user preferences

Brasile/Guyana/Suriname/Guiana francese - Evento comunista anarchico
Sunday January 19 2014
06:00 PM

Lotte sociali e Poder Popular in Brasile

category brasile/guyana/suriname/guiana francese | lotte sul territorio | evento comunista anarchico author Sunday January 19, 2014 14:32author by Federazione dei Comunisti Anarchici - FdCAauthor email fdca at fdca dot it Report this post to the editors

La Federazione dei Comunisti Anarchici presenta una serie di incontri con un compagno della Federação Anarquista do Rio de Janeiro (FARJ-CAB).

brasile.jpg


Lotte sociali e Poder Popular in Brasile


La Federazione dei Comunisti Anarchici presenta una serie di incontri con un compagno della Federação Anarquista do Rio de Janeiro (FARJ-CAB), organizzazione membro della rete internazionale Anarkismo e della Coordenação Anarquista Brasileira che raggruppa 9 organizzazioni anarchiche in altrettanti stati del Brasile. Il compagno parlerà delle lotte popolari, della campagna "tariffa zero", dei comitati di quartiere e della lotta di classe in un paese fortemente segnato dalle sue contraddizioni.

Sabato 18 gennaio a Reggio Emilia, alle ore 18.00
presso la Casa Bettola, Via Martiri della Bettola

Domenica 19 gennaio a Fano, alle ore 18.00
presso il Centro di Documentazione "Franco Salomone", Piazza Capuana 4

Martedì 21 gennaio a Foggia, alle ore 18.00
presso il Circolo Libera

Venerdì 24 gennaio a Bisceglie (BT)
presso il Circolo Open Source, v. Ruvo 127

Giovedì 30 gennaio a Condino (TN), alle ore 20,30
presso la Sala piano terra Municipio di Storo

Venerdì 31 gennaio a Pordenone
presso il Circolo Zapata

Sul sito www.fdca.it e su www.anarkismo.net è possibile consultare materiale tradotto in lingua italiana sulla situazione in Brasile.

Related Link: http://www.fdca.it
author by matteo iannaronepublication date Sat Jan 25, 2014 21:44Report this post to the editors

E' un compagno giovane e affabile Livio della Farj, lucido, pacato, ma non per questo poco combattivo, anzi: sa informare ed emozionare molto col suo accento sudamericano e il suo italiano mirabile, ma che colpisce dritto al cuore militante di ciascuno di noi, con la sua dialettica quasi "adulta", sicuramente da militante sincero e preparato ed immerso dalla testa ai piedi in quella realtà così "in crescita" e così ricca di contraddizioni quale è quella brasiliana. Quella realtà di cui ci racconta, quelle curiosità che ci svela, frammenti di lotta (e di repressione) vissuti direttamente sulla sua pelle (come quelli relativi alla grande giornata di mobilitazione di Giugno, giornata di manifestazione esplosiva e di massiccia e inattesa partecipazione) . Quegli espropri per una "occidentalizzazione" forzata e di facciata che colpisce la grande metropoli di Rio e non solo, che toglie spazi sociali e ricreativi, che favorisce le multinazionali a scapito del piccolo commercio degli ambulanti, che accresce le diseguaglianze (fulcro di questo processo i Mondiali di Calcio di Maggio, che Livio ci ha invitato a boicottare). Eravamo circa venticinque ad ascoltarlo, in assemblea. Per lo più c'erano generici militanti del movimento studentesco cittadino incuriositi da questo "personaggio" venuto da lontano, alcuni di loro anche un po' scettici, scettici che però si sono ricreduti non appena Livio è riuscito a gettarli nella sua realtà ed, inconsciamente, a farci capire quanto simile per alcuni versi (e quanto diversa per altri versi) sia rispetto alla nostra di realtà. Le domande sono state diverse: da "come si fa a non perdere il coraggio dopo una ondata repressiva" passando per "Lì esistono i neofascisti?"(la risposta è stata: "nì", non essendoci il mito mussoliniano lì il neofascismo corrisponde pressapoco a quello dei frangenti qualunquisti-reazionari) fino a quesiti più analitici e meno intimo-pratici come "E, restando sempre in America Latina, l'Uruguay è davvero un paradiso come dicono?" e lui si è mostrato esauriente e preparato. L'incontro di Foggia, dunque è stato nel complesso molto costruttivo, ha convinto, ha colpito tutti e dato a tutti qualcosa che resterà. Speriamo che questo qualcosa si converta in spunti utili alla prassi della lotta del nostro collettivo studentesco, collettivo in cui è già in corso un lavoro di "de-istituzionalizzazione" e radicalizzazione delle posizioni.
Matteo Iammarone

author by FdCA Fano/Pesaropublication date Sat Jan 25, 2014 21:46Report this post to the editors

Domenica 19 gennaio, presso il Centro Salomone, si è svolto l'incontro col compagno Livio Bosevi Rosa, esponente della FARJ-Federaçao Anarquista de Rio de Janeiro.
All'iniziativa, organizzata dalla FdCA di Fano/Pesaro hanno partecipato una ventina di persone, attivisti del movimento anarchico marchigiano, del sindacalismo e dell'associazionismo di base provenienti da Fano, Pesaro, Valcesano, Fabriano, con graditi ospiti da Torremaggiore (FG) e dall'Argentina.
Preceduto dalla proiezione di un video sulle mobilitazioni in Brasile del giugno 2013, il compagno Livio ha ripercorso la nascita del movimento, dalle iniziali lotte contro l'aumento dei biglietti dei trasporti urbani alle manifestazioni contro le politiche neoliberiste che stanno imponendo costi economici ed umani enormi per l'organizzazione dei Mondiali di Calcio e delle Olimpiadi.
Da S.Paolo a Porto Alegre a Rio de Janeiro, il movimento si è ampliato fino a toccare 300 centri urbani, ottenendo il blocco degli aumenti e facilitazioni per studenti e pendolari.
Livio si è poi soffermato sui movimenti sociali attivi in Brasile e sul ruolo politico dell'anarchismo organizzato especifista all'interno delle lotte, alla ricerca di una costante inserzione sociale per la costruzione del poder popular.
Il dibattito ha sollevato i temi del ruolo internazionale del Brasile quale paese economicamente trainante, della politica dei presidenti del PT al potere, tra intervento pubblico ed acquiscienza con le politiche neoliberiste, del supposto ruolo anti-imperialista del Brasile nel contesto americano ed internazionale, della repressione poliziesca e della militarizzazione delle favelas.
La serata è stata aperta e poi conclusa dal compagno pugliese Matteo Iannarone con la sua chitarra e le canzoni di lotta.
Il tour del compagno Livio per la FdCA, dopo Reggio Emilia e Fano, proseguirà con date in Puglia (Foggia e Bisceglie), in Trentino (Trento), Friuli (Pordenone), per concludersi in Sicilia (Palermo) il 4 febbraio.

 
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
E

Front page

The experiment of West Kurdistan (Syrian Kurdistan) has proved that people can make changes

[Chile] EL FTEM promueve una serie de “jornadas de debate sindical”

Ukraine: Interview with a Donetsk anarchist

The present confrontation between the Zionist settler colonialist project in Palestine and the indigenous working people

Prisões e mais criminalização marcam o final da Copa do Mundo no Brasil

An Anarchist Response to a Trotskyist Attack: Review of “An Introduction to Marxism and Anarchism” by Alan Woods (2011)

هەڵوێستی سەربەخۆی جەماوەر لە نێوان داعش و &

Contra a Copa e a Repressão: Somente a Luta e Organização!

Nota Pública de soldariedade e denúncia

Üzüntümüz Öfkemizin Tohumudur

Uruguay, ante la represión y el abuso policial

To vote or not to vote: Should it be a question?

Mayday: Building A New Workers Movement

Anarchist and international solidarity against Russian State repression

Argentina: Atentado y Amenazas contra militantes sociales de la FOB en Rosario, Santa Fe

Réponses anarchistes à la crise écologique

50 оттенков коричневого

A verdadeira face da violência!

The Battle for Burgos

Face à l’antisémitisme, pour l’autodéfense

Reflexiones en torno a los libertarios en Chile y la participación electoral

Mandela, the ANC and the 1994 Breakthrough: Anarchist / syndicalist reflections

Melissa Sepúlveda "Uno de los desafíos más importantes es mostrarnos como una alternativa real"

On Sectarianism

Brasile/Guyana/Suriname/Guiana francese | Lotte sul territorio | it

Tue 02 Sep, 19:46

browse text browse image

tropa_de_choque_em_sc3a3o_paulo_1.jpg imageContro i Mondiali e contro la repressione: seminare lotta e organizzazione! 14:50 Thu 26 Jun by Coordenação Anarquista Brasileira 0 comments

L'insieme di lotte e conflitti sindacali e sociali in corso nel paese prima e durante i Mondiali di Calcio tiene sotto pressione il governo federale, alcuni governi statali, municipi e padroni, generando una guerra dei nervi nei principali centri urbani del paese. [Português

cab.jpg imageCampagna "La protesta non è un crimine!" 05:18 Mon 23 Jun by Coletivo Anarquista Bandeira Negra 0 comments

L'anno scorso, le strade delle città del Brasile vennero attraversate da diverse manifestazioni. Rivendicazioni per il trasporto pubblico a tariffa zero, scioperi di diverse categorie che ruppero con le dirigenze sindacali burocratizzate e mobilitazioni contro i danni provocati dalla Copa do Mundo crearono uno scenario di delegittimazione e di rottura degli oppressi verso lo Stato ed il Capitale.

Occupando il Palácio Tiradentes, sede dell'Assemblea legislativa di Rio de Janeiro. imageLottare contro l'aumento delle tariffe con la forza e la volontà delle strade! 19:12 Tue 25 Jun by Federação Anarquista do Rio de Janeiro (FARJ) 0 comments

Chi trae profitto dall'aumento delle tarffe dei bus? Certamente i padroni delle compagnie dei bus chem oltre ad offrire uno scadente servizio di trasporto pubblico, sono totalmente esenti dalle tasse (PIS/PASEP e COFINS) grazie al governo federale. In altre parole, la compagnie dei bus godono di privilegi e possono aumentare le tariffe allo scopo di fare maggiori profitti... Ma i lavoratori, i disoccupati e gli studenti devono fare quotidianamente i conti con le terribili condizioni del trasporto pubblico a Rio de Janeiro e pure pagare di più! [Português]

http://www.anarkismo.net/attachments/jun2013/template_opinio_anarquista.gif imageScendere in piazza contro la destra ed il governo 15:39 Tue 25 Jun by Federação Anarquista Gaúcha 0 comments

La lunga notte di scontri del 17 giugno ha cambiato la situazione in Brasile ed ha ridimensionato le proteste sociali. Una simile massiccia mobilitazione di circa 1 milione di manifestanti in decine di grandi e più piccole città del paese non si verificava nella storia politica del Brasile dai tempi del "Fuori Collor" del 1992. C'è un prima e c'è un dopo quando compare sulla scena nazionale un nuovo soggetto storico collettivo che diventa nelle strade catalizzatore di una imponente forza sociale. [Português]

320709_142593575844419_2108682953_n.jpg imageResistere all'aumento delle tariffe! 16:43 Sun 23 Jun by Coletivo Anarquista Bandeira Negra 0 comments

Il paese è attraversato dalle manifestazioni e dalle lotte per il trasporto pubblico. Agli inizi della settimana, ci sono state manifestazioni di massa a Belo Horizonte, Rio de Janeiro, San Paolo ed in dozzine di altre città. La sede del Congresso a Brasilia è stata occupata dai manifestanti, come pure la sede dell'Assemblea Legislativa di Rio de Janeiro. Fino ad ora, Porto Alegre, Goiânia, Natal, Recife ed altre città sono già riuscite ad ottenere una riduzione delle tariffe, ma la le prospettive di vittoria sono vive in altre città. [Português]

28b5acabpeq_2.jpg imageAnarchismo e lotta contro gli aumenti nei trasporti 23:31 Wed 19 Jun by Coordenação Anarquista Brasileira 0 comments

Nei primi sei mesi del 2013, diverse mobilitazioni dal nord al sud del Brasile hanno dovuto misurarsi con la reazione conservatrice del governo, degli apparati repressivi e dei media. Dalle lotte in difesa dei trasporti pubblici nelle città più importanti, agli scioperi nei cantieri del PAC (Programma di Accelerazione della Crescita, ndt), fino alla resistenza delle popolazioni native indigene, tutte queste lotte sono oggetto di criminalizzazione nel paese che sarà sede della Coppa del Mondo. Stiamo vivendo uno dei momenti più duri della lotta di classe in Brasile. Il capitale internazionale avanza quotidianamente a grandi passi, sfruttando i lavoratori e le lavoratrici alla ricerca del profitto. [Português]

imageL'ira dell'elite contro il governo che organizza la loro Coppa del Mondo Jul 10 by BrunoL 0 comments

Scritto dopo il debutto della nazionale brasiliana e prima della fine delle qualificazioni - La Coppa del Mondo della FIFA viene considerata come uno dei più grandi eventi sportivi mondiali. Non c'è niente di strano se i dirigenti dell'istituzione guidata da Blatter proseguono nel fare cento richieste al paese che accoglie il torneo. Nella realtà i diritti fondamentali sono stati sospesi, proprio nel paese in cui c'è un governo "di sinistra". Peggio nel paese tropicale. [Castellano]

imageBreve analisi sugli ultimi eventi e sulle mobilitazioni sociali in Brasile Jul 01 by Federação Anarquista do Rio de Janeiro (FARJ) 0 comments

Le manifestazioni contro gli aumenti nei trasporti hanno scosso il paese ed hanno riportato nuovamente l'azione diretta nelle strade come paradigma di lotta. Hanno anche messo allo scoperto i limiti del governo e del neo-sviluppismo nel saper andare incontro alle aspirazioni dei giovani, dei settori precarizzati della classe lavoratrice e di altri gruppi sociali sfruttati. Le proteste generalizzate hanno ridato vita ad organismi, organizzazioni politiche, movimenti sociali e di lavoratori che hanno conseguito una vittoria significativa con la riduzione del costo dei biglietti in varie città. Anche se la vittoria è parziale ed i suoi frutti vengono manipolati dalle amministrazioni locali (nella maggioranza delle città, i Comuni sovvenzionano le imprese dei trasporti), le proteste in strada, le occupazioni dei viali e la paralisi delle città sono tornati ad essere strumenti di lotta di massa. [Português] [Castellano]

imageUna lettura socialista libertaria delle lotte che si schiudono in Brasile Jun 21 by Coletivo Mineiro Popular Anarquista 0 comments

Anche Belo Horizonte è tra le città protagoniste delle manifestazioni che si susseguono in Brasile in seguito alla decisione abusiva di aumentare le tariffe del trasporto pubblico, ed in solidarietà con la lotta che ha avuto inizio a San Paolo contro i mega-eventi della FIFA (Coppa delle Confederazioni e Coppa del Mondo). Tra il 13 e 17 giugno, vi si è svolto il convegno del COPAC (Comitato Popolare delle persone colpite dalla Coppa) e più di 60mila persone sono scese in strada nelle 2 grandi manifestazioni di sabato e lunedì, in una mobilitazione che non si vedeva da più di 20 anni. Le azioni sono durate più di 6 ore, occupando le corsie delle grandi arterie della città, occupando le strade in modo fermo, affrontando la violenta repressione da parte della polizia, formando giganteschi spazi occupati per folle di persone che non discutevano di altro se non della attuale situazione nello Stato e nel paese. [Português]

imageBattere l'aumento delle tariffe nelle strade, battere il riformismo nei movimenti sociali! Jun 21 by Coletivo Anarquista Luta de Classe 0 comments

La popolazione di almeno 28 città del Brasile è scesa in strada nelle ultime settimane per lottare contro i soprusi delle classi dominanti, che ora si manifestano con gli aumenti delle tariffe nel trasporto pubblico. Questo movimento é frutto di una insoddisfazione popolare che è andata crescendo nel tempo, generata dal modo in cui lo Stato organizza e mostra il suo reale carattere di classe: sempre dalla parte dei padroni e non dalla parte dei lavoratori. [Português]

imageContro i Mondiali e contro la repressione: seminare lotta e organizzazione! Jun 26 CAB 0 comments

L'insieme di lotte e conflitti sindacali e sociali in corso nel paese prima e durante i Mondiali di Calcio tiene sotto pressione il governo federale, alcuni governi statali, municipi e padroni, generando una guerra dei nervi nei principali centri urbani del paese. [Português

imageCampagna "La protesta non è un crimine!" Jun 23 membro della Coordenação Anarquista Brasileira 0 comments

L'anno scorso, le strade delle città del Brasile vennero attraversate da diverse manifestazioni. Rivendicazioni per il trasporto pubblico a tariffa zero, scioperi di diverse categorie che ruppero con le dirigenze sindacali burocratizzate e mobilitazioni contro i danni provocati dalla Copa do Mundo crearono uno scenario di delegittimazione e di rottura degli oppressi verso lo Stato ed il Capitale.

imageLottare contro l'aumento delle tariffe con la forza e la volontà delle strade! Jun 25 Membro della Coordenação Anarquista Brasileira (CAB) 0 comments

Chi trae profitto dall'aumento delle tarffe dei bus? Certamente i padroni delle compagnie dei bus chem oltre ad offrire uno scadente servizio di trasporto pubblico, sono totalmente esenti dalle tasse (PIS/PASEP e COFINS) grazie al governo federale. In altre parole, la compagnie dei bus godono di privilegi e possono aumentare le tariffe allo scopo di fare maggiori profitti... Ma i lavoratori, i disoccupati e gli studenti devono fare quotidianamente i conti con le terribili condizioni del trasporto pubblico a Rio de Janeiro e pure pagare di più! [Português]

imageScendere in piazza contro la destra ed il governo Jun 25 Membro della Coordenação Anarquista Brasileira (CAB) 0 comments

La lunga notte di scontri del 17 giugno ha cambiato la situazione in Brasile ed ha ridimensionato le proteste sociali. Una simile massiccia mobilitazione di circa 1 milione di manifestanti in decine di grandi e più piccole città del paese non si verificava nella storia politica del Brasile dai tempi del "Fuori Collor" del 1992. C'è un prima e c'è un dopo quando compare sulla scena nazionale un nuovo soggetto storico collettivo che diventa nelle strade catalizzatore di una imponente forza sociale. [Português]

imageResistere all'aumento delle tariffe! Jun 23 CABN-CAB 0 comments

Il paese è attraversato dalle manifestazioni e dalle lotte per il trasporto pubblico. Agli inizi della settimana, ci sono state manifestazioni di massa a Belo Horizonte, Rio de Janeiro, San Paolo ed in dozzine di altre città. La sede del Congresso a Brasilia è stata occupata dai manifestanti, come pure la sede dell'Assemblea Legislativa di Rio de Janeiro. Fino ad ora, Porto Alegre, Goiânia, Natal, Recife ed altre città sono già riuscite ad ottenere una riduzione delle tariffe, ma la le prospettive di vittoria sono vive in altre città. [Português]

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]