user preferences

New Events

Mashrek / Arabia / Irak

no event posted in the last week

Palestina-Israele, la lotta unitaria non armata ha perso il suo carattere entusiastico di novità ma ha conquistato il suo sostituto nella Tsumud (persistenza)

category mashrek / arabia / irak | lotte sul territorio | cronaca author Wednesday September 02, 2015 16:42author by Ilan S. - Anarchists Against the Wall; A-Infos; Ahdutauthor address Tel Aviv Report this post to the editors

report del 17.08.15

Nessuno poteva prevedere che un campeggio unitario di attivisti palestinesi ed israeliani a Masha 12 anni fa sarebbe stato la scintilla di un ampio movimento di lotta unitaria non armata che il sistema di occupazione israeliana non è riuscito a distruggere. Nessuno si aspettava la partecipazione di migliaia di attivisti e di decine di migliaia di manifestanti. Molte piccole vittorie e la campagna internazionale B.D.S. riscaldano i cuori dei non più tanti che persistono nella lotta unitaria nonostante il lutto per coloro che sono caduti, l'empatia con i feriti e la solidarietà con gli arrestati. Il forte legame di partnership tra gli attivisti palestinesi e gli Anarchici Contro il Muro è stato sorprendente. Deludente ma non sorprendente è il modo con cui gli ambienti anarchici israeliani si sono tenuti alla larga dagli Anarchici Contro il Muro quale prioritario obiettivo di mobilitazione. Bil'in, Ni'lin, Ma'sara, Nabi Saleh e Qaddum tengono ancora alta la bandiera. [English]


La lotta unitaria non armata ha perso il suo carattere entusiastico di novità ma ha conquistato il suo sostituto nella Tsumud (persistenza)


Bil'in, Ni'lin, Ma'sara, Nabi Saleh, Qaddum, Sheikh Jarrah e colline a sud di Hebron<

Nessuno poteva prevedere che un campeggio unitario di attivisti palestinesi ed israeliani a Masha 12 anni fa sarebbe stato la scintilla di un ampio movimento di lotta unitaria non armata che il sistema di occupazione israeliana non è riuscito a distruggere. Nessuno si aspettava la partecipazione di migliaia di attivisti e di decine di migliaia di manifestanti. Molte piccole vittorie e la campagna internazionale B.D.S. riscaldano i cuori dei non più tanti che persistono nella lotta unitaria nonostante il lutto per coloro che sono caduti, l'empatia con i feriti e la solidarietà con gli arrestati. Il forte legame di partnership tra gli attivisti palestinesi e gli Anarchici Contro il Muro è stato sorprendente. Deludente ma non sorprendente è il modo con cui gli ambienti anarchici israeliani si sono tenuti alla larga dagli Anarchici Contro il Muro quale prioritario obiettivo di mobilitazione. Bil'in, Ni'lin, Ma'sara, Nabi Saleh e Qaddum tengono ancora alta la bandiera.

Bil'in

31.07.15 - Oggi la manifestazione era in solidarietà con il bambino bruciato vivo dai coloni. Il piccolo palestinese ha un nome: si chiama Ali Darabsha di Doma vicino Nablus.
Un'altra settimana del lungo viaggio per un futuro migliore per Bil'in. L'ultimo giorno di luglio, 7 israeliani degli Anarchici Contro il Muro si sono uniti ad una dozzina di internazionali ed agli attivisti del villaggio che si rifiutano di smettere di lottare per un futuro migliore in occasione delle manifestazioni settimanali. Come accade da un po' di tempo, le forze di stato israeliane ci stavano aspettando sulla strada del vecchio (e smantellato) muro della separazione - proprio vicino al memoriale dedicato a Bassem (Fil). Quando siamo entrati nel raggio di lancio dei lacrimogeni, i soldati cercano di inondarci di gas. Grazie ai venti variabili è stato necessario arretrare solo un po'. Dopo i classici 30 minuti di lanci, le forze di stato si sono ritirate senza cercare di disperderci ed alcuni manifestanti hanno celebrato la piccola vittoria salendo sulla collina al memoriale di Bassem lungo la vecchia strada del muro smantellato.

https://www.facebook.com/mohamed.b.yaseen/posts/7935105...14949
Iyad Burnat: https://www.facebook.com/iyad.burnat/videos/11316043135...20597
https://www.facebook.com/haytham.alkhateeb/videos/vb.10...5729/

Bil'in venerdì 07.08.15 - Israeliani con gli Anarchici Contro il Muro si sono uniti ai 20 attivisti internazionali ed ai residenti per la manifestazione settimanale. Il vento favorevole ha impedito alle forze di stato di disperderci - ci ha solo costretto a ritirarci per un po' prima di avanzare nuovamente. Dopo la terza ondata, la maggior parte di noi ha fatto ritorno al villaggio. I frequenti lanci di lacrimogeni ci hanno ricordato che siamo pur sempre in guerra e non in uno strano rituale.

Non bruciateci - lasciateci vivere in pace - lasciate che ci sia un futuro per noi.

Bambini palestinesi hanno protestato oggi in Cisgiordania nel villaggio di Bil'in indossando un bavaglino in solidarietà col bimbo di 18 mesi, Ali Saad Dawabsha, che è stato bruciato a morte la scorsa settimana quando un terrorista colono israeliano ha incendiato la casa del bambino con una bomba incendiaria mentre tutta la famiglia era nel sonno. Sui bavaglini c'era scritto "Buongiorno mamma", per rappresentare simbolicamente come Ali non ha potuto e non potrà più dire queste parole a sua madre. I bavaglini avevano una stella gialla, simile a quella che Hitler imponeva agli Ebrei per identificarli prima e bruciarli poi. I bambini portavano anche cartelli con scritto "Lasciateci un futuro da vivere" e "Lasciateci vivere in pace".

https://www.facebook.com/mohamed.b.yaseen/posts/7962025...12415
https://www.facebook.com/haytham.alkhateeb/posts/102063...26505
https://www.facebook.com/rani.fatah/posts/10207303956020307

Bil'in venerdì 14.08.15 - 7 Israeliani con gli Anarchici Contro il Muro si sono uniti ad attivisti internazionali e del villaggio. Mentre discendevamo la collina scandendo slogan, le forze di stato israeliane hanno iniziato a inondarci di gas lacrimogeni. Un drone militare sorvolava la zona per monitorare la manifestazione. I più esperti tra noi hanno evitato i gas spostandosi verso nord. Quando i soldati sul lato nord se ne sono andati sono ritornato sul luogo della manifestazione, in attesa insieme ad altri che gli altri soldati si ritirassero... Una volta lì mi sono reso conto che almeno per oggi non avevo inspirato neanche un po' di gas.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10207358833392207
https://www.facebook.com/rani.fatah/posts/10207358855952771
https://www.facebook.com/mohamed.b.yaseen/posts/7992363...42368

Nabi Saleh

31.07.15 - Dopo le preghiere di mezzogiorno, i residenti di Nabi Saleh hanno marciato per esprimere la loro rabbia per l'uccisione di Ali Dawabsheh. Ali, un bimbo di un anno e mezzo, bruciato a morte quando dei coloni ebrei hanno appiccato il fuoco alla casa della sua famiglia in tarda notte. I genitori ed il fratello di Ali hanno riportato gravi ustioni e sono in condizioni critiche in ospedale. L'esercito ha cercato di disperdere il corteo usando lacrimogeni e proiettili d'acciaio ricoperti di gomma.

http://schwarczenberg.com/?p=5777
Bilal: https://www.facebook.com/belal.tamimi/posts/10152858559...16371
David Reeb https://youtu.be/t4xkL-LIEFc

Venerdì 07.08.15 - manifestazione nel villaggio di Nabi Saleh nella Cisgiordania occupata contro il furto di terreni da parte del vicino insediamento di Halamish.

https://www.facebook.com/belal.tamimi/posts/10152872110...61371
David Reeb: https://www.youtube.com/watch?t=16&v=ULEdLHTKo1s
https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/11378579...76629

Venerdì 14.08.15 - i residenti dei villaggio hanno manifestato in solidarietà con i prigionieri politici ed in particolare con Muhammad 'Alan. 'Alan, un procuratore di Nablus, si trova in stato di detenzione amministrativa dallo scorso autunno. Ha iniziato uno sciopero della fame per chiedere il suo rilascio due mesi fa ed attualmente è ricoverato in un ospedale israeliano, mentre la sua salute continua a peggiorare. I manifestanti si sono scontrati con l'esercito israeliano, che ha cercato di disperderli usando lacrimogeni e proiettili d'acciaio ricoperti di gomma. Nessun ferito grave.

http://schwarczenberg.com/?p=5878#
https://www.facebook.com/belal.tamimi/posts/10152886039...86371
Bilal Tamimi: https://www.youtube.com/watch?v=GxJMPY5k6YU

Ni'lin

Venerdì 07.08.15:
israelpnm: https://www.youtube.com/watch?v=mMgOUAsytpc

Venerdì 14.08.15:
https://www.facebook.com/161083650619245/videos/vb.1610...08822

Qaddum

Venerdì 07.08.15 - Da 4 anni manifestazione di protesta contro l'insediamento di Kedumim, costruito sulle terre rubate al villaggio. Ogni settimana, il venerdì, c'è una manifestazione organizzata dal Comitato Popolare del villaggio. Questa mattina, la manifestazione ha espresso solidarietà con la ragazza israeliana Shilah Banki, uccisa nel corso della LGBT pride parade a Gerusalemme.

https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/11378596...76461

Venerdì, 14.08.15: https://www.facebook.com/media/set/?set=a.9854736181413...14816
Sabato, 15.08.15: https://www.youtube.com/watch?v=x1RdOZVWCZM

Ma'sara

Venerdì 07.08.15:
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.8669104866893...79704
https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/11378559...10164

Beit Elbarakah

Sabato, 08.08.15 - manifestazione davanti i ruderi dello stabile di Beit Elbarakah organizzata dai Comitati Popolari della Cisgiordania meridionale in solidarietà con la famiglia palestinese Dawabsheh che è stata bruciata viva all'alba dello scorso venerdì da terroristi coloni dell'occupazione israeliana, il bambino Ali è morto bruciato mentre suo padre, sua madre ed il fratello di 4 anni Ahmad hanno riportato ustioni sull'80% del corpo, stamattina l'ospedale ha comunicato la morte del padre Sa'd Dawabsheh mentre la madre ed il fratello sono ancora in condizioni molto critiche...I manifestanti (Palestinesi ed attivisti internazionali dell'ISM) hanno scandito slogan per la fine della colonizzazione della Palestina, per la fine dell'occupazione, per un processo ai coloni e loro dirigenti terroristi davanti alla International Criminal Court, per la libertà, la giustizia e la dignità. Ai manifestanti è stato impedito di raggiungere il complesso danneggiato da decine di forze israeliane pesantemente armate, alcuni soldati mi hanno aggredito e mi hanno gettato a terra.
Younes Arar

"Non dite che non lo sapevamo", n°460

Il 18 luglio 2015, Palestinesi del villaggio di Turmus ‘Aya hanno scoperto che 150 dei loro alberelli d'ulivo erano stati sradicati o distrutti dai coloni. La loro terra è situata vicino ad un avamposto di coloni chiamato Adei Ad. Questa è la terza volta quest'anno che i coloni sradicano o danneggiano gli alberelli d'ulivo che appartengono al villaggio di Turmus 'Aya.

Agenti del governo scortati dalla polizia sono arrivati mercoledì 22 luglio 2015 per demolire le case dei Beduini nel Negev. Hanno demolito una casa a Hura ed un'altra a Hashm Zane (vicino Nevatim).

"Non dite che non lo sapevamo", n°461

Un palestinese ha scelto di comportarsi da essere umano nonostante le circostanze:
Nasser Jaber, di Hebron, ha passato il checkpoint di quartiere (Jaber e Jabbari) di ritorno a casa mercoledì 29 luglio 2015. Dopo che gli hanno restituito i documenti ed il permesso di transito ha detto "Buona giorntata" al soldato. Questi ha risposto con rabbia che lui non era "suo amico", ha colpito Nasser alla testa e lo ha arrestato. Due ore dopo Nasser è stato portato all'ospedale di Hadassah En Kerem a Gerusalemme. Dopo essere stato curato lì, è stato tenuto in custodia a Hebron. Dopo il suo rilascio è stato ricoverato a Hebron.

"Non dite che non lo sapevamo", n°462

Il Primo Ministro ed il suo governo hanno condannato l'omicidio del bambino palestinese Ali Dawabshe. Poteva essere una speranza in un mutamento di spirito da parte del governo e dell'esercito israeliani. Ma tristemente tutto è rimasto come prima.
Sabato 1 agosto 2015, dei coloni hanno assaltato dei contadini palestinesi del villaggio di Qusra (a ovest di Duma) che stavano coltivando la terra, situata nell'Area B. Dopo che i locali erano riusciti a tenere calme le cose, è arrivato un poliziotto, che su ordine dei coloni ha cercato di arrestare i palestinesi. La cosa ha fatto riaccendere lo scontro. Il poliziotto è scappato. Nello scontro che ne è seguito, i palestinesi hanno protetto una poliziotta presente sulla scena. I soldati ed i poliziotti non hanno arrestato nessuno degli assalitori.

Nello stesso giorno, i coloni hanno attaccato il villaggio palestinese di Mughayer (a sud di Duma) e cercato di incendiare una casa. Gli abitanti sono riusciti a cacciare i coloni dal villaggio. I soldati che sono arrivati sul posto hanno protetto i coloni, sparando lacrimogeni contro i palestinesi. Durante la fuga, i coloni hanno incendiato gli ulivi dei palestinesi. Nessuno degli assalitori è stato arrestato.

Martedì 4 agosto, agenti del governo scortati dalla polizia hanno demolito 2 case e tre magazzini agricoli appartenenti alla famiglia beduina Al Atrash a Wadi Atir, a est di Umm al Khiran. E' in corso un procedimento per confiscare loro una cisterna d'acqua. Il giorno dopo hanno demolito ancora una volta il villaggio di Al Arakib.

Amos Gvirtz
 

Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Blog di Ahdut (Unità - organizzazione comunista anarchica israeliana): http://unityispa.wordpress.com/
Documento politico di Ahdut sulla lotta palestinese: http://www.anarkismo.net/article/27038

Traduzione a cura di Alternativa Libertaria/FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:

Related Link: http://www.fdca.it/wall
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
George Floyd: one death too many in the “land of the free”
© 2005-2020 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]