user preferences

Recent articles by Lia Didero
This author has not submitted any other articles.
Recent Articles about Italia / Svizzera Ambiente

La prode Lanzillotta e i paladini delle privatizzazioni Dec 25 13 by FdCA Sez. Luigi Fabbri di Roma

“Torino-Lione da cancellare, esperimento di democrazia diretta” Apr 17 13 by Prisma News

Appello NO MUOS, NO PONTE, NO TAV Mar 11 13 by Coordinamento regionale dei comitati NoMuos

Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori

category italia / svizzera | ambiente | cronaca author Monday January 28, 2013 05:15author by Lia Didero - FdCA Report this post to the editors

Assemblea del 25 gennaio 2013 a Roma

Una cinquantina di attivisti hanno partecipato all'assemblea delle Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori ospitata nei locali dell'Unicobas di Roma, Si è trattato di un'assemblea in parte di formazione- grazie agli interventi di Gatti sulle nanopatologie, ovvero sulle patologie da particelle ultrasottili, e Aucone, sul rischio sismico, ma in cui la parte centrale, ovviamente, è stato però l'incontro con i tre delegati operai di Taranto, da anni , forse decenni, attivi sul fronte ILVA.

ilva.jpg


Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori

Assemblea del 25 gennaio 2013 a Roma


Una cinquantina di attivisti hanno partecipato all'assemblea delle Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori ospitata nei locali dell'Unicobas di Roma, Si è trattato di un'assemblea in parte di formazione- grazie agli interventi di Gatti sulle nanopatologie, ovvero sulle patologie da particelle ultrasottili, e Aucone, sul rischio sismico, ma in cui la parte centrale, ovviamente, è stato però l'incontro con i tre delegati operai di Taranto, da anni, forse decenni, attivi sul fronte ILVA.

Hanno parlato di una città in lotta, una citta militarizzata dove i cancelli della fabbrica sono presidiati dalle forze dell'"ordine" ma anche da picchetti spontanei degli operai e cassaintegrati dove il consenso di padron Riva è di fatto crollato e gli operai che stigmatizzano le "bugie" degli ambientalisti sono sempre di meno, in cui resiste forte il potere dei capireparto e la forza del ricatto padronale, ma ci sono stati recentemente 15 giorni di sciopero senza copertura sindacale e dove la manifestazione del 15 dicembre ha avvicinato le posizioni di cittadini ed operai. Hanno sottolineato che non sono le soluzioni tecniche il problema, essendo di fatto conosciute e condivise da tutti, a partire dalla necessità della copertura del parco minerario e delle sue polveri criminali, ma che l'intervento statale di fiancheggiamento e complicità continua a permettere di rimandare e traccheggiare mentre continua di fatto il lavoro a pieno ritmo nonostante la cassa integrazione imposta, con surplus di orario per gli occupati, anche nelle aree sequestrate, con l'acquiescenza di buona parte del sindacato. In un'ILVA dove si continua a morire di lavoro, ma anche dei "classici" incidenti mortali sul lavoro, 48 dal '93: in ILVA si muore come se si lavorasse in ferrovie, l'ultimo è stato un macchinista morto nella movimentazione merci così come muoiono i macchinisti della ferrovia, per le riduzioni di organico e le scarse condizioni di sicurezza, come se si lavorasse in edilizia, cadendo da una gru, oltre che di tumore. Come nel resto di Italia.

La rete si propone così come luogo allargato di costruzione di un soggetto referente a livello locale ma anche a livello nazionale per una battaglia di largo respiro. Per questo motivo è in programma una manifestazione nazionale, indicativamente per metà marzo ma la cui proclamazione è rimandata una volta appresi gli esiti del referendum di metà febbraio, preceduto da assemblee in tutte le realtà italiane che ne daranno la disponibilità. Manifestazione da organizzare in un giorno feriale in orario di produzione, a partire dalla fabbrica e a finire nel quartiere Tamburi.

Ovvia la richiesta di partecipazione, aperta a movimenti ma anche partiti, associazioni e sindacati qualsivoglia, fermo restando che sarà necessario superare la posizione del comitato cittadini liberi pensanti che non accettano bandiere ma privilegiano la partecipazione individuale. Citatissima la TAV come madre di tutte le battaglie, sia come modello di lotta e di partecipazione (nelle assemblee da organizzare mai unico portavoce ma espressioni di movimento composito) sia nella dimensione territoriale e insieme allargata della mobilitazione che si andrà a costruire sulle parole d'ordine che non è la fabbrica ad essere nociva ma nocivo è il capitalismo e lo sfruttamento, e una nuova economia ecosostembile può camminare solo sulle gambe degli uomini e delle donne che si ribellano. E che taranto può e deve diventare l'opportunità di cambiare modello.

Lia Didero

Related Link: http://www.fdca.it
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Revolutionary Trade Unionism: The Road to Workers’ Freedom

Latest News

Italia / Svizzera | Ambiente | Cronaca | it

Thu 24 Apr, 12:48

browse text browse image

taranto.jpg imageTaranto libera! 15:34 Fri 28 Dec by Tulipanonero 0 comments

Opinion and Analysis

textRischio sismico nelle strutture lavorative e nei territori Jan 28 by Francesco Aucone 0 comments

textPaternalismo sismico Nov 16 by GdL Energia e Ambiente FdCA 0 comments

textIl ruolo delle attività di perforazione ed estrazione di idrocarburi nella sequenza sismica emiliana Jun 07 by Zat 0 comments

textSciacalli sismici May 30 by Zat 0 comments

imageDai referendum all'autogestione delle risorse collettive Jun 08 by Consiglio dei Delegati dell'FdCA 0 comments

more >>

Press Releases

textLa prode Lanzillotta e i paladini delle privatizzazioni Dec 25 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

imageLavorare senza padroni Nov 30 1 comments

imageContro il MUOS, per una Sicilia terra di pace Oct 05 2 comments

imageSolidarietà ai No Tav italiani Apr 05 0 comments

imageNo TAV! e beni collettivi Jul 02 FdCA 0 comments

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]