user preferences

Recent articles by Prisma News
This author has not submitted any other articles.
Recent Articles about Italia / Svizzera Ambiente

La prode Lanzillotta e i paladini delle privatizzazioni Dec 25 13 by FdCA Sez. Luigi Fabbri di Roma

Appello NO MUOS, NO PONTE, NO TAV Mar 11 13 by Coordinamento regionale dei comitati NoMuos

Rischio sismico nelle strutture lavorative e nei territori Jan 28 13 by Francesco Aucone

“Torino-Lione da cancellare, esperimento di democrazia diretta”

category italia / svizzera | ambiente | intervista author Wednesday April 17, 2013 21:05author by Prisma News Report this post to the editors

Intervista con il geologo Francesco Aucone.

L’ultimo feedback in ordine di tempo sul TAV della Valle di Susa ci è giunto dalla visita che parlamentari e cittadini hanno fatto a Chiomonte, luogo del tunnel che serve come pre-opera in vista della galleria definitiva che collegherà Italia e Francia.

aucone.jpg

La circostanza ha posto in rilievo una ‘amabile’ contraddizione. E cioè che fino al giorno prima delle elezioni chi si fosse voluto recare sul cantiere e sindacare in merito all’opera sarebbe stato bollato come eversivo o reazionario e forse anche manganellato; 48 ore dopo il voto, invece, quel cittadino ha raggiunto il pieno diritto non solo di recarsi in zona ma addirittura di sindacare a piani polmoni contro la inutilità e la dannosità della linea-merci Torino-Lione, ovviamente evitandosi qualsiasi aggettivo punitivo. Mistero del calendario!

Francesco Aucone, romano, geologo indipendente: posso chiederle un giudizio su questa mia riflessione? Ma non mi dica che la colpa è tutta del calendario!

“D’accordo. Faccio leva allora sul dato economico e finanziario: siamo arrivati finalmente a prendere coscienza che si tratta di un’opera di impatto finanziario elevatissimo e insostenibile. Diciamo che quello che è andato in onda di recente in Valle è stato forse un modo ‘onorevole’ di prenderne atto e di uscirne… D’altra parte è vero sì che il Movimento5Stelle nel suo programma dice da sempre che la Torino-Lione è da cancellare e io credo che lo stesso esperimento della democrazia diretta sia un fenomeno da sottolineare, in quanto denota da parte della popolazione italiana chiari segnali in tal senso, ed è pur vero che ora in Parlamento vi è una rappresentanza diretta dei cittadini che adesso hanno il potere di dire NO alla Tav, ma non dimentichiamoci i venti anni di azione diretta dei valligiani, senza la quale non sarebbe pensabile alcuna conquista”.

Visto che parliamo di Val di Susa, che contatto ha lei con questa zona?

“Non è un contatto recente bensì datato. Negli Anni ’90 lavoravo al cantiere per l’autostrada A32 del Frejus. Stavo lì e facevo analisi del terreno, ero un giovane alle prime armi, timoroso dei grandi dirigenti che vedevo in giro. Di certo posso dire questo: le trivellazioni fatte in Valle di recente non hanno scoperto nulla che già non si sapesse. Proprio in concomitanza con i lavori dell’autostrada si fecero sondaggi e studi. Le conoscenze ci sono tutte: stupisce quindi che si sia continuato a scavare. Invece non credo sia una notizia sapere che alcuni dei dirigenti dell’epoca ebbero in seguito diversi guai con la giustizia…”.

Nel reportage dedicato da Prismanews al Tav e alla Valle piemontese, fra Susa e dintorni abbiamo incontrato chi ci ha parlato del danno ambientale prodotto dall’opera, con riferimento al milione di litri di acqua che uscirà dalle falde sotterranee. Cosa ci dice lei in proposito?

“Che vi sarà, se l’opera verrà portata a compimento, un enorme impatto idro-geologico. La geologia della valle è molto complessa, inizia circa 15-30 milioni di anni fa, con il sollevamento dell’intera area in seguito ad una fase dell’orogenesi alpina; contemporaneamente e successivamente al sollevamento entrano in gioco gli agenti erosivi, rappresentati specialmente dall’azione dei ghiacciai prima e dei corsi d’acqua poi, con conseguente doppia azione erosiva e di deposito, fino a dare alla valle la conformazione che ha oggi. Una testimonianza dell’azione dei ghiacciai è rappresentata ad esempio dalle parti di Avigliana, dove vi sono imponenti formazioni moreniche risalenti all’epoca dei ghiacciai…

Tutti questi sedimenti ospitano oggi una falda di importanza regionale utilizzata anche per scopi agricoli nonché potabili; l’opera prevista, stando agli ultimi piani di fattibilità, interagisce direttamente con questa falda attraversandola longitudinalmente e spesso ‘bucandola’ trasversalmente, con pesanti ed inevitabili ripercussioni sul suo bilancio idrico, mettendo in discussione i livelli dei pozzi, le portate delle sorgenti e quelle dei corsi d’acqua, ecc.”.

Fra l’altro è venuta fuori la storia dell’Uranio e dell’Amianto come materiali di risulta ad alto impatto.

“Verissimo. Il riferimento è sempre alla geologia della valle; le rocce sono composte o da litologie cristalline tipo i graniti (chi scava qui trova l’Uranio) o da rocce metamorfiche tipo i serpentini e le anfiboliti (e qui viene fuori l’Amianto). Mi ricollego a quanto ho detto a proposito degli scavi effettuati negli Anni ’90: all’epoca la posizione della scienza ufficiale era che tutto fosse noto visto che si era già proceduto alla costruzione di tunnel del genere in altre parti del mondo. Invece io sostengo che le informazioni che si hanno sono alquanto scarse e ciò impedisce di avere una mappatura completa circa la composizione delle rocce. Aggiunto: la stessa ARPA Piemonte aveva dei dati sperimentali che contraddicevano la scienza ufficiale”.

In che senso dati contradditori?

Ci aiuti a capire. “I rilevamenti, effettuati nell’estate dello scorso anno, avevano a oggetto la cittadina di Sauce d’Oulx. Si era misurata la quantità di amianto nell’aria e si era scoperto come essa fosse superiore alla norma. L’Arpa aveva rilevato che bastava addirittura una banalissima gara di mountain-bike - attenzione: biciclette, mica moto! - per sollevare pulviscolo contenente amianto; ciò perché è la natura del territorio ad essere particolare… immagini cosa accade quando i camion del movimento-terra vanno avanti e indietro lungo la Valle. Ecco, questo è un altro aspetto che non viene mai preso sufficientemente in esame. Per la scienza, infine, sei tipi di minerali sono considerati ‘amianti’: e in Val di Susa nel sottosuolo ne sono presenti ben tre”.

Ci sarebbe anche da chiedersi il come e il perché circa la gestione delle Grandi Opere in Italia, ma è argomento che esula dalla sue competenze, così come esula il fatto che i ¾ del costo del Tav siano a carico italiano nonostante i ¾ del tunnel siano in territorio francese. Invece vorrei domandarle cosa dicano le sue ricerche su quanto si dovrebbe realizzare - ma speriamo di no - in zona.

“Personalmente non ho dati specifici. Ma questo non mi impedisce di affermare che neppure coloro che sono impegnati a vario titolo nel cantiere ne abbiano; e la cosa che più mi mette addosso ansia è che costoro si facciano forti di parametri parziali proprio per portare la verità dalla propria parte e per smentire chi la pensa in modo diverso! Di inquinamento si dovrebbe parlare ad esempio tenendo conto delle resine colloidali che serviranno per consolidare il terreno e renderlo impermeabile. Altro esempio: l’Uranio. Uno dei prodotti del decadimento di tale elemento radioattivo è il Radon: quello presente nell’aria non è nocivo perché si disperde rapidamente ma quello che si sprigiona al chiuso no… Pensi a chi lavora dentro la galleria: alcuni esperti hanno stimato che, anche in presenza di modeste quantità di Uranio nella roccia, le concentrazioni di Radon che si formerebbero in galleria sarebbero talmente elevate, che per evitare danni alla salute si debba depurare l’aria ogni sessanta minuti!” .

A volte - accetti la mia provocazione - sarebbe quasi meglio che i soldi venissero regalati: girerebbero comunque, qualcuno si arricchirebbe sì ma almeno ma non si farebbe scempio né della Natura nè della salute dei cittadini!

“Ritorno agli sconvolgimenti di natura idro-geologica con cui abbiamo avviato la chiacchierata. Chi sta in Valle ha ragioni sacrosante, confermate da quanto accaduto tra Firenze e Bologna per la Variante di Valico. Lì vi sono state trasformazioni imponenti, decine tra corsi d’acqua, sorgenti, pozzi e acquedotti si sono prosciugati arrecando danno non solo alla bio-diversità del luogo ma anche all’economia. In Val di Susa c’è una falda acquifera, che se sarà sconvolta, si danneggerà anche irrimediabilmente il corso del fiume Dora. Anche perché il tunnel della Torino-Lione, come abbiamo già visto, passa al di sotto della falda, e nei pressi di Susa, secondo le ultime ipotesi di tracciato, addirittura la ‘buca’ trasversalmente. In questi termini non è difficile prevedere quali saranno le conseguenze disastrose sulle risorse idriche della valle…”.

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
E

Italia / Svizzera | Ambiente | it

Fri 25 Jul, 21:02

browse text browse image

textLa prode Lanzillotta e i paladini delle privatizzazioni 16:59 Wed 25 Dec by FdCA Sez. Luigi Fabbri di Roma 0 comments

In barba a tutti i referendum anti-privatizzazioni, nella commissione bilancio del Senato è stato votato un emendamento presentato dalla senatrice di Scelta Civica, Lanzillotta, riguardante il decreto “Salva-Roma”.
Questa modifica vincola le risorse per finanziare il bilancio di Roma alla privatizzazione, tranne che dell'ACEA, delle altre aziende pubbliche e alla possibilità di licenziamento per quelle in perdita.

ilva.jpg imageRete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori 05:15 Mon 28 Jan by Lia Didero 0 comments

Una cinquantina di attivisti hanno partecipato all'assemblea delle Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori ospitata nei locali dell'Unicobas di Roma, Si è trattato di un'assemblea in parte di formazione- grazie agli interventi di Gatti sulle nanopatologie, ovvero sulle patologie da particelle ultrasottili, e Aucone, sul rischio sismico, ma in cui la parte centrale, ovviamente, è stato però l'incontro con i tre delegati operai di Taranto, da anni , forse decenni, attivi sul fronte ILVA.

taranto.jpg imageTaranto libera! 15:34 Fri 28 Dec by Tulipanonero 0 comments

Il 15 Dicembre le strade di Taranto sono state protagoniste del Corteo “Taranto Libera” organizzato dal comitato15dicembre che raccoglie cittadini di Taranto e non, uniti per l’occasione.

senza_padroni.jpg imageLavorare senza padroni 19:56 Fri 30 Nov by FdCA - Fano/Pesaro 1 comments

La cooperazione nel XXI secolo

nomuos.jpg imageContro il MUOS, per una Sicilia terra di pace 17:04 Fri 05 Oct by Comitato No MUOS di Palermo 2 comments

Gli effetti del MUOS saranno quelli gravissimi di porre la "portaerei" Sicilia come base (e quindi obiettivo) di un eventuale conflitto nucleare e di aumentare l'inquinamento elettromagnetico nel raggio di decine di chilometri, con un seguito inevitabile di malformazioni infantili e tumori per gli abitanti della Sicilia sud-orientale. Inoltre, la realizzazione del MUOS distruggerà l'economia del territorio (agricoltura, allevamenti, turismo, ecc.) e limiterà drasticamente la mobilità dei siciliani pregiudicando l'attività degli scali aerei (Comiso, Fontanarossa, Punta Raisi, Trapani-Birgi) già ampiamente danneggiati dalle servitù militari.

re.jpg imageSolidarietà ai No Tav italiani 20:26 Thu 05 Apr by Rete Europea dei sindacati alternativi e di base 0 comments

Documento proposto da USI - Unione Sindacale Italiana ed approvato al Congresso della Rete europea del sindacalismo alternativo e di base

tav.jpg imageNo TAV! e beni collettivi 23:28 Sat 02 Jul by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Sappiamo tutti che l'opera va iniziata per arricchire la solita casta industriale italiana, col beneplacito e l'appoggio, ovviamente interessato, dell'apparato legislativo ed esecutivo dello Stato e con la scontata violenza delle forze di repressione, naturali diramazioni dell'oligarchia dei poteri economico e politico.

ref0611.jpg imageUna boccata d'ossigeno popolare 15:54 Wed 15 Jun by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

Non abbiamo smesso di lottare prima e durante la campagna referendaria. A maggior ragione non smetteremo ora. A modo nostro, da comunisti anarchici, dal basso, costruendo rapporti di forza alla base, sedimentando coscienza di ciò che ci appartiene e di ciò che vogliamo come lavoratori e come classi popolari. [English]

textE' nato l'Ecolab: laboratorio di analisi ambientali 22:36 Fri 29 Apr by Ecolab 0 comments

L'Ecolab nasce dalle necessità di alcuni coltivatori del Connettivo terra/Terra, associazione che trova in questo centro sociale una delle sedi di contatto e scambio con le realtà cittadine. Necessità che hanno fatto incontrare persone già operanti sul territorio in qualità di tecnici e interessate alle tematiche ecologiche.

acqua.jpg imagePer la difesa del bene comune acqua 16:44 Thu 02 Dec by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

La Federazione dei Comunisti Anarchici appoggia tutte le iniziative in favore della difesa dell'acqua pubblica, così come i suoi militanti hanno partecipato alla campagna referendaria promossa dal "Forum Acqua Bene Comune" che ha raccolto l'adesione di 1.400.000 firme, grazie all'impegno nato dal basso di migliaia di cittadini e cittadine comuni. [English] [Ελληνικά]

more >>

textRischio sismico nelle strutture lavorative e nei territori Jan 28 by Francesco Aucone 0 comments

Testo dell'intervento fatto durante l'Assemblea della Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori tenutasi a Roma il 25 gennaio 2013.

textPaternalismo sismico Nov 16 by GdL Energia e Ambiente FdCA 0 comments

La sentenza relativa al terremoto de L'Aquila del 2009, che ha condannato in primo grado la Commissione Grandi Rischi, ha fatto molto scalpore specialmente nella comunità scientifica nazionale e internazionale. Non siamo, per indole, dalla parte dei magistrati ma riteniamo tuttavia importante fare chiarezza su come tale vicenda sia vissuta a livello mediatico.

textIl ruolo delle attività di perforazione ed estrazione di idrocarburi nella sequenza sismica emiliana Jun 07 by Zat 0 comments

Una delle ipotesi che si è fatta strada sull'origine dei terremoti che stanno interessando l'Emilia Romagna in questo ultimo periodo, attribuirebbe alle attività legate all'estrazione degli idrocarburi, la responsabilità di aver provocato le varie scosse simiche, alcune delle quali, ricordiamolo, hanno avuto una Magnitudo locale superiore a 5. Non che voglia difendere i famelici vampiri delle multinazionali energetiche, ma quando si trattano certi fenomeni bisognerebbe avere un'idea delle grandezze che entrano in gioco.

textSciacalli sismici May 30 by Zat 0 comments

In questo bel paese abbiamo assistito al fatto che anche edifici costruiti in periodi dove le normative antisismiche esistevano (e questo è il caso dei capannoni industriali emiliani), hanno subito danni fino al collasso strutturale, con tutte le conseguenze del caso. E questo perché le norme tecniche vengono spesso ignorate a favore di un plus-guadagno palazzinaro con le complicità di tecnici e amministratori compiacenti e com-guadagnanti, un intero blocco sociale pubblico-privato dedito al guadagno a discapito della sicurezza del costruito e delle vite da esso custodite.

imageDai referendum all'autogestione delle risorse collettive Jun 08 by Consiglio dei Delegati dell'FdCA 0 comments

Di fronte quindi ai due quesiti referendari in difesa della gestione pubblica delle risorse idriche, promossi dal Forum Nazionale in difesa dell'acqua pubblica, ci poniamo il raggiungimento di due obbiettivi. Uno immediato, riguardante l'ottenibile in termini odierni di migliori condizioni di vita per gli sfruttati, ossia il respingimento dell'offensiva capital-liberista, mediante l'appoggio attivo dei nostri e nostre militanti alla campagna referendaria. Ed uno strategico, propagandando, contemporaneamente al lavoro di appoggio referendario dei comitati territoriali, dentro quella parte di popolazione sfruttata a cui apparteniamo, le ragioni e l'irrinunciabilità dell'autogestione.

more >>

textLa prode Lanzillotta e i paladini delle privatizzazioni Dec 25 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

In barba a tutti i referendum anti-privatizzazioni, nella commissione bilancio del Senato è stato votato un emendamento presentato dalla senatrice di Scelta Civica, Lanzillotta, riguardante il decreto “Salva-Roma”.
Questa modifica vincola le risorse per finanziare il bilancio di Roma alla privatizzazione, tranne che dell'ACEA, delle altre aziende pubbliche e alla possibilità di licenziamento per quelle in perdita.

imageLavorare senza padroni Nov 30 1 comments

La cooperazione nel XXI secolo

imageContro il MUOS, per una Sicilia terra di pace Oct 05 2 comments

Gli effetti del MUOS saranno quelli gravissimi di porre la "portaerei" Sicilia come base (e quindi obiettivo) di un eventuale conflitto nucleare e di aumentare l'inquinamento elettromagnetico nel raggio di decine di chilometri, con un seguito inevitabile di malformazioni infantili e tumori per gli abitanti della Sicilia sud-orientale. Inoltre, la realizzazione del MUOS distruggerà l'economia del territorio (agricoltura, allevamenti, turismo, ecc.) e limiterà drasticamente la mobilità dei siciliani pregiudicando l'attività degli scali aerei (Comiso, Fontanarossa, Punta Raisi, Trapani-Birgi) già ampiamente danneggiati dalle servitù militari.

imageSolidarietà ai No Tav italiani Apr 05 0 comments

Documento proposto da USI - Unione Sindacale Italiana ed approvato al Congresso della Rete europea del sindacalismo alternativo e di base

imageNo TAV! e beni collettivi Jul 02 FdCA 0 comments

Sappiamo tutti che l'opera va iniziata per arricchire la solita casta industriale italiana, col beneplacito e l'appoggio, ovviamente interessato, dell'apparato legislativo ed esecutivo dello Stato e con la scontata violenza delle forze di repressione, naturali diramazioni dell'oligarchia dei poteri economico e politico.

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]