user preferences

Recent articles by Tulipanonero
This author has not submitted any other articles.
Recent Articles about Italia / Svizzera Ambiente

La terra trema ancora Aug 24 16 by Lucio Garofalo

Continueremo a vigilare affinché le norme vigenti, che in Italia e in ... Feb 20 15 by Coordinamento per la tutela della biodiversità FVG

Il giallo del treno scomparso Nov 06 14 by Roberto Pisani

Taranto libera!

category italia / svizzera | ambiente | cronaca author Friday December 28, 2012 15:34author by Tulipanonero Report this post to the editors

Il 15 Dicembre le strade di Taranto sono state protagoniste del Corteo “Taranto Libera” organizzato dal comitato15dicembre che raccoglie cittadini di Taranto e non, uniti per l’occasione.

taranto.jpg


TARANTO LIBERA!


15 Dicembre 2012, Bari, raggiungo un amico, Gianni, e partiamo alle 3,10 pm alla volta di Taranto. Lì ci attende un compagno, Antonio, uno che negli anni '70 faceva parte del "movimento". Il cielo è coperto, pioviggina a tratti. Imbocchiamo l'autostrada, alle 4,15 pm siamo arrivati e davanti a noi si staglia l'incredibile mostro causa di tanto male, nato dall'avidità irrefrenabile degli uomini, concepito dalle fantasie di una mente malsana, nel nome del "progresso" e all'insegna di quelle "alte tecnologie" che, anziché orientare la produzione verso la compatibilità con l'ambiente, ne fanno un vero e proprio ostacolo patologico all'esistenza, un male incurabile e cronico, che ammorba con i suoi fumi e le sue scorie chimiche tutto ciò che lo circonda. Produttori agricoli e allevatori rovinati, ammalati essi stessi: lo scempio portato da questo stabilimento in quella che era un tempo una tra le più importanti città della Magna Grecia e nel territorio circostante, dura da 40 anni ed è incalcolabile.

Giungiamo a casa di Antonio, ci dirigiamo verso piazza Sicilia: la gente invade le strade, cartelli, striscioni, c'è una bandiera pirata, nera col teschio e le ossa incrociate, uno scheletro ricavato nel cartone, disegnato nei minimi particolari, un cartello raffigura il "mostro", come una grande piovra sulla città...

Il corteo è immenso, gremito da persone di tutte le età e i ceti sociali... Vi è uno spezzone dove ci sono solo bambini. Dagli altoparlanti del famoso Apecar del Comitato dei cittadini liberi e pensanti vengono scanditi slogans contro Riva, a un certo punto parte "Vieni a ballare in Puglia", di CapaRezza e tutti insieme a cantare e poi "Taranto libera,Taranto libera!", sì, libera dal malgoverno, da un modello di sviluppo retrogrado e gretto, che sacrifica un territorio di valore storico e ambientale con tutti i suoi abitanti all'insegna di un profitto per pochi, che non trova alcun riscontro di emancipazione e progresso per chi lo incrementa, ma solo malattia, corruzione e morte!

Uno striscione riporta la scritta a caratteri cubitali: "IO NON DELEGO - PARTECIPO": ecco, in sintesi la nuova volontà espressa dal popolo di Taranto, in sintonia con i movimenti No TAV, Occupy Wall Street, gli operai dell'Alcoa e i recenti movimenti del Medio Oriente. E ancora: "Riva, tu hai distrutto il nostro ambiente, noi vogliamo un futuro differente!". Vi sono rappresentanze da Genova e dalla Val di Susa. Si sente un forte boato, cos'è, chiedo, no, sono solo botti di natale, e ogni tanto se ne sente uno, che squassa l'aria, una forma pacifica per esprimere la rabbia, troppo a lungo soffocata e zittita, quella rabbia che sorge quando si sa, ma non si può parlare! Nessun partito politico, né Comune, né Regione Puglia hanno mai tutelato questa gente e questa città, eppure anche coloro che sono in quelle istituzioni devono la propria vita a questa terra: quale degrado morale, quale vergognosa bassura li ha portati a tradire e a vessare così i propri concittadini e il loro territorio dalla cultura millenaria, solo per il vile denaro.

Ma il corteo procede in un'atmosfera caratterizzata dalla più alta dignità e compostezza, a volte in silenzio, un silenzio ricolmo di storie e significati, per poi esplodere nell'entusiasmo e nella richiesta di giustizia espressa dagli slogans. Un elicottero sorvola la manifestazione, a bassa quota: ci controllano, hanno paura? E sì, si deve aver paura di chi non ha più nulla da perdere! Parlo con un ex operaio ILVA, anziano, Giuseppe: gli chiedo se ha fiducia in una possibilità di cambiamento... "Sono malato", mi dice con rassegnazione, "malato di cancro. Spero che cambi per i nostri figli e nipoti." Gli stringo la mano, mentre mi si stringe il cuore e di lì a poco alcuni ragazzi gridano: "Noi restiamo, noi non ce ne andiamo!" Eh si, mi dico, questa gente è la degna discendente dei coloni del nobile popolo spartano che, in base alle testimonianze riportate dallo storico Eusebio di Cesarea, fondarono, nel lontano 706 a.C. la città chiamata Taras, Taranto!

Sono le 8,30 pm, siamo arrivati a piazza della Vittoria, una piccola compagnia teatrale inizia a rappresentare in metafora la tragedia reale, vi sono altri artisti che suonano, la manifestazione è finita, ora inizia la kermesse, noi andiamo via, ma lasciamo a Taranto un po' di cuore e tutta la nostra solidarietà!

Queste, in sintesi, le direttive indicate dal Comitato 15dicembre:


MANIFESTAZIONE "TARANTO LIBERA"

sabato 15 Dicembre 2012


Il 15 Dicembre le strade di Taranto sono state protagoniste del Corteo "Taranto Libera" organizzato dal comitato15dicembre che raccoglie cittadini di Taranto e non, uniti per l'occasione.

Il corteo, partito da Piazza Sicilia e giunto in Piazza della Vittoria, è sceso in strada per i diritti ineludibili della SALUTE, del LAVORO, dell'AMBIENTE, del REDDITO e della CULTURA e CONTRO il Decreto Legge "Salva-Ilva".

Il provvedimento, firmato dal Presidente della Repubblica il 3 Dicembre, permette allo stabilimento siderurgico tarantino ILVA S.p.a. di continuare a produrre nonostante le ordinanze dell'autorità giudiziaria che ne ha sequestrato gli impianti lo scorso 26 Luglio poiché non rispondenti alle normative a tutela della salute e dell'ambiente.

Il nuovo decreto legge compromette i principi costituzionali legati al rispetto dell'ambiente e alla garanzia della salute dell'individuo e valuta il diritto alla vita dei tarantini meno importante della corsa capitalistica di un imprenditore agli arresti.

A fronte di tutto ciò il comitato15dicembre manifesta per:

  • SALUTE - perché il diritto alla vita non accetta compromessi.
  • REDDITO - per garantire un'esistenza dignitosa ai lavoratori e ai cittadini di Taranto dopo cinquant'anni di ricatto e inquinamento.
  • AMBIENTE - perché non permetteremo più che il nostro territorio venga sfruttato e devastato in nome del profitto.
  • OCCUPAZIONE - perché il deserto creato attorno al colosso d'acciaio conta il 40% di disoccupazione e innumerevoli attività storiche (pescicoltura, mitilicoltura, agricoltura) distrutte a causa dello sviluppo selvaggio.
  • CULTURA - perché da qui parta la nuova idea di sviluppo.
Il corteo terminerà in Piazza della Vittoria dove numerosi artisti si esibiranno gratuitamente in concerto per dare il proprio sostegno alla causa.

Non ci saranno interventi dal palco e vi invitiamo a NON ESIBIRE simboli associativi o partitici di alcun tipo.

Siete tutti invitati a decidere del vostro futuro.

TARANTO SCENDE IN PIAZZA SENZA BANDIERE

Concentramento alle ore 16:30 in Piazza Sicilia.

CHI INQUINA PAGA

TARANTO LIBERA

Non è più ammissibile che la città di Taranto venga condannata per gli sporchi interessi di pochi e che un decreto legge, ultima azione statale, sacrifichi ancora una volta le nostre esistenze.

CHIEDIAMO che lo Stato non volti nuovamente le spalle a questa città e alla sua provincia, ma vigili e sostenga in ogni modo, anche finanziariamente, le bonifiche di tutto il territorio contaminato dall'inquinamento dell'industria pesante nel più breve tempo possibile.

PRETENDIAMO il risarcimento da parte di chi ha danneggiato il territorio e i suoi cittadini, con sequestro immediato e alienazione dei beni mobili e immobili.

DICHIARIAMO sdegno nei confronti dei rappresentanti istituzionali che hanno agevolato il processo di distruzione del territorio ionico e opposizione critica verso le forze politiche e partitiche che hanno approvato supinamente le ultime misure governative pro ILVA e, di conseguenza, che hanno autorizzato attività produttive altamente inquinanti.

PRETENDIAMO che qualsiasi decisione di rilevanza sociale, politica ed economica per Taranto venga presa assieme a tutte le parti sociali che la rappresentano.

PRETENDIAMO di vivere in una città in cui esistano alternative alla monocoltura dell'acciaio. Le vocazioni territoriali e le tradizioni non devono più essere sacrificate in nome del profitto: l'aria, la terra, l'acqua devono essere tutelate e viste come risorse indispensabili e preziose utili alla costruzione di un reddito dignitoso e salubre.

Perché tutto questo parta dalla Cultura e dall'intero sistema di trasmissione della conoscenza, unico motore endogeno di sviluppo anche economico.

«Non esiste un costo, in termini di salute, sopportabile in uno Stato civile per le esigenze produttive e non è accettabile che il presente e il futuro dei bambini di Taranto sia segnato irrimediabilmente. Nessun ragionamento di carattere economico e produttivo dovrà e potrà mai mettere minimamente in dubbio questo concetto».

Il Comitato15dicembre

Per info: comitato15dicembre@gmail.com

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Ma’an workers union)

Front page

Inside the Zimbabwean Uprising

La experiencia de Mujeres Libres: 80 años del surgimiento del feminismo anarquista organizado

Con Lucha Y Organización Fortalecemos La Resistencia

Algunas reflexiones en torno al poder y la institucionalidad a 80 años de la Revolución Española

80 aniversari de la insurrecció obrera i popular i de la revolució social

80 anni fa la rivoluzione comunista libertaria in Spagna

De los comités de defensa al análisis de los órganos de poder

The Coup in Turkey: Tyranny against tyranny does not make freedom

Greve, Piquete, Marcha e Ocupação! Educadores e Estudantes unidos pela Educação!

Making sense of the Brexit tide of reaction and the reality of the racist vote

[Colombia] Ante el acuerdo de cese al fuego bilateral y definitivo entre el gobierno colombiano y las FARC-EP

Coyuntura Política en Venezuela: Crisis, Tendencias y el Desafío de la Independencia de Clase

Orlando means fightback

Palestinian workers in Israel: between scylla and charybdis

A Socialist On City Council: A Look At The Career Of Kshama Sawant

Élargir la lutte et généraliser la grève pour gagner

Carta de Fundação OAZ

[Colombia] Documento de Formación: Análisis de Coyuntura 2015-2016

La NATO contro i Curdi: la Battaglia per A'zaz

Feminists in Ireland Say No To Pegida

Posició de Embat sobre el nou govern de la Generalitat i el procés constituent

A 120 años de su natalicio: la pluma rebelde de Manuel Rojas

Anarkismo.net wishes you all a 2016 of solidarity and resistance

Migranti e profughi

Italia / Svizzera | Ambiente | Cronaca | it

Sat 27 Aug, 07:25

browse text browse image

ilva.jpg imageRete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori 05:15 Mon 28 Jan by Lia Didero 0 comments

Una cinquantina di attivisti hanno partecipato all'assemblea delle Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori ospitata nei locali dell'Unicobas di Roma, Si è trattato di un'assemblea in parte di formazione- grazie agli interventi di Gatti sulle nanopatologie, ovvero sulle patologie da particelle ultrasottili, e Aucone, sul rischio sismico, ma in cui la parte centrale, ovviamente, è stato però l'incontro con i tre delegati operai di Taranto, da anni , forse decenni, attivi sul fronte ILVA.

textLa terra trema ancora Aug 24 by Lucio Garofalo 0 comments

La terra trema ancora in Italia, ma non abbiamo imparato nessuna lezione...

textIl giallo del treno scomparso Nov 06 by Roberto Pisani 0 comments

Nella giornata di venerdì, su televisioni, giornali online in diretta, tv locali e nazionali e tramite passaparola via internet, una valanga di foto e di parole hanno accompagnato gli aggiornamenti sulla ennesima, tragica alluvione a Genova. Tra queste notizie alcuni ricordano di aver sentito parlare di un treno deragliato a causa di una frana. Un treno che deraglia, qualcuno avrà pensato, non è cosa da poco...

textRischio sismico nelle strutture lavorative e nei territori Jan 28 by Francesco Aucone 0 comments

Testo dell'intervento fatto durante l'Assemblea della Rete nazionale salute e sicurezza sul lavoro e sui territori tenutasi a Roma il 25 gennaio 2013.

textPaternalismo sismico Nov 16 by GdL Energia e Ambiente FdCA 0 comments

La sentenza relativa al terremoto de L'Aquila del 2009, che ha condannato in primo grado la Commissione Grandi Rischi, ha fatto molto scalpore specialmente nella comunità scientifica nazionale e internazionale. Non siamo, per indole, dalla parte dei magistrati ma riteniamo tuttavia importante fare chiarezza su come tale vicenda sia vissuta a livello mediatico.

textIl ruolo delle attività di perforazione ed estrazione di idrocarburi nella sequenza sismica emiliana Jun 07 by Zat 0 comments

Una delle ipotesi che si è fatta strada sull'origine dei terremoti che stanno interessando l'Emilia Romagna in questo ultimo periodo, attribuirebbe alle attività legate all'estrazione degli idrocarburi, la responsabilità di aver provocato le varie scosse simiche, alcune delle quali, ricordiamolo, hanno avuto una Magnitudo locale superiore a 5. Non che voglia difendere i famelici vampiri delle multinazionali energetiche, ma quando si trattano certi fenomeni bisognerebbe avere un'idea delle grandezze che entrano in gioco.

more >>

textContinueremo a vigilare affinché le norme vigenti, che in Italia e in Friuli vietano le coltivazioni... Feb 20 Friuli Venezia Giulia 0 comments

Va cercata e distrutta ogni coltivazione ogm presente sui nostri territori e le aziende agricole coinvolte devono essere punite e messe sotto sequestro cautelativo.

textLa prode Lanzillotta e i paladini delle privatizzazioni Dec 25 Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

In barba a tutti i referendum anti-privatizzazioni, nella commissione bilancio del Senato è stato votato un emendamento presentato dalla senatrice di Scelta Civica, Lanzillotta, riguardante il decreto “Salva-Roma”.
Questa modifica vincola le risorse per finanziare il bilancio di Roma alla privatizzazione, tranne che dell'ACEA, delle altre aziende pubbliche e alla possibilità di licenziamento per quelle in perdita.

imageLavorare senza padroni Nov 30 1 comments

La cooperazione nel XXI secolo

imageContro il MUOS, per una Sicilia terra di pace Oct 05 2 comments

Gli effetti del MUOS saranno quelli gravissimi di porre la "portaerei" Sicilia come base (e quindi obiettivo) di un eventuale conflitto nucleare e di aumentare l'inquinamento elettromagnetico nel raggio di decine di chilometri, con un seguito inevitabile di malformazioni infantili e tumori per gli abitanti della Sicilia sud-orientale. Inoltre, la realizzazione del MUOS distruggerà l'economia del territorio (agricoltura, allevamenti, turismo, ecc.) e limiterà drasticamente la mobilità dei siciliani pregiudicando l'attività degli scali aerei (Comiso, Fontanarossa, Punta Raisi, Trapani-Birgi) già ampiamente danneggiati dalle servitù militari.

imageSolidarietà ai No Tav italiani Apr 05 0 comments

Documento proposto da USI - Unione Sindacale Italiana ed approvato al Congresso della Rete europea del sindacalismo alternativo e di base

more >>
© 2005-2016 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]