user preferences

New Events

Internazionale

no event posted in the last week

Primo Maggio: costruire un nuovo movimento dei lavoratori e delle lavoratrici

category internazionale | lotte sindacali | comunicato stampa author Friday May 02, 2014 00:04author by Various anarchist organizations Report this post to the editors

Comunicato anarchico internazionalista

Per troppo tempo i maggiori segmenti della classe lavoratrice se ne sono stati dormienti nell'illusione che il mutamento potesse essere delegato ad organizzazioni esterne o ai partiti. Quando le nostre lotte cadono vittime delle burocrazie e vengono delegate ad altri, noi ne perdiamo la titolarità ed il controllo con la conseguente perdita di molte conquiste ottenute tramite esse. Una vittoria della classe lavoratrice è possibile solo se è la nostra classe a guidare le lotte alla vittoria. [English]

mayday1.jpg


Primo Maggio: costruire un nuovo movimento dei lavoratori e delle lavoratrici


Breve storia del Primo Maggio

Il Primo Maggio ricorda i martiri di Haymarket a Chicago. 127 anni fa questi anarchici di Chicago, che erano influenti organizzatori, portavoce e pubblicisti all'interno del movimento operaio di Chicago, contribuirono alle lotte del periodo, non solo per le 8 ore, ma anche per l'emancipazione sociale da tutte le forme di oppressione.

Le origini del Primo Maggio risalgono al 4 maggio 1886 in cui avvenne il massacro dell'Haymarket. Quella giornata iniziò con una memorabile manifestazione di lavoratori in sciopero che chiedevano le 8 ore, si esacerbò per una bomba lanciata da uno sconosciuto mentre la polizia disperdeva i pacifici manifestanti. Ci furono scontri a fuoco che portarono alla morte di 7 poliziotti e di 4 persone con un certo numero di feriti.

Otto anarchici vennero accusati di cospirazione nel corso del processo che seguì. Sebbene non ci fossero prove fondate che qualcuno degli 8 accusati avesse lanciato la bomba, sette di loro vennero condannati a morte ed uno a 15 anni di prigione. La condanna a morte di due dei condannati venne commutata in ergastolo ed un altro si suicidò prima dell'impiccagione. Gli altri 4 vennero impiccati l'11 novembre 1887. Nel 1893, il nuovo governatore dell'Illinois diede la grazia ai condannati rimasti e criticò l'infondatezza delle prove usate nel corso del processo.

Da allora, ricordiamo tutti coloro che hanno lottato, che si sono sacrificati e che sono morti per la difesa e per la vittoria della classe lavoratrice. Non solo i martiri dell'Haymarket, ma tutti coloro che sono venuti dopo.

Le condizioni attuali

Col sangue, il sudore, le lacrime e con dure battaglie, la classe lavoratrice ha continuato a lottare riuscendo a sfidare il capitalismo e lo Stato. Nonostante questi sforzi collettivi, le nostre piccole conquiste duramente ottenute sono sotto continui attacchi. Il peggioramento delle condizioni di lavoro, la crescente precarietà ed il lavoro sottopagato, la deindustrializzazione e la marginalità sono diventati la normalità. I governi, col pretesto della crisi hanno imposto, manovra dopo manovra, misure sociali di austerità in cui i tagli alla spesa pubblica ed ai servizi colpiscono i lavoratori e le famiglie mentre i più ricchi possono continuare a trarre profitti dal frutto del nostro lavoro.

Con l'emergere della xenofobia tramite la carta dei valori del Parti Québécois, i recenti successi del Front National in Francia, di Alba Dorata in Grecia fino all'emergere del fascismo in Ucraina, non ci deve sorprendere che in questi tempi di crisi, quando le fondamenta del capitalismo sono messe a dura prova, vengano fuori formazioni di destra per mistificare, confondere e dividere.

In aggiunta alla disperazione ed alla confusione, lo Stato ed i capitalisti coinvolgono i lavoratori in nuove guerre imperialiste nel Medio Oriente e nell'Europa Orientale, mentre prosegue inarrestabile una irresponsabile estrazione di risorse e di devastazione ambientale.

Le lotte di oggi e quelle di domani

Sebbene stiamo assistendo al continuo espandersi del capitalismo globale e dei suoi alleati fascisti, ogni giorno siamo testimoni di molteplici esempi di lotta che incoraggiano i lavoratori. In tutto il Nord America, vediamo studenti e lavoratori che sperimentano nuove forme di lotta, di organizzazione e di militanza. I popoli indigeni del Nord America sono impegnati in molteplici lotte e prendono posizione contro lo sviluppo capitalistico sulle loro terre. I clandestini negli USA sono protagonisti di azioni dirette per fermare le deportazioni e gli sgomberi. Nei quartieri di Seattle sono stati boicottati con successo i test aziendali obbligatori. Attraverso reti di solidarietà e centri di lavoratori, questi in molteplici città stanno prendendo posizione e reagendo al rampante furto del salario.

A livello internazionale, in Bosnia-Erzegovina, stiamo assistendo a lavoratori che, seppur tradizionalmente divisi dalla violenza settaria, si mettono insieme come classe per lottare contro l'austerità e la corruzione, usando la democrazia diretta e tattiche combattive per radunare tutti i segmenti della classe lavoratrice contro i suoi nemici. In tutta Europa, vediamo come l'antifascismo stia affrontando l'ondata di razzismo nelle strade. Negli ultimi giorni, in Cina ci sono lavoratori che stanno partecipando al più grande sciopero generale nella storia del paese. La Spagna, la Francia, la Grecia ed altri paesi europei sono attraversati dalle proteste contro l'austerity. In Bangladesh i lavoratori tessili con salari da fame stanno scioperando e contrastando la repressione per ottenere miglioramenti salariali.

Per un nuovo movimento dei lavoratori e delle lavoratrici

Per troppo tempo i maggiori segmenti della classe lavoratrice se ne sono stati dormienti nell'illusione che il mutamento potesse essere delegato ad organizzazioni esterne o ai partiti. Quando le nostre lotte cadono vittime delle burocrazie e vengono delegate ad altri, noi ne perdiamo la titolarità ed il controllo con la conseguente perdita di molte conquiste ottenute tramite esse. Una vittoria della classe lavoratrice è possibile solo se è la nostra classe a guidare le lotte alla vittoria.

Dalla battaglia per le 8 ore alle lotte degli ultimi anni sale forte la necessità di organizzarsi per contrastare la guerra scatenata contro i lavoratori in ogni paese. In queste lotte possiamo iniziare a scorgere un futuro alternativo e le sperimentazioni per giungervi. Un nuovo movimento dei lavoratori/trici deve essere organizzato su linee di classe, un movimento che non attende più che la soluzione alle disuguaglianze ed all'oppressione possa giungere dai politici e dai burocrati. Un movimento di lavoratori/trici organizzato autonomamente in organizzazioni sindacali e di territorio democratiche e conflittuali che sostituiscano le forme statali di sindacalismo e di lobbysmo socialdemocratico che hanno dominato e compromesso gran parte delle lotte degli ultimi decenni.

Questo nuovo movimento di lavoratori e lavoratrici dovrebbe allearsi con i movimenti di sostegni, quali quelli contro i tagli ai servizi sociali ed all'istruzione, quelli che cercano di proteggere l'ambiente e quei movimenti contro tutte le forme di oppressione e di disuguaglianza. Vediamo l'interconnessione di varie forme di oppressione quando facciamo queste lotte, insieme alla lotte contro l'espandersi della brutalità delle forze di polizia e delle incarcerazioni, la criminalizzazione dei poveri e dei clandestini, ed i continui attacchi alla libertà di riproduzione. Le lotte contro l'oppressione non hanno futuro senza la forza della classe lavoratrice e le lotte della classe lavoratrice non hanno futuro senza il riconoscimento che una ferita inferta ad uno è una ferita inferta a tutti e con il superamento all'interno della nostra classe di tutte le idee e le pratiche reazionarie.

Nonostante quanto tutto questo possa sembrare ancora in embrione o di piccole dimensioni, le lotte recenti hanno dimostrato che la vittoria della classe lavoratrice risiede nelle lotte gestite e controllate dai lavoratori stessi al di fuori dei partiti socialdemocratici o delle verticistiche attività di lobby, nei movimenti sociali di base autonomi ed autogestiti.

Portiamo un nuovo mondo

In quanto anarchici cerchiamo di portare avanti la battaglia delle idee e della sperimentazione di nuove forme di lotta. Dobbiamo anche stare all'interno dei movimenti di massa dei lavoratori, democratici, conflittuali ed autonomi, e laddove questi movimenti non ci siano, dobbiamo cercare di organizzarli.

Impegnandoci in queste lotte, costruiamo la necessaria esperienza, diamo inizio ai dibattiti necessari ed affrontiamo l'attuale austerità imposta dalle classi dominanti in barba alla legislazione civile ed a quella sul lavoro. Attraverso queste lotte, costruiamo ed accumuliamo la forza necessaria per difendere la nostra classe oggi mentre ereggiamo le fondamenta del futuro. Attraverso la lotta, noi in quanto classe, iniziamo ad immaginare e ad organizzarci per una società senza classe, a costruire una società senza il potere, senza il profitto ed il privilegio, in cui le persone nei luoghi di lavoro e nei quartieri possano decidere cosa e come lavorare.

Questo Primo Maggio, come tutti gli altri, è un appello a tutti i lavoratori per organaizzarsi contro lo sfruttamento quotidiano imposto dal capitalismo. Nello spirito di coloro che hanno lottato perla giornata di 8 ore, continuiamo a combattere per l'avanzamento ed il miglioramento delle condizioni della nostra classe mentre prepariamo e costruiamo la battaglia finale.

Per un movimento di lavoratori e lavoratrici autonomo e conflittuale!

1 Maggio 2014

Prairie Struggle Organization (Canada)
Workers Solidarity Movement (Irlanda)
Zabalaza Anarchist Communist Front (Sud Africa)
Organisation Socialiste Libertaire (Svizzera)
Federazione dei Comunisti Anarchici (Italia)
Workers Solidarity Alliance (USA)
Melbourne Anarchist Communist Group (Australia)
Collectif Communiste Libertaire-Bienne (Svizzera)


This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Issue #3 of the Newsletter of the Tokologo African Anarchist Collective

Front page

Elementos da Conjuntura Eleitoral 2014

The experiment of West Kurdistan (Syrian Kurdistan) has proved that people can make changes

[Chile] EL FTEM promueve una serie de “jornadas de debate sindical”

Ukraine: Interview with a Donetsk anarchist

The present confrontation between the Zionist settler colonialist project in Palestine and the indigenous working people

Prisões e mais criminalização marcam o final da Copa do Mundo no Brasil

An Anarchist Response to a Trotskyist Attack: Review of “An Introduction to Marxism and Anarchism” by Alan Woods (2011)

هەڵوێستی سەربەخۆی جەماوەر لە نێوان داعش و &

Contra a Copa e a Repressão: Somente a Luta e Organização!

Nota Pública de soldariedade e denúncia

Üzüntümüz Öfkemizin Tohumudur

Uruguay, ante la represión y el abuso policial

To vote or not to vote: Should it be a question?

Mayday: Building A New Workers Movement

Anarchist and international solidarity against Russian State repression

Argentina: Atentado y Amenazas contra militantes sociales de la FOB en Rosario, Santa Fe

Réponses anarchistes à la crise écologique

50 оттенков коричневого

A verdadeira face da violência!

The Battle for Burgos

Face à l’antisémitisme, pour l’autodéfense

Reflexiones en torno a los libertarios en Chile y la participación electoral

Mandela, the ANC and the 1994 Breakthrough: Anarchist / syndicalist reflections

Melissa Sepúlveda "Uno de los desafíos más importantes es mostrarnos como una alternativa real"

Internazionale | Lotte sindacali | Comunicato stampa | it

Wed 17 Sep, 17:33

browse text browse image

primomaggio.jpg imageIl Primo Maggio 23:11 Tue 30 Apr by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

La prima reazione delle/gli anarchici di Chicago alla proclamazione da parte della Federazione dei lavoratori negli Stati Uniti e in Canada, dello sciopero generale per le 8 ore di lavoro il 1 Maggio 1886 era stato di giudicarlo insufficiente. Ma si resero successivamente conto della necessità di sostenere lo sciopero, in quanto furono capaci di vedere nella lotta per le otto ore non solo una semplice riforma, ma una profonda discontinuità.

economy.jpg imageIncontro internazionale a Parigi del sindacalismo alternativo 19:12 Mon 22 Apr by Confederación General del Trabajo 0 comments

I sindacati riunitisi a Parigi hanno dichiarato che la crisi del sistema capitalista comporta conseguenze per il mondo intero. [Castellano]

masas.jpg imageIncontro a Parigi di organizzazioni sindacali di Africa, America, Asia ed Europa 17:06 Mon 25 Mar by Confederación General del Trabajo 0 comments

La Confederación General del Trabajo (Spagna), la Union Syndicale Solidaires (Francia) e la Central Sindical e Popular Conlutas (Brasile) hanno lanciato un invito internazionale a tutte le organizzazioni che si considerano parte del movimento sindacale conflittuale e che sentono la necesità di un cambiamento sociale per un meeting sindacale internazionale da tenersi a Parigi il 22-24 marzo allo scopo di lavorare verso il coordinamento del sindacalismo alternativo a livello internazionale. [Castellano]

re.jpg imageRafforzamento della Rete Europea dei Sindacati di base e alternativi 17:22 Tue 08 May by Rete europea dei sindacati di base e alternativii 0 comments

Le organizzazioni e i collettivi che costituiscono questa di rete di sindacalismo alternativo, di base e autogestionario, nata nel 2003, hanno culture e storie differenti. Il nostro incontro nasce da convergenze forti nella storia recente, da esperienze e da lotte comuni ma anche da tradizioni profondamente radicate nella storia del movimento operaio. Essa si basa su processi di pensiero, di percorsi strategici, di progetti divenuti comuni o per lo meno affini. Ma è soprattutto una risposta al particolare momento storico del capitalismo che dobbiamo affrontare, a questo cambiamento di grande ampiezza delle società capitaliste.

textNon tocca a noi pagare la loro crisi! 23:01 Thu 19 Feb by Appello sindacale internazionale 0 comments

Il movimento sindacale deve agire al di sopra delle frontiere per imporre un sistema alternativo a quello che sfrutta chi lavora, saccheggia i paesi sottosviluppati, pianifica a tavolino la carestia in gran parte del pianeta. Ovunque ci troviamo, sviluppiamo il conflitto sociale e costruiamo la resistenza comune!

textL'Unione Europea ed il nuovo ordine sociale 20:58 Mon 26 May by Confederación General de Trabajo 0 comments

Il 18 Ottobre 2007, a Lisbona, sono stati adottati dal Consiglio Europeo il nuovo Trattato (una sorta di mini-Trattato di ciò che un tempo era il Progetto di Costituzione Europea) ed una riforma dell'attuale Trattato scaturito da Nizza 2000. Contestualmente, il presidente della Commissione Europea ed il presidente di turno del Consiglio, hanno annunciato la firma di un lodo per l'accordo sulla flexicurity nell'Unione Europea, tra la CES (Confederazione dei Sindacati Europei) e gli imprenditori europei.

chicago_2.jpg image1 maggio 2008 23:52 Wed 30 Apr by FdCA - WSM - ZACF 1 comments

Per un nuovo movimento internazionale degli sfruttati,
Contro il neoliberismo, contro la guerra, contro la fame e la miseria,
Per la pace, per il cibo e la casa per tutti, per il lavoro sicuro e protetto,
Per l'alternativa libertaria! [ English ]

imageIl sindacalismo rivendicativo: dalla Spagna al Sud Africa al mondo del lavoro globale oggi Jul 25 by Lucien van der Walt 0 comments

Perché è importante sviluppare una nuova visione del ruolo trasformatore dei sindacati in un mondo di crisi e di disuguaglianze; i limiti del sindacalismo concertativo, degli approcci nazionalisti, di quelli marxisti-leninisti e social-democratici; e come l'anarcosindacalismo ed il sindacalismo rivoluzionario - in quanto importante tradizione storica, bagaglio di idee ed esperienza rivoluzionaria, soprattutto in Spagna nel 1936-1939 - possono contribuire al dibattito. [English]

imageLe cooperative operaie aiutano o ostacolano la costruzione di una società comunista libertaria? Jun 13 by Sean Matthews 1 comments

Le cooperative di lavoratori sono sempre state sostenute da settori della sinistra e del più ampio movimento operaio - a partire dalla loro difesa nel XIX secolo da parte del riformatore sociale e socialista utopista gallese Robert Owens nonché da parte di Proudhon fino al loro costituirsi in vari paesi a capitalismo di stato come Cuba. Se da un lato le cooperative ci danno un piccolo esempio della realizzazione delle idee anarchiche basate sull'autogestione, sulla democrazia diretta e sul mutuo appoggio, dall'altro non dovremmo chiudere gli occhi di fronte alle loro contraddizioni ed interrogarci sulla loro efficacia in una strategia per una vera trasformazione rivoluzionaria. [English]

textIl diritto di sciopero sotto attacco May 13 by Confederación General de Trabajo 0 comments

Secondo la Corte di Giustizia Europea, il diritto di sciopero viene meno a fronte del diritto alla libertà di implementazione (di una impresa) (Art. 43 del Trattato della UE) e al diritto alla libertà di fornire servizi.

textLa Direttiva Bolkestein Feb 10 by Laure Akai 1 comments

La legislazione che propellerà l'Agenda di Lisbona nel suo tentativo di imporre un modello economico più liberista sull'Europa ha già incontrato l'opposizione, ma resta ancora molta strada da fare se si vuole proporre delle strategie per la creazione di una società equa e libertaria.

imageIl Primo Maggio Apr 30 FdCA 0 comments

La prima reazione delle/gli anarchici di Chicago alla proclamazione da parte della Federazione dei lavoratori negli Stati Uniti e in Canada, dello sciopero generale per le 8 ore di lavoro il 1 Maggio 1886 era stato di giudicarlo insufficiente. Ma si resero successivamente conto della necessità di sostenere lo sciopero, in quanto furono capaci di vedere nella lotta per le otto ore non solo una semplice riforma, ma una profonda discontinuità.

imageIncontro internazionale a Parigi del sindacalismo alternativo Apr 22 CGT 0 comments

I sindacati riunitisi a Parigi hanno dichiarato che la crisi del sistema capitalista comporta conseguenze per il mondo intero. [Castellano]

imageIncontro a Parigi di organizzazioni sindacali di Africa, America, Asia ed Europa Mar 25 CGT 0 comments

La Confederación General del Trabajo (Spagna), la Union Syndicale Solidaires (Francia) e la Central Sindical e Popular Conlutas (Brasile) hanno lanciato un invito internazionale a tutte le organizzazioni che si considerano parte del movimento sindacale conflittuale e che sentono la necesità di un cambiamento sociale per un meeting sindacale internazionale da tenersi a Parigi il 22-24 marzo allo scopo di lavorare verso il coordinamento del sindacalismo alternativo a livello internazionale. [Castellano]

imageRafforzamento della Rete Europea dei Sindacati di base e alternativi May 08 0 comments

Le organizzazioni e i collettivi che costituiscono questa di rete di sindacalismo alternativo, di base e autogestionario, nata nel 2003, hanno culture e storie differenti. Il nostro incontro nasce da convergenze forti nella storia recente, da esperienze e da lotte comuni ma anche da tradizioni profondamente radicate nella storia del movimento operaio. Essa si basa su processi di pensiero, di percorsi strategici, di progetti divenuti comuni o per lo meno affini. Ma è soprattutto una risposta al particolare momento storico del capitalismo che dobbiamo affrontare, a questo cambiamento di grande ampiezza delle società capitaliste.

textNon tocca a noi pagare la loro crisi! Feb 19 0 comments

Il movimento sindacale deve agire al di sopra delle frontiere per imporre un sistema alternativo a quello che sfrutta chi lavora, saccheggia i paesi sottosviluppati, pianifica a tavolino la carestia in gran parte del pianeta. Ovunque ci troviamo, sviluppiamo il conflitto sociale e costruiamo la resistenza comune!

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]