user preferences

New Events

Italia / Svizzera

no event posted in the last week

La FIOM è un sindacato di categoria

category italia / svizzera | lotte sindacali | dibattito author Tuesday November 13, 2012 19:11author by Gino Caraffi - FdCA Report this post to the editors

Risposta ai confusionari

L'articolo apparso su Umanità Nova sulla vicenda FIAT a Pomigliano contiene tali carenze nella descrizione dei fatti accaduti nella vicenda FIAT/FIOM, da non riuscire a distinguersi da qualsiasi altro pezzo sullo stesso argomento uscito su un qualsiasi giornale borghese.


La FIOM è un sindacato di categoria


L'articolo apparso su Umanità Nova [1] sulla vicenda FIAT a Pomigliano contiene tali carenze nella descrizione dei fatti accaduti nella vicenda FIAT/FIOM, da non riuscire a distinguersi da qualsiasi altro pezzo sullo stesso argomento uscito su un qualsiasi giornale borghese.

Ma vediamo da vicino come è costruito il pezzo pubblicato su Umanità Nova.

Nel preambolo, si abbozza alla condizione classica dello sfruttamento subito dai lavoratori, al capitalista cattivo che aumentando l'estrazione del plusvalore riduce la paga ed aumenta i ritmi. E per fare questo ricatta con i livelli dell'occupazione la massa dei lavoratori, ma, partendo dalla sola fabbrica di Pomigliano; dalla quale non si sposta lo sguardo dell'articolista che non si accorge del processo europeo in atto. Evidentemente chi ha scritto l'articolo non può rivolgere lo sguardo ad una situazione nella quale tra gli attori non compaia la tanto detestata ed autoritaria FIOM, altrimenti la sua opinione sulla FIOM (prima ancora che sulla FIAT, di cui che il nostro articolista giunge a scrivere che "da un certo punto di vista potrebbe anche aver ragione nella vicenda dei reintegri"), non sosterrebbe la sua perlomeno confusa tesi.

Sostenere poi che esista il diktat di FIAT, ma che esista anche quello di FIOM per imporre il rientro dei propri iscritti e che questo possa scatenare la rappresaglia - testualmente "provocano contraccolpi peggiori della situazione che si voleva sanare" - sottintende un attendismo confusionale che l'autore tenta di superare appellandosi alle magnifiche sorti della solidarietà di classe, che però si guarda bene dall'analizzare nella sua materialità quotidiana, sfoderando invece le potenti armi della teologia, i lavoratori dovrebbero fare questo... oppure i lavoratori dovrebbero fare quello.

La FIOM, e badate bene solo la FIOM, viene additata come esempio negativo della conduzione delle lotte e dello scontro, ultimo specchio rimasto intatto sul quale può riflettersi la luce opaca della difficoltà di analisi materialista dell'autore.

Affermare, come fa l'articolista, che "basta fare un giro su internet" per leggere i comunicati critici dei compagni della Rete 28 aprile sulla FIOM, rivela come egli non si accorga del fatto che i compagni della Rete 28 aprile hanno scritto quegli articoli e quei comunicati critici sulla FIOM essendoci dentro, partecipando alle lotte e sostenendo assieme a tutti i metalmeccanici della FIOM lo scontro di classe in questo paese e, se dopo le lotte del marzo-giugno scorso contro i provvedimenti del governo Monti-Fornero e del padronato non è mutato nulla, significa semplicemente che non solo la FIOM ha perso, ma l'intera classe operaia ha perso questa battaglia - e non solo in Italia - compresi i lavoratori iscritti e non iscritti al sindacato, sia di base che confederale, e se non si parte dal capire qual è la portata dell'attacco del capitale alle condizioni di vita del proletariato in questa parte del mondo ed alla trasformazione in corso, si rischia di fare della demagogia a buon mercato.

Ricordo inoltre all'articolista che è stata anche la tanto vituperata FIOM a sostenere massicciamente lo scontro, con assemblee e con tante ore di sciopero, nel tentativo di creare una rete di opposizione alle scelte del capitale; ora che questa scelta le viene fatta pagare duramente, sia dal sindacalismo colluso e complice che dal governo, che dal padronato; per questo la FIOM paga e pagherà un prezzo molto alto, per la sua coerenza di essere un sindacato, che non ci dobbiamo mai dimenticare è un sindacato e non un soggetto rivoluzionario.

Vorrei ricordare, semmai qualcuno non lo sapesse o se ne fosse dimenticato che la FIOM è esclusa dal tavolo delle trattative con Federmeccanica (perché non si è arresa al diktat di Marchionne e dei sindacati complici ed ha rifiutato di firmare contratti che escludono ogni possibilità di contrattazione e quindi di organizzazione dei lavoratori in fabbrica a meno che non siano subalterne all'azienda, mentre CISL, UIL, UGL ed in parte anche la CGIL hanno accettato di farsi rappresentare dal padrone), che la FIOM ha chiesto che le piattaforme fossero votate da tutti i lavoratori (anche per questo è stata espulsa).

Dopo la cancellazione di tutti i contratti integrativi nel gruppo FIAT, i lavoratori iscritti al sindacato FIOM si sono trovati lo stipendio decurtato in quanto la FIOM non ha firmato il contratto assieme ai sindacati complici, questo ha praticamente prodotto un travaso di iscritti ad altri sindacati di destra o alla semplice cancellazione dell'iscrizione per non perdere quote di salario operaio.

I sindacati di destra raccolgono firme con discreto successo per espellere i lavoratori FIOM ritenuti troppo "sovversivi" dall'azienda.

All'ILVA di Taranto la maggioranza dei lavoratori, iscritta a UIL, viene comandata direttamente dall'azienda, una parte degli iscritti FIOM sono passati dalla loro parte.

Queste sono solo alcune della questioni aperte e delle contraddizioni che si sviluppano intorno alle vicende sindacali; dunque, parlare di solidarietà di classe, come se questa esistesse in natura porta a non cogliere il problema e a non contribuire in alcun modo alla ricostruzione di un tessuto solidale tra i lavoratori.

L'autore dell'articolo non si rende conto di cadere nell'irreale quando giudica la richiesta della FIOM di aumenti per €100 all'anno di fronte alla perdita di salario dei lavoratori, come una richiesta troppo bassa; mentre nella realtà hanno di fatto cancellato il contratto nazionale, quello per intenderci che teneva uniti i lavoratori attraverso la condivisione degli obiettivi e delle lotte. Lo ripeto, la FIOM non sta trattando, è stata cacciata fuori dai padroni e dai sindacati complici e con essa è stata messa alla porta la possibilità dei lavoratori di organizzarsi su basi volontarie solidali e democratiche. Evidentemente l'autore dell'articolo non ha ancora capito cosa sta accadendo, tanto che tornando al pianeta FIAT ed accusando la FIOM di "camorrismo", solo perché sta difendendo i suoi iscritti da una discriminazione politica e sindacale, e non vederla per quello che è, dimostra sola la grande confusione dell'estensore, ma anche la carenza di analisi e di proposta sulla questione dell'antagonismo sociale.

Gino Caraffi
Delegato Rsu FIOM, anarchico.

Reggio Emilia, 11.11.12


Nota:

1. Antonelli T., Camorra padronale, in "Umanità Nova", n. 34 anno 92, November 2012 (http://www.umanitanova.org/n-34-anno-92/camorra-padronale).

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
¿Què està passant a Catalunya?

Front page

La sangre de Llorente, Tumaco: masacre e infamia

Triem Lluitar, El 3 D’octubre Totes I Tots A La Vaga General

¿Què està passant a Catalunya?

Loi travail 2017 : Tout le pouvoir aux patrons !

En Allemagne et ailleurs, la répression ne nous fera pas taire !

El acuerdo en preparacion entre la Union Europea y Libia es un crimen de lesa humanidad

Mourn the Dead, Fight Like Hell for the Living

SAFTU: The tragedy and (hopefully not) the farce

Anarchism, Ethics and Justice: The Michael Schmidt Case

Land, law and decades of devastating douchebaggery

Democracia direta já! Barrar as reformas nas ruas e construir o Poder Popular!

Reseña del libro de José Luis Carretero Miramar “Eduardo Barriobero: Las Luchas de un Jabalí” (Queimada Ediciones, 2017)

Análise da crise política do início da queda do governo Temer

Dès maintenant, passons de la défiance à la résistance sociale !

17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia.

Los Mártires de Chicago: historia de un crimen de clase en la tierra de la “democracia y la libertad”

Strike in Cachoeirinha

(Bielorrusia) ¡Libertad inmediata a nuestro compañero Mikola Dziadok!

DAF’ın Referandum Üzerine Birinci Bildirisi:

Cajamarca, Tolima: consulta popular y disputa por el territorio

Statement on the Schmidt Case and Proposed Commission of Inquiry

Aodhan Ó Ríordáin: Playing The Big Man in America

Nós anarquistas saudamos o 8 de março: dia internacional de luta e resistência das mulheres!

Özgürlüğümüz Mücadelemizdedir

© 2005-2017 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]