user preferences

La Rivoluzione siriana da vicino

category mashrek / arabia / irak | imperialismo / guerra | opinione / analisi author Wednesday November 07, 2012 18:23author by A Syrian comrade Report this post to the editors

Un anarchico tra jihadisti

Questa scritta vuole raccontare la mia esperienza dentro i "territori liberati" in Siria, ossia quei territori controllati dall'esercito libero, le forze armate dell'opposizione siriana. [English]

siria_jihadist.jpg


La Rivoluzione siriana da vicino

Un anarchico tra jihadisti


Questa scritta vuole raccontare la mia esperienza dentro i "territori liberati" in Siria, ossia quei territori controllati dall'esercito libero, le forze armate dell'opposizione siriana. Ma non Ŕ comunque tutta la veritÓ. E' vero che non tutti i militanti dell'esercito libero sono jihadisti devoti, anche se la maggior parte di loro pensano, o dicono, che praticano il "jihad".

La veritÓ Ŕ che c'Ŕ molta gente semplice, anche ladri, ecc., tra di loro, come in qualsiasi lotta armata. La mia prima impressione, e che mi rimane, della situazione attuale in Siria Ŕ che non c'Ŕ pi¨ una rivoluzione popolare: si tratta invece di una rivoluzione armata che potrebbe degenerare semplicemente in una guerra civile. Il popolo siriano, che nei primi mesi della rivoluzione ha dimostrato tutto il suo coraggio e la sua determinazione per sfidare il regime di Assad e tutta la sua brutalitÓ, Ŕ veramente esausto ora. Il suo spirito Ŕ indebolito da 19 lunghi mesi di feroce repressione e ultimamente di fame, di scarsitÓ di risorse di ogni genere e dal continuo bombardamento da parte dell'esercito del regime.

Il beneficiario cinico di tutto ci˛ non Ŕ stato il regime, bensý l'opposizione, specialmente gli Islamisti. Grazie ai suoi rapporti internazionali, in particolare con i governi despotici dei ricchi stati del Golfo, l'opposizione ora pu˛ fornire cibo e sostegni alla popolazione povera delle aree sotto il suo controllo. Senza tale sostegno, ci sarebbe una tragica situazione umanitaria in quella zona. Ma questo sostegno non arriva gratis, nÚ da parte degli stati del Golfo, nÚ dai capi dell'opposizione. Come qualsiasi altra forza autoritaria, chiedono la sottomissione e l'obbedienza dalle masse. Questo significa, infatti, la morte della rivoluzione siriana in quanto atto coraggioso da parte delle masse siriane. Sý, ho aiutato alcuni jihadisti a rimanere in vita e altri a tornare a combattere (1); ma la mia vera intenzione era di aiutare le masse di cui io stesso faccio parte, prima come medico e secondo come anarchico.

A dire la veritÓ, non credo che il nostro problema sia l'Islam stesso. L'Islam pu˛ essere egalitario o anche anarchico. Nella storia dell'Islam ci sono stati molti studiosi che si sono pronunciato a favore di una libera societÓ musulmana senza stato, e anche di un universo libero senza alcuna sorta di autoritÓ. Il problema Ŕ che quel che succede ora in Siria non Ŕ solamente il difficile e sanguinoso processo di eliminare una spietata dittatura: potrebbe essere peggio ancora se la dittatura viene sostituita con un'altra, ancora peggio e pi¨ sanguinosa.

All'inizio della rivoluzione, un piccolo numero di persone, principalmente Islamisti devoti, sostenevano di rappresentare le masse in rivolta e si sono autonominati i veri rivoluzionari, i veri rappresentanti della rivoluzione. Nessuno tra la maggioranza delle masse in rivolta e degli intellettuali li ha contestato. Noi [anarchici - ndt] sý abbiamo contestato tali affermazioni autoritarie e anche false, ma eravamo - e siamo tuttora - troppo pochi per fare la differenza. Questa gente sosteneva che si trattava di una guerra religiosa, non una semplice rivoluzione da parte delle masse oppresse contro il loro oppressore. Hanno spinto con molta forza l'idea che l'oppressore apparteneva ad un'altra setta dell'Islam, diversa da quella setta alla quale appartiene la maggior parte del popolo, una setta giudicata spesso dagli studiosi Sunniti di essere contro gli insegnamenti del vero Islam - cosa che Ŕ ancor peggior di essere non musulmano. Siamo rimasti sconvolti dal fatto che la maggior parte degli Alauiti - la setta dell'attuale dittatore, che sono pi¨ poveri e ancora pi¨ emarginati rispetto alla maggioranza Sunnita - sosteneva il regime; e partecipavano anche alla sua soppressione brutale delle masse in rivolta. Questo veniva considerata una "prova" della "vera guerra religiosa" che si combatteva tra Sunniti e Alauiti. Quindi questa gente poteva sostenere di essere i veri Sunniti: essendo studiosi musulmani e altamente settari, nessuno poteva contestarli. Hanno infatti costruito la loro autoritÓ spirituale e morale prima di costruire quella materiale. Il sostegno materiale Ŕ arrivato poi dai grandi del Golfo.

Ora, il potenziale per una vera lotta popolare Ŕ in rapido declino. Siria Ŕ governato ormai dalle armi: solo chi detiene le armi pu˛ decidere sul presente e sul futuro del paese. E questo Ŕ vero non solo per il regime di Assad ma anche per l'opposizione Islamica. Ovunque nel Medio Oriente le grandi speranze stanno scomparendo. In Tunisia, in Egitto e altrove. I benefici delle coraggiose lotte delle masse sembrano andare tutti agli Islamisti. E potrebbero iniziare il processo di istituire il loro governo fanatico senza forte opposizione dalle masse. Mi sento come Emma Goldman nel 1922 quando ruppe con i Bolscevichi, infine disillusa. Nessuno, infatti, in tutto il mondo arabo e musulmano assomiglia pi¨ ai Bolscevichi che gli Islamisti, neanche il pi¨ nostalgico stalinista. Per molto tempo furono repressi dal dittatore di turno, utilizzati come spauracchi sia per le masse che per l'Occidente; e proprio per questo potevano sembrare essere la parte pi¨ decisiva dell'opposizione alle dittature. Allo stesso momento, hanno la stessa efficiente macchina propagandistica dei Bolscevichi di una volta. E sono veramente autoritari e aggressivi, esattamente come i Bolscevichi nei giorni decisive della Rivoluzione dĹottobre. Quindi si capisce che i popoli arabi hanno optato per provarli, o accettare la loro ascesa al potere. E anche di sperare, come facevano i lavoratori e contadini russi una volta, che potessero davvero creare una societÓ migliore e diversa. Emma ben presto perse le sue illusioni: per le masse invece, ci volle molto pi¨ tempo. Tuttavia Emma credeva, giustamente secondo me, che le masse erano state molto coraggiose nel sollevarsi nel tentativo di cambiare la propria realtÓ di miseria; il grande "errore", se si pu˛ chiamarlo errore, lo fecero le forze autoritarie che cercarono di dirottare la rivoluzione. Noi comunque sosteniamo la rivoluzione, non i suoi falsi "capi".

Costruire l'alternativa libertaria: propaganda e organizzazione anarchica

L'altra questione che, secondo me, Ŕ importante per noi anarchici arabi e masse arabe, Ŕ come costruire l'alternativa libertaria: ossia come iniziare una efficace propaganda anarchica o libertaria e come costruire organizzazioni anarchiche. A dire la veritÓ, non ho mai provato a convincere nessuna a diventare anarchico. Ho scelto sempre il dialogo libera tra "uguali". Non ho mai sostenuto di sapere tutto o che qualsiasi anarchico o qualsiasi essere umano merita essere la "guida" o "leader" degli altri; che nessuno merita di essere un Papa, un Imam musulmano o il Segretario generale di qualche partito stalinista o leninista. Ho sempre creduto che cercare di influenzare altre persone fosse solo un altro modo di esercitare l'autoritÓ su di loro. Ma ora vedo la questione da un'altra prospettiva: si tratta di rendere "disponibile" l'anarchismo, di renderlo conosciuto a tutti coloro che vogliono combattere qualsiasi autoritÓ opprimente, che siano lavoratori, disoccupati, studenti, femministi, giovani, minoranze etniche e religiose, ecc. Si tratta di cercare di costruire un esempio o saggio della nuova vita libera nella forma di una organizzazione libertaria o libera: non solo una manifestazione vivente della sua possibilitÓ, ma anche come MEZZO di arrivare a quella societÓ. Dobbiamo rendere l'anarchismo conosciuto a tutti gli schiavi e le vittime degli attuali sistemi e autoritÓ oppressive. Una EFFICACE PROPAGANDA ANARCHICA Ŕ, secondo me, il primo obiettivo di tali organizzazioni. In una parola, siamo testimoni del fallimento delle tendenze "laici" autoritarie (tra cui i nazionalisti e pan-arabisti, gli stalinisti e altri varietÓ di leninismo) e fra non molto del fallimento delle tendenze religiose autoritarie. La futura alternativa dovrebbe essere, logicamente, libertaria. Naturalmente, l'anarchismo non pu˛ essere impiantato artificialmente: deve essere un prodotto "naturale" delle lotte locali delle masse. Ma necessiterÓ comunque cura e attenzione. E questo sarÓ il ruolo della nostra propaganda. Non ci sarÓ alcun "centro" nella nostra organizzazione, nessuna burocrazia. SarÓ tuttavia efficace quanto le organizzazioni autoritarie, se non pi¨ efficace ancora.

Il nostro Stalin o Bonaparte non Ŕ ancora salito al potere: le masse siriane hanno ancora la possibilitÓ di ottenere un risultato migliore di quello della Rivoluzione russa. E' vero che Ŕ difficile e che diventa pi¨ difficile con ogni momento che passa. Ma la rivoluzione stessa era un miracolo e in questo mondo gli oppressi possono creare miracoli ogni tanto. Questa volta noi anarchici siriani abbiamo messo tutte le nostre carte sul tavolo, insieme alle masse. Non potrebbe essere diversamente - non saremmo degni del nome di libertari.



(1) Vorrei spendere due parole su questo fatto. Non Ŕ stato facile per me stare tra jihadisti, ma curarli era diverso. Mi era chiaro sin dal momento in cui sono entrato nell'ospedale: avrei curato chiunque avesse bisogno del mio aiuto, fossero civili o combattenti di qualsiasi gruppo, religione o setta. Sono stato scrupoloso: nessuno in quell'ospedale poteva essere maltrattato, anche se fossero dell'esercito di Assad. Lo dir˛ di nuovo qui: il mio vero problema, e credo quello degli oppressi in generale, non Ŕ con dio stesso, ma con gli essere umani che agiscono come fossero dei, che sono cosý ammalati di autoritarismo che pensano e agiscono come dei, che siano dittatori laici come Assad o Imam islamisti. Dio stesso non Ŕ mai pericoloso quanto coloro che pretendono di "parlare" per lui...

Traduzione a cura di FdCA-Ufficio relazioni internazionali

This page can be viewed in
English Italiano Deutsch
Employees at the Zarfati Garage in Mishur Adumim vote to strike on July 22, 2014. (Photo courtesy of Maĺan workers union)

Front page

Inside the Zimbabwean Uprising

La experiencia de Mujeres Libres: 80 a˝os del surgimiento del feminismo anarquista organizado

Con Lucha Y Organizaciˇn Fortalecemos La Resistencia

Algunas reflexiones en torno al poder y la institucionalidad a 80 a˝os de la Revoluciˇn Espa˝ola

80 aniversari de la insurrecciˇ obrera i popular i de la revoluciˇ social

80 anni fa la rivoluzione comunista libertaria in Spagna

De los comitÚs de defensa al anßlisis de los ˇrganos de poder

The Coup in Turkey: Tyranny against tyranny does not make freedom

Greve, Piquete, Marcha e OcupašŃo! Educadores e Estudantes unidos pela EducašŃo!

Making sense of the Brexit tide of reaction and the reality of the racist vote

[Colombia] Ante el acuerdo de cese al fuego bilateral y definitivo entre el gobierno colombiano y las FARC-EP

Coyuntura PolÝtica en Venezuela: Crisis, Tendencias y el DesafÝo de la Independencia de Clase

Orlando means fightback

Palestinian workers in Israel: between scylla and charybdis

A Socialist On City Council: A Look At The Career Of Kshama Sawant

╔largir la lutte et gÚnÚraliser la grŔve pour gagner

Carta de FundašŃo OAZ

[Colombia] Documento de Formaciˇn: Anßlisis de Coyuntura 2015-2016

La NATO contro i Curdi: la Battaglia per A'zaz

Feminists in Ireland Say No To Pegida

Posiciˇ de Embat sobre el nou govern de la Generalitat i el procÚs constituent

A 120 a˝os de su natalicio: la pluma rebelde de Manuel Rojas

Anarkismo.net wishes you all a 2016 of solidarity and resistance

Migranti e profughi

Mashrek / Arabia / Irak | Imperialismo / Guerra | it

Wed 24 Aug, 20:00

browse text browse image

rojava_1.png imageComunicato internazionale socialista-libertario in solidarietÓ con la resistenza curda 14:02 Tue 21 Oct by Anarchist Organisations and Militants 0 comments

Da alcuni anni il movimento curdo sta vivendo un processo che si muove in direzione libertaria. Sebbene non si tratti di un movimento anarchico, questo processo indica che le idee anarchiche di libertÓ ed uguaglianza attraverso la solidarietÓ, attraverso la nostra idea di orizzontalitÓ e di democrazia diretta e radicale ed attraverso la nostra critica radicale contro lo Stato non solo sono forti e valide, ma sono anche necessarie per i movimenti che vogliano operare una rottura con l'ereditÓ autoritaria all'interno della sinistra. E' nostro dovere esprimere la nostra solidarietÓ con la Rojava e con il movimento curdo, poichÚ essi rappresentano una speranza in questa regione e perchÚ si ergono come oppressi in lotta contro i loro oppressori. Le lotte reali non sono mai perfette ma portano con sÚ diversi gradi di potenzialitÓ di realizzazione di una libera societÓ. Nell'esprimere la nostra solidarietÓ al movimento rivoluzionario nella Rojava ribadiamo che il nostro ruolo Ŕ quello di continuare a sviluppare i principi fondamentali delle nostre idee allo scopo di ispirare le rivoluzioni ed i/le rivoluzionar* di tutto il mondo. - Gruppo Editoriale di Anarkismo.net [English]

daf_in_koban_10.jpg imageLa rivoluzione vincerÓ a Kobanŕ! 15:58 Fri 17 Oct by Devrimci Anarşist Faaliyet - DAF 1 comments

Siamo giunti al 24░ giorno di attacchi dell'ISIS su Kobanŕ. Mentre le forze di difesa popolare in tutti i villaggi di confine fanno da scudo umano e da sentinelle per gli attacchi contro Kobanŕ, tutti ed ovunque nella regione in cui ci troviamo sono insorti per evitare la caduta di Kobanŕ. [English]

anarchist_womendafkobane.jpg image4 ottobre: Ultime da Kobane 15:26 Fri 17 Oct by Devrimci Anarşist Faaliyet - DAF 0 comments

Lo Stato turco che si sta preparando ad intervenire per evitare il pericolo ISIS Ŕ al tempo stesso infingardo verso l'offensiva portata dai sostenitori di ISIS attraverso i confini turchi, dimostrando cosý l'ipocrisia della politica di Istanbul. [English]

daf_in_kobane_3.jpg imageAnarchici turchi in Siria a sostegno del popolo curdo 15:56 Mon 13 Oct by Workers Solidarity Movement 0 comments

Anarchici di Istanbul insieme ad altri attivisti di sinistra, femministe e "gente del Gezi Park" sono riusciti ad attraversare il confine con la Siria ed a raggiungere la cittÓ di Kobani attualmente minacciata dall'ISIS. [English]

gaza.jpg imagePalestina, l'ostaggio perenne 00:06 Wed 23 Jul by Federazione dei Comunisti Anarchici 0 comments

Continua la guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas, anche se in tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Dalla scomparsa dei tre coloni da Gush Etzion, (colonia per soli ebrei sotto il controllo totale dello stato di Israele in Cisgiordania), Israele ha posto sotto assedio quattro milioni di palestinesi, bombardando ospedali, scuole, ogni sorta di obiettivi civili, distruggendo e saccheggiando case, rubando, effettuando sequestri, ferendo e uccidendo sia in modo mirato che indiscriminato al di fuori di ogni legislazione internazionale.

pal.jpg imagePalestina: nessuna giustizia, nessuna pace! 14:47 Thu 17 Jul by Alternative Libertaire 0 comments

Da molti giorni l'esercito israeliano bombarda la striscia di Gaza, in seguito al lancio di razzi sul territorio israeliano. Col pretesto di prendersela con i "terroristi", o con "quelli che rifiutano la pace", i bombardamenti colpiscono in realtÓ la popolazione civile, bambini compresi, e servono a scoraggiare con il terrore ogni volontÓ di resistenza. [Franšais]

oabubakralbaghdadi570.jpg imageSulla crisi in Iraq 16:22 Sun 29 Jun by Kurdish Anarchists Forum 0 comments

La crisi in Iraq risale al regime di Saddam Hussein ed Ŕ proseguita con "l'attuale regime democratico" dopo l'invasione del 2003. Non c'era libertÓ, nÚ giustizia sociale; nessuna uguaglianza e pochissime opportunitÓ per coloro che erano indipendenti dai partiti al potere. Oltre alle violenze ed alle discriminazioni contro le donne e la gente comune si Ŕ creata una forbice enorme tra i ricchi ed i poveri, con i ricchi sempre pi¨ ricchi ed i poveri sempre pi¨ poveri. [English]

lcc.jpg imageStati e forze reazionarie: gi¨ le mani dalla rivoluzione siriana 20:30 Wed 11 Sep by Relations Internationales de la CGA 0 comments

Documento politico della Coordination des Groupes Anarchistes (Francia) sulla situazione in Siria. [Franšais]

gaza_2.jpg imageQuanto vale ogni bomba su Gaza? 18:50 Tue 20 Nov by Segreteria Nazionale FdCA 0 comments

Lo Stato di Israele non ha mai smesso la sua strategia di controllo militare e vitale su Gaza e continua ad occupare militarmente territori, proteggendo e favorendo l'espansione delle colonie israeliane che si allargano giorno per giorno sulla terra dei palestinesi. Innalza muri che rinchiudono villaggi interi, che sradica uliveti e uccide gli animali dei pastori imponendo miseria e umiliazione...

cr160110.jpg imageGaza: noi non vogliamo dimenticare 18:11 Tue 19 Jan by Nestor 0 comments

Sabato 16 gennaio 2010, una sessantina di persone ha partecipato ad un presidio nel centro della cittÓ di Cremona per ricordare l'anniversario dell'operazione militare "Piombo Fuso" e il lento genocidio nella striscia di Gaza iniziato nel dicembre del 2008, che ha prodotto un disastro umanitario di fronte all'immobilitÓ silenziosa e complice della comunitÓ internazionale. Il presidio Ŕ stato organizzato dal Gruppo Antifascista Partigiano di Cremona, con la partecipazione della sezione cremonese della FdCA ed altre organizzazioni politiche, sociali e sindacali.

more >>

imageNella riconquista di Mosul, le YPG/J e la Guerriglia devono stare molto attente al piano segreto Aug 05 by Zaher Baher 0 comments

I piani e le cospirazioni tra Turchia, Qatar ed il Governo Regionale Curdo (KRG in Iraq) contro la Rojava non hanno mai fine. Documenti messi a disposizione da Wikileaks di recente riguardano incontri ed accordi tra questi tre soggetti ed un incontro segreto tra Abu Bakr al-Baghdadi e Barzani, il capo del KRG, caso mai ci fossero stati dei dubbi. Basta guadare i link in fondo all'articolo.

textSull'intervento di Putin in Siria Oct 11 by Mazen Kamalmaz 0 comments

Le classi dirigenti del Medio Oriente sono molto agitate in questi giorni, al pari delle loro controparti occidentali ed "internazionali", di fronte alla decisione di Putin di intervenire direttamente in Siria. Infatti, questo Ŕ il modo in cui loro "intendono" e fanno politica: combattere contro i loro contendenti regionali per conquistare l'egemonia regionale, appoggiati da schieramenti internazionali reciprocamente opposti.

textLa spada, simbolo dell'ISIS Sep 13 by Mazen Kamalmaz 0 comments

L'ISIS, insieme all'Islam politico, ha molte somiglianze col Nazismo e con lo Stalinismo. Si tratta di un movimento complesso, al tempo stesso rivoluzionario e reazionario, anticapitalista e ostile alla classe lavoratrice, antimperialista e aspirante imperialista. Al pari del fascismo occupa quello spazio dove le attuali lotte sociali e politiche si arenano, dove le vecchie classi dirigenti non possono pi¨ governare, ma anche dove i movimenti popolari di base non riescono a rovesciare il sistema.

imageKobane: seconda fase, quella della resistenza e della ricostruzione Mar 05 by KAF 1 comments

Dopo 134 giorni di fiera resistenza e di strenua difesa, le donne e gli uomini combattenti di Kobane sono riusciti finalmente a sconfiggere il feroce attacco di ISIS grazie anche al sostegno ricevuto da milioni di persone in tutto il mondo. Non Ŕ solo una sconfitta per l'ISIS e per il suo sogno di instaurare un Califfato Islamico. Ma si tratta anche della vanificazione del sogno dell'alleato dell'ISIS, il governo turco, di far risorgere l'impero ottomano.
L'attacco a Kobane Ŕ stato una guerra per procura portato dall'ISIS in nome dei regimi della regione contro il coraggio del popolo di Kobane e contro l'Autonomia Democratica. [English]

imageIl Kurdistan Ŕ la speranza del Medio Oriente e dell'Asia Centrale Dec 08 by BrunoL 0 comments

In questi tempi di barbarie messe in atto dallo Stato Islamico dell'Iraq e del Levante (ISIS), la resistenza di Kobane, terza cittÓ pi¨ importante dei curdi, che si trova al confine tra la Siria (o ci˛ che resta di essa) e la Repubblica di Turchia, rafforza la speranza di una societÓ non-settaria e democratica in Medio Oriente con influenze in Asia Centrale. [Portuguŕs]

more >>

imageComunicato internazionale socialista-libertario in solidarietÓ con la resistenza curda Oct 21 0 comments

Da alcuni anni il movimento curdo sta vivendo un processo che si muove in direzione libertaria. Sebbene non si tratti di un movimento anarchico, questo processo indica che le idee anarchiche di libertÓ ed uguaglianza attraverso la solidarietÓ, attraverso la nostra idea di orizzontalitÓ e di democrazia diretta e radicale ed attraverso la nostra critica radicale contro lo Stato non solo sono forti e valide, ma sono anche necessarie per i movimenti che vogliano operare una rottura con l'ereditÓ autoritaria all'interno della sinistra. E' nostro dovere esprimere la nostra solidarietÓ con la Rojava e con il movimento curdo, poichÚ essi rappresentano una speranza in questa regione e perchÚ si ergono come oppressi in lotta contro i loro oppressori. Le lotte reali non sono mai perfette ma portano con sÚ diversi gradi di potenzialitÓ di realizzazione di una libera societÓ. Nell'esprimere la nostra solidarietÓ al movimento rivoluzionario nella Rojava ribadiamo che il nostro ruolo Ŕ quello di continuare a sviluppare i principi fondamentali delle nostre idee allo scopo di ispirare le rivoluzioni ed i/le rivoluzionar* di tutto il mondo. - Gruppo Editoriale di Anarkismo.net [English]

imagePalestina, l'ostaggio perenne Jul 23 FdCA 0 comments

Continua la guerra nella Striscia di Gaza governata da Hamas, anche se in tutto il mondo continuano le manifestazioni contro le scelte guerrafondaie di Israele. Dalla scomparsa dei tre coloni da Gush Etzion, (colonia per soli ebrei sotto il controllo totale dello stato di Israele in Cisgiordania), Israele ha posto sotto assedio quattro milioni di palestinesi, bombardando ospedali, scuole, ogni sorta di obiettivi civili, distruggendo e saccheggiando case, rubando, effettuando sequestri, ferendo e uccidendo sia in modo mirato che indiscriminato al di fuori di ogni legislazione internazionale.

imagePalestina: nessuna giustizia, nessuna pace! Jul 17 AL 0 comments

Da molti giorni l'esercito israeliano bombarda la striscia di Gaza, in seguito al lancio di razzi sul territorio israeliano. Col pretesto di prendersela con i "terroristi", o con "quelli che rifiutano la pace", i bombardamenti colpiscono in realtÓ la popolazione civile, bambini compresi, e servono a scoraggiare con il terrore ogni volontÓ di resistenza. [Franšais]

imageSulla crisi in Iraq Jun 29 KAF 0 comments

La crisi in Iraq risale al regime di Saddam Hussein ed Ŕ proseguita con "l'attuale regime democratico" dopo l'invasione del 2003. Non c'era libertÓ, nÚ giustizia sociale; nessuna uguaglianza e pochissime opportunitÓ per coloro che erano indipendenti dai partiti al potere. Oltre alle violenze ed alle discriminazioni contro le donne e la gente comune si Ŕ creata una forbice enorme tra i ricchi ed i poveri, con i ricchi sempre pi¨ ricchi ed i poveri sempre pi¨ poveri. [English]

imageStati e forze reazionarie: gi¨ le mani dalla rivoluzione siriana Sep 11 Coordination des Groupes Anarchistes 0 comments

Documento politico della Coordination des Groupes Anarchistes (Francia) sulla situazione in Siria. [Franšais]

more >>
ę 2005-2016 Anarkismo.net. Unless otherwise stated by the author, all content is free for non-commercial reuse, reprint, and rebroadcast, on the net and elsewhere. Opinions are those of the contributors and are not necessarily endorsed by Anarkismo.net. [ Disclaimer | Privacy ]