user preferences

New Events

Mashrek / Arabia / Irak

no event posted in the last week

Palestina-Israele, gli attivisti della lotta unitaria invecchiano... ma la lotta è sempre giovane e vigorosa

category mashrek / arabia / irak | lotte sul territorio | cronaca author Thursday August 06, 2015 16:49author by Ilan S. - Anarchists Against the Wall; A-Infos; Ahdutauthor email ilan at shalif dot comauthor address Tel Aviv Report this post to the editors

Report del 28.07.15

E' dura per molti attivisti, quando il significato reale della lotta non si concretizza in conquiste tangibili, ma in una lotta globale a livello mondiale. Questa settimana, il livello globale e quello della concretezza si sono combinati nella lotta contro la distruzione del villaggio di Susiya che ha avuto eco e sostegno a livello internazionale, costringendo Israele a rinviare se non a cancellare la demolizione del villaggio. Alle pressioni delle potenze imperiali su Israele si è aggiunto l'avvertimento della UE sull'approssimarsi di sanzioni contro il sistema bancario israeliano per il suo sostegno ai progetti dei coloni nella Cisgiordania occupata. [English]
Bil'in, 10.07.15. Foto: Mohammed Yasin Photography
Bil'in, 10.07.15. Foto: Mohammed Yasin Photography


Gli attivisti della lotta unitaria invecchiano... ma la lotta è sempre giovane e vigorosa


L'eroica Bil'in, Ni'lin, Nabi Saleh, Qaddum, Ma'sara e Sheikh Jarrah tengono accesa la fiamma della lotta ogni settimana

E' dura per molti attivisti, quando il significato reale della lotta non si concretizza in conquiste tangibili, ma in una lotta globale a livello mondiale. Questa settimana, il livello globale e quello della concretezza si sono combinati nella lotta contro la distruzione del villaggio di Susiya che ha avuto eco e sostegno a livello internazionale, costringendo Israele a rinviare se non a cancellare la demolizione del villaggio. Alle pressioni delle potenze imperiali su Israele si è aggiunto l'avvertimento della UE sull'approssimarsi di sanzioni contro il sistema bancario israeliano per il suo sostegno ai progetti dei coloni nella Cisgiordania occupata. Sembra che si stia avvicinando il momento per cui Israele vedrà indebolirsi la sua immunità rispetto ai crimini di guerra di cui deve rispondere. I media israeliani sono pieni di notizie sulla campagna B.D.S. - la lotta unitaria a cui partecipano migliaia di attivisti a livello internazionale, con grande contributo. L'eroica Bil'in, Ni'lin, Nabi Saleh, Qaddum, Ma'sara, e Sheikh Jarrah tengono accesa la fiamma della lotta.

Bil'in

Manifestazione di venerdì 10.07.15. 5 Israeliani con gli Anarchici Contro il Muro e circa una dozzina di internazionali si sono uniti ai residenti. Come di consueto, appena il corteo è uscito dal villaggio ed è entrato nella zona coltivata a uliveto, le forze armate israeliane hanno iniziato a lanciare lacrimogeni. Grazie al vento da nord, la maggior parte di noi non si è dispersa, per cui poco dopo abbiamo ripreso la manifestazione, beccandoci un'ulteriore e più violenta scarica di candelotti lacrimogeni più piccoli che hanno colpito parecchi di noi ma senza feriti. Ci siamo ritirati in direzione del villaggio dove siamo rimasti fino a che gli autoblindo non se ne sono andati e noi abbiamo ottenuto un'altra piccola vittoria.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=784401078325893
https://www.facebook.com/mohamed.b.yaseen/posts/7844021...59118
https://www.facebook.com/haytham.alkhateeb/videos/vb.10...2858/
https://www.facebook.com/haytham.alkhateeb/posts/102061...43784

Manifestazione di venerdì 17.07.15. 10 Israeliani con gli Anarchici Contro il Muro e circa 20 internazionali si sono uniti ai residenti. Prima ancora che la manifestazione partisse, le forze israeliane ci hanno sparato i primi candelotti lacrimogeni di avvertimento. Infatti, poco dopo la partenza del corteo che scandiva slogan, è arrivata la prima scarica di lacrimogeni. Grazie al vento da nord, siamo riusciti a gestire in sicurezza la ritirata. Dopo lunga attesa è partita una seconda manifestazione con i manifestanti più spavaldi, i quali hanno ricevuto una seconda scarica di lacrimogeni prima di ritirarsi. I più tenaci sono rimasti sul posto fino a cantare vittoria dopo il ritiro delle forze di stato.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=787596641339670
https://www.facebook.com/mohamed.b.yaseen/posts/7875972...72946
https://www.facebook.com/haytham.alkhateeb/posts/102061...52993
https://www.facebook.com/bmansour1/posts/10206483152310543
https://www.facebook.com/haytham.alkhateeb/videos/10206...0830/
https://www.youtube.com/watch?v=EOGbISiSWKI

Venerdì 24.07.15 è stato un "bel venerdì" (: Eravamo 7 israeliani con gli Anarchici Contro il Muro. Ci siamo uniti ai 15 internazionali ed ai residenti in un caldo giorno d'estate per la breve manifestazione dal villaggio fino alla vecchia strada del muro della separazione - dove i soldati israeliani si appostavano nei mesi scorsi. Dopo settimane in cui il vento soffiava soprattutto da ovest e ci portava il fumo dei candelotti, abbiamo avuto una bella sorpresa. Un forte vento da nord ha accompagnato la manifestazione. Le forze di stato israeliane non hanno potuto far niente altro se non costringerci ad un percorso tra gli ulivi in direzione nord. Dopo i consueti 30 minuti le forze militari se ne sono andate senza essere riuscite a disperderci.

Una dolce vittoria:
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=790558807710120
https://www.facebook.com/mohamed.b.yaseen/posts/7905591...10084
https://www.facebook.com/haytham.alkhateeb/posts/102062...20389

Cisgiordania meridionale - Beit Elbaraka

Protesta organizzata dal Comitato Popolare della Cisgiordania meridionale davanti all'edificio danneggiato della Beit Elbaraka (Casa della Benedizione). I manifestanti ha dichiarato nel corso della protesta la formazione di un Comitato di Difesa di Beit Elbaraka che ha lo scopo di fornire il necessario sostegno legale per proteggere l'edificio da eventuali confische, di portare a livello internazionale il caso di questo edificio, di organizzare manifestazioni con regolarità nell'area, di portare il caso sui media locali ed internazionali per far conoscere quest'area danneggiata, di prendere contatti con le ONG internazionali ed i movimenti di solidarietà affinché ci aiutino nel salvaguardare questa proprietà. I manifestanti (Palestinesi, Israeliani ed internazionali) hanno cantato per la libertà, hanno issato bandiere palestinesi e cartelli per il boicottaggio dell'occupazione israeliana e per mettere fine alla colonizzazione illegale della terra palestinese. Decine di soldati delle forze armate sioniste ci hanno impedito col fucile spianato di avvicinarci all'edificio, che era un ospedale al servizio della locale comunità palestinese fino al 1983 e che fa parte della dotazione cristiano-palestinese. 10 luglio 2015.
Comitato Popolare Cisgiordania Meridionale

Nabi Saleh

Nell'ultimo venerdì di Ramadan, i residenti di Nabi Saleh si sono scontrati con l'esercito israeliano, chiedendo la fine degli espropri dei terreni e la liberazione dei prigionieri politici. L'esercito ha cercato di disperdere i manifestanti usando lacrimogeni, proiettili di gomma e diverse scariche di proiettili veri. Nessun ferito.

Venerdì 10.07.15
https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/11209067...71753
David Reeb: https://youtu.be/ubOfHXZDFLE
http://schwarczenberg.com/?p=5218
https://www.youtube.com/watch?v=-MX9IkJGoNY

Nabi Saleh 24.07.15. Residenti ed attivisti - tra cui gli israeliani di Anarchici Contro il Muro - hanno manifestato contro l'occupazione, lungo il versante collinare del villaggio che guarda sopra l'insediamento di Halamish. L'esercito, comunque, stava già aspettando i manifestanti con almeno 2 cecchini che hanno subito fatto fuoco con proiettili veri. Senza ricorrere all'uso di altri mezzi di controllo di massa, come granate assordanti, i cecchini hanno sparato sui manifestanti i tutu (proiettili veri da 0.22mm), ferendone 2, un uomo di circa 20 anni ed un ragazzo di 17 anni. Entrambi sono stati ricoverati. Questo avviene dopo parecchi spari mortali: un alto ufficiale, comandante delle forze dell'area, ha ucciso un ragazzo che tirava pietre contro la sua auto, solo per avere la piena protezione e sostegno da parte dell'esercito; ai primi della settimana, un adolescente è stato ucciso dall'esercito nell'area di Jenin, un uomo di 52 anni è stato ucciso in casa sua vicino a Hebron dagli spari dei soldati; e poche ore dopo 2 fratelli sono rimasti seriamente feriti durante un raid militare mentre erano in casa loro a Nablus. Questa escalation prova anche come l'apparato militare e quello giudiziario forniscono ai soldati la protezione che legittima le loro azioni armate contro i civili senza alcun mandato.

http://schwarczenberg.com/?p=5705
https://www.facebook.com/belal.tamimi/posts/10152843607...61371
yisraelpnm https://www.youtube.com/watch?v=m871Lt7ESiY
Bilal Tamimi https://www.youtube.com/watch?v=C3UyF0vDIT8

Ni'lin

Venerdì 10.07.15
israelpnm: https://www.youtube.com/watch?v=dYOAvpPEW7g

Qaddum

Venerdì 10.07.15 - GIOVANE DI 17 ANNI COLPITO DA UN PROIETTILE VERO DURANTE LA MANIFESTAZIONE
Amjad Farouq, di 17 anni, è stato colpito durante la repressione della manifestazione da parte dell'esercito israeliano. Un cecchino posizionato su una delle case che l'esercito prende come postazioni, ha colpito Amjad alla gamba, poi ricoverato all'ospedale di Rafedia.
La manifestazione era iniziata come di consueto, per cui all'inizio l'esercito non è entrato nel villaggio, i manifestanti hanno dato fuoco a dei copertoni ma poco dopo ci siamo accorti dell'agguato di 3 soldati nascosti tra la spazzatura, ma non sono riusciti ad arrestare nessuno. Dopo di che, decine di soldati con le jeeps e grossi bulldozer e con il cannone di acqua fetida hanno attaccato il villaggio in modo folle sparando proiettili di gomma e proiettili veri insieme a granate assordanti in tutte le direzioni. Il cannone di acqua fetida ha svuotato il suo contenuto nelle case e sui manifestanti. Alla fine degli scontri, una jeep ha sparato quasi 50 candelotti in tutte le direzioni, provocando un incendio nel giardino di una casa.

https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/11209049...71931

Scontri violenti con i soldati israeliani occupanti a Kafr Qaddum, Cisgiordania, Palestina, 24 luglio:
https://www.youtube.com/watch?v=b2__7_RGn7k

24.07.15 L'acqua fetida spruzzata sulle case rende la vita al loro interno molto dura:
Non si vedevano scontri così forti da molti mesi. L'esercito israeliano ha invaso il villaggio alle 11 del mattino con molti soldati, ruspe ed il cannone che spara acqua fetida, il tutto con la pesante copertura di spari di proiettili di gomma, bombe assordanti e candelotti lacrimogeni sparati dalle jeep. I giovani hanno affrontato l'esercito con le pietre e bottiglie di vernici contro il mezzo col cannone di acqua-fetida che la sparava nelle case. Un bambino di 13 anni, Mohammad Bashar, è stato colpito alla testa da un proiettile di gomma, a cui è seguito un ricovero nell'ospedale di Rafidia, ma ora sta bene.
Il cannone di acqua-fetida è tornato molte volte ancora ed ogni volta ha spruzzato le case di liquido puzzolente.

Sheikh Jarrah

I residenti di Sheikh Jarrah stanno continuando i loro presidi di protesta nel quartiere ogni venerdì, protestando contro i violenti sgomberi dalle loro case, contro la presa del quartiere da parte dei coloni e contro la giudaizzazione di Gerusalemme Est. Appello alla solidarietà per chiunque voglia sostenere la loro lotta.

Cisgiordania Meridionale

I Comitati Popolari della Cisgiordania meridionale invitano tutti coloro che lottano per la giustizia, per la pace e per la libertà a partecipare il 24 luglio 2015 alle 12.00 alla manifestazione nel per protestare insieme ai residenti del villaggio contro il piano previsto dall'occupazione israeliana di costringere gli abitanti a lasciare Susiya, per poter demolire l''intera località.

"Non dite che non lo sapevamo", n°457

Durante il mese di digiuno di Ramadan, il governo israeliano di solito applica il cessate il fuoco ai villaggi Beduini del Negev che intende demolire. Ma così non è stato per Al-Araqeeb. Giovedì 2 luglio 2015, agenti del governo scortati dalla polizia sono arrivati nel villaggio e lo hanno demolito per l'ottantaseiesima volta.

"Non dite che non lo sapevamo", n°459

Storia di una famiglia palestinese che desidera solo vivere con dignità. Martedì 7 luglio, Suleiman El Ka'abneh, del villaggio palestinese di Ein El Hilwe (vicino l'insediamento di Maskiot, nella Valle del Giordano, Cisgiordania) guidava per portare acqua al gregge di famiglia. I soldati israeliani lo hanno fermato, gli hanno confiscato il trattore e la cisterna di acqua. Nel 2012, una cisterna d'acqua era stata confiscata alla sua famiglia; e casa sua è stata demolita già 3 volte a partire dal 2010.
 

Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Blog di Ahdut (Unità - organizzazione comunista anarchica israeliana): http://unityispa.wordpress.com/
Documento politico di Ahdut sulla lotta palestinese: http://www.anarkismo.net/article/27038

Traduzione a cura di Alternativa Libertaria/FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Neste 8 de Março, levantamos mais uma vez a nossa voz e os nossos punhos pela vida das mulheres!
© 2005-2020 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]