user preferences

New Events

Argentina / Uruguay / Paraguay

no event posted in the last week

Libertà per i prigionieri politici del "Movimento Sociale e Cooperativa 1 Maggio" a Bariloche

category argentina / uruguay / paraguay | repressione / prigionieri | comunicato stampa author Wednesday February 06, 2013 22:48author by Anarkismo organizations Report this post to the editors

"I saccheggiatori sono i politici, che tolgono ai lavoratori la loro dignità"

Le organizzazioni qui sotto firmatarie sostengono la giornata internazionale di solidarietà del 5 febbraio con i 5 prigionieri politici del Movimento Sociale e Cooperativo 1 Maggio (M.S.C. 1º de Mayo) a Bariloche, Rio Negro (Argentina) - deciso durante l'assemblea finale del 10° Incontro Annuale delle Organizzazioni Popolari e Autonome (ELAOPA) dell'America Latina - e chiedono l'immediata liberazione dei 5 arrestati per restituirli alle loro famiglie. Denunciamo i metodi violenti con cui la gendarmeria, per ordine della giustizia federale, ha disperso le famiglie dei prigionieri politici che manifestavano per ottenere la liberazione dei loro cari il 21 gennaio scorso. Allo stesso modo, siamo fermamente solidali con la Federazione delle Organizzazioni di Base (FOB), che ha subito aggressioni e ricevuto accuse da parte di certi media di essere dei "saccheggiatori delinquenti" per aver difeso i loro diritti ed per aver attivamente manifestato la loro solidarietà ed il loro sostegno ai compagni perseguitati a Bariloche. [English]

19323_242977322503931_1210124139_n.jpeg


Libertà per i prigionieri politici del "Movimento Sociale e Cooperativa 1 Maggio" arrestati a Bariloche

"I saccheggiatori sono i politici, che tolgono ai lavoratori la loro dignità"


Le organizzazioni qui sotto firmatarie sostengono la giornata internazionale di solidarietà del 5 febbraio con i 5 prigionieri politici del Movimento Sociale e Cooperativo 1 Maggio (M.S.C. 1º de Mayo) a Bariloche, Rio Negro (Argentina) - deciso durante l'assemblea finale del 10° Incontro Annuale delle Organizzazioni Popolari e Autonome (ELAOPA) dell'America Latina - e chiedono l'immediata liberazione dei 5 arrestati per restituirli alle loro famiglie. Denunciamo i metodi violenti con cui la gendarmeria, per ordine della giustizia federale, ha disperso le famiglie dei prigionieri politici che manifestavano per ottenere la liberazione dei loro cari il 21 gennaio scorso. Allo stesso modo, siamo fermamente solidali con la Federazione delle Organizzazioni di Base (FOB), che ha subito aggressioni e ricevuto accuse da parte di certi media di essere dei "saccheggiatori delinquenti" per aver difeso i loro diritti ed per aver attivamente manifestato la loro solidarietà ed il loro sostegno ai compagni perseguitati a Bariloche.

Sulla scia dei saccheggi avvenuti lo scorso 20 dicembre a Bariloche ed in altre città dell'Argentina, il governo ha ingiustificatamente accusato i compagni della Cooperativa 1 Maggio di essere stati gli istigatori di quei saccheggi, nel tentativo di criminalizzare la Cooperativa 1 Maggio. Il governo nazionale ha bisogno di trovare dei colpevoli per i saccheggi, ed è necessario inventarseli allo scopo di coprire la situazione sociale che esiste nei quartieri poveri di Bariloche, e nel resto del paese, nel tentativo di nascondere la fame e la disoccupazione che colpiscono chi si trova in fondo alla società, i poveri.

Per gli attacchi contro i settori popolari, per le persecuzioni sociali e politiche, per la sofferenza sociale evidente a Bariloche e per la negazione della libertà agli attivisti sociali della cooperativa, riteniamo responsabile non solo il giudice Ricardo Calcagno con la sua ordinanza espressione dell'intero sistema giudiziario del Rio Negro, ma anche il governo nazionale di Cristina Fernández de Kirchner, il Governo Provinciale di Weretilneck di Rio Negro ed il Governo Municipale di Goye. Sono le politiche economiche neoliberiste ed il sistema implementato e difeso dal governo e dai politici, non solo in Argentina ma in tutto il resto del mondo, che spingono la gente agli espropri ed a lottare non solo per difendere i loro diritti, ma per sopravvivere. E' dunque il modello economico neoliberista e coloro che lo difendono che sono i responsabili - e devono essere chiamati a risponderne - della fame e della disoccupazione diffusa in Argentina ed altrove e della logica e comprensibile risposta popolare che ne viene generata; espropri, blocchi stradali e disordini sociali.

Ecco un breve estratto da una lettera scritta da uno dei 5 compagni imprigionati nel carcere di Viedma:

"Noi siamo prigionieri politici e la nostra causa è quella di lottare contro la disoccupazione e la fame che affliggono Altos de Bariloche. Noi siamo combattenti sociali indipendenti dalla burocrazia e dall'opposizione e per questo veniamo incarcerati; perché non possono comprarci. I saccheggiatori sono i politici, che tolgono la dignità ai lavoratori."

Sosteniamo la richiesta di libertà immediata ed incondizionata dei 5 prigionieri politici del Movimento Sociale e Cooperativo 1 Maggio, i compagni:

Miguel Mansilla, Jose Paredes, Catalina Lineros, Haide Grande and Giselle Poblete.

Libertà per i nostri compagni!
Arriba los que luchan!
I saccheggiatori sono i politici, che tolgono ai lavoratori la loro dignità!

Firmatari:

Federazione dei Comunisti Anarchici - FdCA (Italia)
Melbourne Anarchist Communist Group - MACG (Australia)
Organisation Socialiste Libertaire - OSL (Svizzera)
Zabalaza Anarchist Communist Front - ZACF (Sud Africa)

734847_242977359170594_1389773000_n.jpeg

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Loi travail 2017 : Tout le pouvoir aux patrons !

En Allemagne et ailleurs, la répression ne nous fera pas taire !

El acuerdo en preparacion entre la Union Europea y Libia es un crimen de lesa humanidad

Mourn the Dead, Fight Like Hell for the Living

SAFTU: The tragedy and (hopefully not) the farce

Anarchism, Ethics and Justice: The Michael Schmidt Case

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

IWD 2017: Celebrating a new revolution

Solidarité avec Théo et toutes les victimes des violences policières ! Non à la loi « Sécurité Publique » !

Solidaridad y Defensa de las Comunidades Frente al Avance del Paramilitarismo en el Cauca

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]