user preferences

New Events

Mashrek / Arabia / Irak

no event posted in the last week

Intervista con il DAF su Kobanê: "Siamo tutti Kawa contro Dehaks"

category mashrek / arabia / irak | movimento anarchico | intervista author Saturday November 08, 2014 16:14author by Devrimci Anarşist Faaliyet - DAF - Azione Rivoluzionaria Anarchica Report this post to the editors

Da due anni si stanno sviluppando le fondamenta della rivoluzione sociale nella Rojava, il Kurdistan occidentale. Consapevoli di ciò, è evidente che dietro l'attacco a Kobanê ci sono gli interessi della Turchia e del capitalismo globale. Abdülmelik Yalcin e Merve Dilber, militanti di Azione Rivoluzionaria Anarchica (DAF) sono stati nella regione di Suruc, al confine con Kobanê, fin dai primi giorni della resistenza contro i tentativi di oscurare la rivoluzione popolare e per portare solidarietà alle popolazioni della regione. Li abbiamo intervistati culla resistenza a Kobanê e sulla rivoluzione nella Rojava. [English]
Kobanê DAF
Kobanê DAF


Intervista con il DAF su Kobanê: "Siamo tutti Kawa contro Dehaks"


Da due anni si stanno sviluppando le fondamenta della rivoluzione sociale nella Rojava, il Kurdistan occidentale. Consapevoli di ciò, è evidente che dietro l'attacco a Kobanê ci sono gli interessi della Turchia e del capitalismo globale. Abdülmelik Yalcin e Merve Dilber, militanti di Azione Rivoluzionaria Anarchica (DAF) sono stati nella regione di Suruc, al confine con Kobanê, fin dai primi giorni della resistenza contro i tentativi di oscurare la rivoluzione popolare e per portare solidarietà alle popolazioni della regione. Li abbiamo intervistati culla resistenza a Kobanê e sulla rivoluzione nella Rojava.

Fin dagli inizi della resistenza a Kobanê, avete organizzato numerose proteste, diffuso volantini e manifesti. Avete anche preso parte alla "catena umana di presidio del confine" che era stata organizzata nei villaggi del Suruc, vicino il confine con Kobanê. Quali erano i vostro obiettivi? Quale è stata la vostra esperienza?

M. D.: A causa della rivoluzione nella Rojava i confini tra le parti del Kurdistan che cadevano all'interno del territorio siriano e turco hanno iniziato a sciogliersi. Lo Stato turco ha anche cercato di costruire un muro per constrastare questo effetto della rivoluzione. Nel bel mezzo della guerra, voluta dagli interessi del capitalismo globale e degli Stati della regione, il popolo curdo in Siria ha compiuto un passo lungo il cammino che porta alla rivoluzione sociale. Grazie a questo movimento è emerso un vero e proprio fronte che porta alla libertà del popolo, mentre a Kobanê, un attacco totale contro la rivoluzione è stato avviato dall'ISIS, la folla violenta prodotta dal capitalismo globale. Come anarchici rivoluzionari, quando abbiamo analizzato la situazione a Kobanê e in tutta la Rojava, era impossibile per noi non essere direttamente coinvolti in quello che stava succedendo. Considerando che i confini tra gli stati sono stati aboliti, diventava di vitale importanza essere solidali con le persone che resistono a Kobanê. Siamo al 15 ° mese della rivoluzione nella Rojava. In questi 15 mesi abbiamo organizzato un sacco di proteste congiunte e fatto volantinaggio e azioni di affissione. Durante l'ultima ondata di attacchi contro la rivoluzione a Kobanê, abbiamo fatto un sacco di volantinaggio e affissione e anche organizzato un sacco di proteste di piazza. Tuttavia è stato necessario andare al confine con Kobanê per sostenere la lotta del popolo curdo per la libertà contro gli attacchi dell'ISIS. Nella notte del 24 settembre siamo partiti da Istanbul in direzione del confine con Kobanê. Abbiamo incontrato i nostri compagni che sono arrivati ​​un po' prima e insieme abbiamo iniziato la nostra vigilanza di frontiera formando una catena umana nel villaggio di Boyde, nella parte occidentale di Kobanê. C'erano centinaia di volontari come noi che sono venuti da diverse parti dell'Anatolia e della Mesopotamia fino al confine, tanto da formare una catena umana lunga 25 km lungo il confine in diversi villaggi come Boyde, Bethe, Etmankê e Dewşan. Uno degli obiettivi della catena umana era quello di fermare uomini, armi e supporto logistico per l'ISIS da parte dello Stato turco, il cui sostegno all'ISIS è conosciuto da tutti. Nei villaggi di confine della vita si è trasformata in una vita in comune, nonostante le condizioni di guerra. Un altro obiettivo della nostra guardia di frontiera è stato quello fare da interposizione in solidarietà con gli abitanti di Kobanê, che sono fuggiti dagli attacchi contro la loro città, ma poi fermati alla frontiera per settimane e che sono stati anche attaccati da forze di polizia militare turca (Jandarma). Nei primi giorni delle nostre azioni di vigilanza al confine, abbiamo tagliato il filo di ferro e attraversato Kobanê insieme a persone provenienti da Istanbul.

Cosa è successo quando avete attraversato il confine con Kobanê?

A.Y.: Nel momento in cui abbiamo passato il confine, siamo stati accolti con grande entusiasmo. Nei villaggi di frontiera di Kobanê, tutti, giovani e meno giovani, sono usciti in strada. I guerriglieri delle YPG e le guerrigliere delle YPJ hanno salutato la nostra eliminazione delle frontiere sparando in aria. Abbiamo fatto un corteo per le strade di Kobanê. In seguito, abbiamo avuto incontri con le persone di Kobanê e con i /le guerriglier* delle YPG / YPJ che difendono la rivoluzione. E 'molto importante che i confini tra i popoli, eretti dali Stati, siano abbattuti in questo modo. Questa azione che si è verificata in condizioni di guerra dimostra ancora una volta che le rivolte e le rivoluzioni non possono essere fermate dai confini fra gli Stati.

Sono girate un sacco di notizie sugli attacchi che avere ricevuto da parte della polizia militare e dall'esercito turco. Quali sono gli obiettivi del governo turco?

A.Y.: Sì, è vero che la politica dello Stato turco è quello di attaccare tutti coloro che sono coinvolti nella guardia di frontiera e che vivono nei villaggi di confine, e tutti coloro che da Kobanê cercano di attraversare il confine. A volte questi attacchi sono frequenti e possono durare per giorni. E 'ovvio che ogni attacco ha una propria giustificazione e il suo scopo. Abbiamo osservato che durante ogni attacco militare, c'erano camion che trasportavano qualcosa dall'altra parte del confine. Non siamo sicuri circa l'esatto contenuto di queste spedizioni versol'ISIS. Tuttavia, abbiamo potuto capire dalla potenza degli attacchi che a volte dovevano permettere a delle persone di attraversare il confine per unirsi all'ISIS, a volte per l'invio di armi e in altre occasioni di rifornire l'ISIS per le sue necessità quotidiane. Queste spedizioni erano talvolta effettuate con mezzi dotati di targa ufficiale, ma talvolta, da parte di bande sponsorizzate che fanno "contrabbando". Inoltre queste bande sponsorizzate dallo Stato si appropriano delle proprietà delle persone di Kobanê che aspettano alla frontiera. La Polizia militare d'altra parte permette alle persone di attraversare la frontiera solo previo il versamento di una commissione del 30 per cento. Le politiche dello Stato contro la popolazione locale sono state le stesse per anni. A causa delle condizioni di guerra, questa politica è diventata molto più visibile ora. Gli attacchi alla frontiera sono condotti con lo scopo di intimidire le persone al confine ed gli abitanti nei villaggi di frontiera.

Sebbene lo Stato turco neghi, si sa più o meno che sostiene l'ISIS. Voi sostenete che lungo ol confine questo appoggio è ora ben visibile e non più nascosto. Come funziona?

M. D.: Lo Stato turco ha insistentemente negato il suo sostegno all'ISIS. Tuttavia, per ironia della sorte, mentre negava per l'ennesima volta, organizzava una nuova spedizione alla frontiera. Un numero notevole di queste spedizioni erano abbastanza imponenti da non passare inosservate. Per esempio: diversi veicoli trasportavano "imballaggi di assistenza" al confine. Siamo stati testimoni del fatto che decine di "veicoli di servizio" con le finestre nere hanno attraversato il confine. Nessuno si chiede realmente cosa c'è dentro questi veicoli. Sappiamo tutti che le esigenze dellISIS sono soddisfatte attraverso questo canale.

Qual è l'importanza storica ed attuale della resistenza a Kobanê e della rivoluzione nella Rojava per gli anarchici, specialmente di questi tempi?

A.Y.: La resistenza a Kobanê e la rivoluzione nella Rojava non devono essere considerate come qualcosa di separato dalla lunga storia di lotta per la libertà del popolo curdo. Nella terra in cui viviamo, la lotta del popolo curdo per la libertà è stata chiamata il "problema curdo". Per anni, è stato travisato come un problema creato dal popolo curdo e non dallo stato turco. Lo diciamo ancora una volta: questa è la lotta del popolo curdo per la libertà. L'unico problema allora è lo Stato. Il popolo curdo ha combattuto una lotta per l'esistenza contro la distruzione e la negazione politica della Repubblica di Turchia, per anni, e contro altri poteri politici in queste terre per centinaia di anni. Questa lotta contro lo Stato ed il capitalismo viene espressa dal potere organizzato del popolo. Nello slogan "Il PKK è il popolo, il popolo è qui", è chiaro di quale attore politico si sta parlando, come coinvolga ciascun individuo e di come questo potere è organizzato. Da quando abbiamo fondato la nostra analisi nelle lotte, in contesti diversi, il nostro rapporto con gli individui curdi e la società e l'organizzazione del popolo curdo, sono stati reciproca solidarietà. Noi basiamo questa relazione sulla prospettiva della lotta dei popoli per la libertà. Nella lotta dei popoli per la libertà, i movimenti anarchici sono sempre stati dei catalizzatori. In un'epoca in cui il socialismo non poteva uscire dall'Europa, quando non c'erano le teorie chiamate "diritto delle nazioni a scegliere il proprio destino", il movimento anarchico ha assunto diverse forme in diverse regioni del mondo come lotta del popolo per la libertà. Per capire questo, è sufficiente vedere l'influenza dell'anarchismo sulle lotte del popolo in una vasta gamma di contesti, dall'Indonesia al Messico. Inoltre, né la rivoluzione nella Rojava, né la lotta degli zapatisti in Chiapas si inseriscono nell'alveo delle classiche lotte nazionali per la libertà. La nazione come termine politico comporta ha ovviamente lo Stato per definizione. Pertanto, pur considerando la lotta dei popoli per apolidi auto-organizzazioni, abbiamo bisogno di mantenere le distanza dal concetto di "nazione". D'altra parte il nostro approccio non comporta paragoni o similitudini della resistenza a Kobanê con altri esempi storici. Al giorno d'oggi diversi gruppi menzionano diversi periodi storici e paragonano la Resistenza a Kobanê con queste istanze. Tuttavia, va detto che la Resistenza a Kobanê è un'esperienza in sè; ed anche la rivoluzione nella Rojava è una sperimentazione in sè. Se si vuole associare la rivoluzione nella Rojava, dove sono state create le basi per la rivoluzione sociale, ad altre sperimentazioni, si può allora indagare la rivoluzione sociale che è stata realizzata nella penisola iberica.

Sebbene la resistenza a Kobanê sia al di là dei confini turchi, ci sono manifestazioni di solidarietà in tutto il mondo. Quali possono essere gli effetti della resistenza a Kobanê - ed della rivoluzione nella Rojava, del resto - in particolare sull'Anatolia ma anche sul Medio Oriente a livello globale? Quali sono le vostre previsioni?

M. D.: Gli appelli alla serhildan (parola curda per rivolta) sono stati accolti in Anatolia, soprattutto nelle città del Kurdistan. A partire dalla prima notte (delle manifestazioni), tutti per le strade hanno salutato la resistenza a Kobanê e la rivoluzione nella Rojava contro le bande dell'ISIS e contro lo Stato turco, loro sostenitore. Soprattutto nelle città del Kurdistan, lo Stato ha attaccato la serhildan del popolo con la sua applicazione della legge e con l'intervento di paramilitari. Lo Stato con i suoi agenti della Hizbulkontra (un gioco di parole che collega le parole Hezbollah e Contra-TN) ha terrorizzato il Kurdistan e ucciso 43 dei nostri fratelli. Questi massacri sono un segno di quanto lo Stato turco tema la rivoluzione della Rojava e la possibilità che una tale rivoluzione potrebbe anche generalizzarsi nel suo territorio. Con questi attacchi alimentati dalla disperazione e dalla paura, lo Stato turco e il capitalismo globale eprimono un altro timore che è ovviamente relativo alla regione del Medio Oriente. In Medio Oriente, nonostante tutti i piani, le rapine e le violenze fabbricate, la rivoluzione sociale riesce comunque ad emergere. Questo ha incasinato tutti i piani del capitalismo globale e degli stati regionali. Si tratta di un tale sconvolgimento che, nonostante tutte le depravazioni, la rivoluzione sociale potrebbe affermarsi nella Rojava. Questa rivoluzione è la risposta a tutti i dubbi sul fatto se rivoluzione può accadere in questa regione e su scala globale. Ha rafforzato la fiducia nella rivoluzione specificamente per la gente di questa regione, ma anche su scala globale. Lo scopo di tutte le rivoluzioni sociali nella storia è stato quello di realizzare una rivoluzione socializzata a livello globale. In questa prospettiva abbiamo chiamato gruppi anarchici internazionali ad agire in solidarietà con la resistenza a Kobanê e con la rivoluzione nella Rojava. Con la nostra richiesta di solidarietà, gli anarchici di diverse parti del mondo, in Germania, ad Atene, a Bruxelles, ad Amsterdam, a Parigi ed a New York hanno fatto delle manifestazioni. Salutiamo ancora una volta ogni organizzazione anarchica che ha accolto il nostro appello con manifestazioni collegate al nostro appello, e coloro che sono rimasti qui con noi a far la guardia di frontiera e la catena umana.

Fin dai primi giorni dell'attacco dell'ISIS, i media di stato turchi hanno scritto che Kobanê sarebbe caduta. Dopo oltre un mese hanno capito che Kobanê non cadrà! Kobanê non è caduta e non cadrà. Noi come Meydan Newspaper, salutiamo la vostra solidarietà con Kobanê. Volete aggiungere qualcosa?

M. D.: Noi, come anarchici rivoluzionari, abbiamo visto, vissuto e stiamo ancora vivendo la invincibilità della fiducia nella rivoluzione, anche in circostanze di guerra nella nostra regione. Quello che sta accadendo in Rojava è una rivoluzione sociale! Questa rivoluzione sociale, in cui sono state abolite le frontiere e gli stati vengono resi impotenti, ha disturbato i piani del capitalismo globale e si generalizzerà anche nella nostra regione. Invitiamo ogni individuo oppresso a mettersi dal punto di vista degli oppressi. Con questa consapevolezza invitiamo tutti a sostenere la lotta organizzata per la rivoluzione sociale. Questo è l'unico modo per fertilizzare i semi che sono stati piantati in Rojava e vivere la rivoluzione sociale in regioni sempre più ampie. Viva la Resistenza a Kobanê! Viva la rivoluzione nella Rojava!


Traduzione a cura di Alternativa Libertaria/FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali.

Nota:

1. Il titolo si riferisce al mito di Kawa, il fabbro curdo che si ribellò all'invasore Daech, sovrano persiano.

Articolo pubblicato nel n°22 del giornale "Meydan".

Related Link: http://meydangazetesi.org/gundem/2014/10/devrimci-anarsist-faaliyet-ile-kobane-uzerine-roportaj-dehaklara-karsi-kawayiz/
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Neste 8 de Março, levantamos mais uma vez a nossa voz e os nossos punhos pela vida das mulheres!
© 2005-2020 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]