user preferences

New Events

Nordafrica

no event posted in the last week

In Egitto come in Francia, diciamo no al fascismo!

category nordafrica | antifascismo | comunicato stampa author Saturday December 29, 2012 13:42author by CGA Relations Internationales - Coordination des Groupe Anarchistes (Fr)author email relationsinternationales at c-g-a dot org Report this post to the editors

In un contesto di crisi capitalista, le rivolte popolari si stanno espandendo da diversi anni. In Egitto, la rivolta aveva assunto una dimensione rivoluzionaria con la cacciata di Mubarak. Ma è stata ostacolata fin dall'inizio dalla dinamica contro-rivoluzionaria del fascismo religioso. [Français]

egypte.jpg


In Egitto come in Francia, diciamo no al fascismo!


In un contesto di crisi capitalista, le rivolte popolari si stanno espandendo da diversi anni. In Egitto, la rivolta aveva assunto una dimensione rivoluzionaria con la cacciata di Mubarak. Ma è stata ostacolata fin dall'inizio dalla dinamica contro-rivoluzionaria del fascismo religioso.

I Fratelli Musulmani, dopo essersi tenuti attentamente alla larga dalla rivolta popolare, una rivolta che essi non avevano iniziato, sono stati chiamati a fare da ruota di scorta dalla borghesia egiziana insieme a tutta la borghesia occidentale.

Giocando il ruolo storico che le correnti fasciste - indipendentemente dal fattore religioso - hanno sempre svolto, i Fratelli Musulmani hanno assunto una posizione pseudo-rivoluzionaria per ottenere l'accesso al potere politico, diventando così lo strumento reale della riscossa controrivoluzionaria.

In Egitto, i Fratelli Musulmani, storicamente sostenuti dall'imperialismo britannico per controbilanciare il movimento indipendentista ed il movimento operaio, si sono organizzati sulla base di un'ideologia che è stata definita da Sayyid Qutb (1906-1966, esponente di spicco dei Fratelli Musulmani, ndt) - come senza dubbio una ideologia fascista-religiosa. Come i fascisti in Francia ed in qualunque altra parte del mondo, i Fratelli Musulmani portano avanti una cosiddetta dimensione "sociale" mentre nello stesso tempo si oppongono con la violenza alle lotte dei lavoratori, sviluppando una visione razzista ed anti-semita del mondo, per guidare una "rivoluzione" nazional-religiosa.

Al pari dei fascisti francesi che difendono un "capitalismo nazionale", i Fratelli Musulmani sostengono un "capitalismo musulmano" che non è altro che la formula ideologica degli interessi della borghesia egiziana.

Le prime misure prese da Morsi, sotto l'infuenza dei Fratelli Musulmani, sono state dirette contro il movimento dei lavoratori. Possiamo ricordarne alcuni esempi: la messa al bando degli scioperi, la criminalizzazione degli attivisti sindacali, e la volontà di mettere sotto controllo i sindacati operai, pienamente in linea con i desiderata del sindacalismo fascista verticistico e corporativo. Ma ci sono state anche misure contro le donne e contro le minoranze religiose.

Dopo essersi alleati con la giunta militare dello SCAF (Consiglio Supremo delle Forze Armate, ndt), i Fratelli Musulmani sono emersi come i rappresentanti più efficienti della borghesia egiziana.

Ora, stanno cercando di instaurare un regime fascista-religioso tramite un "atto di forza". Stanno cercando di giustificare tale atto dicendo che il loro scopo è quello di liquidare il vecchio apparato statale di Mubarak, mentre ne tengono la gran parte in piedi - fatta eccezione per pochi subalterni portati in processi solo di nome.

In realtà questo atto-di-forza punta a liquidare le lotte dei lavoratori come dimostrato dal giro di vite imposto agli scioperanti ed agli attivisti sindacali per la lotta di classe. Tra le vittime di questo giro di vite ci sono 3 compagni, militanti del Movimento Socialista Libertario egiziano: Mohamed Serag El-Din, Mohamed Ezz ed Ali El-Kastawy.

Per giustificare questo atto-di-forza, si cerca di nascondere tutto sotto una impiallacciatura democratica facendo ricorso ad un referendum organizzato in circostanze sospette.

La Coordination des Groupes Anarchiste (Fr) esprime la sua solidarietà alle donne egiziane ed alla classe lavoratrice affinché insorga nuovamente, questa volta contro il fascismo religioso. Affermiamo in particolare il nostro appoggio ai compagni anarchici egiziani che lottano per l'alternativa anarchica, nel cuore della rivolta popolare, come una barriera contro l'autoritarismo militare e fascista.

In Egitto come in Francia, il fascismo è una cancrena: se non lo estirpiamo, finirà con l'ucciderci!

Coordination des Groupes Anarchistes (Fr)

28 Dicembre 2012

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio Relazioni Internazionali

Related Link: http://www.c-g-a.org/
This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Verso lo sciopero generale e sociale nel mondo del lavoro, nei territori, nelle piazze

Nordafrica | Antifascismo | Comunicato stampa | it

Sun 26 Oct, 11:29

browse text browse image

Sorry, no stories matched your search, maybe try again with different settings.
Sorry, no stories matched your search, maybe try again with different settings.
Sorry, no press releases matched your search, maybe try again with different settings.
© 2005-2014 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]