user preferences

Il significato rimosso dell'8 marzo

category internazionale | storia | stampa non anarchica author Friday March 08, 2013 16:37author by Lucio Garofalo Report this post to the editors

Come ogni anno il giorno dell’8 marzo si ripete stancamente la festa della donna, che ripropone liturgie e modalità rituali e gestuali di segno edonistico commerciale, frutto di un processo di svuotamento, di rimozione o travisamento del valore più autentico dell’idea originaria, del senso più antico e profondo di una festa laica come l’8 marzo. Il valore storico di una ricorrenza, laica o religiosa che sia, se non è stato definitivamente azzerato o frainteso, rappresenta semplicemente la cornice esteriore, banalizzata e volgarizzata, mentre ciò che conta è il primato della merce, la prassi standardizzata che annienta e svilisce ogni capacità di giudizio critico, alienando l’esistenza delle persone.

Nella società consumista tali ricorrenze costituiscono una serie interminabile di consuetudini esclusivamente commerciali, prive di ogni valore se non quello effimero e pletorico riferito alla più stolta e volgare mercificazione e all’estrazione del plusvalore privato. Si tratta di una sequenza monotona e reiterata di cerimonie ridotte a gesti ripetitivi, consunti e abitudinari che sanciscono la supremazia del mercato e della logica del profitto, l’affermazione del cretinismo di massa, rituali che si ripetono con l’acquisto di regali, la consumazione del pranzo o del cenone, l’alienazione del ballo e dello sballo. E’ il trionfo del conformismo di massa, dell’intorpidimento delle coscienze all’insegna della sfrenatezza e della frivolezza assoluta, nell’esaltazione del disimpegno e del riflusso nella sfera egoistica, in una dimensione futile e meschina dell’individualismo borghese.

Soffermiamoci a riflettere sul significato, ormai rimosso, dell’8 marzo. Mi riferisco al senso politico e sociale che diede luogo a tale manifestazione, non a caso introdotta nell’habitat socialista, sul terreno delle lotte e delle istanze del movimento operaio internazionale grazie ad un’idea di Rosa Luxemburg e Clara Zetkin, due donne di grande pensiero e personalità che furono militanti comuniste del proletariato rivoluzionario.

Non è superflua una breve ricostruzione storica della “Giornata internazionale della donna” per cogliere il simbolo originario che nel tempo è stato smarrito o derubricato.

Durante il VII Congresso della Seconda Internazionale nel 1907, a cui parteciparono delegati provenienti da varie nazioni, tra cui i massimi dirigenti socialisti dell’epoca come Rosa Luxemburg e Lenin, si discusse anche della rivendicazione del suffragio universale esteso alle donne. Su questo tema il Congresso votò una mozione in cui i partiti socialisti si impegnavano per l’applicazione del suffragio universale femminile. La prima “Giornata della donna” fu celebrata ufficialmente negli Stati Uniti il 28 febbraio 1909, mentre in alcuni paesi europei si tenne per la prima volta il 19 marzo 1911 su indicazione di Clara Zetkin. Le manifestazioni furono interrotte dallo scoppio della Prima guerra mondiale finché l’8 marzo 1917 nella capitale russa le donne guidarono un’imponente manifestazione per chiedere la fine del conflitto. In tal modo l’8 marzo del 1917 sancì l’inizio della Rivoluzione bolscevica in Russia. Per stabilire un giorno comune a tutte le nazioni, nel 1921 la Conferenza internazionale delle donne comuniste decise che l’8 marzo si celebrasse la “Giornata internazionale dell'operaia”. Tenendo presente le ragioni e gli avvenimenti che ispirarono l’istituzione di questa giornata di lotta, occorre rilanciare con forza l’idea che l’emancipazione femminile sarà universalmente possibile ed attuabile solo in una società completamente affrancata dal bisogno e dallo sfruttamento materiale dell’uomo (e quindi della donna), vale a dire in una società di liberi e uguali, in un sistema che sia effettivamente libero e comunista.

La festa della donna, così come venne concepita cent’anni fa, è oggi completamente pleonastica e priva di senso, ridotta ad un cerimoniale vuoto, è la conferma inequivocabile del trionfo del Moloch capitalista, l’esaltazione della religione mercantilista e delle sue liturgie sociali, l’estasi del dio denaro e del feticismo della merce, un culto massificato che celebra l’apoteosi dell’edonismo più arido e dissennato.

Il capitalismo è ancora nella condizione di esercitare un potere ideologico e mentale in grado di assorbire e neutralizzare ogni istanza di cambiamento, ogni desiderio di rivolta, annichilendo l’idea più audace e sovversiva, vanificando il movimento più rivoluzionario.

Insomma, il sistema consumista di massa incarna oggi il vero totalitarismo fascista, un mostro onnivoro in grado di divorare tutto, come scriveva “profeticamente” Pasolini.

Lucio Garofalo

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Con Lucha Y Organización Fortalecemos La Resistencia

Algunas reflexiones en torno al poder y la institucionalidad a 80 años de la Revolución Española

80 aniversari de la insurrecció obrera i popular i de la revolució social

80 anni fa la rivoluzione comunista libertaria in Spagna

De los comités de defensa al análisis de los órganos de poder

The Coup in Turkey: Tyranny against tyranny does not make freedom

Greve, Piquete, Marcha e Ocupação! Educadores e Estudantes unidos pela Educação!

Making sense of the Brexit tide of reaction and the reality of the racist vote

[Colombia] Ante el acuerdo de cese al fuego bilateral y definitivo entre el gobierno colombiano y las FARC-EP

Coyuntura Política en Venezuela: Crisis, Tendencias y el Desafío de la Independencia de Clase

Orlando means fightback

Palestinian workers in Israel: between scylla and charybdis

A Socialist On City Council: A Look At The Career Of Kshama Sawant

Élargir la lutte et généraliser la grève pour gagner

Carta de Fundação OAZ

[Colombia] Documento de Formación: Análisis de Coyuntura 2015-2016

La NATO contro i Curdi: la Battaglia per A'zaz

Feminists in Ireland Say No To Pegida

Posició de Embat sobre el nou govern de la Generalitat i el procés constituent

A 120 años de su natalicio: la pluma rebelde de Manuel Rojas

Anarkismo.net wishes you all a 2016 of solidarity and resistance

Migranti e profughi

Luta e Organização na Ocupação das Escolas em São Paulo

FAG, 20 anos a enraizar anarquismo

Internazionale | Storia | it

Tue 26 Jul, 18:22

browse text browse image

Sorry, no stories matched your search, maybe try again with different settings.

imagePrime note sull'Egitto Feb 10 by Jan Makandal 0 comments

Troppo spesso tutti noi a sinistra ci mettiamo ad analizzare prematuramente una realtà oggettiva sulla base di quello che vediamo come se fosse espressione di una contraddizione interna, senza investigare a tutto campo, comprendere od acquisire tutti i fattori interni, anche a livello di conoscenza su base percettiva. [English]

Sorry, no press releases matched your search, maybe try again with different settings.
© 2005-2016 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]