user preferences

New Events

Mashrek / Arabia / Irak

no event posted in the last week

Palestina-Israele: la lotta unitaria contro il progetto colonialista israeliano per lo sgombero dei palestinesi

category mashrek / arabia / irak | lotte sul territorio | cronaca author Tuesday September 23, 2014 16:51author by Ilan S. - Anarchists Against the Wall; Ainfos; Ahdutauthor email ilan.shalif at gmail dot comauthor address Tel Aviv Report this post to the editors

Report del 21.09.14

Nonostante il fallimento dell'ultimo attacco israeliano alla striscia di Gaza, non si fermano gli sforzi di Israele per sgomberare i palestinesi. L'affondamento di una nave di rifugiati con 450 persone a bordo principalmente di Gaza dimostra il parziale successo di Israele in questa politica di sgomberi che non si Ŕ mai fermata fin dal 1948. L'assedio di Gaza Ŕ tutt'uno con la pressione sui palestinesi, sia quelli dentro i confini del 1948 che del 1967. Pur avendo costretto ad andarsene grandi masse di palestinesi durante le guerre del 1948 e del 1967, Israele ha proseguito questa sua politica con tutti i mezzi possibili. [English]


La lotta unitaria contro il progetto colonialista israeliano per lo sgombero dei palestinesi


Araqeeb, Dahamsh (confini del 1948), Bil'in, Ma'sara, Nabi Saleh, Ni'lin, Qaddum, Sheikh Jarrah (Gerusalemme Est)

Nonostante il fallimento dell'ultimo attacco israeliano alla striscia di Gaza, non si fermano gli sforzi di Israele per sgomberare i palestinesi. L'affondamento di una nave di rifugiati con 450 persone a bordo principalmente di Gaza dimostra il parziale successo di Israele in questa politica di sgomberi che non si Ŕ mai fermata fin dal 1948. L'assedio di Gaza Ŕ tutt'uno con la pressione sui palestinesi, sia quelli dentro i confini del 1948 che del 1967. Pur avendo costretto ad andarsene grandi masse di palestinesi durante le guerre del 1948 e del 1967, Israele ha proseguito questa sua politica con tutti i mezzi possibili. Alcuni sono stati sgomberati con la forza, altri indotti sotto pressione ad un "trasferimento volontario". Dentro i confini del 1967, gli obiettivi di Israele sono i villaggi dei Beduini che vivono nell'area C dove la lotta unitaria resiste particolarmente sulle colline sud di Hebron. Intanto prosegue la lotta unitaria ad Araqeeb, Dahamsh (confini del 1948), a Bil'in, Ma'sara, Nabi Saleh, Ni'lin, Qaddum, Sheikh Jarrah (Gerusalemme est).

Bil'in

Venerdý 12.09.14:

6 Israeliani ed una dozzina di internazionali si sono uniti con i residenti nella riserva verde di Abu Lamun. GiÓ prima che il corteo partisse, le forze di stato israeliane avevano inondato le persone di gas lacrimogeni. In molti hanno aggirato la nuvola di gas camminando lungo il muro della separazione. Quando il vento Ŕ cambiato i gas non hanno fatto pi¨ effetto almeno fino a quando i mezzi militari non si sono avvicinati di pi¨ ai manifestanti. Sebbene non vi fosse in atto nessun corteo o manifestazione il comandante israeliano ha minacciato quelli che erano all'ingresso del villaggio di arrestarli per "manifestazione non autorizzata", pur non essendoci proprio nessuna manifestazione questo venerdý. In ogni caso, gli attivisti israeliani hanno pagato "dazio" per la loro presenza in Palestina.

Venerdý 19.09.14, due fasi della manifestazione in cui 15 israeliani, 20 internazionali si sono uniti agli attivisti locali nel querceto di Abu Lamun vicino al muro della separazione da cui far partire il corteo. Il luogo della manifestazione non era di gradimento per le forze di stato israeliane per cui ci hanno sommerso di gas costringendoci a ripiegare verso nord, ma non tanto lontano dal cancello del muro. Dopo un po' non gli andava bene nemmeno questo luogo perchÚ fuori dalla portata dei loro lacrimogeni per cui si sono avvicinati coi loro autoblindo sparando candelotti di lacrimogeni e proiettili ricoperti di gomma, fino ad arrestare tre di noi, uno per ogni nazionalitÓ. L'attivista palestinese Ŕ riuscito a scappare, mentre l'israeliano e l'internazionale sono stati portati in una stazione di polizia per essere "interrogati".

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10202800337910564
https://www.facebook.com/video.php?v=10202800354790986
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=644335245665811
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=644335192332483
https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/92806281...89480

Ma'sara

12.09.14, le forze israeliane hanno represso la manifestazione settimanale che si stava tenendo a sud di Betlemme. I partecipanti cantavano l'inno nazionale e sventolavano la bandiera palestinese in segno di resistenza alla apartheid che ha colpito le loro terre ed i loro villaggi.

https://www.facebook.com/PopularStruggle/photos/a.76752...18942
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.7242345676235...79704

19.09.14, al-Ma'sara, decine di attivisti del posto e di internazionali in coordinamento con i Comitati per la Resistenza Popolare hanno partecipato alla manifestazione settimanale contro il muro dell'apartheid e per cercare di raggiungere le terre confiscate. Le forze israeliane hanno occupato i tetti delle case e da lý hanno sparato candelotti di lacrimogeni e proiettili metallici ricoperti di gomma sui manifestanti per impedirgli di raggiungere le terre.

https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/92818276...44152
David Reeb: http://youtu.be/Q6_jm7sNO6I

Nabi Saleh

Venerdý 12.09.14 la manifestazione settimanale del venerdý a Nabi Saleh, guidata dal comitato popolare locale era dedicata a Gerusalemme (al-Quds) ed ai prigionieri politici. I manifestanti hanno ricordato i due martiri che sono stati uccisi questa settimana, il sedicenne Muhammad Sinokrot di Gerusalemme e Raed Ja'bari, un prigioniero politico che Ŕ stato picchiato e torturato a morte in un carcere israeliano.

"Manifestazione fin dal mattino con manifestanti sventolanti la bandiera palestinese in direzione del posto di blocco israeliano che chiude l'ingresso principale del villaggio.
L'esercito ha cercato di reprimere il corteo con raffiche di lacrimogeni e proiettili col risultato di decine di feriti non gravi."

https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/92460379...02049
TAMIMI PRESS: https://www.facebook.com/media/set/?set=a.8108778822900...62736
Haim Schwarczenberg: https://www.facebook.com/media/set/?set=a.6003917867471...50543
David Reeb: http://youtu.be/ghoOTbwIlkk

19.09.14, Nabi Saleh, una pacifica manifestazione settimanale Ŕ stata brutalmente repressa dalle forze israeliane, che hanno fatto cadere una pioggia di centinaia di candelotti lacrimogeni e di proiettili metallici ricoperti di gomma, provocando il soffocamento di molti manifestanti, tanto che Nariman al-Tamimi una nota attivista di Nabi Saleh Ŕ stata ricoverata in ospedale per trattamenti.

https://www.facebook.com/PopularStruggle/posts/92806860...88901
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.8140062153105...62736

Ni'lin

Venerdý 19.09.14 - giÓ prima che la manifestazione iniziasse, i soldati della polizia di confine si erano ammassati vicino al punto di concentramento. Senza preavviso e senza nessuna provocazione da parte dei manifestanti, le forze di occupazione hanno iniziato a caricare. Hanno usato massicce quantitÓ di gas. Tre soldati sono entrati di corsa nel villaggio e mi sono accorto ad un certo punto che cercavano me. Mi sono fermato e non ho resistito all'arresto. Solo dopo 4 ore si sono preoccupati di dirmi che ero accusato di aver violato l'ordinanza militare di zona militare chiusa. Sono rimasto in silenzio, mi sono rifiutato di dare un documento senza prima consultare un avvocato. Mi hanno rinchiuso con altri due simpatici manifestanti di Bil'in per essere poi rilasciati la stessa notte a condizione di non rimettere piede lý per i prossimi 15 giorni. Dal momento che nessuna ordinanza militare Ŕ stata scritta dopo il fatto, mi sono permesso di supporre che queste 6 foto che sono state fatte prima dell'arresto sono state fatte prima della validitÓ dell'ordinanza!

https://www.facebook.com/antinarrative/posts/3532130048...43168

Qaddum

Per la manifestazione settimanale contro l'occupazione, Ŕ stata tagliata l'energia elettrica nel villaggio durante la notte. 3.500 persone vivono senza elettricitÓ da pi¨ di un giorno e non si sa ancora bene se si tratta di un guasto o di un sabotaggio. Nel corso della manifestazione l'esercito ha sparato tonnellate di gas e di proiettili d'acciaio ricoperti di gomma su pi¨ di 200 manifestanti disarmati.

Amnon Lotan: https://www.facebook.com/amnonlotan/posts/10152703815237037
https://www.youtube.com/watch?v=DVGX2OT43H8

Lod

Attivisti israeliani protestano ancora una volta contro un'altra fiera-mercato di veicoli armati senza equipaggio nelle vicinanze dell'aereporto di Ben Gurion. Ben in alto cartelli con le foto delle distruzioni israeliane su Gaza con le parole "Prove della battaglia".

https://www.facebook.com/hamushim/posts/853495918028083

"Non dite che non lo sapevamo", n░419

Ecco come funziona: le autoritÓ israeliane vogliono creare un nuovo insediamento a Nu'eima, a nord di Gerico, per espellere i Beduini dall'area E1 (tra Gerusalemme ed l'insediamento coloniale di Ma'ale Adumim). Nel frattempo le abitazioni dei Beduini vengono demolite senza che ci sia pronta una soluzione alternativa e senza preavviso. Giovedý 28 agosto 2014, i soldati israeliani sono giunti nell'abitato beduino vicino al villaggio palestinese di A-Zayyim ad est di Gerusalemme, dove hanno demolito 5 abitazioni e tre ovili. 38 persone sono rimaste senza casa. Questa Ŕ la terza demolizione che l'esercito ha fatto in questo posto negli ultimi 2 anni.

"Non dite che non lo sapevamo", n░420

In un comunicato stampa l'AutoritÓ Israeliana per la Terra dice che ha demolito 7 abitazioni beduine nel Negev. Altre 18 case sono state demolite dagli stessi abitanti. La localitÓ delle demolizioni non Ŕ specificata. Gli ispettori dell'AutoritÓ in genere minacciano i Beduini che se non demoliscono da sÚ le loro case, ci penserÓ l'AutoritÓ Israeliana ed ai residenti verranno addebitati i costi della demolizione e la rimozione delle macerie. Qualcuno si intimorisce e butta gi¨ la propria casa.


Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Blog di Ahdut (UnitÓ - organizzazione comunista anarchica israeliana): http://unityispa.wordpress.com/
Documento politico di Ahdut sulla lotta palestinese: http://www.anarkismo.net/article/27038

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali
Sito in italiano su Anarchici Contro il Muro:

Related Link: http://www.fdca.it/wall
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Rojava: Mensaje urgente de un compa˝ero anarquista en Afrin

Front page

[Colombia] Perspectivas sobre la primera vuelta de las elecciones presidenciales de Colombia 2018

Call for Solidarity with our Russian Comrades!

8 reasons anarchists are voting Yes to Repeal the hated 8th

Comunicado de CGT sobre la Nakba, 70 a˝os de dolores para el Pueblo Palestino

[ZAD] Les expulsions ont commencÚ, la zad appelle Ó se mobiliser

Assassinato PolÝtico, Terrorismo de Estado: Marielle Franco, Presente!

La Huelga General del 8 de Marzo, un hito histˇrico

A intervenšŃo federal no Rio de Janeiro e o xadrez da classe dominante

Halklarla Savaşan Devletler Kaybedecek

Σχετικά με τον εμπρησμό

Ciao, Donato!

[Uruguay] Ante el homicidio de un militante sindical: Marcelo Silvera

[Argentina] Terrorista es el Estado: Comunicado ante el Informe Titulado "RAM"

[Catalunya] Continuisme o ruptura. Sobre les eleccions del 21D

Reconnaissance par Trump de JÚrusalem comme capitale d'IsraŰl : de l'huile sur le feu qui brűle la Palestine

Noi comunisti anarchici/libertari nella lotta di classe, nell'Europa del capitale

Luttons contre le harcŔlement et toutes les violences patriarcales !

The Old Man and the Coup

Hands off the anarchist movementá! Solidarity with the FAG and the anarchists in Brazilá!

URGENTE! Contra A CriminalizašŃo, Rodear De Solidariedade Aos Que Lutam!

íSantiago Maldonado Vive!

Catalunya como oportunidad (para el resto del estado)

La sangre de Llorente, Tumaco: masacre e infamia

Triem Lluitar, El 3 Dĺoctubre Totes I Tots A La Vaga General

ę 2005-2018 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]