user preferences

New Events

Internazionale

no event posted in the last week

Le Classi Oppresse Si Ribellano Contro il Razzismo e la Discriminazione

category internazionale | migrazione / razzismo | documento politico author Tuesday July 14, 2020 04:43author by Alternativa Libertaria/FdCA Report this post to the editors
L'assassinio di George Floyd negli Stati Uniti da parte della polizia ha scatenato un'ondata di indignazione popolare in quel paese e in tutto il mondo. Manifestazioni massicce, azioni dirette contro la polizia e in risposta alla repressione sono state comuni in queste ultime settimane. Questo omicidio, che si aggiunge a migliaia di altri, fa rivivere le proteste diffuse del 2014 negli Stati Uniti, dopo i numerosi omicidi di persone di colore, soprattutto di giovani.
b79284c926354a14a0081aea65daaac1.jpeg

Le Classi Oppresse Si Ribellano Contro il Razzismo e la Discriminazione

L'assassinio di George Floyd negli Stati Uniti da parte della polizia ha scatenato un'ondata di indignazione popolare in quel paese e in tutto il mondo. Manifestazioni massicce, azioni dirette contro la polizia e in risposta alla repressione sono state comuni in queste ultime settimane. Questo omicidio, che si aggiunge a migliaia di altri, fa rivivere le proteste diffuse del 2014 negli Stati Uniti, dopo i numerosi omicidi di persone di colore, soprattutto di giovani.

Questo fatto ha portato alla ribalta il profondo razzismo che esiste nelle società di oggi. In Europa, migliaia di immigrati rivendicano i loro diritti e chiedono di essere trattati su un piano di parità con la popolazione bianca, e viene rivendicato il diritto di asilo anche per le migliaia di persone che ogni giorno cercano di attraversare il Mediterraneo o di arrivare dalla Turchia in Europa, un tentativo in cui molti di loro muoiono e vengono duramente repressi o ospitati in campi profughi, che sempre più spesso sembrano carceri.

Questo fenomeno evidenzia il ruolo storico del razzismo nella costruzione della società capitalistica. L'espansione del capitalismo - molto prima della Rivoluzione Industriale - ha avuto un elemento centrale: il saccheggio di interi continenti, il genocidio di intere popolazioni, l'appropriazione di territori, risorse e corpi da parte degli Stati europei e della loro borghesia, al fine di conseguire l'accumulazione di capitali successivamente investiti nello sviluppo di macchinari e industria nel XVIII secolo. Fu questa strategia coloniale di saccheggio delle risorse in tutte le Americhe, accompagnata dalla tratta degli schiavi e dal traffico di esseri umani in Africa e in Sud America, che permise il consolidamento del capitalismo.

Poi, in un'altra fase di dispiegamento del sistema, già nel XIX secolo, si sviluppò l'espansione imperialista o coloniale europea su Africa, Asia e Oceania, con un numero innumerevole di morti, stupri e saccheggi, ripetendo la conquista fatta qualche secolo prima in America nel resto del pianeta. Così il capitalismo si espanse al resto del mondo e divenne un sistema globale. Il saccheggio, la distruzione e il genocidio sono inerenti al capitalismo; è nel suo DNA. Lo stesso accade con il razzismo o il patriarcato; il capitalismo è basato sullo sfruttamento dei corpi, trasformandoli in territori ed elementi che ne permettono il funzionamento e la riproduzione.

Il razzismo è un elemento strutturale del sistema capitalistico. Perché per saccheggiare il resto del pianeta - anche all'interno dei paesi sviluppati - il sistema capitalista e le classi dirigenti devono stabilire chi è soggetto a dominazione e saccheggio. I conquistatori europei e i padroni coloniali hanno presto trovato la legittimazione di questa decisione in "teorie razziali" pseudo-scientifiche, che rivendicavano l'esistenza di diverse "razze umane" e le ordinavano in gerarchie, il cui capo era presumibilmente sempre "la razza bianca", cioè gli europei stessi.

Così, il razzismo ha posto, e continua a porre, gran parte della popolazione del pianeta, anche interi continenti, in posizioni subordinate. Ecco perché vediamo il rapporto tra paesi sviluppati (centri) e paesi sottosviluppati (periferie). Il sistema capitalista, basato sulla divisione tra classi sociali, ha in gran parte organizzato tali classi anche sulla base della discriminazione razziale o del colore della pelle. Oltre al razzismo, ci sono altri fattori che giocano un ruolo, alcuni dei quali sono intrecciati e reciprocamente dipendenti, come la costruzione della nazione, che divide uomini e donne oppressi e svaluta tutti coloro che non appartengono al collettivo nazionale. Così, la nazione costituisce uno dei fondamenti della normalità razzista e capitalista.

In Europa e in America, la maggioranza dei neri e dei non bianchi sono poveri e portano tutta l'eredità della storia coloniale di cui abbiamo parlato. I neri e i non bianchi hanno sempre i lavori meno pagati, senza previdenza sociale o sussidi, scarso accesso alla salute e all'alloggio, e costanti molestie e violenze da parte della polizia, come dimostrato negli Stati Uniti, in Europa, ma che vediamo anche nelle favelas del Brasile con un vero e proprio processo di genocidio organizzato della giovane popolazione nera.

In altre parole, il razzismo non è una derivazione della struttura economica della società capitalista, non è un problema secondario. Al contrario, dobbiamo dire che il sistema capitalista è stato installato sulla base del razzismo e della discriminazione razziale, un sistema che non è esclusivamente economico. È un sistema globale, dove gli aspetti ideologico-politici giocano un ruolo rilevante, così come gli aspetti legali che il capitale utilizza per la sua espansione, gli aspetti repressivi, gli aspetti di comunicazione, ecc.

Sulla base di un discorso razzista, il sistema capitalista mantiene zone del pianeta condannate alla fame e a continue invasioni e guerre. Ciò è necessario perché questo sistema genocida continui; come è anche necessario, di tanto in tanto, "cambiare volto" per mostrarsi in modo diverso e permettere, ad esempio, l'arrivo nel governo statunitense di un presidente nero come Obama. Proprio sotto l'amministrazione Obama c'è stata una recrudescenza della violenza della polizia contro la popolazione nera, in una chiara dimostrazione che il razzismo è strutturale al sistema, annidato nelle sue forze repressive e nei gruppi razzisti e di supremazia bianca - anche se non solo in essi a livello sociale - e ha una chiara componente di classe. Il volto liberale del capitalismo ha permesso ad una piccola minoranza della popolazione nera di accedere al potere e alle classi dominanti, ma solo allo scopo di rinnovarsi come sistema e di diventare più forte. Il "capitalismo liberale" e lo "Stato democratico" non ha smesso di essere razzista perché pone un presidente o un uomo d'affari nero in una posizione privilegiata; sta sicuramente diventando più tecnico per aumentare il grado di saccheggio e di oppressione delle maggioranze sociali in tutto il pianeta.

Per questo motivo, dal punto di vista dell'Anarchismo Organizzato Politicamente si parla della necessità di costruire un Fronte delle Classi Oppresse, che riunisca tutti quei settori che sono oppressi e dominati dal sistema. I lavoratori formali e precari, i contadini, le popolazioni indigene, i migranti, i disoccupati e gli sfollati, cioè tutti quei settori che nella loro vita quotidiana subiscono le conseguenze del sistema capitalista hanno un posto di lotta in tale Fronte. Questo è il soggetto sociale che oggi si manifesta nelle rivolte di tutto il mondo ed è il soggetto che deve essere costruito con una prospettiva di rafforzamento organizzativo del popolo per i processi di rottura, di rivoluzione sociale che noi promuoviamo e desideriamo.

Poiché il sistema capitalista non è solo un sistema economico o distaccato esclusivamente dalle sue basi economiche, comprendiamo che la lotta contro il razzismo e la violenza dello Stato che lo sostiene è anche una lotta contro le strutture del sistema capitalista, un sistema di fame, morte e violenza contro gli oppressi del mondo, qualunque sia il colore della loro pelle o la loro lingua. Proprio contro quello Stato che non è stato "neutrale" nell'espansione del sistema capitalistico, ma un elemento centrale e organizzativo di esso - chiediamo quindi di favorire e sostenere sempre l'auto-organizzazione e la lotta di tutti e di ciascuno degli oppressi!

Come i poteri economici e politici trattano come "altri" coloro che non giurano fedeltà ad essi, così, essi assumono il ruolo di "garante" di ogni conflitto nella sfera sociale per la propria sopravvivenza, gli attacchi razzisti e discriminatori nella società aumentano. Mentre il capitalismo e lo Stato aumentano la loro repressione e militarizzazione nella sfera sociale con nuove sostanze chimiche, pallottole e mobilitazioni razziste civili, la polizia e i militari; ora è il momento di combattere contro di loro!

VIVA LA LOTTA DELLE CLASSI OPPRESSE CONTRO IL RAZZISMO E OGNI FORMA DI OPPRESSIONE!
PER LA COSTRUZIONE DELL'AUTO-ORGANIZZAZIONE DELLE CLASSI OPPRESSE!


☆ Federación Anarquista Uruguaya – FAU (Uruguay)
☆ Embat-Organització Llibertària (Catalogna)
☆ Federación Anarquista Rosario – FAR (Argentina)
☆ Zabalaza Anarchist Communist Front – ZACF (Sud Africa)
☆ Anarchist Communist Group (Gran Bretagna)
☆ Anarchist Federation (Grecia)
☆ Bandilang Itim (Filippine)
☆ Devrimci Anarşist Faaliyet – DAF (Turchia)
☆ Melbourne Anarchist Communist Group – MACG (Australia)
☆ Aotearoa Workers Solidarity Movement – AWSM (Nuova Zelanda)
☆ Coordenaçao Anarquista Brasileira – CAB (Brasile)
☆ Anarchist Union of Afghanistan and Iran – AUAI (Iran /Afghanistan)
☆ Organización Anarquista de Córdoba – OAC (Argentina)
☆ Union Communiste Libertaire – UCL (Francia)
☆ Alternativa Libertaria /FDCA (Italia)
☆ Organisation Socialiste Libertaire – OSL (Svizzera)
☆ Workers Solidarity Movement – WSM (Irlanda)
☆ Die Plattform-Anarchakommunistische Organisation (Germania)
☆ Libertaere Aktion (Svizzera)
☆ Tekosina_Anarsist (Anarchist Struggle) (Rojava – Nord Est della Siria)


This page has not been translated into Português yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
George Floyd: one death too many in the “land of the free”
© 2005-2020 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]