preferenze utente

cerca nell'archivio del sito Cerca cerca nell'archivio del sito


Search comments

ricerca avanzata

[Italia] Pesaro: Ritirare urgentemente il provvedimento di sgombero, restituire il maltolto allo spazio popolare Malarlevèt!

category italia / svizzera | lotte sul territorio | comunicato stampa author lunedì gennaio 23, 2017 06:41author by Alternativa Libertaria/FdCA - sezione "Silvia Francolini" di Fano-Pesaro Segnalare questo messaggio alla redazione

Chi governa la città ha fatto la sua scelta: quella di emarginare quella Pesaro popolare e proletaria che non si può permettere costose passerelle in centro.

La decisione autoritaria e inopportuna, tra l'altro poco trasparente da un punto di vista amministrativo, di chiudere il Malarlevèt sopprime un luogo di partecipazione, presidio di democrazia reale contro le sempre più minacciose presenze della destra fascista e razzista in questa città.

Ritirare urgentemente il provvedimento di sgombero, restituire il maltolto allo spazio popolare Malarlevèt!
Lo sgombero, perché tale è a tutti gli effetti quello subito, dalle compagne e dei compagni del Spazio Popolare Malarlevèt, non può segnare la fine di circa 35 anni di intervento politico, di passione, di socialità che hanno arricchito Pesaro e contribuito a costruire relazioni, cittadinanza e coscienza critica e sociale.
Uno spazio aperto ad una gestione collettiva che in questi anni ha cambiato protagonisti, mantenendo sempre costante una tensione verso il rispetto di valori fondamentali come la giustizia sociale, la solidarietà, la difesa dei più deboli e dei beni comuni.
Uno spazio attento a forme di cultura capace di coinvolgere giovani e giovanissimi e di restituire allo stesso tempo prospettiva e memoria storica.
Uno spazio capace di favorire la partecipazione di persone e realtà differenti verso scopi comuni.
Il quartiere di Villa San Martino non può perdere questo luogo di riferimento, simbolo di una socialità giovanile alternativa, che negli ultimi mesi si è impegnata attivamente per portare aiuto e sostegno alle popolazioni colpite dal terremoto in collaborazione con le Brigate di Solidarietà Attiva.
La decisione autoritaria e inopportuna, tra l'altro poco trasparente da un punto di vista amministrativo, di chiudere il Malarlevèt sopprime un luogo di partecipazione, presidio di democrazia reale contro le sempre più minacciose presenze della destra fascista e razzista in questa città.
Chi governa di Pesaro ha fatto la sua scelta: quella di emarginare quella Pesaro popolare e proletaria che non si può permettere costose passerelle in centro.
Ma è sempre in tempo a fare un'altra scelta coerente con la tradizione solidaristica di questa città: restituire al Malarlevèt e a tutti coloro che l'hanno sostenuto e frequentato uno spazio e il diritto ad essere riconosciuti come soggetti protagonisti della vita sociale e politica delle periferie pesaresi.
Alternativa Libertaria Fano/Pesaro, Unicobas Pesaro, ALLP (Associazione Lavoratori e Lavoratrici Pesaro).
Pesaro, 22 gennaio 2017

author by donato romito - Alternativa Libertaria/Fdcapublication date lun gen 30, 2017 01:16Segnalare questo messaggio alla redazione

hanno successivamente aderito:
Donne In Nero di Fano
Oltremercato - nodo locale di Genuino Clandestino

 
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
© 2001-2017 Anarkismo.net. Salvo indicazioni diversi da parte dell'autore di un articolo, tutto il contenuto del sito può essere liberamente utilizzato per fini non commerciali sulla rete ed altrove. Le opinioni espresse negli articoli sono quelle dei contributori degli articoli e non sono necessariamente condivise da Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]