle organizzazioni di massa in quegli anni, anche se scollegati nella loro azione, porterà nuovi militanti alla organizzazione anarchica producendo una salutare riflessione. Per esempio nel 1965 si avrà la tanto attesa scissione tra le due tendenze più importanti della FAI, quella organizzatrice e quella anti-organizzatrice che, di fatto espulsa, si "organizzerà" nei "Gruppi di Iniziativa Anarchica".

Lo stesso processo di chiarimento si era avviato in Francia agli inizi degli anni '60, concretizzandosi nel '67 con la nascita della Organisation Revolutionnaire Anarchiste, che si pone chiaramente su posizioni comuniste anarchiche. Dopo il 1974 questa organizzazione entra in crisi e si trasforma in Organisation Communiste Libertaire (O.C.L.) volendo realizzare una sintesi fra marxismo e anarchismo (11), e, al contempo, proporsi come embrione di organizzazione di massa, confluendo su tematiche tipiche dell'area dell'Autonomia.

Questo processo di snaturamento dei contenuti comunisti anarchici avviene in misura minore in Italia, dove, anzi, il processo dentro il movimento anarchico è inverso. Dentro la FAI all'inizio, e, in seguito, in strutture di collegamento nazionale si articola dal '69 in poi un dibattito sulla strategia comunista anarchica che porterà alla nascita di federazioni nazionali e di organismi di collegamento nazionali su posizioni comuniste anarchiche. (12)

E' il caso dell'O.R.A., prima pugliese, e poi estesa ad altre zone, ma anche di molte federazioni chiamatesi comuniste libertarie (ligure, toscana, milanese) nel senso di sinonimo di comuniste anarchiche.

Il termine comunista libertario nel senso di sintesi fra marxismo e anarchismo è minoritario nel movimento anarchico italiano, ed è spesso introdotto per simpatia con le tesi che da '73 in poi si richiamano all'area nota come area dell'Autonomia.


Firenze, ottobre 1979


NOTE (1): Woodcock sminuisce in tutto il suo lavoro l'azione concreta degli anarchici, ma non può qui tacere l'importanza del dualismo organizzativo degli anarchici spagnoli e i risultati concreti che esso dette. Woodcock dimentica però l'azione degli anarchici russi durante le rivoluzioni del 1905 e 1917, e quella degli anarchici italiani nel biennio rosso. In entrambi i casi fu praticato il dualismo organizzativo, nel senso di militanza in un'organizzazione specifica anarchica (Nabat per i russi, Unione dei Comunisti Anarchici d'Italia, poi Unione Anarchica Italiana, per gli italiani) e militanti della lotta di classe (nei soviet dei contadini, degli operai e dei soldati e marinai i russi, vuoi nell'Unione Sindacale Italiana, vuoi nella CGL gli italiani).
(2): Woodcock enfatizza l'idea di un'organizzazione di anarchici che per Bakunin in realtà è segreta solo in caso di necessità, ovvero di impossibilità di vita legale. Del resto, se gli anarchici spagnoli si organizzarono in forma semisegreta durante la dittatura di Primo de Rivera (1927-1931), fecero della FAI una organizzazione pubblica appena poterono.
(3): G: WOODCOCK, L'anarchia, Feltrinelli, Milano 1966, p.335
(4): Bisogna, fra l'altro, qui ricordare il numero elevato di anarchici italiani esiliati dal fascismo che avevano partecipato attivamente alla realizzazione della lotta armata e della rivoluzione spagnola. Molti furono i morti, ma in tutti i superstiti rimase profonda l'esperienza realizzatrice del comunismo anarchico.
(5): La FCLAI aveva, subito dopo la liberazione, ben 28 sezioni con 1200 iscritti solo a Milano. Tenne il primo convegno il 23-25 luglio 1945
(6): Fin dal 5 settembre 1945, gruppi di compagni della Liguria, Lombardia, Emilia, Lazio e Toscana danno vita alla Federazione Comunista Anarchica Italiana e riprendono la pubblicazione di Umanità Nova che uscirà col primo numero l'8 settembre.
(7): Elemento di spicco di questa tendenza Cesare Zaccaria "liberale, anarchico, poi liberale", legato a tendenze simili inglesi ed americane. Questa tendenza cominciò ad organizzarsi in Italia, giungendovi al seguito degli Alleati, al Congresso di Napoli dei gruppi del sud del 10-11 settembre 1945. Non a caso già in quel Congresso parlarono di "libera iniziativa" come base del futuro sviluppo economico, di comunalismo kropotkiniano, si sforzarono di proporre un "superamento" dell'analisi di classe della società, tratteggiandone la composizione in "caste" sociali e, quel che più importa, si presentarono come ferocemente anticomunisti, nel senso di opposizione al PCI, ma anche al comunismo anarchico.
(8): Per la storia della FAI nel secondo dopoguerra vedi Convegni e Congressi, a cura di Ugo Fedeli, Genova 1963
(9): Questa componente finirà per battersi per l'organizzazione del partito dei rivoluzionari che raggruppi le minoranze più coscienti di tutte le tendenze, il "Terzo Fronte", invece di lottare per la costruzione di una posizione di classe nell'organizzazione di massa.
(10): Molti militanti GAAP daranno vita ad Azione Comunista nel 1956 e poi a Lotta Comunista nel 1961.
(11): La tradizione di organismi di sintesi tra marxismo e anarchismo ha nella Francia origine dalla crisi del luxemburghismo, della corrente di sinistra del marxismo internazionale, di trotzkisti e di anarchici scontenti dell'organizzazione tradizionale di sintesi francese, la FAF. Vedi in tal senso l'esperienza di "Socialisme ou Barbarie" (1949-1969)
(12): E' il caso per esempio dei Coordinamenti Nazionali Lavoratori Anarchici che a partire dal 1973 cercheranno ci avviare un utile dibattito sulla strategia di intervento di massa da un lato e per la nascita di una organizzazione comunista anarchica che superi il localismo delle federazioni.


(dal n° 4 de "L'informatore di parte", trimestrale dei comunisti anarchici di Firenze)


(originale ciclostilato in Archivio Storico della FdCA di Fano)

Related Link: http://www.fdca.it
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Italia / Svizzera | Storia dell'anarchismo | it

Fri 21 Nov, 09:19

browse text browse image

gaap.jpg imageNovità editoriale: I Figli dell'Officina 16:28 Mon 07 Oct by Centro Documentazione Franco Salomone 0 comments

Nella prima metà degli anni '50 del XX secolo, in una dimensione internazionale caratterizzata dalla dura contrapposizione tra i due blocchi egemoni (USA vs URSS), i Gruppi Anarchici di Azione Proletaria cercarono di sottoporre a una rigorosa analisi la mutata struttura dello sfruttamento capitalistico, sforzandosi di coglierne novità e linee di tendenza, analizzarono l'azione dell'imperialismo internazionale, comunque mascherato, cercando di coglierne le caratteristiche e tentarono di formulare una proposta strategica capace di opporsi al disegno complessivo dell'imperialismo...

copromasovvpiccweb.jpg imageRoma sovversiva. Anarchismo e conflittualità sociale dall'età giolittiana al fascismo (1900-1926) 18:27 Wed 14 Mar by Odradek Edizioni 0 comments

Questo libro riempie una lacuna, ricostruendone la base sociale, l'ambito spurio e mutevole, che concerne la formazione delle forze sociali e produttive cittadine. Ma soprattutto ribalta l'immagine di comodo, restituendole il carattere di città violenta, con un conflitto di classe che sfocia facilmente in tumulti repressi con estrema brutalità dalle forze dell'ordine.

pontedecimo.jpg imageNovità editoriale: "Tesi di Pontedecimo" dei GAAP 18:22 Mon 13 Feb by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

E' uscito nella collana "I Quaderni di Alternativa Libertaria" l'opuscolo "Tesi di Pontedecimo" dei Gruppi Anarchici di Azione Proletaria (GAAP). Si tratta della Tesi Programmatica uscita dalla 1a Conferenza dei GAAP tenuta a Genova-Pontedecimo il 24-25 febbraio 1951.

bari.jpg imageNovità editoriale: Gli anarchici di piazza Umberto. La sinistra libertaria a Bari negli anni '70 22:03 Wed 12 Oct by Centro di Documentazione "Franco Salomone" 0 comments

Il Centro di Documentazione "Franco Salomone" di Fano (PU) è lieto di annunciare la pubblicazione del libro "Gli anarchici di piazza Umberto", di Luca Lapolla.

malatesta.jpg imagePresentazione del primo volume delle Opere Complete di Errico Malatesta 15:07 Thu 15 Sep by Biblioteca Borghi 0 comments

La Biblioteca libertaria "Armando Borghi", in collaborazione con la Biblioteca comunale "Luigi Dal Pane", organizza a Castel Bolognese la presentazione del primo volume delle Opere Complete di Errico Malatesta. Il primo volume ha titolo "Un lavoro lungo e paziente…". Il socialismo anarchico dell’Agitazione (1897-1898) , ed esce con saggio introduttivo di Roberto Giulianelli (Milano, Zero in condotta/ Ragusa, La Fiaccola, 2011, pp. 392, Euro 25,00).

textIn memoria di Lorenzo Parodi 17:11 Tue 16 Aug by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Il primo agosto è morto Lorenzo Parodi. Era nato nel 1926 a Genova, giovanissimo antifascista da sempre nemico dello stalinismo e delle sue degenerazioni italiane, aderì nel primo dopoguerra al movimento anarchico, alla sua tendenza classista e rivoluzionaria.

salomone_sm.jpg imageNovità editoriale: "Un rivoluzionario di ponente" 20:10 Mon 11 Apr by Centro di Documentazione Franco Salomone 0 comments

Il Centro di Documentazione Franco Salomone è lieto di annunciare la pubblicazione di un nuovo libro in omaggio alla vita militante e all'opera di Franco Salomone. I materiali che qui vengono raccolti intendono offrire una testimonianza del suo impegno individuale e collettivo, dello sforzo analitico e propositivo di un militante e dei suoi compagni, di una generazione di comunisti libertari che dal lontano ponente ligure cercarono di riaprire la strada del reinserimento degli anarchici nell'opposizione al capitalismo, nel lavoro sindacale, dando impulso tanto alle lotte sindacali ed all'unità di classe quanto all'unità dei comunisti libertari in termini organizzativi e di strategia.

Dadà, Cremaschi, Massari imageResoconto presentazione libro di Daniel Guérin 21:29 Mon 28 Sep by FdCA Sezione Luigi Fabbri, Roma 0 comments

Si è svolta venerdì 25 settembre presso il Laboratorio Sociale "La Talpa", a cura dello stesso, la presentazione della prima edizione in lingua italiana del libro "Per un marxismo libertario" di Daniel Guérin a cura di Massari Editore, con interventi di Adriana Dadà (FdCA), Giorgio Cremaschi (FIOM/Rete 28 aprile) e Roberto Massari (Utopia Rossa). [English]

domaschi.jpg imageLe mie prigioni e le mie evasioni 18:45 Wed 05 Dec by Giovanni Domaschi 0 comments

Operaio, anarchico, antifascista, dopo aver partecipato alle lotte politiche e sindacali nella sua città il veronese Giovanni Domaschi (Verona, 1891-Dachau, 1945) ha trascorso quasi per intero il ventennio fascista rinchiuso in carcere o relegato al confino. Membro del secondo Comitato di liberazione nazionale di Verona, prima di essere deportato in Germania e di trovare la morte in un lager ha avuto modo di scrivere le sue memorie.

textConvegno su Camillo Berneri 21:38 Mon 07 May by Donato Romito 0 comments

Si è tenuto ad Arezzo il 5 maggio scorso un convegno di studi su Camillo Berneri, "Un libertario in Europa tra totalitarismi e democrazia".
Organizzato dall'Archivio famiglia Berneri Aurelio Chessa ed ospitato dalla Provincia di Arezzo ha visto la partecipazione di un centinaio di persone.

more >>
Sorry, no stories matched your search, maybe try again with different settings.

imagePresentazione del primo volume delle Opere Complete di Errico Malatesta Sep 15 0 comments

La Biblioteca libertaria "Armando Borghi", in collaborazione con la Biblioteca comunale "Luigi Dal Pane", organizza a Castel Bolognese la presentazione del primo volume delle Opere Complete di Errico Malatesta. Il primo volume ha titolo "Un lavoro lungo e paziente…". Il socialismo anarchico dell’Agitazione (1897-1898) , ed esce con saggio introduttivo di Roberto Giulianelli (Milano, Zero in condotta/ Ragusa, La Fiaccola, 2011, pp. 392, Euro 25,00).

textIn memoria di Lorenzo Parodi Aug 16 FdCA 0 comments

Il primo agosto è morto Lorenzo Parodi. Era nato nel 1926 a Genova, giovanissimo antifascista da sempre nemico dello stalinismo e delle sue degenerazioni italiane, aderì nel primo dopoguerra al movimento anarchico, alla sua tendenza classista e rivoluzionaria.

imageLe mie prigioni e le mie evasioni Dec 05 0 comments

Operaio, anarchico, antifascista, dopo aver partecipato alle lotte politiche e sindacali nella sua città il veronese Giovanni Domaschi (Verona, 1891-Dachau, 1945) ha trascorso quasi per intero il ventennio fascista rinchiuso in carcere o relegato al confino. Membro del secondo Comitato di liberazione nazionale di Verona, prima di essere deportato in Germania e di trovare la morte in un lager ha avuto modo di scrivere le sue memorie.

imageNovità editoriale: "Il Comunismo Libertario e altri scritti" di Isaac Puente Apr 12 FdCA 0 comments

La Federazione dei Comunisti Anarchici annuncia la pubblicazione di un nuovo opuscolo nella serie dei "Quaderni di Alternativa Libertaria".

© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]