user preferences

Bil'in - 10 anni di lotta unitaria e persistente

category mashrek / arabia / irak | lotte sul territorio | opinione / analisi author Thursday March 05, 2015 21:35author by Ilan Shalif - Anarchists Against the Wall; A-Infos; Ahdutauthor email ilan.shalif at gmail dot comauthor address Tel Aviv Report this post to the editors

Gli abitanti del villaggio palestinese di Bil'in lottano da 10 anni contro la costruzione del muro della separazione ed il conseguente esproprio delle loro terre. E' stata da subito una lotta non-violenta, portata avanti insieme ad attivisti ebreo-israeliani ed internazionali, che ha influenzato dozzine di altre lotte similari in tutta la Cisgiordania. In questo contributo, l'anarchico israeliano Ilan Shalif spiega qual è il significato della resistenza di Bil'in e vi ripercorre la sua esperienza personale. [English]

La settimanale manifestazione del venerdì a Bil'in. Foto da Bil'ins Struggles 2013.
La settimanale manifestazione del venerdì a Bil'in. Foto da Bil'ins Struggles 2013.


Bil'in - 10 anni di lotta unitaria e persistente


La lotta di Bil'in è solo una parte della lunga serie di lotte che dura da più di 120 anni tra la popolazione indigena della Palestina ed il progetto colonialista sionista di trasferire i Palestinesi. La lotta di Bil'in è anche il culmine della lotta unitaria di Palestinesi e giovani ebrei che "tradiscono" la loro comunità ebraica di appartenenza, risucchiata nel progetto sionista di costruzione di insediamenti e di sgombero dei Palestinesi. In quanto partners secondi per importanza solo agli attivisti locali, abbiamo tra noi forgiato una insolita alleanza, come raramente si è potuto vedere nel corso di 500 anni di lotta tra il colonialismo europeo e gli altri abitanti del mondo. Pochi sanno che le origini di questa alleanza per Bil'in vanno ricercate in realtà in Chiapas, nel Messico.

Il secondo incontro intercontinentale dell'EZLN in Spagna nel 1997, in solidarietà con la lotta del Chiapas, diede i natali all'iniziativa nota come Peoples' Global Action (PGA) per sostenere le lotte contro la globalizzazione neo-liberista.

Nel 2002, una dozzina circa di attivisti israeliani che erano già stati in Spagna, parteciparono a Leida, in Olanda, ad una conferenza della sezione europea di PGA. In quella conferenza era previsto un workshop palestino-israeliano dove maturò l'idea di organizzare un campo unitario.

Ci vollero 6 mesi e l'inizio della lotta contro il muro della separazione -pianificato per annettere i territori della Cisgiordania occupati nel 1967 e soprattutto quelle porzioni di territorio dei villaggi palestinesi lungo i confini tracciati nel 1948 - perché si materializzasse l'idea di fare un campo unitario nel villaggio di Mas'ha.

E ci vollero ancora alcuni mesi perché la lotta comune facesse breccia nel muro dei mass media dominanti. Ed avvenne in occasione di una manifestazione unitaria, quando i manifestanti tagliarono una decina di metri della nuova recinzione della separazione nei pressi del villaggio di Zbuba. Non molto tempo dopo, nel corso di un'azione unitaria nel villaggio di Mas'ha, un attivista ebreo venne colpito ad una gamba da un proiettile vero, cosa che una volta finita sui media, causò grande scandalo.

Il fatto venne ripreso da tutti i canali mediatici e lo scandalo fu tale che il capo di stato maggiore dell'esercito israeliano fu costretto ad andare a far visita in ospedale a Gil N. per fargli le scuse. Le regole d'ingaggio per aprire il fuoco sui manifestanti nella Cisgiordania occupata vennero cambiate e venne bandito l'uso di proiettili veri in caso di manifestazioni in cui si supponeva la partecipazione di attivisti (ebrei) israeliani.

Tra i partecipanti alle mobilitazioni - in cui si usava una sigla diversa per ogni azione - c'erano attivisti dell'organizzazione anarchica per la lotta sociale "One Struggle", anarchici non organizzati ed altri attivisti per l'azione diretta. L'azione fatta a Mas'ha e che aveva avuto così tanta pubblicità venne siglata come "Anarchici Contro le Recinzioni/Muri" per cui alla fine venne adottato questo nome, nonostante fra gli attivisti gli anarchici fossero a volte la minoranza.

Poco dopo, il campo unitario di Mas'ha venne smantellato. Le lotte unitarie contro la recinzione della separazione si spostarono nei vari villaggi lungo il percorso del muro, con una timida partecipazione da parte della sinistra radicale (spesso bloccata lungo la strada).

In nessun altro villaggio la lotta prese piede rafforzandosi settimana dopo settimana, mese dopo mese ed anno dopo anno come è successo per la lotta scaturita da Bil'in.

La lotta a Bil'in iniziò poi un anno dopo - dopo che erano iniziati i lavori della recinzione della separazione sulle terre di Bil'in. La partecipazione di Anarchici Contro il Muro insieme agli attivisti locali nelle azioni contro la recinzione della separazione portarono alla partecipazione di Anarchici Contro il Muro alla prima manifestazione di Bil'in nella tarda estate del 2004 ed alla manifestazione di venerdì 20 febbraio 2005 - la prima di un'incessante catena di manifestazioni del venerdì a Bil'in.

La prima volta che ho partecipato ad una manifestazione unitaria del venerdì a Bil'in è stato nel marzo 2005, una volta liberatomi da alcuni gravosi impegni collegati alla gestione di A-Infos. Poi non ne ho più mancata una sia a Bil'in che altrove.

Un'istantanea della lotta a Bil'in

Dopo mesi di tentativi falliti da parte delle forze di israeliane di impedire che degli israeliani partecipassero alle manifestazioni del venerdì, si è sviluppata una certa consuetudine. Una volta evitati i blocchi militari israeliani sulla strada per Bil'in, si ascoltava la preghiera del venerdì a mezzogiorno e ci si dirigeva verso il muro. E lì c'erano dislocate le forze israeliane che bloccavano fisicamente il nostro cammino. Spesso, prima che i soldati prendessero misure più restrittive, c'erano scontri a base di spintoni reciproci. Un venerdì, mi resi conto che a Bil'in i Palestinesi potevano respingere le forze armate israeliane.

Un'altra cosa che è stata ripetuta molte volte riguarda la partecipazione di delegazioni e di attivisti da varie parti della Cisgiordania alle manifestazioni del venerdì a Bil'in. In alcuni casi si trattava "solo" di una visita di solidarietà, ma a volte si traduceva in una vera e propria "lezione" che ha insegnato a far partire la lotta in altri villaggi.

Riunioni

Nei primi anni di lotta a Bil'in, si tenevano ogni settimana incontri per pianificare la manifestazione settimanale. In questi anni, per ogni manifestazione settimanale erano previste performances creative per aumentarne la visibilità. La documentazione di queste performances - in foto e video - giungeva sui media israeliani e da lì su quelli internazionali.

Copertura mediatica

Spesso, alla fine di ogni manifestazione, i fotografi producevano un breve video-clip che ognuno di noi si portava a casa per portarlo alle emittenti televisive. Non era infrequente che tali video fossero mandati in onda nella sera stessa del venerdì o durante il weekend.

"Tutto tace sul fronte occidentale"

Nei primi anni, i media pubblici e quelli commerciali davano copertura alle manifestazioni del venerdì e spesso anche nelle ore successive, fino a diventare un appuntamento fisso del venerdì. I resoconti erano ben lungi dall'essere veritieri, ma come spesso capita con l'esposizione mediatica si acquista comunque in visibilità. Un venerdì mi capitò di ascoltare un notiziario incredibile in cui si diceva:"Questa settimana nessuno scontro durante la manifestazione settimanale a Bil'in".

La copertura mediatica di Bil'in quale contributo alla lotta si è tradotto in un lavoro continuativo da parte degli attivisti presenti. Ogni anno si teneva una conferenza internazionale di promozione della lotta (a cui il comitato popolare di Bil'in voleva ogni volta la partecipazione di un esponente degli Anarchici Contro il Muro). Venivano individualità e delegazioni da ogni parte del mondo, osservavano e poi raccontavano una volta tornati a casa.

L'attività di "PR" di Bil'in prevedevano giri di conferenze all'estero degli attivisti di Bil'in e di Anarchici Contro il Muro.

La lotta unitaria degli Anarchici Contro il Muro con gli attivisti locali ha avuto anche il conferimento di un "riconoscimento". Nel 2008, la Lega Internazionale per i Diritti Umani conferì agli Anarchici Contro il Muro ed al Comitato Popolare di Bil'in la medaglia Carl von Ossietzky.

Il quadro attuale

Ora, da anni, Bil'in non è più l'unico luogo in cui ci sono Israeliani che partecipano alle manifestazioni settimanali. Ci sono altre lotte oltre a quelle contro il muro della separazione o quelle a cui partecipano regolarmente anche gli Anarchici Contro il Muro ed altri attivisti israeliani. Ma il maggiore e decisivo contributo dato dagli Anarchici Contro il Muro sta nel cambiamento delle regole d'ingaggio nei confronti dei manifestanti nei territori occupati in Cisgiordania. E' stata infatti abolita la norma che prevedeva di sparare per uccidere i dirigenti palestinesi delle manifestazioni. Anche nelle manifestazioni in cui non sono coinvolti cittadini israeliani. Sebbene nel corso degli anni, parecchi manifestanti siano stati uccisi (anche nelle manifestazioni unitarie), la consuetudine delle forze di stato di sparare proiettili veri per disperdere i cortei - con l'intenzione di uccidere - non è stata più ripristinata.

La fermezza

Il muro della separazione lungo il confine dei territori occupati è ormai completato. Decine di migliaia di Palestinesi autorizzati (soprattutto lavoratori) ed altrettanti illegali attraversano il muro della separazione. Persino i vari sistemi che le decine di migliaia di lavoratori palestinesi "illegali" usano per superare la barriera del muro sono diventati una routine ed i divieti sul loro transito non vengono applicati. Il numero di attivisti palestinesi ed israeliani che partecipano regolarmente alle manifestazioni unitarie è in diminuzione. Non si partecipa più o si preferisce indirizzare i propri sforzi in altre direzioni. Ma, ce ne sono ancora che non mollano. Alcuni attivisti palestinesi che hanno subito restrizioni, che sono stati in galera o che hanno subito violenze fisiche, non mollano. Alcuni attivisti israeliani restano agganciati alla lotta unitaria anche quando il clamore dei media e tra la sinistra radicale non è più così udibile e visibile. Ci sono anche nuovi attivisti che si uniscono a noi e continuiamo a ricevere sostegno da ex-attivisti.

I pesci non sanno che si trovano nell'acqua

Non è in dubbio il contributo della lotta unitaria a Bil'in contro l'occupazione e gli espropri, ma qual è il suo significato oggi? Poco meno della metà delle terre espropriate al villaggio è stata restituita, ma non ci sono possibilità di ottenere altre restituzioni. Anche la diffusione della lotta è molto limitata e non dà segnali di significativi progressi, salvo rallentare l'attuazione di sgomberi nelle località "calde".

Eppure, la lotta di Bil'in è parte di una decisa lotta globale. Ed anche se non siamo in grado di quantificarne i progressi, ci sono alcuni sprazzi di luce. Il numero di link mediatici che riportano a Bil'in hanno da tempo superato il milione. Due documentari sulla lotta a Bil'in hanno avuto copertura mediatica mondiale ed uno ha vinto anche un Oscar. Anche la delusione per il fatto che la lotta popolare non sia riuscita a sconfiggere l'occupazione viene oggi compensata dal soprendente contributo alla lotta per la campagna mondiale di boicottaggio BDS (Boycott, Disinvestment, Sanctions) contro l'occupazione israeliana. Migliaia di attivisti che hanno partecipato alle manifestazioni unitarie (compresi anarchici da ogni dove) anche se per breve tempo, hanno dato il là a mobilitazioni in tutto il mondo che mettono davvero paura ai dirigenti israeliani.

Il contributo

La storiella della potenziale relazione tra il battito d'ali di una farfalla ai piedi dell'Himalaya ed un ciclone che quasi investe il mondo ci aiuta a comprendere quanto siamo parte di un sistema globale e quale sia la capacità di eventi anche marginali di scuotere l'intero sistema. Ora il movimento di PGA non c'è più né a livello mondiale e nemmeno in Israele. Ma la "staffetta" non si è interrotta ed il testimone continua a passare di mano in mano. Lo spirito del Chiapas (periferia del Messico) si sta ora manifestando nella Rojava -centro di una lotta titanica nella regione ad est del Mediterraneo. Gli Anarchici Contro il Muro hanno ricevuto il testimone dai gruppi locali di PGA in Israele ad hanno dato una mano ad accendere le tante torce della lotta internazionale del BDS.

In Israele, ma anche in tutto il mondo, quando i media vogliono perseguitare oppure mettere in cattiva luce gli attivisti, li chiamano "anarchici", dato che il termine "comunisti" non è più significativo.

Ed il metodo non-gerarchico di organizzare le lotte sociali non è più una stranezza dei Quaccheri o di anarchici esoterici, ma è diventato il metodo comune a tutte le lotte sociali.

Riflessioni finali

La lotta unitaria degli Anarchici Contro il Muro e degli attivisti della lotta popolare villaggio per villaggio ha contribuito a far sì che gli anarchici di tutto il mondo guardassero alle lotte dei popoli indigeni contro i colonizzatori e contro altri regimi oppressivi non più come alla lotta per la "liberazione nazionale" e per "l'autodeterminazione" di una classe dirigente capitalista che vuole il privilegio di governare e sfruttare il proprio popolo, ma come a lotte di intersezione a cui gli anarchici dovrebbero partecipare allo scopo di contribuire alla formazione della classe lavoratrice e ad accrescere il prestigio dell'anarchismo.

Ilan Shalif

Traduzione a cura di Alternativa Libertaria/FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali

http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Ahdut (Unity)
http://unityispa.wordpress.com/

Confronto tra un attivista di Bil'in ed un soldato. Foto tratta da Bil'ins Struggles 2013
Confronto tra un attivista di Bil'in ed un soldato. Foto tratta da Bil'ins Struggles 2013

The author in Bil'in during a tear gas attack. Photo: Hamza Burnat
The author in Bil'in during a tear gas attack. Photo: Hamza Burnat

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch

Front page

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

A Conservative Threat Offers New Opportunities for Working Class Feminism

De las colectivizaciones al 15M: 80 años de lucha por la autogestión en España

False hope, broken promises: Obama’s belligerent legacy

Primer encuentro feminista Solidaridad – Federación Comunista Libertaria

Devrimci Anarşist Tutsak Umut Fırat Süvarioğulları Açlık Grevinin 39 Gününde

The Fall of Aleppo

Italia - Ricostruire opposizione sociale organizzata dal basso. Costruire un progetto collettivo per l’alternativa libertaria.

Recordando a César Roa, luchador de la caña

Prison Sentence to Managing Editor of Anarchist Meydan Newspaper in Turkey

Liberación de la Uma Kiwe, autonomía y territorio: una mirada libertaria para la comprensión de la lucha nasa

Misunderstanding syndicalism

American Anarchist and Wobbly killed by Turkey while fighting ISIS in Rojava

Devlet Tecavüzdür

Attaque fasciste sur la Croix Rousse et contre la librairie libertaire la Plume Noire

Red November, Black November – An Anarchist Response to the Election

Resistance at Standing Rock

1986-2016: 30° anniversario di Alternativa Libertaria/fdca

Mashrek / Arabia / Irak | Lotte sul territorio | it

Thu 30 Mar, 10:45

browse text browse image

textPalestina-Israele: E' ormai un solo Stato anche se nessuno lo riconosce come tale tranne gli intrans... 18:22 Sat 16 Jan by Ilan S. 0 comments

Le brutte notizie sono che la stragrande maggioranza degli Israeliani è a favore di un unico Stato - inclusi i centristi e persino la sinistra sionista (che dice di volere la soluzione dei "due Stati" ma con precondizioni impossibili). Le buone notizie sono che le potenze imperialiste le quali sostengono lo status quo stanno gradualmente cedendo alla pressione dell'opinione pubblica dei loro Stati che non vuole il regime di apartheid e di sgomberi imposto da Israele. La lotta unitaria non armata aveva suscitato ampia attenzione e spinto attivisti di ogni parte dei mondo ad impegnarsi nel movimento per mettere fine all'occupazione israeliana. [English]

textPalestina-Israele: la terza intifada è ufficialmente in corso... la lotta unitaria non cede alla pre... 15:25 Mon 04 Jan by Ilan S. 0 comments

Le autorità israeliane ammettono di non avere nessuna soluzione e nessuna strategia per fermare o anche contenere la intifada "non-organizzata" fatta per lo più a livello individuale e da giovani. Gli arresti di massa di centinaia di minorenni non sembra aver raggiunto nessun risultato. I tentativi di sgombero non si fermano, anzi sono in crescita nella Valle del Giordano, nell'Area C, a Gerusalemme e persino nei confini del 1948. Sui media israeliani la controversia riguarda il riconoscimento che c'è già un solo Stato e che bisogna organizzare un migliore ordine del Bantustan prima che la pressione internazionale costringa ad un ritiro sostanziale dai territori occupati con l'espansione del 1967. Le notizie dei media sulla campagna B.D.S. sono di solito ristrette solo ad un incremento del boicottaggio. [English]

textPalestina-Israele, l'unico stato che la lotta unitaria cerca di cambiare 16:39 Mon 07 Dec by Ilan S. 0 comments

Si lotta quando si ha la speranza di un cambiamento in corso. Si lotta quando ci si rifiuta di accettare lo stato di cose presente come l'unico possibile futuro. Si lotta anche quando la minima speranza tiene viva la tua dignità. E ci sono persone la cui collera è così forte che non c'è nessun ragionamento che possa trattenerle. Ora, quando sembra evaporata la speranza di un futuro migliore in comune e quando si è ridotta al minimo anche la speranza di un migliore futuro personale, la collera di tanti giovani è più forte della preservazione dell'istinto di vita... si aspetta solo quel grilletto rischioso che spinge un altro ragazzo o un'altra ragazza ad andare in una missione suicida. [English]

textE' il momento della Terza Intifada - la lotta unitaria continua 19:08 Sun 25 Oct by Ilan S. 0 comments

Il fallimento da parte dell'imperialismo USA nel prendere il controllo di paesi relativamente indipendenti come l'Iraq e la Siria ha portato al compromesso con l'indipendente Iran. Il ruolo minaccioso di Israele durante la trattativa ha permesso ad Israele di poter agire più liberamente nella repressione contro i Palestinesi. Il ritorno della Russia sullo scenario siriano ridà fiato ad Israele che può intensificare i suoi tentativi di assumere il controllo dell'area C in Cisgiordania. La terza intifada è una risposta disperata dei Palestinesi che vedono la fine dell'occupazione israeliana allontanarsi fino a scomparire all'orizzonte. La lotta unitaria continua non come speranza che cresce ma come tenace Tsumud (persistenza, ndt) di non arrendersi. [English]

textPalestina-Israele, cresce la lotta sociale non armata in risposta all'aumentare delle aggressioni di... 17:04 Fri 25 Sep by Ilan S. 0 comments

Dopo il fallimento dell'offensiva dell'anno scorso contro Hamas a Gaza, lo Stato di Israele vede diminuire il suo potere di contrattazione a livello internazionale, per cui manipola il malcontento interno aumentando l'invasione degli spazi palestinesi, sia quelli del 1967 nella Cisgiordania occupata sia all'interno dei confini del 1948. Il minore sostegno da parte delle classi dirigenti israeliane al primo ministro Netanyahu ed ai suoi accoliti lo inducono a spingere sull'azzardo politico che può trascinarlo nella sua prima grande sconfitta. Il suo fallimento nel far passare lo schema Gas e la causa civile in cui è coinvolta sua moglie, possono essere i primi segni del suo declino imminente. [English]

textPalestina-Israele, la lotta unitaria ha davvero cambiato il mondo 14:25 Mon 07 Sep by Ilan S. 0 comments

Il video del mancato arresto del ragazzino di 12 anni a Nabi Saleh è stato visto da milioni di persone in tutto il mondo. Quel fatto e la manifestazione unitaria del venerdì successivo hanno dimostrato ancora una volta quanto la presenza degli ebrei Israeliani Anarchici Contro il Muro abbia impedito in passato ed impedisca ora l'esaurirsi della lotta palestinese non-armata in fiumi di sangue. Furono gli spari contro Gil Naamati nel 2003 in una azione unitaria con gli Anarchici Contro il Muro che causarono uno vero e proprio scandalo mediatico in Israele (tanto da costringere il capo di stato maggiore dell'esercito a recarsi in ospedale per le scuse ufficiali) e che portarono ad un cambiamento nell'ordine di fare fuoco allo scopo di disperdere manifestazioni non autorizzate nei territori occupati, se in quelle manifestazioni vi erano presenti degli israeliani. [English]

textPalestina-Israele, la lotta unitaria non armata ha perso il suo carattere entusiastico di novità ma ... 15:42 Wed 02 Sep by Ilan S. 0 comments

Nessuno poteva prevedere che un campeggio unitario di attivisti palestinesi ed israeliani a Masha 12 anni fa sarebbe stato la scintilla di un ampio movimento di lotta unitaria non armata che il sistema di occupazione israeliana non è riuscito a distruggere. Nessuno si aspettava la partecipazione di migliaia di attivisti e di decine di migliaia di manifestanti. Molte piccole vittorie e la campagna internazionale B.D.S. riscaldano i cuori dei non più tanti che persistono nella lotta unitaria nonostante il lutto per coloro che sono caduti, l'empatia con i feriti e la solidarietà con gli arrestati. Il forte legame di partnership tra gli attivisti palestinesi e gli Anarchici Contro il Muro è stato sorprendente. Deludente ma non sorprendente è il modo con cui gli ambienti anarchici israeliani si sono tenuti alla larga dagli Anarchici Contro il Muro quale prioritario obiettivo di mobilitazione. Bil'in, Ni'lin, Ma'sara, Nabi Saleh e Qaddum tengono ancora alta la bandiera. [English]

Bil'in, 10.07.15. Foto: Mohammed Yasin Photography imagePalestina-Israele, gli attivisti della lotta unitaria invecchiano... ma la lotta è sempre giovane e ... 15:49 Thu 06 Aug by Ilan S. 0 comments

E' dura per molti attivisti, quando il significato reale della lotta non si concretizza in conquiste tangibili, ma in una lotta globale a livello mondiale. Questa settimana, il livello globale e quello della concretezza si sono combinati nella lotta contro la distruzione del villaggio di Susiya che ha avuto eco e sostegno a livello internazionale, costringendo Israele a rinviare se non a cancellare la demolizione del villaggio. Alle pressioni delle potenze imperiali su Israele si è aggiunto l'avvertimento della UE sull'approssimarsi di sanzioni contro il sistema bancario israeliano per il suo sostegno ai progetti dei coloni nella Cisgiordania occupata. [English]

textPalestina-Israele, il mondo in subbuglio; il vecchio ordine mondiale non sarà più lo stesso; e la lo... 15:42 Fri 24 Jul by Ilan S. 0 comments

L'1 gennaio del 1994 in Chiapas le masse innalzarono la bandiera della ribellione giusto dopo che il mondo capitalista aveva celebrato il suo trionfo sulle rivoluzioni del 20° secolo e si accingeva a lanciare la globalizzazione neoliberista a livello mondiale. Ma la lotta è proseguita con nuove modalità. I sorprendenti sviluppi nella Rojava, in cui le principali potenze imperialiste si trovano a dare sostegno aereo ai Curdi antiautoritari ed anticapitalisti di Siria, sono come uno stormo di passeri che segnano l'arrivo della primavera. In questo imminente cambiamento, si sviluppa il panico delle classi dirigenti sioniste israeliane di fronte alla veloce avanzata della campagna B.D.S.... Non possiamo misurare il contributo di ciascuna lotta al cambiamento, ma sembra che una quota importante spetti alle migliaia di attivisti internazionali che hanno condiviso con noi la lotta unitaria non-armata contro il muro della separazione, contro gli insediamenti e contro l'occupazione. [English]

textPalestina/Israele: La campagna B.D.S. ha successo e la classe dirigente israeliana ne teme gli svilu... 16:03 Wed 17 Jun by Ilan S. 0 comments

I danni della campagna BDS sull'economia israeliana sembrano essere ancora marginali... ma questi margini si stanno allargando velocemente. Già alcune imprese sottoposte a pressione perché operanti nelle aree degli insediamenti dell'occupazione del 1967, si stanno ritirando nei territori israeliani del 1948, pur rinunciando così agli aiuti governativi e ad una manodopera a minor costo. I media israeliani si riempiono di avvertimenti e dei timori dei commercianti. Ormai è evidente la connessione tra la lotta unitaria nelle manifestazioni e la campagna BDS con lo sviluppo dei boicottaggio. [English]

more >>

textSulle attuali proteste in Libano: è meglio se la primavera arriva in ritardo? Sep 27 by Mazen Kamalmaz 0 comments

Le grandi mobilitazioni che hanno attraversato il Medio Oriente alla fine del 2010 sono state riassorbite se non addirittura trasformate in devastanti conflitti tra forze autoritarie in competizione. Quell'ondata risparmiò il Libano, che dopo il ritiro delle truppe siriane (di Assad) nel 2005 era governato da una classe dirigente che aveva da una parte i filo-iraniani, cioè la coalizione 8 marzo, guidata dagli "sciiti" di Hezbollah e dall'altro i filo-sauditi della coalizione 14 marzo, guidata dall'oligarca "sunnita" Hariri.

textRojava: Fantasie e realtà Nov 08 by Zafer Onat 0 comments

La resistenza a Kobane che dura da oltre 45 giorni ha spostato l'attenzione dei rivoluzionari di tutto il mondo sulla Rojava. Grazie al lavoro svolto da Azione Rivoluzionaria Anarchica (DAF, Turchia, ndt), i compagni anarchici di varie parti del mondo hanno inviato messaggi di solidarietà alla resistenza di Kobane (1). Questa posizione internazionalista è di grande importanza per il popolo che resiste a Kobane. Tuttavia, se non analizziamo cosa sta accadendo veramente e se invece facciamo del romanticismo, i nostri sogni potrebbero essere delusi in un breve lasso di tempo. [English]

imageLa sperimentazione del Kurdistan Occidentale (Kurdistan siriano) ha dimostrato che il popolo può cam... Sep 03 by Zaher Baher 0 comments

Ciò che leggerete di seguito è l'esperienza della mia visita di un paio di settimane nel maggio di quest'anno, 2014, nel Nord Est della Siria o Kurdistan siriano (Ovest del Kurdistan) con un mio caro amico. Durante la visita abbiamo avuto piena libertà e l'opportunità di vedere e di parlare con chiunque. Incluse donne, uomini, giovani e partiti politici. Ci sono più di 20 partiti dai curdi ai cristiani, alcuni sono nell'Auto Amministrazione Democratica (DSA) o Autogestione Democratica (DSM) della regione di Al-Jazera. Al-Jazera è una delle tre regioni (cantoni) del Kurdistan dell'Ovest. Abbiamo incontrato anche i partiti politici curdi e cristiani che non fanno parte della DSA o della DSM. Inoltre abbiamo incontrato i vertici della DSM, membri di diversi comitati, gruppi locali e comuni così come uomini d'affari, negozianti, lavoratori, persone al mercato e gente che semplicemente camminava per strada.
[English]
[Français]

imageVita e opera dell'anarchico Omar Aziz... Sep 11 by Leila Shrooms 0 comments

Omar Aziz nacque a Damasco. Rientrò in Siria dal suo esilio in Arabia Saudita e negli Stati Uniti nei primi giorni della rivoluzione siriana. Intellettuale, economista, anarchico, marito e padre, all'età di 63 anni si è impegnato nella lotta rivoluzionaria. Lavorò con attivisti locali per raccogliere e distribuire aiuti umanitari nei sobborghi di Damasco, posti sotto assedio dal regime. Attraverso scritti ed attività ha promosso l'autogoverno locale, l'organizzazione orizzontale, la cooperazione, la solidarietà e il mutuo sostegno, quali mezzi attraverso i quali le persone possono liberarsi dalla tirannia dello Stato. Insieme con i suoi compagni, Aziz fondò il primo Consiglio Locale a Barzeh, Damasco. L'esempio si è poi diffuso attraverso la Siria e con esso sono nati alcuni dei più promettenti e duraturi esempi di autorganizzazione non gerarchica nei paesi della Primavera araba. [Ελληνικά]

imageOrizzonti futuri della rivoluzione siriana May 23 by Mazen Kalmamaz 0 comments

La caratteristica principale della rivoluzione siriana sta nel suo aspetto giovanile e spontaneo, perché creato dalla strada e ad essa direttamente collegata. Si tratta di una rivoluzione senza controllo centralizzato, sorta dalla ribellione individuale, pertanto nessuno può pretendere di governarla o di condurla, ed il motivo è semplice: i giovani ribelli si sono levati spontaneamente e la partecipazione dei religiosi, specialmente quelli estremamente reazionari o di qualsiasi altra tendenza, non è visibile. [العربية ]

more >>

imageCade il muro israeliano a Bil'in in Palestina Jul 08 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Una lotta durata 6 anni e 4 mesi ha costretto lo Stato di Israele a restituire quasi metà delle terre sottratte al villaggio di Bil'in e che erano destinate alla costruzione dell'insediamento coloniale di Modi'in Illit. La rimozione del vecchio muro della separazione è la vittoria della lotta unitaria che, a Bil'in come in tanti altri villaggi della Cisgiordania, vede insieme ogni settimana Palestinesi ed attivisti israeliani ed internazionali sfidare le forze di occupazione, per restituire la libertà e la terra ai palestinesi.

textIsraele-Palestina: L'assassinio di Ahmad Husam Yousef Mousa Jul 30 Anarchists Against the Wall 0 comments

Ahmad Husam Yousef Mousa, di 10 anni, è stato assassinato ieri mentre manifestava insieme agli amici contro il muro della separazione che attualmente si sta costruendo sui terreni del suo villaggio, Ni'ilin. Arrivati al cantiere del muro, i militari hanno sparato proiettili di gomma verso i ragazzi, che hanno poi cominciato a ritirarsi. A quel punto, uno dei militari ha sparato un proiettile carico alla testa di Ahmad da una distanza di circa 10 metri.

textBil'in, prosegue la lotta unitaria non-violenta nonostante le provocazioni e la crisi militare Jul 17 FdCA 0 comments

In un momento di escalation drammatico come questo sostenere, diffondere e rendere merito a questi piccoli/grandi momenti di lotta di base non violenta, che con continuità resistono ad opporsi alle logiche di stato, di dominio e di violenza, è forse la sola risposta che possiamo dare come comunisti anarchici per la costruzione di una società senza muri, senza stati e senza frontiere, senza più guerre.

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]