user preferences

Recent articles by Comitato No TAV Lavis
This author has not submitted any other articles.
Recent Articles about Italia / Svizzera Lotte sul territorio

Una sola grande opera: casa e reddito per tutti Feb 21 14 by FdCA - Fano/Pesaro

Azione di Forza Feb 10 14 by FdCA - Fano/Pesaro

Pesaro 18 ottobre: sciopero sociale Oct 19 13 by FdCA - Fano/Pesaro

La minaccia del progetto TAV in Trentino è sempre attuale

category italia / svizzera | lotte sul territorio | stampa non anarchica author Monday February 18, 2013 18:55author by Comitato No TAV Lavis - Comitato No TAV Mamme Marco Report this post to the editors

E ancora arresti contro i movimenti No TAV

Del progetto di costruire tra Verona e Innsbruck una nuova linea ferroviaria ad alta velocità la Provincia di Trento e la stampa parlano il meno possibile in questo periodo, sperando di far passare inosservate le decisioni che continuano a promuoverlo.

Ma la vigilanza di chi si oppone non conosce pause.

Da fine 2009 attendono l’approvazione del CIPE – tra l’altro – il progetto preliminare della circonvallazione ferroviaria di Trento e Rovereto e gli studi di fattibilità delle tratte Nord verso l’Alto Adige e Sud verso il Veneto, tutti elementi essenziali della nuova linea; su questi la Provincia ha espresso parere favorevole dopo una consultazione solo formale dei Comuni interessati e senza la condivisione delle popolazioni coinvolte. L’approvazione può giungere all’improvviso, con l’effetto di far avviare subito i cantieri per i sondaggi geognostici, i cunicoli esplorativi e altre opere accessorie.

Le iniziative dei promotori e le intimidazioni che investono il movimento trentino No TAV sono segnali significativi cui rispondiamo rilanciando l’informazione e la mobilitazione.

L’Unione Europea sta per approvare la nuova strategia 2014-2020… per gli interventi e i finanziamenti europei sulle grandi infrastrutture di comunicazione: il progetto sull’asse del Brennero – su pressione dell’Italia (non è l’Europa che lo impone) – è confermato tra le priorità più alte, insieme alla possibilità che il cofinanziamento UE oltrepassi l’attuale 27%.

Con la legge di stabilità 2013 il Parlamento italiano ha stanziato 600 milioni per il 2013 e 100 milioni per il 2014-2015 per gli investimenti nelle infrastrutture ferroviarie, con priorità sui progetti compresi nei corridoi strategici europei (come il Brennero) e per i quali sono stati approvati lotti costruttivi del progetto definitivo (la parte di progetto definita in Alto Adige ne prevede ben 3 su 7 in tutta Italia).

Le Province autonome si impegnano a loro volta in modo diretto e – mentre continuano a sostenere acriticamente l’opera – impegnano risorse proprie per progettare le tratte restanti (la Provincia di Trento ha sostenuto quasi tutta la progettazione dell’opera in Trentino con più di 1,5 mllioni) e per pagare le opere di compensazione ai Comuni (la Provincia di Bolzano ha appena approvato un piano per 47 milioni di interventi).

Il 27 febbraio 2013 – esattamente un anno dopo che Luca Abbà, pressato dalla polizia, è “stato fatto cadere” dal traliccio su cui si era arrampicato per resistere allo sgombero del presidio No TAV a Chiomonte in Valsusa – riprende a Trento il processo contro gli anarchici accusati di associazione sovversiva anche per aver partecipato ad iniziative contro i progetti TAV in Italia.

Questo processo si aggiunge a tutti gli altri interventi repressivi in corso contro l’opposizione No TAV, attaccata specialmente quando contrasta il progetto TAV in Valsusa e quando si può provare a farla coincidere con i gruppi anarchici. Basta ricordare, tra gli ultimi: a) arresti domiciliari e avvisi di garanzia per l’allontanamento da una zona della Valsusa di una troupe di “Corriere.tv” che il 29.2.2012 faceva riprese senza permesso; b) perquisizioni, arresti e altre misure cautelari per l’occupazione dimostrativa (24.8.2012) degli uffici torinesi dello studio di progettazione Geostudio, impegnato attraverso Geovalsusa in progettazioni per il cunicolo esplorativo a Chiomonte, cui si aggiungono gli altri arresti domiciliari del 29.1.2013 (uno in Trentino); c) smantellamento del presidio Notav davanti al cancello 1 de l cantiere a Chiomonte (29.11.2012) con il pretesto di costruzione abusiva e violazione di norme di sicurezza.

Anche chi può non condividere i contenuti di qualche singola iniziativa vede benissimo che lo Stato e i suoi apparati si muovono per cercare di impaurire tutti gli oppositori al TAV, di qualunque appartenenza, e per alimentare nei loro confronti un clima di diffidenza e di lontananza.

Il movimento trentino No TAV non si lascia né intimidire né indebolire perché pensa di interpretare il rifiuto diffuso contro l’opera che si progetta sul corridoio del Brennero, con le sue devastazioni ambientali, i suoi costi improponibili (circa 63 miliardi), la sua totale inutilità rispetto all’obiettivo dichiarato di eliminare il traffico dei TIR dall’autostrada; risorse pubbliche gettate via, dunque, come quelle per le spese militari, mentre dilagano disoccupazione e tagli alle spese sociali.

Partecipate il 27 febbraio alle ore 9,00 davanti al Tribunale di Trento, al presidio di solidarietà a tutti gli indagati e arrestati.

Comitato No TAV Lavis, Comitato No TAV Mamme Marco

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
E

Italia / Svizzera | Lotte sul territorio | it

Tue 29 Jul, 22:47

browse text browse image

tav.jpg imageUna sola grande opera: casa e reddito per tutti 00:25 Fri 21 Feb by FdCA - Fano/Pesaro 0 comments

A Pesaro la Rete Precari Disoccupati Studenti chiama tutta la provincia a un presidio (piazza Lazzarini, ore 16) nel quale si esprimeranno le tante anime di questa protesta.

textAzione di Forza 03:56 Mon 10 Feb by FdCA - Fano/Pesaro 0 comments

Ai rifugiati e senza casa deportati a San Marcello, ai denunciati e a tutti coloro che si sono impegnati in questi giorni di lotta va la nostra solidarietà.

pesaro.jpg imagePesaro 18 ottobre: sciopero sociale 08:47 Sat 19 Oct by FdCA - Fano/Pesaro 0 comments

La Rete Precar*, Disoccupat*, Lavoratori e Lavoratrici che ha organizzato lo sciopero sociale intende ora proseguire nella costruzione di un tessuto di solidarietà e di mutuo appoggio, di lotta e di denuncia, che avrà il suo momento fondativo nell'assemblea che si terrà sabato 19 ottobre alle ore 17.00 presso il CSA Oltrefrontiera di Pesaro in Via Leoncavallo.

textPalestina-Israele, dieci anni di lotta unitaria persistente 15:53 Wed 19 Jun by Ilan S. 0 comments

Nel febbraio 1968 il gruppo antiautoritario ed anticapitalista Matzpen diede inizio a Gerusalemme al primo presidio (di 18 persone) contro l'occupazione del 1967. Due anni dopo, gli attivisti israeliani delle Pantere Nere che erano in stretto contatto con i militanti di Matzpen (soprattutto a Gerusalemme) iniziavano la prima lotta sociale degli immigrati dai paesi dell'est. Molti degli attivisti delle attuali lotte sociali si ritengono i successori delle Pantere - molti altri si sono uniti o hanno partecipato alla lotta degli Anarchici Contro il Muro. [English]

aamelezioni.jpg imageAlle bugie elettorali la realtà delle lotte sociali 16:58 Mon 11 Feb by Organizzazioni anarchiche marchigiane 0 comments

Non basta certo una scheda elettorale rifiutata. E' illusorio, come lo è pensare che dare fiducia agli stessi che devastano questa società, migliori le cose.

textTaranto-ILVA: 15 dicembre 2012 in marcia per la libertà 23:38 Sun 16 Dec by FdCA-Puglia 0 comments

Quello che succede a Taranto, non è solo un problema di Taranto, quello che succede all'ILVA non è solo un problema dei lavoratori e delle lavoratrici dell'ILVA e delle loro famiglie. E' tutto un paese che deve ripartire dal basso, riguadagnare salute, diritti, lavoro.

puos.jpg imageSiamo tutti saldatori 18:49 Sun 12 Aug by FdCA - Genova 1 comments

Alcuni giorni fa è stata chiusa dalle forze dell'ordine la Casa dei Giustiniani, nel centro storico genovese. Con tanto di spettacolarizzazione dell'evento ad uso dei media e saldatori all'opera per chiudere ogni accesso al palazzo.

textPresidio NO TAV a Pesaro 10:34 Sun 04 Mar by Donato Romito 0 comments

Sabato 3 marzo, una cinquantina di attivisti solidali con la lotta NO TAV in Val di Susa hanno dato vita a Pesaro ad un combattivo presidio in Piazzale Collenuccio.

italia.jpg imageDai fatti alle parole… dalle parole ai fatti! 17:41 Thu 27 Oct by CIB Unicobas e FLMU CUB - Bari 1 comments

L’autorganizzazione e l’autogestione devono già da ora rappresentare un modello sociale alternativo al sistema capitalistico. Di seguito avanziamo alcune proposte che possono e devono essere discusse collettivamente.

23ottobregiaglione.jpg imageNo TAV, 23 ottobre: andiamo avanti! 13:18 Sun 23 Oct by Movimento No TAV 0 comments

Domenica prossima tutti, ma proprio tutti, a prescindere da quanto ognuno di noi si spingerà vicino alle reti, ci sentiremo protagonisti e orgogliosi di ciò che è stato fatto e anche di ciò che non è stato fatto, nessuno si sentirà ostaggio di scelte non condivise.

more >>

textIl vento delle Alpi Nov 14 by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Un vento di rivolta soffia. Soffia dall’Esagono e passa le Alpi. Molto divide la rivolta delle banlieu parigine dalla rivolta in Val di Susa...

imageUna sola grande opera: casa e reddito per tutti Feb 21 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

A Pesaro la Rete Precari Disoccupati Studenti chiama tutta la provincia a un presidio (piazza Lazzarini, ore 16) nel quale si esprimeranno le tante anime di questa protesta.

textAzione di Forza Feb 10 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Ai rifugiati e senza casa deportati a San Marcello, ai denunciati e a tutti coloro che si sono impegnati in questi giorni di lotta va la nostra solidarietà.

imageAlle bugie elettorali la realtà delle lotte sociali Feb 11 0 comments

Non basta certo una scheda elettorale rifiutata. E' illusorio, come lo è pensare che dare fiducia agli stessi che devastano questa società, migliori le cose.

textTaranto-ILVA: 15 dicembre 2012 in marcia per la libertà Dec 16 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Quello che succede a Taranto, non è solo un problema di Taranto, quello che succede all'ILVA non è solo un problema dei lavoratori e delle lavoratrici dell'ILVA e delle loro famiglie. E' tutto un paese che deve ripartire dal basso, riguadagnare salute, diritti, lavoro.

imageDai fatti alle parole… dalle parole ai fatti! Oct 27 1 comments

L’autorganizzazione e l’autogestione devono già da ora rappresentare un modello sociale alternativo al sistema capitalistico. Di seguito avanziamo alcune proposte che possono e devono essere discusse collettivamente.

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]