user preferences

New Events

Italia / Svizzera

no event posted in the last week
Recent articles by FdCA Sez. Luigi Fabbri di Roma
This author has not submitted any other articles.
Recent Articles about Italia / Svizzera Ambiente

Norcia: Terremoti e megasdotto Brindisi Minerbio May 11 17 by Alternativa Libertaria/FdCA

VELENI A NORD-EST Apr 25 17 by Gianni Sartori

IERI LA RIMAR, OGGI LA MITENI Apr 25 17 by Gianni Sartori

La prode Lanzillotta e i paladini delle privatizzazioni

category italia / svizzera | ambiente | comunicato stampa author Wednesday December 25, 2013 17:59author by FdCA Sez. Luigi Fabbri di Roma - Federazione dei Comunisti Anarchiciauthor email fdca at fdca dot it Report this post to the editors

In barba a tutti i referendum anti-privatizzazioni, nella commissione bilancio del Senato è stato votato un emendamento presentato dalla senatrice di Scelta Civica, Lanzillotta, riguardante il decreto “Salva-Roma”.
Questa modifica vincola le risorse per finanziare il bilancio di Roma alla privatizzazione, tranne che dell'ACEA, delle altre aziende pubbliche e alla possibilità di licenziamento per quelle in perdita.


La prode Lanzillotta e i paladini delle privatizzazioni


In barba a tutti i referendum anti-privatizzazioni, nella commissione bilancio del Senato è stato votato un emendamento presentato dalla senatrice di Scelta Civica, Lanzillotta, riguardante il decreto “Salva-Roma”.

Questa modifica vincola le risorse per finanziare il bilancio di Roma alla privatizzazione, tranne che dell'ACEA, delle altre aziende pubbliche e alla possibilità di licenziamento per quelle in perdita.

Ora non sappiamo quale sarà l’esito finale dei passaggi parlamentari, ma purtroppo chi grida o griderà allo scandalo o è in mala fede oppure non si rende conto della poca consistenza dell’istituzione referendaria nella democrazia capitalista. Se infatti i quesiti referendari non sono sostenuti da una reale forza di opposizione nei territori che pratichi l’azione diretta a sostegno degli stessi, gli speculatori capitalisti non perderanno tempo a riconquistare quel terreno solo formalmente perso con i risultati dell’ultimo referendum.

Specialmente in un periodo come questo dove, a causa delle ridotte possibilità di profitto, gli speculatori rivolgono le loro fameliche fauci capitaliste nei confronti dei beni comuni e delle risorse collettive.

Questa vicenda dimostra ancora una volta che per avere dei servizi pubblici efficienti e inattaccabili dagli speculatori c’è bisogno del controllo diretto degli organismi territoriali dei lavoratori e delle lavoratrici. La gestione pubblica, così come concepita dagli enti statali centrali e territoriali, non è sufficiente a garantire che le risorse collettive non cadano nelle mani del mercato capitalista, così come, d’altra parte, non è sufficiente a garantire che le aziende pubbliche non diventino terreno di pascolo della corruzione legata al mantenimento del potere dei partiti borghesi, così come non è sufficiente a impedire il connubio tra enti pubblici e imprese private nel perverso gioco delle tangenti legate alla sussidiarietà.

Questa vicenda dimostra ancora una volta, inoltre, che a difendere gli interessi immediati delle classi subalterne non possiamo delegare lo Stato e le sue diramazioni territoriali, così come non possiamo affidarci alla democrazia come la conosciamo, sia quella rappresentativa sia quella della pratica referendaria se non supportata dalla nostra azione diretta nei territori, che deve passare attraverso la nascita di forme organizzative orizzontali che esercitino un controllo e sviluppino vertenzialità con enti e gestori per smascherarne sprechi burocratici e metterne in evidenza la lontananza dalle esigenze reali delle classi sfruttate.

Solo il controllo diretto degli organismi territoriali dei produttori può impedire fenomeni come la “parentopoli” dell’ATAC; solo il controllo diretto dei lavoratori e delle lavoratrici può impedire spese inutili come quelle legate ad un numero spropositato del parco dirigenziale; solo il controllo diretto dei produttori può garantire una gestione razionale, socialmente ed ecologicamente etica delle risorse collettive.

Sezione "Luigi Fabbri" - Roma

Federazione dei Comunisti Anarchici

21 Dicembre 2013

Related Link: http://fdcaroma.blogspot.it/
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
¿Què està passant a Catalunya?

Front page

Catalunya como oportunidad (para el resto del estado)

La sangre de Llorente, Tumaco: masacre e infamia

Triem Lluitar, El 3 D’octubre Totes I Tots A La Vaga General

¿Què està passant a Catalunya?

Loi travail 2017 : Tout le pouvoir aux patrons !

En Allemagne et ailleurs, la répression ne nous fera pas taire !

El acuerdo en preparacion entre la Union Europea y Libia es un crimen de lesa humanidad

Mourn the Dead, Fight Like Hell for the Living

SAFTU: The tragedy and (hopefully not) the farce

Anarchism, Ethics and Justice: The Michael Schmidt Case

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]