user preferences

Recent articles by Lia Didero
This author has not submitted any other articles.
Recent Articles about Italia / Svizzera Ambiente

La prode Lanzillotta e i paladini delle privatizzazioni Dec 25 13 by FdCA Sez. Luigi Fabbri di Roma

“Torino-Lione da cancellare, esperimento di democrazia diretta” Apr 17 13 by Prisma News

Appello NO MUOS, NO PONTE, NO TAV Mar 11 13 by Coordinamento regionale dei comitati NoMuos

Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori

category italia / svizzera | ambiente | cronaca author Monday January 28, 2013 05:15author by Lia Didero - FdCA Report this post to the editors

Assemblea del 25 gennaio 2013 a Roma

Una cinquantina di attivisti hanno partecipato all'assemblea delle Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori ospitata nei locali dell'Unicobas di Roma, Si è trattato di un'assemblea in parte di formazione- grazie agli interventi di Gatti sulle nanopatologie, ovvero sulle patologie da particelle ultrasottili, e Aucone, sul rischio sismico, ma in cui la parte centrale, ovviamente, è stato però l'incontro con i tre delegati operai di Taranto, da anni , forse decenni, attivi sul fronte ILVA.

ilva.jpg


Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori

Assemblea del 25 gennaio 2013 a Roma


Una cinquantina di attivisti hanno partecipato all'assemblea delle Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori ospitata nei locali dell'Unicobas di Roma, Si è trattato di un'assemblea in parte di formazione- grazie agli interventi di Gatti sulle nanopatologie, ovvero sulle patologie da particelle ultrasottili, e Aucone, sul rischio sismico, ma in cui la parte centrale, ovviamente, è stato però l'incontro con i tre delegati operai di Taranto, da anni, forse decenni, attivi sul fronte ILVA.

Hanno parlato di una città in lotta, una citta militarizzata dove i cancelli della fabbrica sono presidiati dalle forze dell'"ordine" ma anche da picchetti spontanei degli operai e cassaintegrati dove il consenso di padron Riva è di fatto crollato e gli operai che stigmatizzano le "bugie" degli ambientalisti sono sempre di meno, in cui resiste forte il potere dei capireparto e la forza del ricatto padronale, ma ci sono stati recentemente 15 giorni di sciopero senza copertura sindacale e dove la manifestazione del 15 dicembre ha avvicinato le posizioni di cittadini ed operai. Hanno sottolineato che non sono le soluzioni tecniche il problema, essendo di fatto conosciute e condivise da tutti, a partire dalla necessità della copertura del parco minerario e delle sue polveri criminali, ma che l'intervento statale di fiancheggiamento e complicità continua a permettere di rimandare e traccheggiare mentre continua di fatto il lavoro a pieno ritmo nonostante la cassa integrazione imposta, con surplus di orario per gli occupati, anche nelle aree sequestrate, con l'acquiescenza di buona parte del sindacato. In un'ILVA dove si continua a morire di lavoro, ma anche dei "classici" incidenti mortali sul lavoro, 48 dal '93: in ILVA si muore come se si lavorasse in ferrovie, l'ultimo è stato un macchinista morto nella movimentazione merci così come muoiono i macchinisti della ferrovia, per le riduzioni di organico e le scarse condizioni di sicurezza, come se si lavorasse in edilizia, cadendo da una gru, oltre che di tumore. Come nel resto di Italia.

La rete si propone così come luogo allargato di costruzione di un soggetto referente a livello locale ma anche a livello nazionale per una battaglia di largo respiro. Per questo motivo è in programma una manifestazione nazionale, indicativamente per metà marzo ma la cui proclamazione è rimandata una volta appresi gli esiti del referendum di metà febbraio, preceduto da assemblee in tutte le realtà italiane che ne daranno la disponibilità. Manifestazione da organizzare in un giorno feriale in orario di produzione, a partire dalla fabbrica e a finire nel quartiere Tamburi.

Ovvia la richiesta di partecipazione, aperta a movimenti ma anche partiti, associazioni e sindacati qualsivoglia, fermo restando che sarà necessario superare la posizione del comitato cittadini liberi pensanti che non accettano bandiere ma privilegiano la partecipazione individuale. Citatissima la TAV come madre di tutte le battaglie, sia come modello di lotta e di partecipazione (nelle assemblee da organizzare mai unico portavoce ma espressioni di movimento composito) sia nella dimensione territoriale e insieme allargata della mobilitazione che si andrà a costruire sulle parole d'ordine che non è la fabbrica ad essere nociva ma nocivo è il capitalismo e lo sfruttamento, e una nuova economia ecosostembile può camminare solo sulle gambe degli uomini e delle donne che si ribellano. E che taranto può e deve diventare l'opportunità di cambiare modello.

Lia Didero

Related Link: http://www.fdca.it
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Verso lo sciopero generale e sociale nel mondo del lavoro, nei territori, nelle piazze

Italia / Svizzera | Ambiente | Cronaca | it

Sat 01 Nov, 05:09

browse text browse image

taranto.jpg imageTaranto libera! 15:34 Fri 28 Dec by Tulipanonero 0 comments

Il 15 Dicembre le strade di Taranto sono state protagoniste del Corteo “Taranto Libera” organizzato dal comitato15dicembre che raccoglie cittadini di Taranto e non, uniti per l’occasione.

textRischio sismico nelle strutture lavorative e nei territori Jan 28 by Francesco Aucone 0 comments

Testo dell'intervento fatto durante l'Assemblea della Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori tenutasi a Roma il 25 gennaio 2013.

textPaternalismo sismico Nov 16 by GdL Energia e Ambiente FdCA 0 comments

La sentenza relativa al terremoto de L'Aquila del 2009, che ha condannato in primo grado la Commissione Grandi Rischi, ha fatto molto scalpore specialmente nella comunità scientifica nazionale e internazionale. Non siamo, per indole, dalla parte dei magistrati ma riteniamo tuttavia importante fare chiarezza su come tale vicenda sia vissuta a livello mediatico.

textIl ruolo delle attività di perforazione ed estrazione di idrocarburi nella sequenza sismica emiliana Jun 07 by Zat 0 comments

Una delle ipotesi che si è fatta strada sull'origine dei terremoti che stanno interessando l'Emilia Romagna in questo ultimo periodo, attribuirebbe alle attività legate all'estrazione degli idrocarburi, la responsabilità di aver provocato le varie scosse simiche, alcune delle quali, ricordiamolo, hanno avuto una Magnitudo locale superiore a 5. Non che voglia difendere i famelici vampiri delle multinazionali energetiche, ma quando si trattano certi fenomeni bisognerebbe avere un'idea delle grandezze che entrano in gioco.

textSciacalli sismici May 30 by Zat 0 comments

In questo bel paese abbiamo assistito al fatto che anche edifici costruiti in periodi dove le normative antisismiche esistevano (e questo è il caso dei capannoni industriali emiliani), hanno subito danni fino al collasso strutturale, con tutte le conseguenze del caso. E questo perché le norme tecniche vengono spesso ignorate a favore di un plus-guadagno palazzinaro con le complicità di tecnici e amministratori compiacenti e com-guadagnanti, un intero blocco sociale pubblico-privato dedito al guadagno a discapito della sicurezza del costruito e delle vite da esso custodite.

imageDai referendum all'autogestione delle risorse collettive Jun 08 by Consiglio dei Delegati dell'FdCA 0 comments

Di fronte quindi ai due quesiti referendari in difesa della gestione pubblica delle risorse idriche, promossi dal Forum Nazionale in difesa dell'acqua pubblica, ci poniamo il raggiungimento di due obbiettivi. Uno immediato, riguardante l'ottenibile in termini odierni di migliori condizioni di vita per gli sfruttati, ossia il respingimento dell'offensiva capital-liberista, mediante l'appoggio attivo dei nostri e nostre militanti alla campagna referendaria. Ed uno strategico, propagandando, contemporaneamente al lavoro di appoggio referendario dei comitati territoriali, dentro quella parte di popolazione sfruttata a cui apparteniamo, le ragioni e l'irrinunciabilità dell'autogestione.

more >>

textLa prode Lanzillotta e i paladini delle privatizzazioni Dec 25 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

In barba a tutti i referendum anti-privatizzazioni, nella commissione bilancio del Senato è stato votato un emendamento presentato dalla senatrice di Scelta Civica, Lanzillotta, riguardante il decreto “Salva-Roma”.
Questa modifica vincola le risorse per finanziare il bilancio di Roma alla privatizzazione, tranne che dell'ACEA, delle altre aziende pubbliche e alla possibilità di licenziamento per quelle in perdita.

imageLavorare senza padroni Nov 30 1 comments

La cooperazione nel XXI secolo

imageContro il MUOS, per una Sicilia terra di pace Oct 05 2 comments

Gli effetti del MUOS saranno quelli gravissimi di porre la "portaerei" Sicilia come base (e quindi obiettivo) di un eventuale conflitto nucleare e di aumentare l'inquinamento elettromagnetico nel raggio di decine di chilometri, con un seguito inevitabile di malformazioni infantili e tumori per gli abitanti della Sicilia sud-orientale. Inoltre, la realizzazione del MUOS distruggerà l'economia del territorio (agricoltura, allevamenti, turismo, ecc.) e limiterà drasticamente la mobilità dei siciliani pregiudicando l'attività degli scali aerei (Comiso, Fontanarossa, Punta Raisi, Trapani-Birgi) già ampiamente danneggiati dalle servitù militari.

imageSolidarietà ai No Tav italiani Apr 05 0 comments

Documento proposto da USI - Unione Sindacale Italiana ed approvato al Congresso della Rete europea del sindacalismo alternativo e di base

imageNo TAV! e beni collettivi Jul 02 FdCA 0 comments

Sappiamo tutti che l'opera va iniziata per arricchire la solita casta industriale italiana, col beneplacito e l'appoggio, ovviamente interessato, dell'apparato legislativo ed esecutivo dello Stato e con la scontata violenza delle forze di repressione, naturali diramazioni dell'oligarchia dei poteri economico e politico.

more >>
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]