user preferences

New Events

West Africa

no event posted in the last week

Upcoming Events

West Africa | History

No upcoming events.
Search author name words: Tokologo African Anarchist Collective

"Seek Ye First the Political Kingdom"? Learning from Kwame Nkrumah's Failures in Ghana

category west africa | history | opinion / analysis author Monday April 04, 2016 22:10author by Tokologo African Anarchist Collective - TAACauthor email tokologo.aac at gmail dot com Report this post to the editors

TOKOLOGO: Newsletter of the Tokologo African Anarchist Collective # 5/6

Ghana, West Africa, was a British colony called "Gold Coast" until 1957. It became the first independent country in "black" Africa after reforms and struggles in the 1940s and 1950s. The new president, the brilliant Kwame Nkrumah, and his Convention People's Party (CPP), had fought for independence. Now they aimed at major changes in the society, even speaking of socialism. And Nkrumah proposed a united African government for the continent: Pan-Africanism.

But by the mid-1960s, hopes were fading. There were good reforms in education and services and self- respect for Africans that helped remove colonialism's damages. But the CPP has become a dictatorship, with a personality cult around Nkrumah. Unions and struggles were suppressed. The economy was in trouble. A new elite hijacked independence and resources. When the military seized power in 1966, people celebrated in the streets. Today Ghana is one of the poorest African countries.

What went wrong and what can we, anarchists in Africa, learn from this experience?
Kwame Nkrumah of Ghana
Kwame Nkrumah of Ghana

"Seek Ye First the Political Kingdom"? Learning from Kwame Nkrumah's Failures in Ghana

CONTRIBUTORS: LUCKY, MTHAMBEKI, NKULULEKO, NONZUKISO, PITSO, SIXOKA, WARREN

Ghana, West Africa, was a British colony called "Gold Coast" until 1957. It became the first independent country in "black" Africa after reforms and struggles in the 1940s and 1950s. The new president, the brilliant Kwame Nkrumah, and his Convention People's Party (CPP), had fought for independence. Now they aimed at major changes in the society, even speaking of socialism. And Nkrumah proposed a united African government for the continent: Pan-Africanism.

But by the mid-1960s, hopes were fading. There were good reforms in education and services and self- respect for Africans that helped remove colonialism's damages. But the CPP has become a dictatorship, with a personality cult around Nkrumah. Unions and struggles were suppressed. The economy was in trouble. A new elite hijacked independence and resources. When the military seized power in 1966, people celebrated in the streets. Today Ghana is one of the poorest African countries.

What went wrong and what can we, anarchists in Africa, learn from this experience? Nkrumah's is the key model for African nationalists, and the test case showing the strengths and limits of African nationalism as a project - a project based on building multi-class parties, to capture the state, with the enemy seen primarily in terms of imperialism, and colonialism, with the solution seen as an independent state.

So, the lessons of Ghana are essential and remain widely applicable to countries like South Africa, where African nationalism has been and remains a very powerful current. We can learn, most of all, that revolutions and struggles are easily hijacked by elites for their own purposes. These purposes always go against the interests of the masses.

Using the state is the sure way to create a new elite. Nkrumah's slogan, "Seek ye first the political kingdom and all things shall be added unto you," is not useful. We say instead: All power to the working and poor people.

BRITISH COLONIAL GHANA

The “Gold Coast” colony included African societies like the Asante kingdom (empire), which had class divisions, a ruling elite, and a history of slavery and slave trading. The colony was ruled by British officials, African kings and chiefs, and the small African educated and business elite linked to mission and state schools.

But Britain was in charge. Society was top-down. There was no pretence of “democracy.” Although the British provided railways and hospitals, there was much poverty and racism. The economy was based on selling raw materials (metals and cash crops) to Britain. This meant it depended on British prices, and these were often low and there was always pressure by the British state to produce more.

DECOLONISATION

After World War Two (1939-1945) there was massive unrest by the unemployed in the in Sekondi-Takoradi (“Tadi”) port zone and Accra, by farmers and black ex- soldiers.There were riots in 1948 after 3 people were shot at a march in Accra. The Trade Union Congress (TUC) formed 1945, called a general strike in 1950.

Britain started political reforms in the 1940s, allowing unions (1941) and then allowing more elected representatives in the Legislative Council (1946) but these were elections by chiefs

The elite-led United Gold Coast Convention (UGCC) (1947) wanted electoral reforms, moving the chiefs aside, so the businessmen who led UGCC would have more say. Like the ANC and other South African parties, UGCC was formed and dominated by the frustrated African elite. It kept its distance from the unrest, and from Nkrumah's calls to use mass action ("positive action") to win more radical changes. Nkrumah had 4 university degrees earned in the USA, where he lived from 1935- 1945, and returned to his homeland in 1947 after 2 years in Britain.

This led to the formation of Nkrumah's breakaway CPP (1949), aiming to ride the mass struggles to full state independence. In 1951 there were the first parliamentary elections (the country was still ruled by Britain), which the CPP won, making Nkrumah Prime Minister. After more elections, the CPP led Ghana into independence.

CONSOLIDATION OF NEW ELITE

But the new CPP government developed into a one-party state. The state became a hothouse for a new elite. The old elite, the chiefs, were either marginalised or pulled into the CPP. A law in 1958 allowed detention without trial. By 1962 the state controlled the main newspapers, and could censor news.

Access to state power was key to the growth of the new African elite: frustrated under colonialism, it used state salaries, contracts and corrupt deals to enrich itself. Reports of wrongdoing were widespread.

The more that state wealth helped the elite, the more the elite clung feverishly to office, suppressing rivals and protests, and pushing for more state ownership of resources.

1964 saw the CPP became the only legal party, centred on a personality cult and network around Nkrumah, now President-for-Life. CPP party branches and related organisations like youth groups enforced control across the country. The CPP ensured its people were in key positions in various government agencies.

As anarchists we know the state cannot be used by the mass of the people. It is a top-down institution that always puts power in the hands of a small elite. As the old British elite and African chiefs moved out of the new state, the CPP-centred new elite moved in. The nature of the state meant that the new elite, just like the old, looked on the people as a source of labour, money, and taxes - and a threat to be controlled, with guns if needed.

MOVING TO STATE-CAPITALISM

Nkrumah correctly saw Ghana would remain an economic “colony” of Britain (or the USA) if its economy did not change. He started efforts to industrialise the economy (building factories and infrastructure) so it could move beyond raw materials and create jobs. At first this meant encouraging foreign (mainly British and US) investment, but this left colonial-era relations in place, and did not work.

The difference with the past was that the new Ghanaian political elite benefited more. But the effects on industry were small.

So Nkrumah's CPP started to push state-led industrialisation. This included efforts like setting up a massive hydro-electrical scheme at Volta dam, state-run industries, and trade protection, called "import- substitution-industrialisation."

But although Nkrumah called the system "socialism" (and was partly inspired by the Marxist system in Russia), the reality was the new state industries were, as elsewhere, just state capitalism. They were based on wage labour and on producing goods and services for sale. And, again, the new state elite milked the new projects for its benefit.

The growing role of the state was not socialism, it was just the expanding grab of the new elite to access wealth and build capitalist industries. The top-down approach in state industries was the same as the topdown system in the state and the CPP.

WORLD ECONOMIC CHAINS

Also, independent national capitalist development in a world dominated by international capitalism was unlikely. To fund the new system, the CPP-led state relied on money from exports, especially cocoa. Cocoa prices boomed in the 1950s and early 1960s. The money went to the state through "marketing boards." This meant farmers sold to state boards at low prices, which then sold the goods overseas at much higher prices, making big profits.

But the price of goods like cocoa started to fall in the early 1960s, and the state lost money. It then borrowed heavily, going into massive debt.

ATTACKING THE PEOPLE

The new system did not put power in the hands of ordinary people. The CPP-centred new elite in the state controlled it, decided priorities and targets. The role of the working class and peasantry was to provide labour, funds and raw materials. The radical language and even the genuine socialist views of some CPP leaders (like Nkrumah who was himself generally free of corruption, unlike his followers), did not change this.

The new elite exploited the people, and the new state relied on the repression and control of the working class.

The 1958 Industrial Relations Act centralised unions into a single CPP-run body, with the only negotiating and legal rights. Urban workers were increasingly called a selfish elite ("labour aristocracy"), sabotaging the nation with wage demands. Almost no legal strikes were arranged by the CPP-run TUC. In many sectors all strikes were banned.

In 1961, a huge strike spread from Sekondi-Takoradi, including the railways, against rising taxes and a "forced savings" scheme. It drew in the unemployed and the small traders in the markets: the "common folk" against the CPP elite. After the strike, Nkrumah arrested leaders and politicians involved.

END OF AN ILLUSION

Many people had great hopes in Ghana and Nkrumah. The victory over Britain was inspiring and the "black star" of Ghana seemed to show the light to a new, prosperous Africa, free of the legacy of colonialism, racism and strife.

But using the state and a political party led straight to the opposite: a new elite captured decolonisation, for its own benefits.

Working class and poor Ghanaians continued to suffer while the new local elite and its foreign partners (initially Britain and the USA, later the Marxist USSR and its colonies) became wealthier. Mass support was built through a personality cult, with Nkrumah treated as Superman.

In 1966, the military led a coup against Nkrumah. He was out of the country. There is no doubt that the American CIA helped the military plot.

But this does not explain why people danced in the street with happiness when Nkrumah was overthrown.

They included Sekondi-Takoradi workers, who had been staunch CPP supporters in the 1950s. The masses had no more illusions and did nothing to stop the coup. Nkrumah left office in disgrace.

Everything had become managed by the party and the state, not the people. And that was where the problems started. Imperialism and the CIA played a role in undermining independent Ghana, but the local elite, which hijacked the decolonisation struggle, is just as guilty of destroying it.

And Nkrumah's nationalist vision, even in its Marxist phase, despite its heroic intentions, helped pavetheway, with its statism, authoritarianism and multi-class capitalist project.

Related Link: http://anarkismo.net/article/28868
author by Alternativa Libertaria/FdCA - Ufficio Relazioni Internazionalipublication date Tue Apr 05, 2016 06:38Report this post to the editors

"Per prima cosa prendere il potere politico"? Lezioni dal fallimento di Kwame Nkrumah in Ghana
A cura di: LUCKY, MTHAMBEKI, NKULULEKO, NONZUKISO, PITSO, SIXOKA, WARREN
Pubblicato su TOKOLOGO: Newsletter del Tokologo African Anarchist Collective n° 5/6

Il Ghana, Africa Occidentale, era fino al 1957 una colonia britannica chiamata "Costa d'oro". E' stato il primo paese indipendente dell'Africa "nera" dopo le riforme e le lotte degli anni '40 e '50. Il nuovo presidente, il brillante Kwame Nkrumah, ed il suo partito Convention People's Party (CPP), avevano lottato per l'indipendenza. Ora puntavano a grandi cambiamenti nella società, giungendo a parlare persino di socialismo. Così Nkrumah propose un governo di unità africano per tutto il continente: era nato il Panafricanismo.

Ma alla metà degli anni '60, le speranze erano svanite. Ci furono buone riforme nel campo dell'istruzione e dei servizi e il rispetto reciproco tra gli Africani che contribuirono a rimuovere i danni del colonialismo. Ma il CPP era nel frattempo diventato una dittatura, con un culto della personalità verso il presidente Nkrumah. I sindacati e le lotte furono soppressi. L'economia era in crisi. Una nuova classe dirigente aveva dirottato l'indipendenza e le risorse. Quando i militari presero il potere nel 1966, il popolo festeggiava per le strade. Oggi il Ghana è uno dei paesi africani più poveri.

Cos'è che non funzionò e quale lezione possiamo trarre noi anarchici da questa esperienza? Nkrumah era uno dei punti di riferimento per il modello nazionalista africano, ma quello che è successo mette in luce i punti di forza ed i limiti del nazionalismo africano in quanto progetto basato sulla costruzione di partiti interclassisti, finalizzato alla conquista dello Stato, ad individuare i nemici primariamente nell'imperialismo e nel colonialismo, perseguendo la soluzione di uno stato indipendente.

Dunque, la lezione del Ghana è essenziale e rimane ampiamente applicabile a paesi come il Sud Africa, in cui il nazionalismo africano è stato e rimane una corrente molto potente. Possiamo imparare, soprattutto, che le rivoluzioni e le lotte sono facilmente dirottabili da parte delle classi dirigenti per i loro propri scopi. I quali vanno sempre contro gli interessi delle masse.

Usare lo Stato è la strada sicura per creare una nuova classe dirigente. Lo slogan di Nkrumah: "Per prima cosa prendere il potere politico e tutte le altre cose verranno dopo" è dannoso. Bisogna dire invece: Tutto il potere ai lavoratori ed ai poveri.
IL GHANA COLONIA BRITANNICA
La colonia della "Costa d'Oro" comprendeva società africane come il regno (impero) Asante, che aveva al suo interno divisioni di classe, c'era una classe dominante ed una storia di schiavitù e di tratta degli schiavi. La colonia era governata da funzionari britannici, dai re e dai capi africani e dalla minoritaria elite d'affari africana istruita e collegata alle scuole missionarie e di stato.

Ma a comandare erano i Britannici. La società era gerarchicizzata. Non c'era alcuna finzione di “democrazia.” Sebbene i Britannici avessero portato la ferrovia e gli ospedali, c'erano pur sempre tanta povertà e tanto razzismo. L'economia si basava sulla vendita di materie prime (metalli e colture redditizie) al Regno Unito. Il che significava dipendere dai prezzi che si stabilivano a Londra, spesso bassi con conseguenti pressioni a produrre di più.
DECOLONIZZAZIONE
Dopo la Seconda Guerra Mondiale (1939-1945) ci furono agitazioni di massa dei disoccupati nella zona portuale di Sekondi-Takoradi (“Tadi”) ed ad Accra da parte di contadini e reduci di colore. Ci furono disordini nel 1948 dopo che 3 manifestanti erano stati colpiti durante una manifestazione ad Accra. Il sindacato Trade Union Congress (TUC) formatosi nel 1945, indisse uno sciopero generale nel 1950.

I Britannici avevano introdotto delle riforme politiche negli anni '40, consentendo la formazione di sindacati (1941) e poi allargando il numero dei rappresentanti eletti nel Consiglio Legislativo (1946) ma erano elezioni di capi tribali.

Il partito United Gold Coast Convention (UGCC) (1947) guidato dalla elite africana voleva le riforme elettorali, voleva sbarazzarsi dei capi, per poter dare spazio agli uomini d'affari che guidavano l'UGCC. Al pari dell'ANC e di altri partiti sud-africani, l'UGCC era stato formato ed era controllato da una frustrata elite africana. Prese le distanze dalle agitazioni e dall'appello di Nkrumah ad usare l'azione di massa ("azione positiva") per ottenere ulteriori e radicali cambiamenti. Nkrumah aveva 4 lauree ottenute negli USA, dove era vissuto dal 1935 al 1945, ed aveva fatto ritorno in Ghana nel 1947 dopo 2 anni passati nel Regno Unito.

Il suo ritorno portò alla formazione del partito di rottura di Nkrumah: il CPP (1949), con lo scopo di guidare le lotte di massa verso una piena indipendenza statale. Nel 1951 ci furono le prime elezioni parlamentari (il paese era ancora governato dal Regno Unito) che furono vinte dal CPP, per cui Nkrumah divenne Primo Ministro. Dopo le elezioni, il CPP portò il Ghana all'indipendenza.
CONSOLIDAMENTO DELLA NUOVA CLASSE DIRIGENTE
Ma il nuovo governo del CPP ebbe un'evoluzione che lo trasformò in un partito-stato. Lo Stato divenne la dimora dove far crescere la nuova classe dirigente. La vecchia classe dirigente, i capi tribali, furono o emarginati o cooptati nel CPP. Nel 1958 venne promulgata una legge che consentiva la detenzione senza processo. Nel 1962 lo Stato controllava i principali giornali e poteva applicare la censura alle notizie.

L'accesso al potere statale era la chiave per lo sviluppo della nuova classe dirigente africana: uscita frustrata dal colonialismo, usò per sè remunerazioni statali, contratti ed accordi su base corruttoria per arricchirsi. I report sugli illeciti erano ampiamente diffusi.

Più la ricchezza dello Stato andava ad arricchire la classe dirigente, più quest'ultima si abbarbicava febbrilmente allo Stato, sopprimendo eventuali rivali e proteste, spingendo verso una maggiore proprietà statale delle risorse.

Nel 1964 il CPP era diventato l'unico partito legale, incentrato sul culto della personalità e sulla rete di relazioni intorno a Nkrumah, divenuto intanto Presidente-a-vita. Le sezioni del CPP e gli organismi ad esso collegati come i gruppi giovanili ne rafforzavano il controllo in tutto il paese. Il CPP si preoccupò di collocare i suoi uomini nelle posizioni chiave di varie agenzie governative.

In quanto anarchici sappiamo come lo Stato non può essere usato dalle masse popolari. Lo Stato è un'istituzione gerarchica che mette sempre il potere nelle mani di una classe dirigente minoritaria. Così come la classe dirigente britannica e quella dei capi africani erano state estromesse dal nuovo Stato, la nuova classe dirigente incentrata nel CPP ne fece ingresso. La natura dello Stato fa sì che la nuova classe dirigente, al pari della vecchia, guardi al popolo come ad una risorsa di lavoro, denaro e tasse - e ad una minaccia da tenere sotto controllo, anche con i fucili se necessario.
VERSO IL CAPITALISMO DI STATO
Nkrumah riteneva correttamente che il Ghana sarebbe rimasto economicamente una “colonia” del Regno Unito (o degli USA) se la sua economia non fosse cambiata. Diede inizio a programmi per industrializzare l'economia (costruendo fabbriche e infrastrutture) così da poter trasformare le materie prime e creare posti di lavoro. Agli inizi questa politica incoraggiò gli investimenti dall'estero (soprattutto Regno Unito ed USA), ma non funzionò perchè lasciava intatte le relazioni dell'era coloniale.

La differenza col passato era che la nuova classe dirigente ghanese ne traeva maggiori profitti. Ma gli effetti sull'industria erano limitati.

Così il partito di Nkrumah diede impulso alla industrializzazione di stato. Il programma prevedeva notevoli sforzi come costruire una enorme rete di dighe per produrre energia idroelettrica, industrie di stato, protezionismo, per quel modello noto col nome di "industrializzazione di sostituzione" (delle importazioni).

Ma sebbene Nkrumah lo chiamasse "socialismo" (ed era in parte influenzato al sistema marxista in Russia), la realtà era che le nuove industrie di Stato erano, come altrove, nient'altro che capitalismo di stato. C'era il lavoro salariato e la produzione di merci e servizi era destinata alla loro commercializzazione. E, di nuovo, la nuova classe dirigente di stato mungeva dai nuovi progetti per il proprio tornaconto.

Quel crescente ruolo dello Stato non era affatto socialismo, ma solo il furto eretto a sistema da una nuova classe dirigente per accedere alla ricchezza e costruire industrie capitaliste. La struttura gerarchica nelle industrie di stato era la stessa vigente nel sistema gerachico dello Stato e del partito.
LE CATENE DELL'ECONOMIA MONDIALE
Inoltre, uno sviluppo capitalista nazionale ed indipendente in un mondo dominato dal capitalismo internazionale era del tutto improbabile. Per finanziare il nuovo sistema, lo Stato a guida CPP contava sul denaro ricavato dalle esportazioni, specialmente di cacao. I prezzi del cacao salirono vertiginosamente negli anni '50 fino agli inizi degli anni '60. Tutti i soldi finirono nelle casse dello Stato attraverso le "agenzie di mercato" governative. Vale a dire che i contadini vendevano la materia prima allo Stato a prezzi bassi, poi veniva rivenduta oltremare a prezzi più alti, rendendo alti profitti.

Ma i prezzi di beni come il cacao iniziarono a scendere agli inizi degli anni '60 e lo Stato subì delle perdite. Per cui si indebitò pesantemente, precipitando in una grave situazione debitoria.
ATTACCO AL POPOLO
Il nuovo sistema non aveva messo il potere nelle mani della gente comune. Era la nuova classe dirigente incentrata nel CPP e nello stato che controllava tutto, decideva le priorità e gli obiettivi. Il ruolo della classe operaia e dei contadini era quello di fornire manodopera, tasse e materie prime. Il linguaggio radicale e persino le sincere affermazioni di carattere socialista di alcuni dirigenti del CPP (come lo stesso Nkrumah che era esente dalla corruzione, a differenza dei suoi seguaci), non cambiarono la situazione.

La nuova classe dirigente sfruttava il popolo ed il nuovo stato stava in piedi grazie alla repressione ed al controllo della classe lavoratrice.

La legge del 1958 sulle Relazioni Industriali concentrava i sindacati in un unico organismo gestito dal partito, unico detentore dei diritti legali e di contrattazione. I lavoratori urbani vennero sempre più definiti come un'elite egoista ("aristocrazia operaia") che sabotava la nazione con le loro richieste salariali. Non ci fu quasi nessuno sciopero indetto dal TUC a gestione CPP. In molti settori gli scioperi vennero proibiti.

Nel 1961, uno sciopero imponente iniziò da Sekondi-Takoradi, coinvolgendo le ferrovie, contro le tasse crescenti e contro i modelli di "risparmio forzoso". Coinvolse i disoccupati ed anche i piccoli commercianti: la "gente comune" contro la classe dirigente del CPP. Dopo lo sciopero, Nkrumah fece arrestare i dirigenti ed i politici coinvolti.
FINE DELLE ILLUSIONI
Molte persone nutrivano tante speranze nel Ghana ed in Nkrumah. La vittoria sui Britannici aveva creato degli entusiasmi e la "stella nera" del Ghana sembrava indicare la luce per una nuova e prosperosa Africa, libera dal lascito del colonialismo, del razzismo e dei conflitti.

Ma l'uso dello Stato ed un partito politico avevano portato esattamente all'opposto: una nuova classe dirigente si era impadronita della decolonizzazione per il suo proprio tornaconto.

La classe lavorarice ghanese ed i poveri avevano continuato a soffrire mentre la nuova classe dirigente ed i loro partners stranieri (inizialmente Regno Unito ed USA, poi la marxista URSS e le sue colonie) diventavano più ricchi. Il sostegno delle masse era stato costruito attraverso il culto della personalità, che vedeva Nkrumah trattato come Superman.

Nel 1966, i militari fecero un colpo di stato contro Nkrumah, mentre si trovava all'estero. Non vi è dubbio sul fatto che la CIA diede una mano al complotto militare.

Ma questo non spiega perchè la gente ballava felice nelle strade quando Nkrumah venne rovesciato.

C'erano anche gli operai di Sekondi-Takoradi, che erano stati fedeli sostenitori del CPP negli anni '50. Le masse non avevano più illusioni e non fecero nulla per fermare il colpo di stato. Nkrumah si dimise in disgrazia.

Tutto era diventato una cosa gestita dal partito e dallo Stato, non dal popolo. Ed è proprio qui che avevano avuto inizio i problemi. L'imperialismo e la CIA hanno avuto un ruolo nel colpire il Ghana indipendente, ma la classe dirigente locale, che aveva dirottato la lotta anticoloniale, è ugualmente colpevole della distruzione del paese.

E la visione nazionalista di Nkrumah, persino nella sua fase marxista, nonostante le sue eroiche intenzioni, aveva contribuito a spianare la strada, col suo statalismo, col suo autoritarismo ed col suo progetto capitalista interclassista.
Link esterno: http://anarkismo.net/article/28868
(traduzione a cura di ALternativa Libertaria/fdca - Ufficio Relazioni Internazionali)

 
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
¿Què està passant a Catalunya?

Front page

Noi comunisti anarchici/libertari nella lotta di classe, nell'Europa del capitale

Luttons contre le harcèlement et toutes les violences patriarcales !

The Old Man and the Coup

Hands off the anarchist movement ! Solidarity with the FAG and the anarchists in Brazil !

URGENTE! Contra A Criminalização, Rodear De Solidariedade Aos Que Lutam!

¡Santiago Maldonado Vive!

Catalunya como oportunidad (para el resto del estado)

La sangre de Llorente, Tumaco: masacre e infamia

Triem Lluitar, El 3 D’octubre Totes I Tots A La Vaga General

¿Què està passant a Catalunya?

Loi travail 2017 : Tout le pouvoir aux patrons !

En Allemagne et ailleurs, la répression ne nous fera pas taire !

El acuerdo en preparacion entre la Union Europea y Libia es un crimen de lesa humanidad

Mourn the Dead, Fight Like Hell for the Living

SAFTU: The tragedy and (hopefully not) the farce

Anarchism, Ethics and Justice: The Michael Schmidt Case

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]