user preferences

New Events

Francia / Belgio / Lussemburgo

no event posted in the last week

Francia: Il governo è sconfitto: la lotta continua!

category francia / belgio / lussemburgo | lotte sindacali | comunicato stampa author Tuesday April 11, 2006 23:42author by Alternative libertaire - AL Report this post to the editors

Comunicato di Alternative libertaire sulla vittorio contro il CPE

Lunedì mattina, il governo ha deciso di "sostituire" il CPE. E' stato sconfitto, ma noi dobbiamo continuare la mobilitazione, soprattutto per ottenere il ritiro della cosiddetta "legge sulla parità di opportunità" e del CNE.


Il governo è sconfitto: la lotta continua!

Lunedì mattina, il governo ha deciso di "sostituire" il CPE. E' stato sconfitto, ma noi dobbiamo continuare la mobilitazione, soprattutto per ottenere il ritiro della cosiddetta "legge sulla parità di opportunità" e del CNE.

Il governo può parlare di "sostituzione" quanto vuole, il fatto è CPE è stato scartato. Le "misure a favore dell'inserimento professionale" proposte in sostituzione non sono alla fine altro che una compilazione di misure già esistenti, che danno sempre più vantaggi fiscali ai padroni, ma non rimettono in causa i diritti dei lavoratori.

Questa è una vittoria storica: è la prima volta dopo tanto tempo che un governo si piega davanti a un movimento sociale. E' la prova che anche i governi apparentemente più inflessibili cedono davanti alla paura di un conflitto sociale di grande ampiezza. Questa vittoria è certamente una vittoria per gli studenti e i liceali, che hanno dovuto lottare praticamente da soli per circa 9 settimane.

Sin dall'inizio, gli studenti hanno rivendicato il ritiro del CNE e dell'intera legge detta "sulla parità di opportunità". Questa legge prevede tra l'altro l'apprendistato a 14 anni, il lavoro notturno dei minori tra i 15 e i 18 anni, e la sospensione dell'assegno familiare in casi di assenteismo da scuola, misure che finora erano state portate esclusivamente dall'estrema destra!

A poco a poco, questo movimento è diventato un movimento di rifiuto generale della precarietà e dagli studenti sono stati formulati numerose proposte, soprattutto in termini di autonomia della gioventù e di democrazia nei licei e nelle università. E' ugualmente il momento di esprimere forte e chiaro queste rivendicazioni.

Oggi, i blocchi sono stati tolti da molte università. Gli studenti hanno infatti capito che il governo è stato sconfitto e che può cedere sulle altre rivendicazioni. Sarebbe incomprensibile che le direzioni sindacali si appellino alla fine della mobilitazione e rimettano il ritiro della cosiddetta "legge sulle parità di opportunità" e del CNE ad ulteriori trattative.

Battiamo il ferro finché è caldo!

Trasformiamo questa vittoria in un trampolino di lancio per la mobilitazione e continuiamo la lotta fino all'ottenimento delle nostre rivendicazioni!


Alternative Libertaire
11 aprile 2006


Traduzione a cura di FdCA-Ufficio relazioni internazionali

Related Link: http://www.alternativelibertaire.org
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
E

Francia / Belgio / Lussemburgo | Lotte sindacali | Comunicato stampa | it

Tue 29 Jul, 18:50

browse text browse image

Laurent Berger, segretario generale della CFDT imageGli amici dell'ANI sono i nostri nemici 18:43 Fri 05 Apr by Alternative libertaire 0 comments

L'attacco contro i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici si accelera sempre più con la firma a gennaio del contratto nazionale intercategoriale (ANI) tra i padroni e tre sindacati di minoranza (CFDT, CGC, CFTC). Questo testo preconizza lo sfasciare del codice del lavoro: l'accelerazione delle procedure di licenziamento, la limitazione delle possibilità di ricorso dei/delle dipendenti, la legalizzazione del "ricatto occupazionale", la generalizzazione di contratti offensivi (il "contratto di lavoro intermittente")... sembrerebbe leggere il programma del MEDEF. [Français]

textComunicato unitario dopo la conferenza sociale tra padronato, sindacati e governo 23:26 Mon 16 Jul by Alternative Libertaire et al. 0 comments

Alla fine della conferenza sociale tra padronato, sindacati e governo, appare molto chiaramente che non si prevede nessun intervento per prevenire i licenziamenti ed altrettanto chiaramente emerge una scelta in favore del mondo degli affari. Il ministero delle politiche produttive, anzichè preoccuparsi di salvaguardare i bacini di occupazione, è soprattutto un ministero delle parole e della comunicazione con il compito di far digerire la pillola e di occupare gli spazi mediatici senza avere nulla di alternativo da proporre ai licenziamenti ed alle classiche misure di accompagnamento.

textFrancia: Virgin, Amandine deve essere reintegrata! 21:10 Fri 22 Dec by Alternative Libertaire 0 comments

Alternative Libertaire rivendica la reintegrazione immediata di Amandine, così come la fine della politica antisindacale della Virgin, e si associa alle azioni di solidarietà in corso. Facciamo appello perché partecipiate all'assemblea che si terrà sabato 23 dicembre.

textFrancia: CPE - Nessuna manovra ci farà rinunciare! 17:08 Wed 05 Apr by Alternative libertaire 1 comments

Nella sua breve dichiarazione di venerdì 31 marzo, Jacques Chirac ha dato delle informazioni contraddittorie: egli promulga la legge sulla "parità di opportunità", ma afferma che va immediatamente modificata. Questa contraddizione apparente nasconde una manovra: dividere e far smobilitare il movimento contro il CPE.

textLe lotte contro la precarietà e il CPE in Francia Jul 03 by Hervé Puzenat 1 comments

In 20 anni le forme di lavoro precarie sono aumentate moltissimo. Nel 1992, nel pubblico impiego non c'era che il 2% di lavoratori precari, percentuale che è diventata il 14% nel 2003, mentre nel privato si è passati dal 5% al 13%. Lo Stato è nel frattempo diventato il primo creatore di lavoratori precari. Cosa che viene utilizzata per ridefinire lo status dei funzionari pubblici.

imageGli amici dell'ANI sono i nostri nemici Apr 05 AL 0 comments

L'attacco contro i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici si accelera sempre più con la firma a gennaio del contratto nazionale intercategoriale (ANI) tra i padroni e tre sindacati di minoranza (CFDT, CGC, CFTC). Questo testo preconizza lo sfasciare del codice del lavoro: l'accelerazione delle procedure di licenziamento, la limitazione delle possibilità di ricorso dei/delle dipendenti, la legalizzazione del "ricatto occupazionale", la generalizzazione di contratti offensivi (il "contratto di lavoro intermittente")... sembrerebbe leggere il programma del MEDEF. [Français]

textComunicato unitario dopo la conferenza sociale tra padronato, sindacati e governo Jul 16 0 comments

Alla fine della conferenza sociale tra padronato, sindacati e governo, appare molto chiaramente che non si prevede nessun intervento per prevenire i licenziamenti ed altrettanto chiaramente emerge una scelta in favore del mondo degli affari. Il ministero delle politiche produttive, anzichè preoccuparsi di salvaguardare i bacini di occupazione, è soprattutto un ministero delle parole e della comunicazione con il compito di far digerire la pillola e di occupare gli spazi mediatici senza avere nulla di alternativo da proporre ai licenziamenti ed alle classiche misure di accompagnamento.

textFrancia: Virgin, Amandine deve essere reintegrata! Dec 22 AL 0 comments

Alternative Libertaire rivendica la reintegrazione immediata di Amandine, così come la fine della politica antisindacale della Virgin, e si associa alle azioni di solidarietà in corso. Facciamo appello perché partecipiate all'assemblea che si terrà sabato 23 dicembre.

textFrancia: CPE - Nessuna manovra ci farà rinunciare! Apr 05 AL 1 comments

Nella sua breve dichiarazione di venerdì 31 marzo, Jacques Chirac ha dato delle informazioni contraddittorie: egli promulga la legge sulla "parità di opportunità", ma afferma che va immediatamente modificata. Questa contraddizione apparente nasconde una manovra: dividere e far smobilitare il movimento contro il CPE.

© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]