user preferences

New Events

Africa occidentale

no event posted in the last week

Mali: Areva val bene una guerra

category africa occidentale | imperialismo / guerra | comunicato stampa author Saturday January 26, 2013 14:03author by Alternative libertaire - AL Report this post to the editors

Pensavate che l'Africa Francese fosse una cosa del passato? E invece no, e nonostante la retorica di Hollande su questi temi, così come di molti altri, il Partito Socialista e l'UMP sono come 2 facce della stessa medaglia. [Français]

malifr.jpg


Mali: Areva val bene una guerra


Pensavate che l'Africa Francese fosse una cosa del passato? E invece no, e nonostante la retorica di Hollande su questi temi, così come di molti altri, il Partito Socialista e l'UMP sono come 2 facce della stessa medaglia. La "Francia non ha alcun interesse nel Mali", ha dichiarato François Hollande alla stampa il 16 gennaio. "Siamo solo al servizio della pace." Davvero la Francia non ha interessi nella regione del Sahel? E nemmeno nelle miniere di uranio del Niger, sfruttate da Areva [1] per rifornire le centrali nucleari francesi?

Certamente, il fatto che un esercito di Salafiti detti legge nel nord del Mali non piace a nessuno - non piace agli abitanti locali condannati a vivere sotto il giogo di quei fanatici né agli altri Stati della regione che temono una destabilizzazione, e nemmeno agli altri abitanti del Mali, che vedono il loro paese diviso in due e sulla soglia del collasso.

Ma se la situazione preoccupa particolarmente la Francia, lo è perché innanzi tutto in anni recenti, l'estrazione di uranio nel Niger era diventata pericolosa a causa delle ripetute incursioni e dei rapimenti. E' soprattutto per questa ragione che oggi l'esercito francese sta usando i bombardamenti aerei e si accinge all'intervento di terra.

Questo intervento permette alla Francia anche di riguadagnare il suo ruolo-guida nella regione nei confronti degli alleati USA i quali per parecchi anni hanno addestrato - invano a quanto pare - l'esercito del Mali per combattere la "guerra al terrore".

Gli interessi economici e geopolitici pesano enormemente, molto più delle mani mozzate o dei mausolei distrutti.

Quelli che in Mali oggi gridano "Vive la France" e coloro che vedono in François Hollande un liberatore [2] bisogna che guardino alla realtà della situazione.

Sconfiggere i Salafiti, liberare gli abitanti di Gao o di Timbuctù - doveva essere compito del Mali, possibilmente con l'aiuto dei paesi vicini. Solo così si sarebbe dato un segnale di rottura nei confronti della dipendenza vis-à-vis dalla precedente potenza coloniale.

Nel lasciar fare l'Eliseo, e persino nel sostenerne con sollievo l'intervento militare, la Comunità Economica degli Stati dell'Africa Occidentale (ECOWAS), il Movimento per la Liberazione di Azawad [3], il governo ad interim del Mali ed anche un "anti-imperialista" come il Capitano Sanogo [4] si sono legati deliberatamente per il futuro al carro neo-colonialista ed insieme a loro anche i popoli dell'Africa Occidentale.

Alternative Libertaire denuncia anche che in Francia è in atto un inasprimento dei servizi di sicurezza, collegati a questa guerra, con il passaggio al codice rosso del Vigipirate [5] e col ritorno dello spauracchio del terrorismo che viene usato per aumentare la repressione e per colpire gli islamici e gli africani, gli eterni "nemici interni".

Soldati francesi a casa!

Compagni africani, dite no al neo-colonialismo!

....e no anche al nucleare!


Alternative Libertaire

16 gennaio 2013

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali.


Notes:

1. http://lexpansion.lexpress.fr/afrique/pourquoi-areva-re....html
2. http://www.humanite.fr/monde/les-maliens-de-france-entr...13006
3. http://www.tamazgha.fr/Le-MNLA-met-en-garde-quant-aux.html
4. http://www.malijet.com/actualite-politique-au-mali/flas....html
5. Nota del traduttore: in Francia è il sistema di allerta per la sicurezza nazionale.

Related Link: http://www.alternativelibertaire.org/
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
E

Front page

The experiment of West Kurdistan (Syrian Kurdistan) has proved that people can make changes

[Chile] EL FTEM promueve una serie de “jornadas de debate sindical”

Ukraine: Interview with a Donetsk anarchist

The present confrontation between the Zionist settler colonialist project in Palestine and the indigenous working people

Prisões e mais criminalização marcam o final da Copa do Mundo no Brasil

An Anarchist Response to a Trotskyist Attack: Review of “An Introduction to Marxism and Anarchism” by Alan Woods (2011)

هەڵوێستی سەربەخۆی جەماوەر لە نێوان داعش و &

Contra a Copa e a Repressão: Somente a Luta e Organização!

Nota Pública de soldariedade e denúncia

Üzüntümüz Öfkemizin Tohumudur

Uruguay, ante la represión y el abuso policial

To vote or not to vote: Should it be a question?

Mayday: Building A New Workers Movement

Anarchist and international solidarity against Russian State repression

Argentina: Atentado y Amenazas contra militantes sociales de la FOB en Rosario, Santa Fe

Réponses anarchistes à la crise écologique

50 оттенков коричневого

A verdadeira face da violência!

The Battle for Burgos

Face à l’antisémitisme, pour l’autodéfense

Reflexiones en torno a los libertarios en Chile y la participación electoral

Mandela, the ANC and the 1994 Breakthrough: Anarchist / syndicalist reflections

Melissa Sepúlveda "Uno de los desafíos más importantes es mostrarnos como una alternativa real"

On Sectarianism

Africa occidentale | Imperialismo / Guerra | Comunicato stampa | it

Tue 02 Sep, 14:57

browse text browse image

textGuinea: Né ingerenza né intervento francese 17:29 Thu 22 Feb by Alternative libertaire 0 comments

Un movimento sociale e popolare scuote la Guinea da oltre un mese. I lavoratori e le lavoratrici, appoggiati dalle loro organizzazioni sindacali e dai giovani, affrontano il potere dittatoriale di Lansana Conté, chiedendo le sue dimissioni e il soddisfacimento delle loro rivendicazioni sociali.

Sorry, no stories matched your search, maybe try again with different settings.

textGuinea: Né ingerenza né intervento francese Feb 22 AL 0 comments

Un movimento sociale e popolare scuote la Guinea da oltre un mese. I lavoratori e le lavoratrici, appoggiati dalle loro organizzazioni sindacali e dai giovani, affrontano il potere dittatoriale di Lansana Conté, chiedendo le sue dimissioni e il soddisfacimento delle loro rivendicazioni sociali.

© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]