user preferences

New Events

Mashrek / Arabia / Irak

no event posted in the last week

Palestina-Israele, il 20 febbraio compie 10 anni la lotta di Bil'in che ha ispirato la lotta popolare organizzata e non armata

category mashrek / arabia / irak | lotte sul territorio | cronaca author Monday February 09, 2015 00:59author by Ilan S. - Anarchists Against the Wall; A-Infos; Ahdutauthor email ilan.shalif at gmail dot comauthor address Tel Aviv Report this post to the editors

Report del 02.02.15

Gli attivisti di Bil'in non furono i primi ad aderire alla lotta popolare non armata contro il muro della separazione, contro l'occupazione e contro l'insediamento dei coloni. Tuttavia, gli attivisti di Bil'in insieme agli Anarchici Contro il Muro furono i primi a dare inizio ad una lotta persistente settimana dopo settimana. Gli attivisti dei villaggi più vicini e quelli più lontani sono venuti a Bil'in per portare il loro sostegno, per trarne ispirazione ed iniziare insieme la lotta anche nei loro villaggi. Ni'lin, Ma'sara, Beit Ummar per alcuni anni... e poi ancora altri villaggi che lottano contro l'invasione dei coloni e contro i posti di blocco degli occupanti come Nabi Saleh and Qaddum. [English]


Il 20 febbraio compie 10 anni la lotta di Bil'in che ha ispirato la lotta popolare organizzata e non armata


Araqeeb, Beit Ummar, Bil'in, Ma'sara, Nabi Saleh, Ni'lin, Qaddum, Sheikh Jarrah, colline a sud di Hebron

Gli attivisti di Bil'in non furono i primi ad aderire alla lotta popolare non armata contro il muro della separazione, contro l'occupazione e contro l'insediamento dei coloni. Tuttavia, gli attivisti di Bil'in insieme agli Anarchici Contro il Muro furono i primi a dare inizio ad una lotta persistente settimana dopo settimana. Gli attivisti dei villaggi più vicini e quelli più lontani sono venuti a Bil'in per portare il loro sostegno, per trarne ispirazione ed iniziare insieme la lotta anche nei loro villaggi. Ni'lin, Ma'sara, Beit Ummar per alcuni anni... e poi ancora altri villaggi che lottano contro l'invasione dei coloni e contro i posti di blocco degli occupanti come Nabi Saleh and Qaddum. E' cresciuto il livello di organizzazione e delle attività col comitato di coordinamento delle lotte dei comitati locali e proprio recentemente col comitato di un gruppo di villaggi nel sud della Cisgiordania occupata.

Bil'in

Venerdì 23 gennaio 2015. Oggi a Bil'in eravamo in 12 israeliani degli Anarchici Contro il Muro, circa una dozzina di internazionali e decine di residenti. Quando abbiamo iniziato a muoverci dal villaggio in direzione dell'area delle terre restituite, le forze armate israeliane non hanno aspettato un minuto a sparare candelotti lacrimogeni. Grazie al vento favorevole, non sono riusciti a disperderci, arretrando solo un po' di fronte a spari di proiettili di gomma.

Dopo più di un'ora di scontri, le forze di stato se ne sono andate.
Un giovane palestinese, Mohammed Abu Rahma è stato seriamente ferito alla testa da un proiettile di gomma israeliano. Risultano colpiti e feriti dai proiettili di gomma anche altri 3 palestinesi tra cui un giornalista.

https://www.facebook.com/mohamed.b.yaseen/posts/7074845...50876
https://www.facebook.com/hamza.burnat/posts/790617247658998

Hamde Abu Rahma: "Dopo che il ragazzo era stato ferito, i soldati lo hanno inseguito, dato che lui non riusciva a correre bene. Volevano arrestarlo, ma io l'ho preso tra le mie braccia e l'ho portato di corsa verso l'ambulanza. L'esercito ci sparava addosso da distanza ravvicinata. Io mi occupo di fare foto per documentare la vita sotto l'occupazione, ma quando vediamo qualcuno nei guai, scatta subito il nostro senso di umanità per cui dobbiamo sempre aiutarci l'un l'altro."

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1529933253943713
https://www.facebook.com/video.php?v=804566692925414

Bil'in - 30.01.15, tre settimane al decimo anniversario. A mezzogiorno di venerdì, 13 israeliani degli Anarchici Contro il Muro e molti attivisti internazionali si sono uniti agli attivisti di Bil'in per la manifestazione settimanale contro il muro della separazione, contro il muro ed in solidarietà con la 14enne Malak incarcerata dopo essere stata falsamente accusata di aver tirato delle pietre addosso ai soldati. Sebbene il vento da ovest portasse i gas verso di noi, alcuni manifestanti sono riusciti ad aggirare i soldati evitando così i gas. Dopo un bel pezzo, quando il gas era giunto sul villaggio, la maggior parte di noi si è dispersa.

https://www.facebook.com/hamde.a.rahma/posts/1532469903...90048
https://scontent-a-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-xpf1/v/t1.0...2B43D
https://www.facebook.com/mohamed.b.yaseen/posts/7111223...53769
https://www.facebook.com/video.php?v=10204973459189175&...20161
Taki Bornat: https://www.facebook.com/video.php?v=865300783491816
Haitham Al Khatib: https://www.facebook.com/video.php?v=10204973459189175

Ma'sara

Venerdì 30.01.15, ancora una volta, i residenti e gli attivisti internazionali si sono radunati per fermare gli insediamenti a Ma'sara, con lo slogan "Stop al furto delle terre palestinesi". Ed ancora una volta, l'esercito ha atteso i manifestanti per tirargli addosso centinaia di candelotti lacrimogeni insieme a granate assordanti e proiettili ricoperti di gomma per fermare e reprimere il corteo. I manifestanti hanno avuto problemi respiratori a causa delle inalazioni di gas.

https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/10226771...28046

Nabi Saleh

Venerdì 23.01.15 - La manifestazione settimanale è partita da Piazza dei Martiri, con bandiere palestinesi ed egiziane e con frequenti slogan contro l'occupazione in tutte le sue forme ed espressioni. Nel tentativo di aprirsi un accesso alle terre confiscate prima di avvicinarsi al checkpoint, i manifestanti hanno subito una pioggia di centinaia di candelotti di gas tossici da parte dell'esercito, proiettili di gomma e quelli veri (noti come TOTO) sapendo che il villaggio è esposto a continui attacchi durante la chiusura settimanale del cancello di ferro all'ingresso del villaggio nonché ad incursioni con ispezioni nelle case ed arresti. Inoltre, ieri, si è visto un nuovo tipo di bombe a lunga gittata.

La manifestazione di protesta a Nabi Saleh è giunta dopo una settimana di incursioni dell'esercito nel villaggio con arresti di residenti, pare usando una nuova arma che contiene uno sconosciuto componente chimico di colore arancio.

https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/10153092...31507
Bilal Tamimi: https://www.youtube.com/watch?v=_F0DD66Hg94
http://schwarczenberg.com/?p=3360
Dvid Reeb: http://youtu.be/RDdqrINMM-M

Oggi 30.01.15 Protestando contro la sistematica detenzione di bambini e minorenni da parte dell'esercito, i residenti di Nabi Saleh e gli attivisti hanno manifestato contro la recente condanna al carcere comminata alla 14enne Malak al-Khatib. Malak è stata accusata di lancio di pietre ed è stata indotta a patteggiare due mesi di prigione con una multa di 6.000 NIS (ca. €1.350 - ndt.). Attualmente è detenuta nella prigione di Hasharon, con altre detenute palestinesi. L'esercito ha tentato di disperdere i manifestanti usando gas lacrimogeni, proiettili d'acciaio ricoperti di gomma e proiettili veri ("tutu"). Un bambino è rimasto ferito da un proiettile vero e portato a Salfit per cure mediche.

http://schwarczenberg.com/?p=3670
https://www.facebook.com/nariman.tamimi.1/posts/1037911...58232
https://www.facebook.com/haytham.alkhateeb/posts/102049...60612
David Reeb: http://youtu.be/29f30wRcrjA

Ni'lin

Un soldato israeliano che balla un canto di guerra palestinese nel corso di una protesta contro il muro dell'Apartheid nel villaggio di Ni'lin in Cisgiordania il 23.01.15.

https://www.facebook.com/video.php?v=1576893669188916

Kafr Qaddum

Un ragazzo palestinese è stato colpito alla testa da un candelotto lacrimogeno a Kafr Qaddum durante la manifestazione settimanale non violenta che punta a riaprire la strada chiusa del villaggio. I soldati hanno sparato sui manifestanti con proiettili di gomma e lanciato candelotti lacrimogeni provocando decine di feriti. Ma, nonostante ciò, la manifestazione è proseguita urlando per la fine delle violenze, delle punizioni collettive e del terrorismo contro l'umanità che Israele pratica ogni giorno contro i Palestinesi. Il governatore di Qalqiliya, Rafi Rawajbeh, ha partecipato alla manifestazione con alcuni rappresentanti di Al Fatah con la sua commissione colonizzazione e resistenza al muro. Guarda il video - https://www.youtube.com/watch?v=hHaJb7HoceQ

30.01.15 - Almeno un manifestante disarmato è stato colpito alla testa dall'esercito israeliano con proiettili d'acciaio ricoperti di gomma. Miracolosamente ha urlato per il dolore.

Oltre cento partecipanti locali alla manifestazione settimanale a Kafr Qaddum!
L'esercito israeliano ha invaso il centro del villaggio, spruzzando acqua fetida sulle case, sulle persone e sui mezzi delle TV parcheggiati lungo il percorso!

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.8782991721921...14816
https://www.youtube.com/watch?v=Z8IzhyHnHn8

Sheikh Jarrah

Venerdì 23.01.15:

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10153026228194183

Venerdì 30.01.15 - 5 anni fa ho imparato qui un'importante lezione sulla lotta politica, grazie agli straordinari abitanti di questo quartiere e grazie alla polizia israeliana. Ora tutto è molto più tranquillo, il che non è necessariamente una buona cosa per quanto ci riguarda.

Colline a sud di Hebron

23.01.15 - Quattro palestinesi arrestati durante un'azione sulle colline sud di Hebron (villaggio di Susiya)

https://www.youtube.com/watch?v=2K4ebhbLZ2o

Nekodim

Younes Arar: "30 gennaio 2015. I Comitati Popolari della Cisgiordania meridionale hanno organizzato oggi un piantumazione di ulivi su un terreno privato palestinese adiacente all'illegale insediamento coloniale sionista di Nekodim dove vive Avigdor Liberman, il ministro degli affari esteri dell'occupazione terrorista sionista, a est di Betlemme. Siamo stati intercettati da decine di soldati e coloni sionisti pesantemente armati mentre eravamo diretti sull'area, siamo stati attaccati e costretti e retrocedere, ma abbiamo insistito nel voler raggiungere l'area prefissata dove piantare i nostri ulivi. Per 15 anni, al proprietario del terreno non è stato permesso di entrare e di piantare alberi. Dopo circa un'ora ci hanno permesso di piantare gli alberi a patto di lasciare il luogo entro 15 minuti, il che voleva dire piantare gli alberi in solo un quarto d'ora. Ma noi una volta raggiunto il posto ci siamo preso tutto il tempo per piantare gli alberi sotto i fucili puntati dei soldati e dei coloni sionisti che hanno cercato di fermarci,di terrorizzarci, ma noi abbiamo piantato i nostri alberi."

Ni'lin

Saeed Amireh: "La libertà è vedere il sorriso far ritorno sul viso di ogni singola persona del villaggio oggi! Finalmente dopo tante incursioni notturne nel villaggio da parte dell'esercito con oltre 45 giovani arrestati, oggi Ni'lin celebra il rilascio di 3 di questi giovani con grande gioia e felicità! Essi sono: mio cugino Khamis Amireh di 39 anni, dopo 7 mesi passati in carcere. Khalil Amireh di 22 anni,dopo 22 mesi passati in carcere. Abed alqader Nafi di 23 anni, dopo 15 mesi di carcere. Speriamo di festeggiare al più presto la liberazione di tutti i prigionieri palestinesi inshallah :-)"

https://www.facebook.com/saeed.almafea/posts/1015357013...39447

Tel Aviv

Giovedì 29.01.15 manifestazione in solidarietà con Malak. Eravamo circa in 100, israeliani e palestino-israeliani. Con cartelli e canti. Di fronte alla sede del comando militare israeliano. Il tribunale israeliano ha condannato una 14enne a 2 mesi di carcere e ad una multa di $1.523. Malak è ritenuta la più giovane detenuta attualmente condannata in un carcere israeliano. Lei è solo una dei 7.000 ragazzi che sono stati arrestati fin dall'inizio della seconda Intifada nel settembre 2000, molti dei quali stanno scontando la condanna.

https://www.facebook.com/video.php?v=10206192179349950

Ammanettata ed in lacrime, la 14enne Malak al-Khatib del villaggio di Beitin, nel distretto di Ramallah, è stata condannata a 2 mesi di carcere dal tribunale militare di Ofer per l'accusa di lancio di pietre e possesso di un coltello. Dopo 23 giorni di detenzione, Malak è stata condannata a 2 mesi di carcere e ad una multa di 6.000 shekel ($1.523), anche se lei nutriva speranze di essere rilasciata per ritornare alla sua famiglia che vive nell'angoscia da quando Malak è stata arrestata il 31 dicembre 2014.

"Non dite che non lo sapevamo", n°439

Martedì 20 gennaio 2015, i soldati sono arrivati a Rifa'iyya, un villaggio palestinese tra Dirat e Zif sulle colline a sud di Hebron, dove hanno demolito tre case ed un ovile. 28 persone sono rimaste senza un tetto.

Info: amosg@shefayim.org.il
 

Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Blog di Ahdut (Unità - organizzazione comunista anarchica israeliana): http://unityispa.wordpress.com/
Documento politico di Ahdut sulla lotta palestinese: http://www.anarkismo.net/article/27038

Traduzione a cura di Alternativa Libertaria/FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:

Related Link: http://www.fdca.it/wall
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Neste 8 de Março, levantamos mais uma vez a nossa voz e os nossos punhos pela vida das mulheres!
© 2005-2020 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]