user preferences

New Events

Grecia / Turchia / Cipro

no event posted in the last week

Turchia: il nostro dolore è il seme della nostra rabbia

category grecia / turchia / cipro | vari | opinione / analisi author Monday May 26, 2014 14:13author by Devrimci Anarşist Faaliyet - DAF - Azione Anarchica Rivoluzionaria Report this post to the editors

Comunicato di DAF sui minatori uccisi nella miniera di Soma dallo Stato

L'incendio che si è propagato nella miniera di carbone di Manisa-Soma il 13 maggio è uno dei più grandi massacri accaduti da queste parti. A causa dell'incendio, centinaia di minatori sono rimasti soffocati dall'alto livello di monossido di carbonio. Il numero dei minatori morti aumenta di ora in ora. Il ministro dell'energia, quello del lavoro ed il primo ministro hanno cercato di nascondere il vero numero dei morti mentre dichiaravano che "si era trattato di un increscioso incidente sul lavoro”. Il primo ministro ha dichiarato che “Questo tipo di incidenti potrebbe accadere in qualsiasi momento.” [Türkçe]

DAF1
DAF1


Il nostro dolore è il seme della nostra rabbia


L'incendio che si è propagato nella miniera di carbone di Manisa-Soma il 13 maggio è uno dei più grandi massacri accaduti da queste parti. A causa dell'incendio, centinaia i minatori sono rimasti soffocati dall'alto livello di monossido di carbonio. Il numero dei lavoratori morti aumenta di ora in ora. Il ministro dell'energia, quello del lavoro ed il primo ministro hanno cercato di nascondere il vero numero dei morti mentre dichiaravano che "si era trattato di un triste incidente sul lavoro”. Il primo ministro ha dichiarato che “Questo tipo di incidenti potrebbe accadere in qualsiasi momento”.

Mentre migliaia di persone stavano in attesa fuori della miniera, cercando di avere notizia sui loro parenti che si trovavano dentro, le ambulanze, i carri funebri e i camion-frigorifero intorno lasciavano presagire la gravità del massacro. Il numero dei minatori morti aumentava sempre di più: 78, 151, 245, 282…

E non è finita. I responsabili di questo massacro stanno cercando di legittimare le "morti" dicendo che si tratta di "destino". Ci sono proteste in tutto il paese. Le persone in strada hanno protestato dicendo che il destino non c'entra niente, che non è stato un incidente, ma un massacro di di cui sono responsabili lo Stato e gli imprenditori.

Il 14 maggio, la polizia ha attaccato le persone che stavano manifestanto contro gli autori del massacro. Lo Stato e le forze armate pensavano di poter impedire la rabbia popolare con i proiettili di plastica, i lacrimogeni o candelotti di gas. Ma chi era in strada urlava all'unisono: “Stato assassino”.

Esponenti dello Stato e delle compagnie dell'energia si dichiarano addolorati. Ma sono loro gli assassini che hanno costretto i minatori a lavorare a centinaia di metri sottoterra per potersi guadagnare il denaro per vivere. Sono loro gli assassini che hanno costretto i minatori a lavorare in condizioni tali per cui la morte diventa inevitabile.

Siamo addolorati per coloro che sono stati uccisi in miniera dai capitalisti e dallo Stato. Siamo in strada per esprimere la nostra rabbia contro questi assassini. Non è lutto, ma ribellione.

Il nostro dolore è la nostra rabbia!

Devrimci Anarşist Faaliyet

Azione Anarchica Rivoluzionaria - DAF

Related Link: http://anarsistfaaliyet.org

DAF2
DAF2

DAF3
DAF3

DAF4
DAF4

DAF5
DAF5

DAF6
DAF6

DAF7
DAF7

DAF8
DAF8

DAF9
DAF9

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
E

Front page

The party is haunting us again

[Colombia] Declaración Constitutiva de Acción Libertaria Estudiantil

Flora Tristán: precursora del feminismo y de la emancipación proletaria

Bil'in - 10 years of persistent joint struggle

In solidarity with the NO TAV struggle

Wave of arrests in Ireland as state tries to break water charges movement

Não se intimidar, não desmobilizar! Toda nossa solidariedade ao companheiro Vicente!

After the election of Syriza in Greece - Power is not in Parliament

[Chile] Movimiento Estudiantil: ¿En dónde debemos enfocar nuestros esfuerzos?

Je ne suis pas Charlie

México en llamas: raíces y perspectivas de una lucha que avanza y la crisis de un sistema político

Sobre la liberación de prisioneros y el restablecimiento de relaciones diplomáticas, por los gobiernos de Cuba y EE.UU.

No to Golden Dawn in Australia!

Abusos y arbitrariedad - retención de JOSÉ A. GUTIÉRREZ, en el bajo Caguán, Caquetá

Could a Revolution Happen in the US?

An Anarchist Communist Reply to ‘Rojava: An Anarcho-Syndicalist Perspective’

Lutar e vencer fora das urnas

In the Rubble of US Imperialism

Elementos da Conjuntura Eleitoral 2014

The experiment of West Kurdistan (Syrian Kurdistan) has proved that people can make changes

[Chile] EL FTEM promueve una serie de “jornadas de debate sindical”

Ukraine: Interview with a Donetsk anarchist

The present confrontation between the Zionist settler colonialist project in Palestine and the indigenous working people

Prisões e mais criminalização marcam o final da Copa do Mundo no Brasil

Grecia / Turchia / Cipro | Vari | it

Thu 02 Apr, 12:23

browse text browse image

textDichiarazione di un'impiegata di Marfin Bank sul tragico incendio 18:29 Thu 06 May by Un impiegato di Marfin Bank 0 comments

Dai media greci apprendiamo che tre impiegati di una banca di Atene sono rimasti uccisi a causa di un incendio appiccato dai manifestanti. Non si tratterebbe di un attacco attuato da gruppi di guerriglia, attivi nella distruzione dei luoghi del capitale ma non dei suoi lavoratori, bensì di un rogo scaturito dal lancio di molotov da parte dei manifestanti. Sono i primi morti in questa ondata di furia collettiva in risposta alle misure del governo, programmate per riparare a un fallimento del bilancio nazionale generato dai poteri finanziari e politici. Segue la dichiarazione tratta da http://www.occupiedlondon.org/blog/ - sito anarchico di riferimento per la traduzione in inglese delle lotte e delle azioni in Grecia. [English]

textTurchia: Modernizzazione, Autoritarismo ed Islam politico Jun 28 by Ender Yılmaz & José Antonio Gutiérrez D. 1 comments

Il seguente articolo sta per essere pubblicato sul n° 13 di "Red & Black Revolution" (rivista del Workers Solidarity Movement, Irlanda). Vi si esamina la recente evoluzione della società turca dopo il golpe del 1980, e l'incessante scontro tra i militari ed i partiti islamisti quale conflitto per l'egemonia interno a settori della borghesia turca.

textDichiarazione di un'impiegata di Marfin Bank sul tragico incendio May 06 0 comments

Dai media greci apprendiamo che tre impiegati di una banca di Atene sono rimasti uccisi a causa di un incendio appiccato dai manifestanti. Non si tratterebbe di un attacco attuato da gruppi di guerriglia, attivi nella distruzione dei luoghi del capitale ma non dei suoi lavoratori, bensì di un rogo scaturito dal lancio di molotov da parte dei manifestanti. Sono i primi morti in questa ondata di furia collettiva in risposta alle misure del governo, programmate per riparare a un fallimento del bilancio nazionale generato dai poteri finanziari e politici. Segue la dichiarazione tratta da http://www.occupiedlondon.org/blog/ - sito anarchico di riferimento per la traduzione in inglese delle lotte e delle azioni in Grecia. [English]

© 2005-2015 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]