user preferences

New Events

Internazionale

no event posted in the last week

LIBERARE OCALAN, LIBERARE TUTTI/E

category internazionale | repressione / prigionieri | appello / petizione author Thursday February 02, 2017 02:04author by Gianni Sartori Report this post to the editors

La vicenda che ha portato l'esponente curdo Ocalan nell'isola-carcere di Imrali passa anche per l'Italia con precise responsabilità nel governo di allora.
In vista della grande manifestazione di Milano dell'11 febbraio 2017 per la liberazione di ogni prigioniera/o politica/o può servire un ripasso in merito ai meccanismi del potere e della repressione

LIBERTA' PER OCALAN, ORA!

(Gianni Sartori)

Per l'11 febbraio 2017 è prevista a Milano una manifestazione per la liberazione di Ocalan e di ogni prigioniera/o politica/o in Turchia.
Forse è il caso di rinfrescare la memoria a giovani e smemorati su quei giorni intensi che videro, alla fine del 1998, il fondatore del PKK costretto a peregrinare tra Russia, Italia, Grecia, Kenia...
Per finire poi sequestrato da un commando di uomini mascherati (presumibilmente turchi, ma non si esclude una collaborazione della CIA o del Mossad) e deportato, legato e imbavagliato, in Turchia. Da allora il Mandela curdo è in carcere, nonostante gli appelli internazionali e la tardiva concessione dello status di rifugiato concessa dall'Italia (ma solo dopo averlo frettolosamente e vergognosamente, non senza una buona dose di imbarazzo, allontanato)*.
Chi dobbiamo ringraziare per questa infamia? Di sicuro Clinton che intervenne personalmente presso l'allora governo italiano. Probabilmente anche Putin che non lo accolse a Mosca. Assolutamente riprovevole il comportamento del governo greco: con l'inganno consegnò Ocalan direttamente nelle mani di Ankara che da allora lo tiene segregato nell'isola-carcere di Imrali.
Ma un discredito particolare spetta a Massimo D'Alema. Quello che in primo tempo aveva definito “il leader curdo”, divenne nel giro di una settimana, prima “il cittadino Ocalan” e infine “il terrorista Ocalan”.
Eppure in un primo tempo gli aveva garantito l'asilo politico.
Posso a tale proposito riportare una testimonianza diretta, un episodio minore ma indicativo.
Pochi giorni prima dell'arrivo di Ocalan all'aeroporto di Roma, si era tenuto a Vicenza, in piazza dei Signori, un comizio di Rifondazione comunista con Bertinotti. Ancora sul palco l'ex sindacalista rispose a una telefonata che dal suo atteggiamento sembrava piuttosto importante.
“Parlavo con Massimo – spiegò ingenuamente ai presenti (tra cui, testimoni oculari e auricolari, alcuni militanti del “Collettivo Spartakus”) - stiamo lavorando per portare Ocalan in Italia”. Intanto Ocalan peregrinava per l'Europa in compagnia di Ramon Mantovani **(responsabile Esteri di Rifondazione) e Ahmed Yaman esponente di Eniya Rizgariya Netewa Kurdistan (Fronte di Liberazione Nazionale del Kurdistan).
Conoscevo soprattutto Yaman , intervistato in varie occasioni (per Frigidaire, Narcomafie...).
Nel gennaio 1998 lo avevamo invitato a Vicenza per una “assemblea-dibattito” insieme al compianto Dino Frisullo.
Poi le cose andarono come andarono. A ormai 18 anni da tali eventi Ocalan è sempre rinchiuso a Imrali e la dura lotta dei curdi per l'autodeterminazione continua.
Nel febbraio 1999, a pochi giorni dal sequestro di Ocalan, preoccupato per il trattamento a cui poteva venir sottoposto, avevo scritto una “lettera ai giornali” che, se non ricordo male, trovò scarsa ospitalità. Troppo scomoda?
La ripropongo senza modifiche, un “messaggio in bottiglia” dal passato. Avvertenza: risale al 1999 e risente del clima dell'epoca, ma credo possa ancora fornire elementi utili (se non altro per comprendere alcune logiche e alcuni metodi del potere).

“Il prigioniero curdo Ocalan, esibito come una preda dal regime turco per ragioni di propaganda e stabilità interna, è apparso alquanto alterato, in evidente stato di prostrazione psichica.
Sicuramente nei prossimi giorni assisteremo a un processo-spettacolo in cui, grazie a torture e narcotici, difficilmente il leader curdo potrà difendere adeguatamente la causa del suo popolo. Forse dalla bocca dello stesso Ocalan sentiremo parole di sconfitta e pentimento, oltre all'appello ai partigiani curdi affinché depongano le armi. Dato che nel sequestro di Ocalan sono coinvolti la Cia e il Mossad israeliano (fraterni alleati del regime turco in guerra e affari) è assai probabile che, fin dal momento della cattura, Ocalan sia stato sottoposto a narcoanalisi.
Gli esperimenti condotti dai nazisti su ebrei e prigionieri russi per stabilire quali fossero i “limiti psichici” non si esaurirono con la fine della Seconda guerra mondiale. Gli Alleati si impadronirono di gran parte dei dati e addirittura riciclarono alcuni medici tedeschi processati (ma non condannati) a Norimberga. I nazisti fecero uso soprattutto di mescalina e derivati, mentre gli americani preferirono adottare il pentotal (conosciuto come “siero della verità”). Il pentotal, un barbiturico, una volta iniettato provocava uno stato di benessere e libertà psichica con il risultato di abbattere tutte le difese del detenuto durante l'interrogatorio. Venne usato sistematicamente anche nelle carceri francesi fino al 1963, soprattutto sui detenuti algerini.
Gli effetti prodotti dagli stupefacenti vennero denominati “narcoanalisi”. Con questo termine si intende una sorta di trance ipnotica indotta attraverso la somministrazione di droghe specifiche che intensificano lo stato di torpore e aumentano la suggestionabilità del soggetto.
Esperimenti di questo tipo sono stati condotti anche in Europa, sia in Irlanda del Nord (sui prigionieri repubblicani) che nei Paesi Baschi. Il primo caso documentato risale all'epoca franchista e riguarda il militante basco José Luis Zalbide, arrestato a Bergara nel 1965. Nel 1994 suscitò scalpore il caso del noto militante indipendentista “Anuk” (Xabier Kalparsoro) sequestrato illegalmente dalla polizia e poi rimesso in libertà in stato confusionale, probabilmente per seguirne gli spostamenti. Resosi conto di essere stato manipolato, Anuk riuscì, nei momenti di relativa lucidità, a lasciare una memoria scritta. Venne poi arrestato e precipitò misteriosamente dalla finestra di un commissariato. Sul suo cadavere vennero ritrovate tracce evidenti di un derivato della “datura stramonium”, una sostanza affine alla scopolamina.
Gli esperimenti, oltre che negli Stati Uniti, si svolsero anche in Canada, a Montreal. Qui negli anni settanta era in piena attività il dottor Donald Ewen Cameron, direttore del ”Allan Memorial Institute” e considerato il maggior esperto mondiale in materia di controllo e manipolazione della mente umana. Il Governo degli Stati Uniti mise a sua disposizione tutti i mezzi, umani e materiali, per sviluppare ulteriormente le ricerche. Cameron e la sua équipe somministrarono svariate droghe (pentotal, scopolamina, actedron...) e utilizzarono sui loro pazienti (detenuti, malati psichici, volontari...) altre tecniche per modificare la mente (ipnosi, elettro-shock, lobotomia...) mettendo poi a disposizione dei servizi segreti i risultati delle loro ricerche.
Il supporto logistico per queste ricerche non furono i campi di concentramento, ma le più prestigiose università statunitensi e israeliane che, in cambio di cospicui finanziamenti, misero a disposizione medici, psicoanalisti e psichiatri. Soprattutto a partire dal 1970 gli esperimenti trovarono applicazioni su numerosi detenuti in maniera molto precisa, selettiva, a seconda dell'obiettivo perseguito in ogni interrogatorio. Nella guerra di Indocina migliaia di vietnamiti vennero trattati con queste sostanze. Ovviamente esperimenti analoghi si svolsero, su scala industriale, anche nei gulag dell'Est, ma al momento non risulta che esistesse uno scambio di informazioni in proposito.
Le evidenti manipolazioni subite dal prigioniero politico Ocalan non sono quindi un'improvvisazione del regime turco, ma hanno alle spalle l'esperienza repressiva e controinsurrezionale dell'imperialismo. Tutto questo comunque non basterà per demoralizzare la resistenza curda e altri combattenti sapranno continuare sulla strada indicata da Ocalan vent'anni fa con la fondazione del Partiya Karkeren Kurdistan.

Gianni Sartori (responsabile per Vicenza della Lega per i diritti e la liberazione dei popoli)
febbraio1999

* nota 1: nel 1998, di fronte all'intransigenza turca e vedendo la portata delle pressioni di Ankara sul governo siriano, Ocalan e altri esponenti del PKK rifugiati in Libano cercarono di riportare la questione curda sul tavolo delle trattative e del dialogo (proponendo un “cessate-il-fuoco”) con la controparte turca. Niente da fare! Da parte sua la Turchia andava radunando truppe al confine con la Siria e interrompeva il flusso delle acque proveniente dalla diga Ataturk. Anche se Damasco, praticamente sotto assedio, si rifiutava comunque di consegnare Ocalan alla Turchia, dopo 40 ore di negoziati ininterrotti si vide costretta a siglare un accordo con cui sospendeva ogni appoggio al PKK. A quel punto Ocalan si recava, in aereo, a Mosca dove però non gli venne concesso l'asilo politico. Dopo altre peregrinazioni il 12 novembre 1998 sbarcava a Roma (con Mantovani e Yaman).
Come ho detto, Massimo D'Alema non tenne fede alla promesse e, nonostante l'arrivo a Roma di migliaia di curdi della diaspora, Ocalan fu costretto a ripartire.
Il 29 gennaio è in Grecia e poi in Kenya, presso l'ambasciata ellenica. Avendo Nelson Mandela garantito la sua disponibilità a ospitarlo, gli viene fatto credere che verrà portato in Sudafrica. Ma il 15 febbraio 1999, durante il tragitto dall'ambasciata all'aeroporto, viene consegnato ai suoi sequestratori.

** nota 2: veramente di Mantovani un po' diffidavo per la vecchia questione di un appello del 1997 per Herri Batasuna, da lui prima sottoscritto e poi clamorosamente rigettato.

This page has not been translated into Esperanto yet.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
¿Què està passant a Catalunya?

Front page

La sangre de Llorente, Tumaco: masacre e infamia

Triem Lluitar, El 3 D’octubre Totes I Tots A La Vaga General

¿Què està passant a Catalunya?

Loi travail 2017 : Tout le pouvoir aux patrons !

En Allemagne et ailleurs, la répression ne nous fera pas taire !

El acuerdo en preparacion entre la Union Europea y Libia es un crimen de lesa humanidad

Mourn the Dead, Fight Like Hell for the Living

SAFTU: The tragedy and (hopefully not) the farce

Anarchism, Ethics and Justice: The Michael Schmidt Case

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]