user preferences

New Events

Scandinavia / Danimarca / Islanda

no event posted in the last week

Oslo: Azione diretta contro il Forum dell'Energia

category scandinavia / danimarca / islanda | ambiente | cronaca author Saturday March 07, 2015 16:19author by Motmakt Report this post to the editors

Il 18 febbraio, noi, ambientalisti autonomi, abbiamo appeso uno striscione di 40 mq dalla rampa di lancio con gli sci di Holmenkollen per protestare contro il Forum dell'Energia ad Oslo. Il Forum si teneva all'interno dell'Hotel Scandic, che si trova a solo 200 metri dalla rampa di lancio. Le ragioni per mettere lo striscione proprio lý sono state due: la prima per la notorietÓ nazionale del sito cosý vicino alla sede del Forum e la seconda perchŔ uno sport come lo sci potrebbe diventare presto qualcosa da trovare solo nei libri di storia se l'industria dei carburanti fossili continuerÓ a produrre gli attuali livelli di inquinamento. [Norsk]
Striscione sulla rampa. Foto: Christian Vassdal
Striscione sulla rampa. Foto: Christian Vassdal


Azione diretta contro il Forum dell'Energia di Oslo


Il 18 febbraio, noi, gruppo di ambientalisti autonomi, abbiamo appeso uno striscione di 40 mq dalla rampa di lancio con gli sci di Holmenkollen per protestare contro il Forum dell'Energia ad Oslo. Il Forum si teneva all'interno dell'Hotel Scandic, che si trova a solo 200 metri dalla rampa di lancio. Le ragioni per mettere lo striscione proprio lý sono due: la prima per la notorietÓ nazionale del sito cosý vicino alla sede del Forum e la seconda perchŔ uno sport come lo sci potrebbe diventare presto qualcosa da trovare solo nei libri di storia se l'industria dei carburanti fossili continuerÓ a produrre gli attuali livelli di inquinamento.

Il Forum dell'Energia di Oslo Ŕ un convegno a numero chiuso in cui i CEO di varie compagnie petrolifere, politici ed ospiti di riguardo si incontrano per discutere del futuro della produzione di energia. Non vi hanno accesso nŔ i media e nemmeno le organizzazioni della societÓ civile (come quelle ambientaliste). All'opinione pubblica non rimane che fare ipotesi su quali accordi ed affari innominabili vengano conclusi durante i lavori del Forum. L'dentitÓ di coloro che partecipano al Forum viene tenuta in gran parte segreta. Tra i pochi nomi che vengono resi pubblici compaiono personaggi come Johannes Teyssen, il CEO della compagnia tedesca E.ON la quale produce energia elettrica attraverso pericolose centrali nucleari ed a carbone, e la primo ministro norvegese Erna Solberg, che ha recentemente spostato pi¨ a nord il punto in cui inizia la calotta polare allo scopo di autorizzare le compagnie di petrolio nella ricerca di petrolio in siti prima interdetti alle trivellazioni. Presente al Forum di Oslo anche Wolfgang Ischinger, ambasciatore della Conferenza di Monaco per la Sicurezza, un altro forum in cui le potenze occidentali pianificano azioni militari contro nazioni meno potenti. Quando queste persone si incontrano per discutere incuranti di ogni trasparenza, possiamo star certi che l'esito non sarÓ favorevole per il bene del clima. Le idee e le strategie che sortiranno dal Forum probabilmente non faranno che accelerare e peggiorare l'attuale crisi cilimatica.

E' necessario un radicale cambiamento sociale affinchŔ le future generazioni abbiano l'opportunitÓ di vivere su un pianeta che abbia condizioni ambientali degne di questo nome. Il capitalismo si fonda sull'assurda idea di una illimitata crescita economica e cerca di raggiungere questo suo fine ricorrendo ad alcuni dei peggiori tratti dell'umanitÓ, quali l'ingordigia e la competizione. Il capitalismo non Ŕ in grado di risolvere l'arduo compito che ci sta davanti, per questo deve essere abolito se vogliamo dare una speranza ad un futuro decente per le generazioni che verranno. Il capitalismo va sostituito con un ordine sociale basato sulla solidarietÓ e sui bisogni degli essere umani. Un nuovo ordine sociale in cui l'economia Ŕ organizzata allo scopo di soddisfare le necessitÓ umane e non per generare i pi¨ alti profitti possibili a vantaggio di privati possessori di capitali. Un ordine sociale a cui ciascuno contribuisce secondo le proprie capacitÓ e da cui riceve in base ai propri bisogni. Un ordine sociale che non distrugga il nostro pianeta e le condizioni naturali che permettono la vita su di esso.

La nostra salvezza non dipende dai politici, dai capitalisti o dalle classi dirigenti. E' tempo di assumerci in prima persona la lotta per un futuro decente.

Salvare il clima. Abbattere il capitalismo. Chiudere il Forum dell'Energia di Oslo

18 Febbraio 2015


Traduzione a cura di Alternativa Libertaria/FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali.

Related Link: http://www.motmakt.no
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Rojava: Mensaje urgente de un compa˝ero anarquista en Afrin
ę 2005-2018 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]